Kenya safari e mare a Watamu, info tecniche

Ciao a tutti, quest’anno la scelta (mia e di mia moglie liliana)è stata un po’ diversa dalle altre; una vacanza mix tra natura e mare.

Come al solito cerco di fornire informazioni utili alla pianificazione del viaggio, in base a quello che abbiamo avuto modo di sperimentare.

Il nostro è stato un fai da te per quanto riguarda il volo, la scelta dei parchi da visitare e il soggiorno al mare (watamu), mentre per il safari mi sono appoggiato ad un operatore locale, che tra quelli interpellati mi ha fatto un prezzo inferiore agli altri, sempre a parità di servizio.

Il totale della vacanza è stato di 6200 euro tutto compreso (3200 safari- 1600 aerei -330 alloggio-1070 per tutto il resto)

Tour operator : leggendo nei forum ho trovato alcuni nomi di ragazzi che hanno le agenzie locali, li ho contattati e mi sono fatto fare un preventivo all-inclusive per  il Tour : partenza Nairobi – Masai Mara – Lake Nakuru – Amboseli – Tsavo West – Ngutuni-Tsavo Est  – arrivo a Watamu di 8 giorni e 7 notti (bevande escluse ai pasti nei camp).

La mia scelta è caduta su VERA AFRICA TOURS AND SAFARIS (ha tutti i regolari permessi parla e scrive in italiano) .

http://alfonsosafarikenya.blogspot.it/p/mi-presentotu-chiedimi-e-io-ti-porto.html

Il titolare Alfonso è venuto con noi da Nairobi fino ad Amboseli, poi è rientrato a Watamu e noi abbiamo proseguito con l’autista.

Sono rimasto pienamente soddisfatto di questa scelta, anche in merito al nostro autista, persona affidabile esperta e molto brava nell’individuare animali che noi non riuscivamo a vedere (parlava inglese). Tutti i driver hanno a bordo una radio ricetrasmittente che utilizzano, oltre chi in caso di bisogno, per comunicare tra loro e segnalare un avvistamento (leone, leopardo, ghepardo); dopo pochi minuti vedrete arrivare uno stormo di pulmini.

Sulla spiaggia ci sono i Beach Boys che ti vendono i pacchetti per i safari e le gite, ma loro lavorano per le agenzie locali, quindi potete anche andare direttamente nelle varie agenzie che trovate nel paese, una di queste è la nostra, che utilizza dieci beach boys sparsi sulla spiaggia del Garoda per cercare i clienti (hanno la camicia con la scritta dell’agenzia).

Alloggiamenti : avevamo una cena, una colazione e un pranzo in ogni camp (un paio di volte lo abbiamo fatto al sacco perché siamo stati fuori tutto il giorno). Tutti avevano il bagno privato con doccia e acqua calda, ovviamente spendendo di più ci sono resort ben più eleganti.

Masai Mara:  Mara Sentrim http://www.sentrim-hotels.com/maasai_mara_accommodation_sentrim.html

Tende molto belle con pavimenti in muratura, luce dalle 6 alle 10 e dalle 18 alle 23, acqua calda sempre riscaldata con pannelli solari, due bottigliette di acqua in omaggio in camera. Ottimo il buffet.

DSC_5021bis

DSC_4831bis

DSC_4919bis

DSC_4806bis

Lake Nakuru: Nakuru Lodge http://www.lakenakurulodge.com/

Bel resrort con piscina, sempre luce e acqua calda, ottimo il buffet, 2 bottigliette di acqua in omaggio in camera.

DSC_5493bis

DSC_5471bis

Amboseli: Kibo Camp  http://www.kibosafaricamp.com/

Tende spartane piccole e poco illuminate, luce dalle 5 alle 10 e dalle 18 alle 23, acqua calda sempre, buffet buono, 2 bottigliette di acqua in omaggio in camera.

DSC_5592bis

Tsavo West : Ngulia Lodge http://www.safari-hotels.com/hotels/?flag=hotels&htl=3

Luce sempre, acqua tiepida la sera e calda la mattina (forse perché quando abbiamo fatto la doccia noi la stavano facendo tutti), buffet buono, 2 bottigliette di acqua in camera in omaggio. Qui alle 18,30 appendono un pezzo di carne ad un albero e pochi secondi dopo arriva un leopardo a mangiare, bello spettacolo. Pozza d’acqua di fronte al ristorante dove si abbeverano gli elefanti.

DSC_5698bis

2013-08-07 14.51.12bis

DSC_5766bis

DSC_5866bis

Ngutuni : Ngutuni lodge http://www.rhinosafaris.net/ngutuni-safari-lodge?phpMyAdmin=06f967b15725e19ca6fb3dea97c486ea

Piccola riserva privata attaccata allo Tsavo Est, alcuni lo usavano come campo base alla sera, per poi andare allo Tsavo la mattina. Forse il più bello di quelli che ho provato, molto tranquillo e rilassante, pranzo servito al tavolo e cena a buffet buono, 2 bottigliette d’acqua in omaggio in camera. Qui non abbiamo visto molti animali, ma arrivando da parecchi giorni di safari è stato molto riposante. Sempre acqua calda e luce.

DSC_6123bis

DSC_5989bis

Tsavo Est : Ndololo (io avevo scelto il Tarhi Camp ma era esaurito), tende con pavimento in muratura, spartane ma pulite, buffet sufficiente, no bottigliette d’acqua omaggio da bere in camera. Acqua calda sempre e luce dalle 18 alle 23 e dalle 5 alle 10.

la giraffa si salva

DSC_6345bis

DSC_6351bis

DSC_6546bis

Una piccola annotazione: se vi capita di non avere altri pulmini vicino, chiedete all’autista di spegnere il motore e la radio trasmitente, ascoltate il silenzio della savana, bellissimo.

  DSC_4861bis

Clima : quando siamo andati noi dal 1 al 21 agosto la temperatura oscillava (durante il safari) tra i 12 gradi sera e mattina e i 25 durante il giorno; Masai Mara, lake Nakuru,Amboseli e gli Tsavo sono a oltre 1000 mt slm; mentre a Watamu faceva decisamente caldo durante il giorno.

Alloggio : a Watamu, sempre leggendo nei forum, ho affittato un appartamento al New Paradise

http://mvs102-019.directrouter.co.uk/~newparad/index.php?option=com_content&task=view&id=1&Itemid=2

con cucina e bagno a 30 euro al giorno (privatamente fornisco i loro estremi). Come posizione è in centro al paese attaccato al supermercato mama Lucy e  tutti i negozietti e ristorantini.

Spiagge e mare : ad agosto ci sono le alghe in spiaggia e in mare, che spariranno verso ottobre.

A Watamu ci sono tre baie, quella centrale dove c’e’ il paese e due ai lati. Guardando dall’alto, in quella di sinistra si trova la spiaggia del resort Garoda, dista 6 km da watamu e li non ci sono alghe e il mare è molto bello, noi per andare prendevamo un tuk tuk a 400 scellini a/r , ci si può anche arrivare camminando sempre dalla spiaggia.

spiaggia del Garoda

DSCN0420bis

Nella baia di destra (sempre guardando dall’alto) si trova la spiaggia del ristorante Papà remo e del resort Jacaranda  (più avanti) di fronte all’isola dell’amore e spiaggia delle tartarughe, raggiungibili dalla spiaggia camminando per 200 mt con la bassa marea anche qui non ci sono alghe e il mare è molto bello. Per raggiungere questa spiagge (papa remo) noi ci mettevamo 15 minuti a piedi dal nostro alloggio.

spiaggia papà remo e di fronte spiaggia delle tartarughe e isola dell’amore

DSCN0728bis

Quindi bisogna scegliere se si vuole essere più vicini al paese o alle spiagge senza alghe (parlo di agosto) e di conseguenza scegliere la sistemazione; ci sono dei resort molto belli che si affacciano su spiaggia nera di alghe e mare impraticabile.

baia centrale e inizio baia di destra con bassa marea

DSCN0643bis

DSCN0644bis

In ogni caso ci sono i tuk tuk, affittano bici, moto e macchine, quindi il problema si può risolvere.

Gite a Watamu: noi abbiamo fatto la gita safari blu + mida creek a 45 euro a testa tutto il giorno, bellina ma non la rifarei; qui ti portano a vedere le mangrovie e poi fai snorkel sulla barriera (vedi dei pesci ma non c’è corallo, e non si può paragonare a maldive o mar rosso); pranzo compreso a base di pesce e riso. Qui io e mia moglie abbiamo commesso l’errore (errore che non avevamo mai fatto nei nostri precedenti viaggi) di terminare il pranzo mangiando ananas e anguria già sbucciate (non vi dico cosa ci è successo la sera,notte e tutto il giorno dopo), fortuna che avevo con me i medicinali adeguati.

Siamo andati a vedere le rovine di Gede, ingresso 1000 scellini in due, non abbiamo voluto una guida su posto (basta una guida cartacea), 600 scellino tuk tuk a/r e attesa di un’ora.

Bella anche la visita al bio ken, dove ti fanno prendere in mano alcuni serpenti e camaleonti; rimane sulla strada verso la baia di destra (10 minuti a piedi da watamu).

DSCN0523bis

DSCN0471bis

DSCN0467bis

Al supermercato abbiamo comprato zucchero, farina, riso, olio e lo abbiamo portato alla scuola del paese, oltre che a 800 biro che avevo portato dall’Italia. Vicino c’è anche l’orfanatrofio di Timboni, se volete con pochi euro potete fare un bel gesto. Questo è un sito dove parla dell’orfanatrofio   http://www.ospedaleveterinario.org/?p=40

DSCN0447bis

Supermercati : a Watamu ce ne sono due. Uno è mama Lucy e l’altro rimane vicino alla polizia poco distante, ambedue accettano dollari,euro,bancomat e carte di credito oltre i 10 euro (io usavo una carta prepagata circuito master card, mai nessun problema); si può anche comprare frutta e verdura dai banchetti lungo la strada; io lavavo tutto con amuchina.

Banche e bancomat : ci sono le banche che effettuano i cambi, basta esibire il passaporto, funzionano anche i bancomat e in più nella via centrale ci sono due uffici della western union e money transfer in caso di necessità.

Cambio : il cambio peggiore ovviamente in aeroporto 1 euro 104 scellini, il migliore prelevando col bancomat 1 euro 117 scellini, anche al casinò cambiano i soldi 1 euro 114 scellini, in banca 1 euro 109 scellini.

Noleggio auto : grazie ad un buon prezzo con la Maggiore, mi è convenuto noleggiare una macchina a Torino e lasciarla a Milano Malpensa, e viceversa al ritorno, piuttosto che andare con la mia auto e lasciarla parcheggiata per tre settimane (prezzo quasi equivalente).

Compagnia aerea : quest’anno abbiamo volato con Qatar (2° volta). Sempre ottima nel servizio a bordo, e buon sito web per la prenotazione e check-in online. La cosa positiva,  e che se per una qualsiasi ragione si deve rinunciare al viaggio, la compagnia si trattiene 150 euro a biglietto, restituendo tutto il resto, anche con i biglietti in economy class. Questo mi ha convinto ad acquistarli con largo anticipo (li ho presi a febbraio) risparmiando parecchio. Costo totale in due 1500 euro.

In Kenya ho viaggiato da Mombasa a Nairobi (viaggio di ritorno) con Kenya Airwais 107 euro in due.

In questo caso ho scelto Kenya Aw perché i loro aerei erano più nuovi rispetto alle altre compagnie private,

http://www.aerotransport.org/php/go.php (nel campo ATDB inserire il nome della compagnia; si possono fare poche ricerche gratis al giorno, perché è un sito ufficiale e a pagamento, quindi si spera affidabile…….)

Assicurazione : è da qualche anno che stipuliamo l’assicurazione con viaggisicuri, ma fortunatamente non ho mai dovuto sperimentarla. Scegliamo questa perché mi sembra che sia abbastanza ben strutturata in rapporto ai servizi e al costo offerto. http://www.viaggisicuri.com

Corrente elettrica : 220/240 volt con prese di tipo G a tre poli

http://www.informazioni-turistiche.it/strumenti-viaggio/prese-e-spine-elettriche-mondiali.html

Hotel a Nairobi : abbiamo trascorso un giorno e una notte a Nairobi, all’ Oakwood hotel, nulla di speciale

http://www.oakwoodhotelnairobi.com  stanze sufficienti, non è previsto il transfert dall’aeroporto, quindi ho preso un taxi.

A pranzo a Nairobi siamo andati al famoso ristorante Carnivore, 65 euro in due, quando si è sazi basta abbassare la bandierina sul tavolo e i camerieri non passano più. Pagato con carta di credito ricaricabile, nessun problema.

http://www.tamarind.co.ke/carnivore/

Hotel a Doha : abbiamo fatto uno stop tra un volo e l’altro di 10 ore al ritorno, così abbiamo deciso di non passarle in aeroporto ma di andare in hotel  Oryx Rotana, a due minuti di strada.

http://www.rotana.com/rotanahotelandresorts/qatar/doha/oryxrotana

Ho scoperto, ovviamente dopo aver pagato 184 euro, che qatar offre gratuitamente il pernottamento per tempi di attesa superiori a 8 ore tra un volo e l’altro (non vale per gli stop over scelti dal cliente).

Per uscire dall’aeroporto bisogna pagare 20 euro a testa, con carta di credito al controllo passaporti  (attenzione che la coda da fare è diversa da chi si ferma a Doha per più tempo).

Transfert da/per aeroporto compreso nel prezzo, navetta ogni 30 minuti, al mattino inizia alle 7,00

Obiettivi per macchina foto : io ho usato un 70/200 ottimo per i primi piani e animali non troppo lontani, a volte mi sarebbe piaciuto avere un 500 o superiore.

Sito farnesina : ci siamo registrati sul sito della Farnesina dove siamo nel mondo

https://www.dovesiamonelmondo.it/?1

ci si può registrare da 30 giorni prima della partenza, terminato il viaggio si viene automaticamente cancellati dal database.

Visti pagati direttamente in aeroporto  40 euro a testa, bisogna compilare il modulo che si trova vicino al controllo, non si paga nulla in uscita.

Vaccinazioni : il servizio di vaccinazioni internazionali dell ‘asl di torino mi ha consigliato (non sono obbligatorie) una serie di vaccinazioni, noi per precauzione abbiamo solo fatto quelle per la malaria e il tifo, ma col senno di poi avremmo anche potuto evitarle.

Ci siamo portati dello spry repellente per zanzare contenente  il deet come principio attivo, mentre l’altro principio attivo l’ Icaridina a me non ha protetto molto nel passato (trovate in internet le marche in commercio), scelta azzeccata perché a Watamu abbiamo avuto parecchie zanzare specialmente di notte; al supermercato abbiamo anche comprato lo spry da usare in camera e zampironi. Il nostro letto era fornito di zanzariera, ma non è servita molto, specialmente la prima notte (poi non l’abbiamo più usata).

Lascio adesso la parola a mia moglie per alcune impressioni.

Penso che l’esperienza di un safari abbastanza lungo per potersi fare un’idea precisa di animali, colori, luoghi e natura diversi pur nella stessa area geografica, sia una cosa da fare almeno una volta nella vita prima di lasciare questo mondo. Ovviamente ciascuno di noi ha una visione e percezione personali delle proprie esperienze, ma io trovo che il safari in Kenia abbia il potere di restituire quel sano senso di interezza interiore, di bellezza e comunione con la natura allo stato puro che sia oramai abbastanza raro provare “civilizzati come siamo”. E’ stato come un tuffo alla matrice originaria e si stava così bene da comprendere che nella civilizzazione ci siamo persi il meglio di noi. D’altra parte non tornerei più nelle località di mare del Kenya per il semplice fatto che non è mai stato possibile stare da soli neanche un momento. Qualsiasi attività facessimo varcata la porta dell’appartamento affittato (spesa, passeggiata, andare in spiaggia, ecc..), siamo sempre, e dico sempre, stati circondati e stressati da almeno due o tre venditori o persone del luogo. Volevano comunque per forza venderti qualcosa: dipinti, collanine, statuette, pesce, gite, vestiti, cibo, scarpe , creme ecc… oppure semplicemente con la scusa di indicarti una strada o un luogo,portandotici, ti chiedevano soldi. Fino a qui nulla di particolare; ci è già capitato in altri paesi. Quello che però ho trovato intollerabile ,e davvero pesante, è stato il fatto che i venditori non si staccassero da noi o da altri turisti, nonostante le loro insistenze venissero respinte e ignorate. E’ stato come avere perennemente gente addosso, veramente troppo… Non siamo riusciti neanche a fare il bagno da soli perché ci inseguivano anche in acqua;un vero inferno. Siamo stati scambiati per “banche”, eppure avevamo canottiera , zaino in spalla e non eravamo in un resortAbbiamo portato viveri e penne ai bimbi dell’orfanotrofio/scuola del villaggio; dato e fatto per la gente del luogo tutto quello che potevamo. Chiaro è che ognuno di noi vive le cose a modo proprio, ma non avrei mai pensato di passare i miei tanto agognati 10 giorni di mare all’anno a difendermi da gente appiccicata addosso invece di godermi il meritato riposo… Davvero una situazione sgradevole.. Probabilmente la pressione della vita di tutti giorni è tale da desiderare almeno in vacanza di avere il giusto spazio e il giusto tempo. Questo è ciò che ho provato io; per altri sarà sicuramente diverso. Lo sconsiglio comunque alle coppie in luna di miele.

Pin It

Ci sono 8 commenti su “Kenya safari e mare a Watamu, info tecniche

  1. Bellissimo diario, completo di info e molto utili le considerazioni finali.
    Personalmente, pur non avendo ancora avuto la fortuna di provare quest’ esperienza, condivido che il safari vada fatto almeno una volta nella vita.
    Speriamo presto!

    Lola

    PS: Ma a a a a è il primo piano di un topo quello che si vede nelle foto???

  2. per non rovinarsi la vacanza, l’insistenza dei beach boys bisogna accettarla come qualcosa di inevitabile ed approfittare di parlare con loro per conoscere qualcosa della loro vita, dei loro costumi, anche loro sono curiosi di sapere cose del nostro mondo! inoltre qualcosa bisogna comprare un pò qui un pò là anche da loro, fa parte del gioco! l’importante è non farsi infinocchiare, tipo pagare prima ed acconsentire che la merce venga consegnata successivamente!
    La mia esperienza a Watamu non è stata terribile, dopo un pò di giorni, fatto il safari, acquistato un pò di gingilli, loro ti riconoscono e ti lasciano stare! insomma come dire, dopo aver pagato pegno, sei a posto. Gli unici veramente fastidiosi, sono alcuni b.b. che invece chiedono soldi per poi comprarsi la droga, loro sono anche cattivi, ma noi non ci facciamo intimidire e mostriamo il muso duro!
    Forse alloggiare in un villaggio, vi avrebbe dato maggiore protezione, infatti nella spiaggia privata, non possono entrare, almeno lì!

  3. Condivido ogni tua parola! Ma chi non ha provato questa esperienza non puo’ comprendere…non per stupidità ma perchè noi siamo veramente su un altro pianeta! Io l’ho fatto nello Tsavo Est….un’esperienza che ti riempie l’anima,che ti fa pensare a quanto siamo fortunati e a quanto, nello stesso tempo, inconsapevoli che lo spettacolo meraviglioso della natura, nella sua semplicità,possa farti vivere emozioni irriproducibili. Il cielo ….il cielo della savana io lo porto ancora sopra la testa….. http://newsfortravel.info/kenya-lodge-nello-tsavo-est/ io lo consiglio a chiunque voglia fare pace con la propria anima :-)

Lascia un commento

Commenta con Facebook