Maldive – Asdu: un angolo di paradiso

Asdu è una piccola isola di Male nord, lasciata ancora intatta, dove il tempo sembra essersi fermato. Chi ama Asdu ama la natura, ama il mare e il sole e il relax più assoluto. Chi cerca il lusso e gli agi dei moderni resort a 5* dovrà scegliere un’ altra isola poiché non troverà piscine idromassaggio, palestre e spa, animazione di nessun tipo e neanche stanze con poltroncine di raso e tv a cristalli liquidi!

I bungalows sono a gruppi di 3 e 2, solo uno è singolo, il n°111, sono molto essenziali, hanno la ventola a soffitto e sono molto arieggiati poiché la parte sotto il tetto ha una grata che fa passare l’ aria, tantè che la mattina sembra di svegliarsi all’ aperto: gli uccellini di Asdu hanno una voce da far invidia alle migliori soprano del mondo, per potenza e tonalità!

Durante il nostro soggiorno siamo stati in 2 bungalows diversi, 131 e 114, praticamente identici, differivano in una cosa sola: nel secondo c’era la scrivania nuova con cassetto con la chiave. Tutte le verande hanno due sedie con tavolino, c’è anche un utile filo con mollette per far asciugare asciugamani e costumi, e un secchio pieno d’ acqua per sciacquarsi i piedi prima di entrare in camera.
Come ormai tutti sanno ad Asdu non c’è l’ acqua calda, percui fare la doccia risulta ai più freddolosi un’ impresa non da poco, soprattutto i bambini dei bungalows accanto che sentivo piangere al momento del bagno. Da sfatare il mito che l’ acqua è riscaldata al sole e chi prima fa il bagno troverà l’ acqua più calda, cosa assolutamente falsa, l’ acqua è fredda in qualsiasi momento della giornata. O meglio: qualcuno la troverà fredda, tiepida o accettabile a seconda della propria sensibilità ( non siamo tutti uguali! )
Abbiamo avuto dei vicini di bungalows molto chiassosi, le pareti sono così sottili che si sente ogni minimo rumore, si sentivano chiaramente tutte le loro telefonate e russamenti vari la notte!
L’ isola è un vero gioiellino con palme altissime da cocco, purtroppo la spiaggia non permette di farne il giro completo, ma comunque si può passeggiare lungo la lunga lingua di sabbia bianchissima che si protende verso il mare cristallino.

I colori del mare sono una cosa indescrivibile, soprattutto quando il cielo e limpido ( come lo è stato durante il nostro soggiorno ) e il mare è liscio come l’ olio: turchese, verde, blu….a contrasto con la spiaggia di un bianco accecante! Gli aironi fanno da contorno a questo splendido paesaggio naturale, spesso immobili ad aspettare i pesciolini: una meraviglia osservarli all’ opera!

Le giornate le abbiamo trascorse nel relax più assoluto, 7 giorni proiettati in una vita completamente diversa dalla vita di tutti i giorni, lontano dai pensieri quotidiani! La nostra giornata cominciava con la sveglia alle 7 in punto, fuori c’era già il sole e gli uccellini cantavano allegramente a squarciagola; alle 7,30 eravamo già al ristorante a far colazione. La colazione ad Asdu è servita al tavolo e personalmente l’ adoravo: caffè o the, fette di pane tostato ancora caldo, burro e marmellata, un frutto tagliato a fettine ( mela, arancia, melone, ecc… ) e una brioche, sempre diversa ogni giorno, appena sfornata: squisita!
Alle 8 sceglievamo le nostre 2 ondine e il posto dove “accamparci” per tutta la giornata, sempre lungo la lingua di sabbia, il luogo più magico di tutta l’ isola ma anche il più ventilato e soleggiato, proprio per chi ama prendere il sole senza troppo caldo. Inoltre le ondine si possono anche trascinare nell’ acqua e il gioco e fatto!….cosa si vuole di più dalla vita!

Verso mezzogiorno, armati di pinne, maschera e boccaglio, non mancava la snorkellata! Ogni giorno esploravamo un punto diverso, poi ci siamo affezionati ad un punto in particolare, dove abbiamo incontrato una tartaruga, così ogni giorno andavamo alla sua ricerca.
Alle 13 pranzo al ristorante; quando l’ isola è al completo, il pranzo è a buffet, nei periodi di bassa stagione è servito al tavolo. Il riso bianco c’è sempre assieme ad un altro tipo di pasta, che ho trovato sempre al dente, le lasagne erano molto buone, poi c’è il pesce pescato la mattina cucinato in modi diversi, spesso fanno delle torte salate con le verdure, la pizza e le verdure pastellate, molto buoni gli sformatini a base di cipolla! A fine pranzo viene tagliata la frutta e a volte anche il dolce e per concludere: il caffè e il the serviti al tavolo. Meritano un elogio particolare i 2 simpaticissimi camerieri srilankesi, Vassam e Indy, sempre gentili ed educati, pronti ad accontentarci in ogni modo!
Finito il pranzo è ora della pennichella, ma non sotto le palme davanti alla reception e al ristorante come facevano la maggioranza, bensì alla nostra lingua di sabbia, a volte ci portavamo gli asciugamani proprio sulla punta, lì è sempre ventilato e si sta bene anche nelle ore di punta. A proposito di asciugamani: portateveli da casa perché non vengono forniti.
Fra un bagno e una snorkellata il tempo passa velocemente fino alle 18: il momento di aspettare il magico tramonto!: Colori mozzafiato, sfumature sempre diverse che cambiano ad ogni minuto. Il tramonto ad Asdu è un obbligo, è un rito magico che si ripete ogni sera, quando arriva si smette di far tutto, le voci calano quasi a non voler disturbare lo spettacolo naturale e si assiste quasi increduli al variare dei colori e al trasformarsi delle nuvole…

E’ il momento di un altro rito: la doccia “fredda” asduiana!!! Per meglio dire: noi eravamo nella categoria che la considerava fredda!
Comincia a far buio e si avvicina l’ ora della cena, si va prima alla reception per leggere una rivista o un libro, qualcuno sorseggia un aperitivo o gioca a carte, a dama, o a ping pong. Il negozietto è sempre chiuso a chiave, se si vuole acquistare qualcosa basta chiamare qualcuno alla reception per farlo aprire.
Poi tutti in coda al buffet, il pane è appena sfornato, il pesce appena arrostito, di sera poi non manca mai, assieme alla frutta, il dolce. Chi vuole finisce con un liquorino al bar e i bimbi con un gelato Algida. ( liquori, tipo rum 3$ e Magnum 3$ ).
Finita la cena noi avevamo già un sonno incredibile!: è quella malattia che alle Maldive chiamano “l’ abbiocco” causato dalle numerose ore trascorse sulla spiaggia al sole! Unica cura: un bel letto su cui sdraiarsi e in pochi minuti si è già profondamente addormentati!

ESCURSIONI
Per fare un’ escursione bisogna rivolgersi alla reception; se è un’ escursione che necessita di un numero minimo di partecipanti viene esposto un foglietto in una bacheca al ristorante, così chi vuole può segnarsi per il giorno successivo. Noi abbiamo fatto solo l’ isola dei pescatori ( 15$ ), Diffushi, si vede accanto a Meeru, non è molto lontana da Asdu, mezz’ora di barca più o meno, a seconda delle condizioni del mare. Quel giorno il mare era tranquillo, siamo partiti alle 14.30, una giornata molto calda, lungo il tragitto non potevano mancare i delfini! Rispetto all’ isola dei pescatori che avevamo visitato durante il nostro soggiorno a Bandos, questa non aveva molti negozi di souvenirs: 3 in tutto! E’ risaputo che quest’escursione la si fa esclusivamente per acquistare i souvenirs poiché costano molto meno che nei negozietti dei resort. Li abbiamo visitati tutti e 3, solo uno aveva intenzione di contrattare sui prezzi, quello più grandino, dove si trovano parei, magliette, asciugamani, oggetti di legno, collanine, quadretti e tanti altri oggetti caratteristici.
Asdu propone anche un’ escursione particolare chiamata Sand bank ( 20$ ): mezza giornata in un minuscolo banco di sabbia bianchissima tra Asdu e Meeru. Proposte anche: la pesca alla traina e al bolentino. Se si desidera andare in una qualsiasi isola delle Maldive, alla reception vi organizzano l’ uscita, vi portano a Male poi prenotano un barca-taxi o un air-taxi che sia, a seconda delle distanze, e il gioco è fatto!

TELEFONATE
Abbiamo comprato all’ aereoporto una sim maldiviana, costa 8 $ e contiene 50 rufie, sia gli sms che le telefonate costano davvero pochissimo! Abbiamo comprato anche un paio di ricariche da 4$, in modo da poterlo ricaricare anche dall’ Italia ( lo si può fare da qualche mese ) in vista dei prossimi viaggi alle Maldive.
Le ricariche si possono anche comprare al Maldivian-taxi. Ad Asdu non si trovano. Alla reception hanno prestato una sim per tutta la settimana alla coppia di nostri amici di Ravenna.

COME PRENOTARE “FAI DA TE”
Prenotare e risparmiare un bel po’ di soldini col fai da te, non è così difficile come si può pensare! Abbiamo prenotato un volo Eurofly direttamente dal sito ufficiale, costo in offerta 499 euro + spese: totale 630 euro compresa assicurazione. Da qualche mese i voli partono anche da Bologna, poi si fermano durante la bassa stagione che inizia a maggio, per via del cambio del monsone. Abbiamo spedito una email al resort chiedendo se era disponibile un bungalow per la settimana che ci interessava, dopo poche ore è giunta una email con il preventivo, sono seguite un paio di email di conferma. Tutto ciò che chiedono pochi giorni prima dell’ arrivo, sono i dettagli del volo, in modo da sapere con esattezza gli orari di arrivo. Non richiedono nessun anticipo, si paga alla fine del soggiorno in dollari o con carta di credito, se si paga in contanti non viene applicata la tassa del 5%. Il trasferimento costa 130 $.

Non vi resta che prenotare e raggiungere questo piccolo pezzo di paradiso!

Pin It
Tags:

Ci sono 8 commenti su “Maldive – Asdu: un angolo di paradiso

  1. Grazie a te Trappolina che mi hai fatto conoscere e innamorare di questo angolo di paradiso!:) I tuoi filmati mi hanno convinto che Asdu era l’ isola fatta apposta per me! ( chi non li ha visti..corra a guardarli! )

  2. :D:D:D:D
    Grazie mille!
    Non sapevo di Asdu, e soprattutto della facilità nel raggiungerla!
    …facendo due conti si risparmia veramente tanto (soprattutto ora con il $ cosi debole)… e per chi non è mai andato alle Maldive come me causa prezzi… è fantastico!

    Conoscete altri resort che si possono prenotare fai da te?

    Grazie!

  3. @Papo78
    Ce ne sono tantissime di isole che si possono prenotare col fai da te!…c’è una sezione del forum dove troverai molte informazioni a riguardo:)

    @Odyssea
    Grazie per i complimenti!
    Sì, c’è un solo villaggio ad Asdu…

    … e un abbraccio a tutti i giramondini che amano Asdu come me!:bacio:

  4. Per un attimo mi hai riportato ad Asdu, di fronte ai tramonti indescrivibili, fatti di colori che cambiano tanto rapidamente che si stenta a coglierne l’attimo….. Noi li chiamavamo “l’happy hour”; è vero, tutti lasciano tutto per portarsi sulla lingua di sabbia, chi da solo chi in piccoli gruppi, per godere di quei brevi momenti che dureranno tutta una vita………………………………………

Lascia un commento

Commenta con Facebook