Formentera mare e relax

Viaggiatori: Tano e Caterina

Meta: Isola di Formentera dal 4 Luglio al 14 Luglio 2007

Prima di partire: ricerche su internet, diari di viaggio di vari viaggiatori
Prenotazioni effettuate: volo A/R Palermo- Milano Malpensa; A/R Milano Malpensa – Ibiza con la Vueling; l’albergo Hotel Cala Saona prenotato da internet

Arrivati ad Ibiza abbiamo preso il traghetto per l’isola di Formentera. Questa meta meta ci ha permesso di passare dieci giorni in completo relax. Essendo le distanze a misura d’uomo abbiamo ritenuto superfluo affittare una macchina preferendola ad uno scooter 125.
L’albergo prenotato si trova alle spalle di cala Saona ed ha una vista panoramica davvero eccezionale (conviene prenotarlo almeno due mesi prima per garantirsi le stanze vista mare) ad un prezzo ragionevole (70,00 € a notte la stanza). Si potevano trovare alberghi più economici ma senza aria condizionata (risultata a fine gita poco utile).
Le spiagge si girano facilmente e vanno scelte in funzione delle condizioni climatiche giornaliere. Particolarmente belle sono: Cala Saona, la spiaggia di Illetas, l’isola di Espalmador, e alcune zone della lunga spiaggia di Mitjorn (blanco, giallo, ecc.).
Per raggiungere la selvaggia e solitaria isola Espalmador vi sono due possibili alternative o arrivando alla punta estrema della spiaggia di Illetas nuotando sino a raggiungere l’isolotto oppure prendendo comodamente dal porticciolo la barchetta Bahia. Noi le abbiamo provate entrambe. Caratteristica di quest’isoletta, oltre ad avere in certi tratti la sabbia rosa è quella di avere all’interno, in mezzo alla vegetazione, un punto dove vi sono delle pozze di fango termale.
La giornata comincia solitamente alle 9:00 con la colazione e la consueta scelta del posto dove andare. Dopo aver raggiunto il posto giusto con lo scooter e piazzato l’ombrellone ci siamo sempre dedicati a lunghe passeggiate. La sera andavamo alla ricerca di locali carini dei quali mi sento di consigliare:
• El Mirador per lo splendido tramonto nella salita che porta al Pilar della Mola
• El caminito ristorante argentino con piscina nella strada di collegamento tra Es Pujols e la spiaggia di Illetas

• El moli de sal vicino la spiaggia di Illetas
• Fondapepe ristorante degli hippies a San Ferran
Il maggiore centro dell’isola, Sant Francesc, animato di giorno da un simpatico mercatino, di sera è letteralmente deserto, per cui dopo cena l’unica alternativa al letto è andare al piccolo centro di Es Pujols dove vi sentirete in Italia (sarete circondati da italiani). Ad Es Pujols ci sono vari localini per il dopo cena è carino passeggiare nei vicoli tra i vari locali e sul lungomare.
Non dovete perdere i due fari dell’isola e “le vecchie saline” che nel periodo estivo offrono ai turisti la visione del processo di cristallizzazione del sale. In particolare nella zona del Pilar della Mola non è raro vedere la caratteristica Lucertola simbolo di Formentera.
N.B.:La temperatura serale è più fresca rispetto a quella siciliana per cui consiglio di portare delle giacche a vento e delle felpe.
Tano & Caterina

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook