Il paradiso alle Maldive… Bolifushi Island Resort…

Andare a 20 anni alle Maldive è un sogno che per me si è realizzato, sono riuscita a mettere i piedi in quell’acqua che tanto avevo sognato guardando i cataloghi.
Non sono stata a scegliere l’isola, non c’ho messo tanto, anche perchè non potevo scegliere… La nostra avventura inizia a fine luglio, quando sul sito http://www.caesartour.com compare un’offertona per il Giravaru Island Resort a 457€ a testa più spese, per un totale di 1094€ a coppia. Sapevamo che era un resort datato, ma volevamo andare alle Maldive, e il mare delle Maldive si trovava anche in quest’isola, del resto non ci importava. Il destino vuole che il 4 settembre tale Resort chiuda per ristrutturazione, portando quindi tutta la clientela prima a Thulaghiri, poi, nella nostra settimana, a Bolifushi.

Bolifushi è stata venduta per un piccolo periodo di tempo da Veratour a Maxi Traveland (che la terrà fino a dicembre 2007) nel giugno 2007 fino a settembre 2007, lasso di tempo in cui c’è stata una parziale ristrutturazione del Bolifushi Island Resort. Con ciò intendiamo che: non è nuovo, le camere standard al piano terra devono ancora esser sistemate, ed hanno semplicemente riverniciato e ritoccato le pareti dei locali e delle stanze, esterne ed interne.
Bolifushi riapriva il 10/09/07, giorno del mio arrivo, dopo 3 mesi circa di messa a nuovo, ed il primo giorno eravamo solo 4 ospiti.

VIAGGIO AEREO:
partiamo con un piccolo ritardo di mezz’ora da Milano Malpensa con un volo diretto Eurofly per Male.
I posti a sedere sono estremamente scomodi, ma gli lcd personali fanno passare un po’ il tempo; vengono fornite coperte con cuscini, ma il volo è massacrante.
All’andata la cena era a scelta tra lasagne o gemelli ricotta e spinaci e per colazione plum-cake e biscotti secchi alla fragola. Al ritorno penne all’arrabbiata o fusilli al pomodoro (avevano lo stesso gusto!!!) e per merenda panino congelato al formaggio e snack al cioccolato e cereali.

Inutile dire che lo spettacolo delle Maldive dall’alto ripaga di tutto lo stess di 10 ore d’aereo chiusi come sardine.

Arriviamo a Male e una barca veloce ci porta in poco più di mezz’ora nella nostra isola, la quale si presenta subito piccola (400 m il suo perimetro totale!!!) e piena di vegetazione!

CAMERE:
A bolifushi ci sono 3 tipi di camere:
1_Boli Rooms (standard), poste sulla spiaggia più bella dell’isola, e sono su palazzine a due piani. Come scritto prima, noi siamo stati subito messi in una standard al piano terra, ancora non ritoccata. Abbiamo subito riscontrato vari problemi, tra cui: acqua dalla doccia mista a sabbia (dovuta al fatto che il resort ha chiuso per mesi, e nei tubi c’era sabbia) e locale umidissimo (maglia bagnata in 3 ore!!!). Le stanze al piano superiore sono state tutte sistemate, tutte hanno una vista sulla laguna, e non sono umide come le prime. Cassetta di sicurezza a pagamento e mancanza di tv. Era presente solo il condizionatore.

2_Beach villa: camere perfette, nuove, bagno enorme con due entrate: una sul patio in legno con due sdraio in legno e una come l’entrata principale. Sono rialzate e fatte in cemento, non in legno. Posizione non favorevole: vicino al generatore (ma a parer nostro cosa insignificante) e su una spiaggia con sabbia grossa e con barriera vicina. Non c’erano i colori della laguna che si possono magari trovare davanti alle standard. Era presente solo il condizionatore.

3_ Over Water: dopo aver fatto segnalazione dei nostri problemi in camera, ci hanno spostati proprio sulla mitica casetta sull’acqua (abbiamo pagato 1000€ a coppia in tutto ed in più ci mettono in una camera che costa 250USD a testa a notte…!!!!!!). La nostra era la 303 (come al Columbus Club Sharm!), vista tramonto, completamente in legno, letto, salottino, bagno identico alle beach villa, con doccia enorme e piccolo “giardino” con piante all’interno del vano doccia. Tutto in marmo. Estremamente belli. Poi c’era un patio in legno, con due sdraio, vista sull’Oceano, e poi le scalette che portano in acqua. Ci sono 3 accessi: due dal patio in legno che entrano uno in camera e l’altro in bagno, e poi l’entrata principale.
Cassetta di sicurezza gratuita e tv a schermo piatto Philips. Era presente il condizionatore e il ventilatore a pale.

PULIZIA:
ottima ovunque. Sul cibo non abbiamo mai visto una mosca, la sabbia veniva pulita dalle voglie da dei ragazzi dalle 5 della mattina alle 9, e tutti i locali comuni erano lindi.
Camera rifatta due volte al giorno, la sera con compoizioni floreali sui letti.

CIBO:
non abbiamo mai, mai, mai mangiato così bene in un resort internazionale. Nel 2007 cuoco italiano a Sharm, si sopravviveva, quest’anno cuoco indiano alle Maldive: si veniva trattati da re. Vellutate di pollo, pomodoro, spinaci, asparagi, verdure, funghi… buonissime, mai mangiate così buone, e sempre presenti. Pizza al taglio ottima, come anche la focaccia: non lasciava una, e dico una traccia d’unto; anche queste sempre presenti. Come primi piatti riso, pasta saltata al momento, pasta di soia con verdure, lasagne al forso, crepes con spinaci e bescamella, melanzane alla parmigiana (mamma che buone!), pasta pasticciata, risotti… come secondi sempre carne o pesce tagliati al momento, in modo che si possa scegliere la parte desiderata. Il tutto in aggiunta a salse, salsine e creme di ogni genere. Come frutta sempre presenti cocco, mango, papaya, babanine, frutto della passione, ed i dolci erano leggerissimi e spettacolari. I piatti erano talmente belli che avrò una decina di foto solo del cibo.
La bottiglia d’acqua costa 3$+10%, le bibite 2$+10%. Nel Coffee Bar si possono bere cocktail la sera con prezzi modici, come in Italia, dai 2$ un succo di frutta, ai 6$ un cocktail alcolico completo. Al tutto bisogna sempre aggiungere quel 10%.
Ristorante piccolo, pavimento in sabbia, e tavoli singoli, non ti raggruppavano con altre persone. Personale gentilissimo.

REEF:
il reef è bello, in più punti dell’isola è presente una gran barriera, con pescioni enormi, anche in 2-3m d’acqua. Un anemone fuxia conteneva una 30ina di Nemi, ed era in nemmeno 1m d’acqua. Inoltre c’è stato l’avvistamento di una tartaruga (vergognosa e sempre nascosta!), dei pesci leone sotto il pontile, e di una murena maculata a dir poco gigante. Questo oltre a tutti i classici pesci di barriera.

ANIMAZIONE:
totalmente assente. C’è l’assistente MaxiTraveland in loco, e c’è un po’ di piano bar la sera, con proiezione del video del diving una volta a settimana.

ESCURSIONI:
ce ne sono molte, anche se troppo costose:
1_snorkelling alla lingua di sabbia____10$
2_Laguna Resort____25$
3_Vadoo Resort____30$
4_Male con guida____50$
5_Lingua di sabbia e Maafushi (isola pescatori)____50$
6_Laguna Resort e Maafushi (isola pescatori)____35$
7_Pesca al tramonto____15$
8_Pesca di notte_____20$
9_Pesca alla traina_____250$
Noi abbiamo fatto la lingua di sabbia con Maafushi (n°5), la pesca al tramonto (n°7) e quella di notte (n°8). Belle entrambe, e per mangiare il pesce pescato sulla spiaggia bisogna aggiungere 5$.
A tutte le escursioni bisogna aggiungere il 10% del costo per i servizi (???).

CENTRO MASSAGGI:
vicino al ristorante è presente la Cantara Spa, nella quale ci sono due bellissime ragazze thailandesi che fanno i massaggi. Non abbiamo provato, e non conosciamo i prezzi.

BOLI SHOP:
è presente un negozietto molto carino e be fornito. I prezzi sono trattabili solo quando si comprano tante cose. I prezzi sono un po’ più alti rispetto all’isola dei pescatori, ma non di molto!

CLIMA:
settembre non è un bel mese per le Maldive, ma nella nostra settimana ha piovuto solo qualche volta la sera, o 10 minuti mentre eravamo a cena… non ha mai rovinato le giornate!

QUESTIONE MALE:
la città di Male si vede, l’inceneritore si vede, ma sono lontani, non recano disturbo nè alla vista, nè all’olfatto e non inquinano nemmeno la purezza e limpidezza dell’acqua della laguna. Le luci di Male si vedono la sera, ma non rovinano assolutamente l’atmosfera. Non rinuncieremmo mai alla nostra vacanza alle Maldive per un fatto simile.

In tutta l’isola sono presenti svariati animali: granchi a non finire, grossissimi, e la sera sulla sabbia camminano quelli piccolini e bianchi. Paguri in quantità e dimensioni enormi, iguane dai colori caldi, gallinelle d’acqua, gabbiani, e 4-5 aironi, sempre stabili sulla spiaggia ad attendere qualche pescetto.

Ultima cosa: dimenticatevi le scarpe o le ciabatte. In ogni parte dell’isola è presente sabbia fine come borotalco, ristorante compreso.
E’ un’isola molto semplice, le Maldive a parer nostro vanno vissute così, nella loro natura e con semplicità… nessun lusso da 5* superior quindi. Ci torneremmo anche domani, perchè è un’isola piccola, eravamo 50 in tutto staff e cuochi compresi, per cui… l’ambiente che si è creato è veramente familiare!

Pin It
Tags:

Ci sono 10 commenti su “Il paradiso alle Maldive… Bolifushi Island Resort…

  1. Complimenti per il diario e per le foto ed anche per la fortuna di aver avuto,a quel prezzo,anche l’overwater.
    Mi auguro di seguire il vostro percorso percè stò aspettando anche io una offerta vantaggiosa,difficilmente potrò trovatla come la vostra,per poter andare in questo paradiso.
    Saluti
    Flavio

  2. Grazie per tutti i commenti che leggo solo ora :rose:…

    Auguro a tutti di poter vivere le Maldive almeno una volta nella vita, ricordando che per stare bene in queste isole non serve un resort super lusso, perchè il bello di questo posto sono proprio la natura e tutte quelle piccole cose che ti regala: colori, profumi, il contatto con la sabbia che ti coccola i piedi… mmm… bellissimo!

  3. Le foto dell’isole che hai fatto mi hanno riportato indietro…è rimasta uguale, anche le strutture, i vari tipi di camere
    Nel 2000 invece c’era una animazione costante, ma discreta (veratour) e con alcuni ragazzi siamo rimasti ancora in contatto, esempio il cuoco, un ragazzo siciliano che abbiamo ritrovato l’anno dopo in messico insieme al direttore del complesso…
    Un bel diario complimenti, vero nel bene e nel male…
    e quante belle foto….
    grazie:rose:

  4. ehi!!
    Lo sai in quel resort ho fatto il mio viaggio di nozze 22 anni fa???
    dalle foto ho visto che è leggermente un po cambiato ma soprattutto è cambiato il cuoco visto che quando sono andata io era veramente una cosa pietosa la cucina pensa che all’aeroporto la grandi Viaggi titolare del complesso alberghiero, ci aveva rifornito di uan scatolone di pasta !!!
    Comunque complimenti!!

Lascia un commento

Commenta con Facebook