Maldive 1190 isole coralline… Bathala un puntino nell’oceano indiano

Fare e disfare
Bagaglio ridotto ai minimi termini: se non fosse per le pinne maschere boccagli , le gia’ citate (nello scorso diario) creme per il sole, dopo sole, per le labbra, olio per i capelli, shampoo balsamo e bagnoschiuma+spazzolino e dentifricio… saremmo potuti partire con due trolley…e comunque abbiamo 21 kg di bagaglio in due…contro i 20 kg permessi a persona…. Mica male… non porto mai molto ma questa volta penso di avere proprio pochissimo… 2 camicie che mi fanno da mini-abito… 30cm di gonna jeans…3 parei, 4 costumi un caftano…2 canotte e le uniche infradito che porto ai piedi alla mia partenza! Meno di così!!!! E brava la Dani…questa volta disferai il bagaglio in men che non si dica… e meglio per mio marito che ci mettera’ poco a fare la valigia (eh si… e’ lui l’esperto in ottimizzazione degli spazi!) :-P

La barca veloce
…la tanto temuta traversata con la barca veloce… non e’ stata poi così tremenda… per nostra fortuna il motoscafo era grande , meno male!Facciamo un passo indietro…l’aereo prima di toccare terra ci regala la vista di queste meravigliose isole incastonate nell’oceano: verdi, rigogliose e contornate da chiare lagune!

Ma allora non esistono solo sullo screen saver del mio PC… esistono veramente! :yeah:

15×2=30
…non vedo l’ora di scendere dall’aereo, ho i piedi gelati e poi voglio sfuggire ad un signore che nell’ultima mezz’ora di volo ha deciso che mi deve raccontare tutto quello che ha visto & fatto in ogni suo viaggio alle Maldive: praticamente 2 volte all’anno negli ultimi 15. Rapido calcolo 15×2=30… siamo solo al secondo e io non lo sopporto piuuuu!!! :shock: Ben presto capisco che questa e’ una malattia diffusa… appena qualcuno ti chiede:” E’ gia’ stata alle Maldive?” Devi essere scaltra e dire… no … no… salutare

ed andartene… altrimenti tutti si sentono nel diritto/dovere di spiegarti per filo e per segno ogni resort… con novizia di particolari… e subito parlano di stanze, vasche jacuzzi, cibo, animazione! Stoppppppp :x A me non importa un fico secco!!! Le mie priorita’ non sono queste, io voglio un reef facilmente raggiungibile & una bella laguna…punto!… Ed in effetti e’ così che ho iniziato la mia ricerca per questa vacanzina decisa all’ultimo momento

Due maldiviani doc!
Vabbe’ torniamo allo sbarco… scendo dall’aereo in un giornata settembrina piena di sole e con 30 gradi… i due blocchi di ghiaccio che sono ormai i miei piedi iniziano il disgelo… rapido il ritiro del bagaglio e cortese il personale della dogana, … usciamo ed un caldo leggermente umido ci assale… ecco un tipo col cartello Azemar, che ci manda al box dove i ragazzi del villaggio ci accolgono:
Robert e’ il tipico “maldiviano” alto tra l’1.85 e 1.90, biondo occhi azzurri una stazza molto vicina , anzi oltre ai 90 kg, ed uno strano accento… appunto e’ Sloveno:o
Rossella anche lei con tratti somatici molto teutonici, se non fosse per l’inflessione pugliese…. Ahahahahha :yeah: insomma due maldiviani doc

Dighiri o Wataniya?…questo e’ il dilemma
Decido di acquistare subito la famosa sim maldiviana per poter telefonare al ns cucciolo che per la prima volta abbiamo “mollato” dai nonni:

. Seguo tutte le istruzioni copiate e stampate su un foglio, regalo di una giramondina, con nome della sim costo della ricarica, e costo al minuto per le chiamate… ma al negozio dell’operatore Dighiri hanno finito le sim… e hanno solo le ricariche… :o cominciamo bene! Io e la commessa ci spieghiamo con un bellissimo inglese molto poco British… e mi dirotta alla posta dove vendono le sim di un altro operatore Wataniya … mi informo se le tariffe sono uguali a quelle della concorrente Dighiri e sempre col nostro splendido inglese ci scambiamo informazioni…si si 11 rufie al minuto per chiamare l’italia, circa 0.70euro senza scatto alla risposta … beh allora vada per la sim e due ricariche da 8 dollari cadauna … che per finirle abbiamo stressato: primo nostro figlio piu’ volte al giorno… secondo ripetutamente chiamato i suoceri… terzo amici a random…chi tocca tocca!
Si inserisce nello scambio di informazioni tra me e la sig.na maldiviana un very very English man che vuole anche lui una sim+ricarica… e’ chiaro che ora che ho rispolverato il mio English scambio anche due parole
col tipo…perche’ no! See you later… bye bye…

Il puntino nell’oceano indiano
L’aeroporto e’ praticamente sul mare …anzi la pista d’atterraggio finisce nel mare…e con poche centinaia di passi raggiungiamo il porto “cavolo che colori” e di solito il porto e’ la parte piu’ schifosa!!! Raggiungiamo la nostra barca e come da istruzioni dei giramondini prendo gli ultimi posti alla fine del natante…dicono che così si viaggi meglio e non si senta il mare… si in compenso ti lavi:x
Tutti a bordooooooo…:shock: mollare le cime, ingranare la prima… viaaaa si parteeeeeeeee. Noto subito la contrapposizione tra un mare turchese ed i palazzi moderni che s’affacciano nella baia di Male, costruzioni cubiche di un blu elettrico, un specie di vela che imita il piu’ noto teatro di Sidney… e subito dopo l’oro luccicante che ricopre la cupola della moschea…praticamente e’ come un faro abbagliante… la barca fila veloce e ci perdiamo nel blu, quando mi guardo attorno solo mare!13.30 al grido di “Bathala” :shock:mi alzo e davanti a me…appare cio’ che gia’ io avevo denominato “il puntino nell’oceano indiano”! Piu’ ci avviciniamo e piu’ i contorni diventano nitidi: palme, mangrovie, sabbia bianca, un anello di laguna, reef… e il blu profondo! …non vedo costruzioni… ma noi dove dormiamo!?! :(
Bellissimo sembra l’isola che non c’e’

I piedi nel borotalco

Sbarchiamo ed attraversiamo il pontile…tolgo subito le infradito e poggio i piedi scalzi sulla sabbia bianca con la consistenza finissima del borotalco…
ecco questa e’ una delle sensazioni che non dimentichero’ e soprattutto mi dimentichero’ di rimettermi per 8 giorni le uniche infradito che avevo portato… che paradiso!… anche il mio fidato orologio da polso sembra volermi dire… qui solo relax e niente orari: si e’ fermato

Pappa
Subito al ristorante e’ l’ora della pappa… ci assegnano un tavolo che sara’ il ns per tutta la vacanza …bene bene…niente corse per accaparrarsi il posto migliore… lui e’ qui e ci aspetta ad ogni pasto principale del giorno… eccheccavoli servono certezze nella vita! :-x
Ci troviamo in una struttura circolare collegata ad un’altra gemella dove c’e’ il buffet,

le finestre sono grossi oblo’ che hanno vista sul mare, mangio e sento la brezza e il rumore delle onde… che fi ga ta!!!! ( opps…si puo’ dire?)

Compiliamo l’ennesimo modulo e ci assegnano la ns camera… ecco appunto … praticamente le stanze sono dei bungalow in muratura con tetto di paglia immerse nella vegetazione(ecco perche’ all’arrivo non si vedevano): 5 passi e sei sulla spiaggia…5 passi e ti immergi in questo splendido mare…
Riepiloghiamo: esco sotto il portico faccio dieci passi e mi tuffo: MITICO!!!!!

Snork
Lo snork qui e’ un’orgia di colori e pesci… le ns uscite sono comandate dalle correnti… se tira a destra si va a sinistra e ci si fa riportare dalla corrente per il ritorno… e viceversa… a meno che non si decida di fare il giro dell’isola… a quel punto si entra e ci si fa trasportare direttamente dalla corrente…praticamente un tapis-rouland naturale… certo che qui sotto c’e’ veramente di tutto!


Per la prima volta vedo un pesce palla giallo limone, i temuti squaletti pinna nera o pinna bianca passano e non s’interessano a noi che li ammiriamo…e poi adoro guardare gli anemoni fluttuare come se danzassero! Impressionanti i trigoni neri …enormi…e dopo averli visti addentare un pesce… ho anche un po’ di paura… con sta bocca enorme… aiutoooo!!!! E come se sentissero i miei pensieri e le mie paure ecco che ne arrivano altri tre! Ma come, allora avete deciso di terrorizzarmi…. Ed infatti, mentre dentro di me mi beo perche’ sto facendo delle magnifiche riprese sub… il trigone mi punta e come ”una prima donna” mi regala un bellissimo primo piano… ma piu’ si avvicina piu’ mi sale la tensione, che si tramuta in paura che si trasforma in terrore… e’ a quel punto che mollo la digitale e il video prosegue con vista delle mie ginocchia…poi pinne e di tutto quel che c’e’ intorno… ahhh allora non e’ vero che nulla mi tocca! :???:

Perche’ venire o non venire a Bathala (Giochino)
Se non potete stare senza tv e pc: non venite a Bathala
Se volete sfoggiare gli ultimi sandali di J.Choo tacco 12: non venite a Bathala
Se amate le giornate scandite dai giochi e dall’animazione: non venite a Bathala


Se invece amate il contatto con la natura, vivere scalzi, avere le giornate scandite con le uniche regole che sono quelle dettate dall’alternarsi delle ore di luce e quelle di buio…siete nel posto giusto: venite a Bathala!!!!!!!

Il lusso
Qui il lusso e’ una parola grossa: gli unici in realta’ che ci vengono concessi sono l’acqua calda e l’aria condizionata nei ns bungalow… pero’…mica poco

14 Settembre
14 settembre ultimo giorno a Bathala…sembra che l’isola ci voglia fare un regalo prima di partire: il mare e’ una tavola liscia liscia, a riva ci sono molti squaletti pinna nera che sguazzano

alternandosi con piccoli trigoni… una meraviglia! Il cielo e’ completamente terso…e “last but not least”… c’e’ che siamo veramente in pochi…questa mattina ci sono state le partenze …e per gli arrivi dovremmo aspettare il pomeriggio…300mx70m di isola in mano a poco piu’ di 60 persone… non ci sono parole…
Mi godo ogni singolo minuto di questo ultimo giorno e ripenso ai momenti trascorsi… al dolce far niente… alle nuotate… alle passeggiate per ammirare tramonti e soprattutto albe con colori mai visti in nessun altro angolo del pianeta,
alla cena in spiaggia con la luna piena che illuminava la sabbia bianca e noi… ripenso alla giornata nell’isola deserta e di quanto mi abbia affascinato l’arrivo su questo lembo di sabbia emersa in mezzo al mare con sole 3 palme ed un piccolo riparo dove abbiamo consumato il ns pranzo… ed alla vela che sembrava essere stata portata alla riva per essere fotografata… che dire la mia prima volta alle Maldive la ricordero’… soprattutto perche’ era come la volevo io… un po’ selvaggia!

Pin It
Tags:

Ci sono 53 commenti su “Maldive 1190 isole coralline… Bathala un puntino nell’oceano indiano

  1. come lettura di prima mattina..uggiosa..e’ stato stupendo..:D
    con la voglia di partireeeeeeeeeeeeeeeeeeeee:D
    complimenti sei proprio brava a d illustrare i tuoi viaggi…che un pochino diventano anche nostri:flirt:
    ciao

  2. Dani, sono senza parole:???:…ho letto il tuo diario tutto d’un fiato, incantandomi davanti alle stupende foto e sognando tutto ciò che hai magistralmente (e simpaticamente:wink:) descritto.
    Dirti bravissima è dirti poco:ok:!!!!

  3. Grazie a tutti…non mi ero accorta che era stato pubblicato se non avessi letto un post di complimenti nel topic delle maldive… mi fa piacere che leggendo possiate percepire quello che io ho vissuto e sentito! Vivere Bathala e’ tutt’altro che vivere le Maldive dei Vip… anzi… e’ viverle appieno e basta…che e’ questo quello che volevo!:bacio:

  4. aiuto!!! è tornata e con il suo racconto mi si sono scombinate le idee per l’ennesima volta… perchè mi stavo quasi decidendo per un’altra isola!!
    :rose: (fossero questi i problemi della vita…he he ..quale isola delle maldive??) :)

  5. Daniela…
    Bellissimo diario e foto stupende.
    Non sono mai stata alle Maldive, ma Bathala sembra essere quello che dovrebbe essere ‘il viaggio per eccellenza’: sole, mare, sabbia, snork e… nient’altro!
    Complimenti!
    Ciao,
    Nadia

  6. Mi aggiungo alla lunga e meritata lista di complimenti per la bellissima lettura!
    Un racconto speciale può solo arrivare da una persona speciale che sa cogliere il lato vero per cui apprezzare questi angoli di paradiso!

    Complimenti e mille di questi diari!!

    Friky:rose:

  7. Ely… ehh si abbiamo appurato che in fatto di gusti… siamo molto vicine:flirt:
    Perlaverde…grazie:bacio:… macche’ aspettare che ti porti…fai come ho fatto io…ho prenotato…ed e’ stato costretto a venire:yeah:

Lascia un commento

Commenta con Facebook