Giro della Corsica in auto

Quest’estate io e il mio ragazzo non sapevamo dove passare le ferie, poi cercando su internet abbiamo trovato un’offerta della moby per la Corsica: andata e ritorno per due persone più auto 200 euro per l’ultima settimana di agosto! Abbiamo subito preso i biglietti e poi pian piano abbiamo organizzato la vacanza…All’inizio avevamo pensato di partire all’avventura, cercando sul posto gli alberghi, ma essendo agosto avevamo paura di non trovare, così li abbiamo prenotati prima, cercando un po’ su internet e seguendo i consigli della guida Routard che mi aveva prestato un’amica!
1° giorno.
Siamo partiti domenica mattina alle 9 da Genova e siamo arrivati a Bastia alle 14. Siamo subito partiti per Calvi, passando da Saint Flaurent che è un paesino carino con un bel porticciolo, in cui però non ci siamo fermati, perchè volevamo arrivare a Calvi abbastanza presto. Carina la strada che passa da Patrimonio e poi scende a St. Flaurent, da cui si ha una bella vista sul golfo, e sulla quale abbiamo incontrato alcune caprette! Abbiamo attraversato il deserto delle Agriates, un paesaggio abbastanza particolare, e finalmente siamo arrivati a Calvi, dove abbiamo alloggiato al residence Casa Vecchia. Dal fuori è abbastanza bruttino, un palazzo moderno e anonimo, ma dentro il nostro appartamento era carino, abbastanza grande e soprattutto pulito. Inoltre, pur non essendo in centro, è in una posizione abbastanza comoda, perchè è a metà strada tra la spiaggia e il centro. Lasciate le valigie nel residence siamo andati a fare un giro nel paesino che a me è piaciuto tantissimo, molto caratteristico, con il porticciolo pieno di ristoranti e bar coi tavolini sul mare, e sopra la cittadella fortificata, cinta dalle mura costruite dai genovesi. La prima sera abbiamo cenato in un ristorante nel porticciolo, U calellu, abbiamo mangiato bene ma speso un po’ tanto! Un consiglio: noi abbiamo sempre scelto i menu a prezzo fisso, sono un modo abbastanza economico per assaggiare i piatti più tipici, e ci siamo sempre trovati bene…Però ricordatevi che acqua e vino non sono compresi, e neanche l’aperitivo, che tutti i ristoranti vi propongono! La prima sera non lo sapevamo e così abbiamo speso un po’ troppo (12 euro per due bicchierini di moscato come aperitivo e 17 euro per una bottiglia di bianco da mezzo litro!), le altre sere invece non abbiamo preso aperitivo e abbiamo scelto sempre il vino della casa, più economico e cmq buono! Dopo un altro giro per il paesino siamo andati a casa a dormire!
2° giorno.
Ci siamo svegliati abbastanza presto e siamo andati al mare… Non avevamo voglia di prendere la macchina, così siamo andati sulla spiaggia di Calvi, una spiaggia di sabbia lunghissima con la pineta alle spalle. C’era un po’ di gente, ma abbiamo camminato un po’ e siamo riusciti a trovare uno spazio abbastanza tranquillo! L’acqua era limpidissima, come d’altra parte in tutta la Corsica, ma abbastanza fredda. La spiaggia di Calvi è carina e si ha una bella vista sulla cittadella ma, essendo vicino al paese, non è molto caratteristica… Quindi se avete voglia di girare un po’ in macchina troverete sicuramente nelle vicinanze spiaggette più piccole, più selvagge e meno affollate! Ad esempio noi ne abbiamo vista una che da lontano sembrava molto carina appena usciti da Calvi, in direzione Porto, xò per arrivarci bisognava percorrere uno sterrato. Un’ alternativa potrebbe essere prendere il trenino che passa proprio dietro alla spiaggia di Calvi e credo che permetta di raggiungere le altre spiagge nei dintorni!
Siamo stati tutto il giorno in spiaggia, poi la sera siamo rientrati nel residence, lavati e cambiati e siamo usciti di nuovo. Questa volta abbiamo scelto un ristorante nella cittadella, non mi ricordo il nome (qualcosa tipo candela….??), che mi è piaciuto tantissimo! Il locale è molto caratteristico e abbiamo mangiato molto bene, i camerieri molto gentili! Dopo cena abbiamo fatto ancora un giro per il paese, ci sono tantissimi negozietti di prodotti tipici e souvenir e ne abbiamo approfittato per comprare qualche regalino da portare a parenti e amici.
3° giorno.
La mattina siamo partiti per Porto, seguendo la strada lungo la costa….è bellissima! Penso che sia il tratto di costa della Corsica più bello, con dei paesaggi veramente unici! La strada è stretta e in molti punti a strapiombo sul mare, xò è ben tenuta e noi non abbiamo avuto nessun problema….Calvi e Porto non sono molto lontani, però noi ci abbiamo messo parecchio (circa 2 ore e mezza) perché andavamo piano piano per ammirare il paesaggio e ogni tanto facevamo qualche sosta per guardarci intorno e fare qualche foto, perché il panorama è veramente stupendo! Calette di sabbia, scogli, rocce a strapiombo! Finalmente siamo arrivati a Porto, arrivando lungo la strada si ha una vista meravigliosa sul paese, si vede la torre genovese, una spiaggia grandissima e deserta e il mare azzurro! Abbiamo alloggiato all’Hotel Bella Vista, molto carino e pulito, però un po’ scomodo perché è proprio all’entrata del paese, quindi un po’ fuori dal centro. Lasciate le valigie in albergo siamo andati verso Piana, dove abbiamo visto le calanche, bellissime rocce rosse a strapiombo sul mare e poi siamo andati nella spiaggia di Ficajola, di cui mi aveva parlato un’amica. Per arrivarci si segue una stradina stretta e ripida e poi bisogna fare 5 minuti a piedi, ma ne vale veramente la pena! È una spiaggetta bellissima, abbastanza piccola, di sabbia, circondata dalle rocce, col mare azzurro e limpidissimo e qualche vecchio capanno dei pescatori. Essendo abbastanza conosciuta c’era un po’ di gente, ma comunque si stava tranquilli!
La sera abbiamo mangiato al ristorante la Tour Genoise, sotto alla torre genovese, dove ci siamo trovati molto bene! Dopo cena abbiamo fatto un giro, ma Porto non offre granchè, è praticamente tutta alberghi e ristoranti, quindi siamo rientrati in albergo abbastanza presto.
4° giorno
Ci siamo svegliati presto e siamo partiti per Corte, passando da Ota ed Evisa, due paesini nell’interno di Porto. Appena entrati nell’interno sembra subito di essere in montagna, la strada passa in mezzo a un bosco ed è circondata da monti piuttosto alti e l’aria diventa subito più fresca. Siamo arrivati fino al Col di Vergio a 1.467 m, passando attraverso una strada abbastanza stretta lungo un fiume, sulla quale abbiamo incontrato mucche, maiali e asini! Dal colle in poi la strada è ancora più bella, si passa attraverso la scala di Santa Regina, una specie di canyon desolato, molto suggestivo! Finalmente siamo arrivati a Corte, dove avevamo prenotato l’hotel Les Jardins della Glacière, che si trova all’inizio della Valle della Restonica. E’ un albergo a due stelle, ma secondo me ne meriterebbe tre! Ci siamo trovati benissimo, camera molto spaziosa e pulita, il personale è gentile e poi furi c’è la piscina e la vasca con l’idromassaggio! Abbiamo fatto un giretto per Corte, città carina, ma me la aspettavo un po’ più animata, visto che c’è l’università….sarà perché ad agosto gli studenti sono in vacanza?! Poi abbiamo ripreso la macchina e abbiamo seguito la strada che dal nostro albergo porta alla Valle della Restonica, costeggiando il fiume. Abbiamo fatto una sosta per fare il bagno nel fiume, che forma delle pozze molto belle, ma l’acqua era veramente gelata, così abbiamo rinunciato (anche se c’era gente che lo faceva!). Siamo arrivati fino alle Bergerie de Grotelle, antichi ovili dei pastori, dove si possono comprare i formaggi tipici. Da qua partono numerose gite a piedi, ma visto che ormai era tardi ci siamo limitati ad ammirare un po’ il paesaggio, fare qualche foto e poi tornare giù! Arrivati in albergo, visto che non era ancora ora di cena, ci siamo sdraiati sui lettini intorno alla piscina (peccato che a quell’ora la piscina era già all’ombra!) e poi abbiamo fatto un bagnetto nella vasca idromassaggio con l’acqua riscaldata! Si stava benissimo! La sera siamo tornati in paese e abbiamo cenato in un ristorante in cima al paese, proprio ai piedi della fortezza, dove ci siamo trovati molto bene!

5° giorno
Siamo partiti per Bonifacio, facendo la strada più lunga perché volevamo vedere ancora un po’ la costa ovest. Così ci siamo diretti verso Ajaccio, dove però non ci siamo fermati. Da qui in poi la costa è meno spettacolare, sicuramente il tratto tra Calvi e Piana è quello più bello, però abbiamo trovato una spiaggia molto carina dove abbiamo fatto una sosta per fare il bagno. La spiaggia è quella di Isolella, poco dopo Ajaccio andando verso sud; è una bella spiaggia di sabbia e la cosa che mi è piaciuta di più è che era completamente deserta! Ci siamo riposati un’oretta nella tranquillità più assoluta, e poi abbiamo ripreso il viaggio. Poco prima di Bonifacio abbiamo visto dall’alto la spiaggia di Roccapina, sovrastata da una roccia a forma di leone, che mi è sembrata molto bella, però non ci siamo fermati perché per raggiungerla bisogna seguire uno sterrato abbastanza lungo. Finalmente siamo arrivati a Bonifacio, già da lontano si vede che è un paese molto particolare, costruito in cima a una scogliera a strapiombo sul mare, con un paesaggio davvero incantevole! Abbiamo soggiornato all’hotel Le Royal, che si trova nella città vecchia. E’ in una posizione molto comoda, proprio nel centro della città e si affaccia sul porto; forse è un po’ vecchio e le stanze sono piccole, ma noi ci siamo comunque trovati bene. Lasciate le valigie in albergo abbiamo ripreso la macchina e ci siamo diretti verso il golfo di Santa Manza. Il paesaggio è carino, ma c’è veramente troppo vento quindi, se non siete amanti del wind surf o del kyte surf, vi consiglio di non andarci! Siamo rimasti un po’ sulla spiaggia, ma poi il vento ci dava troppo fastidio, così siamo tornati a Bonifacio. Abbiamo girato un po’ per il paese, trovando degli angolini da cui si potevano ammirare degli scorci fantastici, e poi abbiamo cenato al ristorante La Ruota. L’antipasto era molto buono, un pentolone di cozze con una salsina buonissima, ma poi ci hanno portato un piatto di pasta con i gamberi davvero immangiabile!! Dopo cena abbiamo girato ancora un po’, e poi a dormire!
6° giorno
La mattina ci siamo svegliati e abbiamo deciso di andare a vedere le spiagge a est di Bonifacio. Abbiamo visto Palombaggia, Santa Giulia e Rondinara, fermandoci due o tre ore in ognuna per prendere un po’ di sole e fare il bagno. Sono tutte e tre molto belle, però molto più affollate di quelle che avevamo visto i giorni precedenti. Quella che mi è piaciuta di più è stata Rondinara, forse perché ci siamo arrivati più tardi e la gente cominciava ad andare via…e poi perché c’erano le mucche sulla spiaggia!!! Quando stavamo per andarcene per tornare al nostro albergo a Bonifacio abbiamo visto un bel ristorante proprio sulla spiaggia, così abbiamo deciso di fermarci a cenare lì. Abbiamo mangiato bene, e poi il paesaggio era veramente stupendo, la spiaggia nel frattempo si era svuotata del tutto e con la luce del tramonto l’effetto era magnifico! Tornati a Bonifacio dopo cena abbiamo fatto un giro nella parte bassa della città, lungo il porticciolo, e abbiamo comprato i biglietti per il giorno dopo per la gita in barca all’isola di Lavezzi.
7° giorno
Abbiamo preso il battello (c’è più o meno ogni ora, il prezzo non lo ricordo, tra i 20 e i 30 euro mi sembra, però se lo prendi il giorno prima hai uno sconto!) e siamo partiti per l’isola di Lavezzi…..bellissima!!! è una riserva naturale, non c’è assolutamente niente, solo scogli, spiagge, e un mare limpidissimo! Abbiamo girato un po’ per l’isola, il consiglio è di non fermarsi alla prima spiaggia che si incontra ma di girare un po’ e cercare le spiagge un po’ più lontane e meno affollate…Abbiamo trovato una bella spiaggia, con poca gente, e siamo rimasti lì tutto il giorno! Si stava benissimo, in completo relax, alla fine abbiamo dovuto correre per non perdere l’ultimo battello! Al ritorno il battello fa un giro lungo la costa, con la visita di una grotta…un’esperienza emozionante! Tornati a Bonifacio abbiamo cenato al ristorante Cantina Grill al porticciolo, dove ci siamo trovati veramente bene!
8° giorno
Tristissimi siamo partiti per Bastia, dove ci siamo imbarcati (dopo aver aspettato la nave tre ore sotto il sole perché era in ritardo!) e siamo tornati a casa.
In conclusione è stata una vacanza bellissima, abbiamo visto dei paesaggi stupendi, sia sulla costa che sull’interno…L’ideale sarebbe stato avere qualche giorno in più a disposizione, perché ci sono veramente tantissimi posti meravigliosi da vedere!

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Giro della Corsica in auto

Lascia un commento

Commenta con Facebook