Minorca: una stupenda vacanza tra paesaggi e spiagge spettacolari!

7 settembre 2008

Ore 7.30 io e mio marito Ivan arriviamo all’aeroporto di Villafranca di Verona, check-in veloce e un’ora e mezza di attesa per l’imbarco. Ore 9.45 imbarco sull’aereo della Orion Air… un piccolo velivolo, ispira gran poca fiducia, ma è sempre così, almeno per me, quando si parte! Due hostess spagnole vestite in nero e roso ci accompagnano durante il viaggio. Cerchiamo di dormire, ma niente da fare, è troppo scomodo e fa freddo. Poco importa, in meno di due ore stiamo già atterrando all’aeroporto di Mahon: è andato tutto bene, evviva! :yeah: Il tempo è nuvoloso, minaccia pioggia…uff…ma a ben guardare per terra c’è bagnato, è già piovuto. Trasferimento in autobus al Barcelò Pueblo Menorca di circa mezz’ora e finalmente abbiamo il badge per la camera. L’hotel ci appare subito enorme e colorato, tutto in stile moderno. E’ mezzogiorno, l’ora di punta per l’animazione dei bambini. Sistemiamo le valige in camera e andiamo subito a mangiare. Il ristorante è accogliente e il cibo invitante. A pancia piena si sta meglio! ma siamo stanchissimi e disorientati, nel frattempo è uscito il sole fra le nuvole… non importa, ci affrettiamo in camera, neanche il tempo di toccare il letto e stiamo già dormendo. Fino alle 18… ci voleva proprio! Doccia e un giro fuori per cercare di capire dove siamo e osa ci circonda. A Punta Prima c’è una spiaggia di sabbia con un mare a tratti molto azzurro, a tratti più scuro; dietro la spiaggia, una via non molto lunga con due o tre negozi di souvenir e altrettanti ristorantini, un paio di “rent a car”, due piccoli supermarket e una farmacia.
Alla fine della via proseguiamo lungo un sentiero in mezzo alla macchia mediterranea che arriva al mare. Che meraviglia! Che pace, che tranquillità! Le nuvole e il tramonto creano uno spettacolo naturale fantastico…devo assolutamente scattare le prime foto della vacanza! Finita la passeggiata, cena niente male in hotel, ancora due passi e via a nanna!

8 settembre 2008

Sveglia alle 8.30, colazione e ci prepariamo per la spiaggia visto che il tempo è bello. Alle 10 c’è l’incontro con l’assistente Alpitour che ci illustra le varie escursioni, le caratteristiche dell’isola, ecc… Reperite le informazioni che ci interessano, corriamo in spiaggia, non c’è tempo da perdere! Noleggiamo due lettini e un ombrellone al “modico” prezzo di 12 €….niente a che vedere con l’attrezzatura della nostra riviera romagnola, ma vanno benissimo!! Il clima è fantastico, c’è il sole e tira vento, perfetto… concilia il sonno… Pranzo, poi ancora spiaggia di Punta Prima. Oggi Ivan vorrebbe fare il bagno, ma gli uomini della croce rossa non lo permettono perché il mare è pieno di meduse.

La sera prendiamo l’autobus per Mahon. C’è una festa popolare, nel pomeriggio ci sono state le corse dei neri cavalli menorchini e le vie del paese sono ancora cosparse di sabbia… di “olezzo” di stalla e di bicchieri e lattine vuote: i resti della festa! In ogni angolo ci sono banchetti e palchi con gruppi di musicanti. C’è anche un luna park. Abbiamo intravisto il porto, magari torneremo con calma un’altra sera. Sull’autobus nella via del ritorno ci addormentiamo ancora… finalmente arriviamo in hotel… nanna!
9 settembre 2008

Sveglia ore 7.45, colazione e noleggiamo un’auto all’interno dell’hotel (è il noleggio più conveniente): una fiammante Punto nera, 1300 diesel, per 5 giorni, 170€…un affare! Via si parte! :yeah:
Il tempo è un po’ nuvoloso, incerto. Optiamo per andare a visitare Binibeca, il “paese di panna e cioccolato” per la calce bianchissima delle case e gli infissi marrone, detto anche “paese dei puffi” per le sue viottole strette e basse. E’ molto carino e caratteristico, con le sue viette che sboccano sul mare e le graziose targhette in ceramica sui muri che recitano “Silencio por favor”. Bella Binibeca, proprio bella! Riprendiamo il nostro viaggio, cartina alla mano, verso Cala en Porter. Il tempo è buono, ci fermiamo in questa bella spiaggia, dove tira sempre il vento e il mare è azzurro.. Qui non ci sono meduse: si fa il bagno! Il tempo di asciugarsi un po’ e ripartiamo alla volta di Cava d’en Xoroi, la famosa discoteca appesa e scavata nella roccia a picco sul mare. Panorama mozzafiato…degni dei 6,50 euro a testa d’entrata!! Mille foto… e ripartiamo, destinazione Son Bou. Mare azzurro chiaro e molto mosso, perché, tanto per cambiare tira vento, ma si sta benissimo. Posizioniamo i nostri teli mare, mangiamo un frutto e poi bagno in quelle mega onde che portano via una lente degli occhiali da sole di Ivan… del resto non si fa il bagno con gli occhiali! La spiaggia di Son Bou è carina, ma nulla di speciale, riconosco il Sol Milanos Pinguinos che spicca coi suoi due palazzi che non c’entrano niente col contesto circostante. Ci trasferiamo a Sant Tomas, dove la spiaggia non ci sembra un granché, forse anche perché nel frattempo il cielo è diventato completamente coperto. Breve sosta in spiaggia, un gelato e una birra al bar-terrazza sopra la spiaggia di Sant Tomas e rientro in hotel. Doccia, cena e il solito giretto a Punta Prima, dove Ivan rimpiazza gli occhiali da sole e infine…nanna!!

10 settembre 2008

Sveglia ore 8.00, colazione e si parte. Siamo un po’ incerti sull’itinerario perché il cielo è un po’ nuvoloso. Percorrendo qualche km verso est, il cielo si rasserena, e allora… spiagge! Puntiamo prima Cala Galdana: bella, turistica, attrezzata con lettini e ombrelloni, ma ormai ci siamo abituati ai nostri teli mare sulla sabbia! Non tira vento, oggi fa molto caldo. Decido di chiedere informazioni per come raggiungere Cala Macarella e Cala Mitijana a piedi e partiamo alla volta di Cala Macarella… una gran fatica: sentiero sconnesso, afa, polvere e dopo un’ora di cammino non so quanti scalini in discesa per raggiungere la spiaggia. Il panorama e il colore dell’acqua sono senz’altro belli, ma la spiaggia è super affollata e piena di aghi di pino. Per di più un altro turista ci informa che la cala è raggiungibile anche in auto, non so da dove, ma credo che Ivan in questo momento mi abbia odiato! Procediamo su un sentiero ancora più erto verso Cala Macarelleta, sperando sia meno affollata, ma la speranza è vana e, vista la fatica fatta per arrivare, posizioniamo i nostri teli mare. E’ pieno di nudisti! Il mare è turchese, facciamo il bagno nonostante le alghe che rovinano questo bel mare. Un po’ delusi, forse a causa della stanchezza, ci incamminiamo sulla via del ritorno… altrettanti scalini in salita… un’altra ora di cammino… siamo stremati!
E’ quindi la volta di Cala Mitijana, che stavolta raggiungiamo comodamente in macchina: questa sì che ci piace!…anche se non ha il colore turchese di Cala Macarella. C’è parecchia gente, ma non la calca, il mare è azzurro e pulito: si sta proprio bene qui. Ne approfittiamo per un altro bel bagno e un po’ di relax.
La sera decidiamo di fare un giro al porto di Maò: è immenso! …e che yacht attraccati… dopo aver fantasticato un po’ sui possibili proprietari di quelle imbarcazioni, la nostra attenzione viene attratta da due giovani turisti-pescatori, ci sporgiamo per vedere e restiamo impressionati dalla quantità e dalla grandezza dei pesci che si aggirano sotto uno yacht.
Siamo stanchissimi e a Maò c’è un’umidità pazzesca… torniamo “a casa”!

11 settembre 2008

Sveglia sempre alle 8.00, cielo coperto… abbiamo capito che il mattino è sempre così! Partiamo con destinazione Fornells, un simpatico paesino di pescatori, con tanto di mercatino in riva al mare. Quindi procediamo per Capo de Cavalleria, estrema punta nord dell’isola… meraviglia! Rocce a picco sul mare, panorama mozzafiato. Scattiamo “mille” foto, facendo attenzione a non cadere o inciampare (io sono in infradito, magari “la prossima volta” porterò un comodo paio di scarpe!!!)
Nel frattempo è uscito il sole, prossima tappa Cala Pregonda! Dopo l’esperienza di ieri, speriamo di raggiungerla in macchina… invece c’è da camminare anche stavolta! Ma si tratta di un cammino più semplice, completamente in mezzo alla campagna, fantastico! La terra è di uno strano colore rossiccio (mi viene in mente che la guida che ho comprato parlava di un “terreno argilloso al nord”). Raggiungiamo una prima spiaggia, niente di speciale, ma quando arriviamo a Cala Pregonda… è mozzafiato! :cool: La spiaggia più bella che io abbia visto a Minorca! E’ diversa dalle altre spiagge: qui la sabbia è più grossa e rossiccia, il mare più blu, e nel mare spiccano delle rocce molto pittoresche. Tira un po’ di vento, si sta benissimo e qua rimaniamo praticamente per il resto della giornata. Ci affrettiamo a fare il bagno perché, ci informano, stanno arrivando le meduse. Qui facciamo conoscenza con due simpatiche coppie, una romagnola, l’altra trentina… ottimo posto, buona compagnia, cosa desiderare di più?? Mi è venuta un po’ fame e non abbiamo viveri con noi.. uff… non ci resta che tornare a malincuore alla macchina. Dopo una breve sosta, facciamo una puntatina ad Arenal D’En Castel: spiaggia “normale” e piena di meduse.
Ritorno in hotel, doccia, cena e andiamo a vedere cosa ci offre Binibeca di sera: è bellissima, suggestiva! Peccato che le foto col buio non mi riescano bene.

12 settembre 2008

Solita sveglia alle 8.00: cielo coperto, uff… andiamo a fare colazione e il cielo si apre, ma non facciamo in tempo a programmare le spiagge da vedere che il tempo si fa di nuovo minaccioso. E’ incredibile la velocità con cui qui cambia il tempo! Ok, nessun problema, si visita Ciutadella! Ma quale visita?! Abbiamo preso un’acqua! Aspettiamo che il temporale si plachi passando da un negozio all’altro di quella che, scopriremo più tardi, è la via principale. Ore 12.00, scade l’orario per il parcheggio. Visto il brutto tempo, facciamo ritorno a Punta Prima. Smette di piovere, ma niente sole. Super pranzo di pesce in hotel… anche troppo abbondante: riposino in camera e… il tempo è ancora brutto. Partiamo alla volta di Maò o di Ciutadella ancora, perché durante la mattina, con quell’acqua, non abbiamo visto niente. Siamo perplessi se rifare ancora un’ora di macchina, ma decide Ivan: è lui al volante e svolta per Ciutadella! Il tempo sembra migliore, almeno non piove, ma arrivati a Ciutadella, acqua ancora..nooo!!! Sembra una maledizione, ci infiliamo i “bellissimi” e soprattutto economici spolverini che siamo stati costretti a comprare questa mattina. Per fortuna è solo qualche goccia. Ripercorriamo la via principale, scoprendo che, oltre a quella, non c’è altro di particolarmente interessante. Alla ricerca di qualche regalino da portare a casa, facciamo degli acquisti. Il porto lo vediamo solo dalla macchina, senza fermarci, mentre facciamo ritorno.
La sera siamo un po’ stanchi e sconsolati per il tempo, guardiamo su internet le previsioni per domani e andiamo a dormire.

13 settembre 2008

BUON COMPLEANNO IVAN!!!
Il tempo è ancora brutto :x, peccato, Ivan aveva chiesto una giornata di sole come regalo di compleanno….visto che è anche l’ultimo giorno di vacanza. Al momento non piove, speriamo che nel pomeriggio si schiarisca. Nel frattempo facciamo una visita a Maò che ci appare più carina di Ciutadella. :cool: Vie piene di negozi, mercatino: facciamo gli ultimi acquisti da portare a casa. Un timido sole si affaccia fra i nuvoloni, decidiamo di andare a vedere le spiagge vicino a Punta Prima, nella speranza di prendere le ultime ore di sole.
Cala del Binissafuller: carina e tranquilla. Ci posizioniamo, tempo un quarto d’ore e il sole se ne va!… non c’è verso. Procediamo verso Es Canutells e nel tragitto vediamo un sentiero che scende al mare, ci fermiamo e scopriamo il mare più azzurro che abbiamo visto, in fondo una cala larga (o stretta!) al massimo cinque metri. Fantastico, ma il sole non c’è… e allora proseguiamo. Puntiamo a Calas Coves, ma dopo un bel pezzo di sterrato bisogna procedere a piedi, ed è cominciato a piovere: retro-front. Costeggiamo il mare fino al Barcelò, non ci resta che fare una doccia e cominciare le valige.
Nel frattempo sono arrivati a Minorca due nostri amici, alloggiano a Sant Tomas e stasera andiamo a prenderli per concludere in bellezza con una bella cena insieme. Che strano incontrarsi a Minorca!!! Insieme decidiamo di andare sul monte Toro, 357 m, è il punto più alto dell’isola!
Il cielo si sta rasserenando, così da lassù vediamo benissimo Capo de Cavalleria e Fornells…che spettacolo! E’ ancora presto per andare a cena, quindi decidiamo di fermarci a Son Parc a vedere la spiaggia di Son Saura “del nord” (devo ancora capire se quella più famosa è questa o quella “del sud”). La spiaggia è bella e noi ci inoltriamo sulle rocce per una passeggiata nei dintorni e per ammirare il panorama e le onde che si rompono e scrosciano contro gli scogli.
Per la cena abbiamo scelto un ristorante a Fornells proprio sul porto, “El Pescador”: paella e sangria!
La nostra vacanza è ormai finita, mentre per i nostri amici è appena iniziata! :cry:Si fa ritorno a Sant Tomas, ultima passeggiata, quindi Punta Prima e ultima notte al Barcelò Pueblo Menorca.

E’ stata una bellissima vacanza, :cool::cool::cool:diversa dalle nostre solite vacanze (siamo un po’ troppo “tipi da villaggio”…). Le escursioni e le camminate che prima di partire ci spaventavano un po’, sono state fondamentali per godere del mare e delle spiagge più belle dell’isola. Peccato solo per il tempo un po’ capriccioso, brutto tempo proprio gli ultimi due giorni di vacanza…ma pazienza, magari un giorno torneremo alla scoperta delle cale che non abbiamo avuto il tempo di scoprire!
Dimenticavo… un’occhiata al contachilometri della grande punto che ci accompagnato: totale 782 km percorsi!!! Wow!!!

14 settembre 2008

Sveglia ore 4.45… levataccia! Il volo parte alle 7.15. C’è ancora buio e il cielo sembra molto limpido e stellato, probabilmente oggi sarà una bellissima giornata di sole a Minorca, ma noi alle 9.30 saremo già a casa… A malincuore, si parte. :bacio:

[RIGHT][RIGHT]
[/RIGHT]
[/RIGHT]

Pin It
Tags:

Ci sono 4 commenti su “Minorca: una stupenda vacanza tra paesaggi e spiagge spettacolari!

  1. Ahhhh quanto è bella Minorca!
    Certo siete stati un po’ sfortunati, sia per il tempo sia per le meduse, noi in una settimana non ne abbiamo beccata neanche una *-)

    PS la Son Saura “famosa” dovrebbe essere quella della costa sud, invece io alloggiavo proprio a Son Parc dove c’è la Son saura del nord… che voglia di essere lì che mi avete fatto venire :serenata:

  2. Eh sì proprio bella Minorca!

    Siamo stati un po’ sfortunati per tempo e meduse, ma nonostante tutto è stata una delle mie vacanze più belle!

    Grazie per aver letti il mio diario… anche se un po’ lungo :rose:

  3. Bella Minorca, carinissima anche Punta Prima posizione ottimale.
    Peccato per il tempo che avete trovato, e le meduse accidenti, :x
    Io ci tornerei per la terza volta, il mio piccolo vuole le minorchine quelle che ha ormai sono piccole.

Lascia un commento

Commenta con Facebook