Zanzibar – Nel cuore per sempre

Finalmente arriva il tanto atteso 5 marzo 2009 ed io e la mia ragazza Roberta partiamo finalmente per Zanzibar destinazione Kendwa , villaggio Eden Kendwa Beach Resort.
Faccio una piccola premessa nei giorni precedenti la voglia era un pò scemata dato che le previsioni portavano una settimana di piogge disastrose ma vi consiglio di non guardarle, si ha piovuto ma nn tutti i giorni dopo il sole faceva capolinea e via con la crema..PARTITE TRANQUILLI

Partenza da salerno in auto viaggio sotto la pioggia battente con tergicristalli stremati, arriviamo alle 16 a Roma Fiumicino e parcheggiamo l’auto al park lunga sosta Park to Fly(lo consiglio vivamente, gentili e puntuali) e purtroppo attesa fino alle 18.50 ai banchi Astoi per ritirare i biglietti..piccola coda e subito ci precipitiamo al check in per i bagagli e poi andiamo al gate..altri pochi minuti e finalmente saliamo sul fantastico volo Eurofly..POSTI FINESTRINI OLè..il volo scorre tranquillo, coperta cuscino film e lasagna…
Sono le 7 del 6 marzo 2009 e mentre in Italia avevamo lasciato circa 6° atterriamo a Zanzibar mettiamo il piede fuori dall’aereo e una botta di caldo che nn si può descrivere..FANTASTICO STIAMO A ZANZIBAR..
Ora ci attendeva la prima prova..l’aereoporto..arriviamo compiliamo una sorta di documento con i dati fila di 15minuti paghiamo 50$ a testa fotografia con webcam e passiamo ai bagagli..CHE BELLO..Come tutti sappiamo niente rullo..quindi persone che si accalcano chi grida ma alla fine tutti si aiutano a vicenda..lascio la mia raga e vado a prendere i bagagli mi divincolo e arrivo al bordo del bancone e al grido sono i miei ritiro i bagagli..e fortunatamente ci divincoliamo fino all’uscita senza che nessuno chiedesse mance ecc..
Lì troviamo i simpatici ragazzi dell assistenza..mettono numero stanza su bagaglio lche caricano su un pulmino e saliamo col SIMPATICISSIMO Tartaruga sul pulmino per il villaggio..durante il tragitto ci da le prime dritte sul luogo e ci racconta anche una barzellette..
Qui le prime emozioni..si vede dai finestrini una realtà che per noi è la prima volta che vediamo..cribbio stiamo in Africa..!
Arriviamo dopo 1ora di pulmino/fornetto/frullatore :wink: al villaggio e ci attendono i Masai con un piccolo spettacolo..succo di frutta consegna delle chiavi e ci fiondiamo nella stanza a pochi metri dalla reception..
Che bella pulita accogliente anche se forse un armadio migliore e qualche poggio per le valige non avrebbe guastato ma che importa tanto rimarremo pochissimo in stanza..però i letti con le zanzariere fanno effetto..(aria condizionata, ventilatore, frigo, cassaforte, phon e prese Uk, ma abbiamo trovato già in camera adattatore multipresa).
Doccia e subito costume e ci fiondiamo in spiaggia ma appena arrivati alla scala che porta alla spiaggia mi fermo e dico..BENVENUTI IN PARADISO..spiaggia bianca..mare blu e sole fantastico..
prendiamo subito due lettini e ci incamminiamo verso il mare e subito veniamo fermati dai Mitici BeachBoys ed io: Ma tu sei Cappuccetto rosso..Tu Bruno, Zambrotta..e loro esterefatti non si spiagavano se fossi un veggente o indovino..no sono solo un Giramondino e grazie a voi sapevo tutto..cmq ci lasciano un foglio per le escursioni dopo averci spiegato tutto e poi nn disturbano piu..la giornata trascorre tranquilla
sono rimasto colpito dalla gente del luogo, salutano tutti JAMBO JAMBO e anche quelli che lavorano nel villaggio sono fantastici gentili ti abbracciano voglioni sapere come ti chiami..
SECONDO GIORNO
Sveglia e colazione a buffet (dai cornetti alle crepes c’è tutto e tutto buono) e decidiamo di rimanere al villaggio e pianificare le escursioni rivediamo i BB e anche qualche Masai Venditore e Conosciamo Peppino di Capri e Samuel..facciamo alle 12 una passeggiata con l’animatrice del villaggio qualche foto, bagno, e poi pranzo al villaggio ALTRO BUFFET FENOMENALE..lo chef è italiano e sa cucinare i prodotti del luogo alla grande!
Il pomeriggio decidiamo di andare a fare la nostra prima escursione e andiamo Con Matteo un BB del luogo al villaggio dei Pescatori di Nungwi..15€ 4 persone con barca tipica 40minuti tra andata e ritorno..arriviamo e ci offrono subito del Cocco appena raccolto da dei bambini/acrobati che si arrampicano a piedi nudi sulle palme sono tutti gentili quattro chiacchiere e poi andiamo a vedere le tartarughe d’acqua in un acquario naturale, per poi proseguire all’interno del villaggio(mi raccomando se andate abbigliamento sobrio sono musulmani) e qui altra grande emozione incontriamo i bambini al quale portiamo quaderni e penne ecc non si possono descivere i loro sorrisi e le loro emozioni nel riceverli, rimarranno sempre nel mio cuore proseguiamo vediamo come fabbricano le barche e poi torniamo a kendwa ed assistiamo ad un fantastico tramonto..
TERZO GIORNO
Oggi decidiamo di andare a Stone town piu tour delle spezie acuistiamo questa escursione al villaggio in quanto avevano fatto pacchetto Stone town + tour delle spezie piu altra escursione per Nakupenda/prison iland sempre intera giornata con pranzo 85 euro tutto.
Alle 13 sotto un sole rovente andiamo prima a fare il tour delle spezie molto bello e dove ci accolgono alla Grande smepre accompagnati dal MITICO TARTARUGA che spiega tutto e i ragazzi del luogo ci fanno simpatici oggetti con le foglie delle palme beviamo e mangiamo cocco appena raccolto qualche acquisto alla bancarella(mi raccomando non date soldi ai ragazzi all’interno della piantagione se no succede un macello, dopo mettono cestino e lì potete lasciare le mance) e poi via verso Stone Town molto bella ma caotica e un pò fastidiosi i venditori..infatti abbiamo comprato qualcosa in un negozio ma niente dai venditori..Particolare il mercato del pesce/frutta dagli odori intensi:oops: lo puliscono una volta al mese e il tramonto visto dall’Africa House..

QUARTO GIORNO
Sveglia presto e colazione e alle 8.15 in reception e tutti in pulmino per andare a stone town alla volta di Prison Iland e Nakupenda..purtroppo il tempo non è un granchè ma nn ci scoraggiamo..
Prendiamo Barca e con tre simpatiche guide e andiamo a Prison Iland dove in laguna vediamo STELLE marine dai colori fantastici (mi raccomando le scarpette) ricci a non finire conchiglie ecc poi ci inoltriamo all’interno dove vediamo le mitiche tartarughe giganti..purtroppo piove per quasi un oretta ma ci imbarchiamo alla volta di Nakupenda anche se con qualche problema in quanto non tutti erano d’accordo visto il meteo ma una volta arrivati sulla lingua di sabbia di Nakupenda come per magia il sole appare e subito via a fare Snorkeling poi pranzo con cucina locale ed italiana(Sarda) purtroppo si deve ritornare ma ci siamo divertiti e sulla barca la guida intona HakunaMatata dedicandola a tutti i partecipanti..

QUINTO GIORNO
Purtroppo dovevamo fare safari blu ma salta per colpa di CAPPUCCETTO ROSSO:x..ma non demordiamo e ci fiodiamo a fare acquisti nella boutique del nostro amico Masai Samuel..la giornata trascorre in completo relax foto passeggiate tramonto stupendo ecc..

SESTO GIORNO
Sveglia presto ed escursione all’atollo di Menmba con MAtteo BB locale ci attendono 2 ore di barca ma lo spettacolo è fantastico e per la strada avvistiamo anche i delfini STUPENDI..arrivati a Mnemba facciamo Snorkeling molto bello e anche la barriera corallina ha dei colori fantastici poi un bel pranzo con riso e pesce preparato dalle guide locali un pò di riposo e si torna.. e la giornata trascorre al villaggio con un pò di relax visto che la gita a Mnemba data la lontananza e la temperatura è stata un pò estenuante..

SETTIMO GIORNO
Sveglia tardi colazione e ci godiamo questo ultimo giorno al villaggio salutando tutti specialmente lo staff del ristorante che sono stati gentilissimi un abbraccio a GIOIA, la nostra preferita..poi ci sono i ragazzi dell’animazioni discreti e simpatici per niente fastidiosi come in altri villaggi
poi ci sono Lucia ed Emma le signore locali della spiaggia che fanno treccine e massaggi, i masai..il migliore è Samuel!:ok: poi un saluto ai Beach Boys che devo dire poi si fanno sempre vedere MENO infatti dopo la figuraccia Cappuccetto non lo abbiamo visto più..
E l’ultimo tramonto da questa splendida spiaggia ci saluta..

OTTAVO GIORNO
SVEGLIA ALLE 4.00 :( per andare a prendere aereo..paghiamo tasse e qui devo dire che abbiamo trovato più gente per le mance ma nn abbiamo dato niente e ci hanno solo aperto gli zainetti (dopo che sotto il metal detector aveva suonato ma nessuna ci aveva detto niente)tanto non avevamo nulla da nascondere..attesa normale e spendiamo gli ultimi dollari al Duty Free..
Arrivo a Roma dopo scalo a Mombasa..

CONCLUSIONI
Questo viaggio rimarrà per sempre nel mio cuore è stato un continuo susseguirsi di emozioni..oltre che per i fantastici luoghi visitati per i sorrisi e l affetto ricevuto dalle persone..
Come consigli:
allora per i BeachBoys andate tranquilli io vi consiglio Matteo, sinceramente con Cappucceto non mi so trovato bene; la cena anche vi consiglio Matteo quelli con Cappuccetto lo volevano picchiare..sarà che forse sta settimana nn c’era con la testa.
Per il villaggio è stupendo prenotate tranquilli..
Portate quante piu cose potete per i bambini ma anche indumenti e oggetti tipo orologi cappellini ecc
Per il resto chiedetemi e mi raccomando partite TRANQUILLI E SERENI!!
HAKUNA MATATA

Pin It
Tags:

Ci sono 5 commenti su “Zanzibar – Nel cuore per sempre

Lascia un commento

Commenta con Facebook