Scozia fly and drive

24/5 Siamo partiti puntuali da Bergamo con molti dubbi sulla regolarità dei biglietti RyanAir: nessun problema. Viaggio perfetto e arrivo a Prestwick con venti gradi in meno. La temperatura attorno ai dieci gradi ci accompagnerà per i primi quattro giorni del viaggio, ma si sa, in Scozia è così:basta partire ben equipaggiati, soprattutto per la pioggia.Primo impatto con la guida a destra: abbiamo un ottimo guidatore. Bisogna stare un po’ attenti soprattutto alle rotatorie che hanno ovviamente il senso inverso.
Pranzato in aeroporto , prima sosta a Troon: spiaggia con sabbia sottilissima; visita al castello di Dundonald: niente di chè e ritorno alla marina di Troon per vedere le barche. Ci dirigiamo poi verso Kilbirnie dove abbiamo prenotato la prima notte all’hotel Moorpark House, una villa antica del 1860 con un bel parco; molto bello l’interno, i salotti e le camere, un po’ trasandata l’entrata.
Cena a Largs sul porto, da Morris con prezzi speciali per sessantenni!! ( zuppa, fish and chips, salmone)

25/5 Partenza verso nord, direzione Loch Lomond, piove. Costeggiamo il lago e ci fermiamo al Castello di Inveraray. Proseguiamo verso la costa ed ecco che dalle nuvole basse emerge all’improvviso il Loch Awe Kilchurn Castle. Arrivati ad Oban, un bel porticciolo, facciamo una passeggiata per la cittadina e ripartiamo per Fort William. Lungo la strada i paesaggi sono già molto belli, nonostante la pioggia intermittente e cominciamo a vedere le migliaia di pecore che ci hanno accompagnato per tutto il viaggio. Arriviamo a Fort William verso sera e troviamo un paese veramente brutto e squallido ( l’unico ). Anche con il b&b non abbiamo più fortuna: molti sono già al completo e il Cameron b&b dove alla fine ci fermiamo lascia proprio a desiderare.

26/5 Siamo diretti all’isola di Skye e percorriamo la bellissima strada per le isole fermandoci a Glenfinnan dove visitiamo la vecchia stazione e vediamo da lontano il famoso viadotto di Henry Potter. Lungo il tragitto facciamo sosta in un paese minuscolo sul mare, Airsaig ed arriviamo a Mallaig dove ci imbarchiamo sul traghetto per l’isola.
Sbarchiamo ad Armadail ed esce il sole. Facciamo una passeggiata nei pressi del castello e sul lungomare: il panorama è bellissimo e il sole ci riscalda un pochino.
Proseguiamo per Portree, un bellissimo porticciolo con le casette colorate affacciate sul mare e tante barchette ormeggiate in mezzo alla baia. Cerchiamo subito una sistemazione augurandoci di avere più fortuna della sera precedente ed infatti troviamo il b&b di Mrs Marie A.Gillies, una signora molto gentile che ci offre due stanze molto carine e confortevoli. Scendiamo subito a piedi verso il porto e percorriamo un bel sentiero attorno al paese che offre spettacolari vedute sul mare. Ci fermiamo in uno dei ristorantini sul porto per un’ottima cena a base di capesante e salmone e torniamo molto contenti alla casa… sono quasi le undici ma qui il giorno non finisce mai: è ancora chiaro!!

27/5 Paesaggi bellissimi sulla strada per il Dunvegan Castle: il nostro Tom tom ci suggerisce una stradina alternativa a quella principale che ci porta in un ambiente incredibile: prati, ruscelli, pecore e nessun segno della presenza umana per chilometri: le highland si mostrano in tutto il loro splendore! Oltre il castello facciamo una passeggiata fino alle Coral Beaches, spiagge bianchissime in contrasto con il verde dei prati e il blu del mare, dove abbiamo avvistato una famiglia di foche. Ci dirigiamo poi verso la distilleria di Talisker, non visitata perché c’era troppo da aspettare per antrare. Attraversato il ponte per la terraferma ecco l’Eilean Donan Castle, il castello del film Highlander; il posto è bellissimo ed entriamo anche a visitare il castello. Per la sera puntiamo su Plockton, a pochi chilometri. Il paese è piccolo e troviamo una bella sistemazione in mezzo alla campagna con vista mozzafiato sul mare. Cena al Plockton Hotel a base di salmone e trota.

28/5 Colazione all’inglese dalla simpatica signora del b&b e poi gita in barca con avvistamento delle foche. Partenza per Invergarry sempre immersi in paesaggi solitari e maestosi, che variano ma hanno come costante le pecore. Lunch all’hotel Invergarry sulla strada davanti al fiume e deviazione verso il Loch Ness per vedere il Caledonian Canal. Ripresa la strada verso sud ( i giorni volano ) arriviamo senza saperlo al castello di Blair, uno dei più famosi della Scozia. E’ già chiuso ma riusciamo a visitare il parco dove facciamo una bella passeggiata. Arriviamo quindi a Pitlochry. Scegliamo un bellissimo b&b in paese e ceniamo al Moullin Pub (angus e spezzatino alla birra)

29/5 Sta mattina il sole splende in un cielo limpidissimo e fa veramente caldo. Sosta a Dundee sul lungomare dove c’è un veliero da visitare. Passaggio del ponte e sosta a Saint Andrews. Bellissima cittadina sul mare con rovine del castello e dell’immensa cattedrale. Passeggiata sulla spiaggia e nelle vie del centro. Proseguiamo per Crail, porticciolo colorato dove vediamo i pescherecci carichi di granchi ed aragoste ed infine, ecco il ponte per Edinburgo.
Alloggiamo all’Hotel Best Western in zona centrale, passeggiata in centro, dinner in un pub sulla Royal Mail con salmone e angus.

30/7 Visita alla città dal castello alla Royal Mail, visita alla città sotterranea ( consigliata anche dalla guida e da evitare accuratamente ), alla New town, al porto di Leith dove si può visitare il Britannia. Nel pomeriggio trasferimento ad Ayr, vicino all’aeroporto di Prestwick, passeggiata sul lungomare bello ma sporco, dinner con cozze e salmone. B&b Chalmers, carino ma con colazione al sacco scarsa.

31/7 Partenza all’alba per l’aeroporto.

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Scozia fly and drive

Lascia un commento

Commenta con Facebook