Una settimana da sola all’Habiba

Febbraio 2009, in Italia almeno al Nord il gelo sta accompagnando le tristi giornate invernali e complice un immediato bisogno di riposo decido in fretta e furia di concedermi una bella settimana al caldo! In agenzia viaggi cerco una meta vicina ed economica ed ecco uscire una bellissima offerta per Marsa Alam per il villaggio Eden Habiba Beach, partenza dopo tre giorni per un totale a tasse finite di 550 euro….aggiudicato! Era da un po’ che volevo andare a scoprire questa parte di Egitto ancora poco conosciuta, spesso non consigliata per chi, come me, viaggia da sola ma anticipo di gia’ che assolutamente si puo’ e si deve andare anche da single in quanto il divertimento e la compagnia lo si trovano comunque! Certo per gli amanti di notte folli in discoteca o locali c’e’ poco o nulla ma per chi, come me desidera un bel mare, caldo, relax e giornate spensierate dico: partite tranquilli!
Dopo questa introduzione passiamo alla vacanza vera e propria. Partenza da Milano Malpensa sabato pomeriggio vettore Eurofly, si inizia con un ritardo tecnico di un’ora….iniziamo bene! Il volo passa senza ulteriori intoppi, per me e’ stata un po’ una sofferenza dovuta solo ai sedili effettivamente piccoli e stretti ma quattro ore passano in fretta. Arrivati all’aeroporto di Marsa Alam e’ quasi mezzanotte, velocemente arrivano le valige e avendo avuto gia’ il visto per l’Egitto in consegna a Malpensa posizionato sul mio passaporto sono la prima ad uscire dall’aeroporto…. Incredibile nessuna fila, sono piacevolmente impressionata da tanta celerita’ in confronto alle ore che ogni volta ho passato a Sharm al controllo passaporti! Trovo subito gli animatori Eden ad indirizzarmi sul mio pullman, mezzoretta e finalmente eccomi arrivata all’Habiba.
Per chi vuole cenare il ristorante e’ rimasto aperto per una veloce cena, io sono un po’ stanca e mi dirigo dritta in camera per riposare in vista del giorno successivo.
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/camera_habiba_beach.jpg[/IMG]
Al risveglio inizio ad esplorare il villaggio, molto bello e ben curato, pensavo fosse chilometrico avendo letto di persone che avevano la camera in zona reception come me e che lamentavano molta strada per la spiaggia…..sinceramente cinque minuti e si arriva senza salite o altro, il ristorante si trova proprio sopra la spiaggia quindi al mattino preparavo la borsa con tutto il necessario e tornavo in camera solo nel tardo pomeriggio.

Il ristorante e’ molto grande con alcuni tavoli all’esterno, sia colazione che pranzo e cena sono tutte ottime, non e’ solo cucina italiana anzi prevalentemente speziata come essere la cucina tipica egiziana ma la trovo di qualita’ e anche per i palati piu’ difficili qualcosa si trova sempre!
La spiaggia e’ forse un po’ piccola, in questo periodo siamo solo 150 ospiti quindi niente corse all’alba per i lettini o mance per tenere il posto pero’ effettivamente in alta stagione non so’ quanto possa essere vivibile….non sono amante delle piscine ma anche queste sono alquanto piccole con pochi lettini, pensavo ci fosse maggior spazio almeno li’….
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/mare_di_marsa.jpg[/IMG]
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/laguna_habiba.jpg[/IMG]
L’animazione e’ in questo periodo un po’ ridotta, la capa animatrice avevo gia’ avuto occasione di conoscerla nell’ottobre 2007 al Tamra quindi anche se con pochi ospiti cercano di allietare in tutti i modi gli ospiti con tornei, corsi, giochi ludici vari…..non sono troppo amante di giochi vari ma vuoi complice il fatto che alle quattro e mezza il sole tramonta vuoi che essendo in pochi s’instaura subito un rapporto di amicizia sono davvero pochi gli attimi passati in completa solitudine!
Anche a pranzo o cena spesso gli animatori se ti vedono sola al tavolo si aggregano al tavolo per scambiare due parole, una bella iniziativa che fa piacere…
Come escursioni stando solo una settimana decido di partecipare il mercoledi’ alla visita di Luxor, da tanto sognata e finalmente sto per vedere con i miei occhi!
La sveglia e’ per le 4.15 con partenza dal villaggio un’ora dopo, mezza assonnata ritiro il box colazione in reception e sul bus posiziono il cuscino portato dalla camera sul finestrino per tornare un po’ a dormicchiare….all’inizio e’ solo deserto poi iniziano ad apparire le prime macchie verdi e i primi paeselli, siamo sulle rive del Nilo e mentre corriamo verso la meta dal finestrino vedo bambini salutarci, donne salire su ’taxi collettivi’ per andare al mercato o uomini seduti in ’bar’ all’aperto a fumare e parlare tra loro….scene di vita quotidiana insomma, ecco il volto vero dell’Egitto.
Sono quasi le dieci e finalmente arriviamo a Luxor. Come prima sosta ci fermiamo ad osservare i Colossi di Memnos, sono enormi e sembrano essere i guardiani della retrostante montagna che custodisce le tombe di molti faraoni ossia la Valle dei Re. Proprio verso la Valle proseguiamo l’escursione, dal bus osserviamo anche il tempio di Hatshepsut che putroppo non e’ incluso nell’escursione. Arrivati all’ingresso della Valle un piccolo trenino porte i turisti verso l’ingresso delle tombe, la guida ci dice che possiamo visitarne solo due ma alla fine riusciamo a visitarne tre!

[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/nella_valle_dei_re.jpg[/IMG]
All’interno non e’ possibile fotografare e diciamo sono spoglie rimangono solo in vita le bellissime pareti dipinte che narrano le storie del faraone mentre era in vita….incantevoli e con colori in alcuni tratti ancora vivi e raggianti.
Dopo la Valle dei Re prima sosta breve massimo 15 minuti in un negozio di alabastro per chi vuole fare compere, ma non c’e’ nessun obbligo di scendere dal bus per chi non vuole….
E’ quasi ora di pranzo, prendiamo una tipica imbarcazione per passare dalla sponda occidentale a quella orientale e ci fermiamo a pranzo in un ristorante a buffet sul lungo Nilo.
Dopo pranzo si riparte per visitare la riva orientale e la prima tappa e’ il meraviglioso tempio di Karnak…..confesso mi sono scese due lacrime appena giunta, e’ di una bellezza e imponenza senza tempo, le sue colonne si alzano per metri verso il cielo blu, visitarlo tutto e’ impossibile essendo un complesso lungo circa 1,5 km composto da templi fatti costruire dai vari faraoni ma attraversandolo si sente ancora nell’aria quella sacralita’ una volta venerata all’interno.
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/karnak1.jpg[/IMG]
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/interno_tempio_karnak.jpg[/IMG]
Dopo Karnak seconda sosta breve e non vincolante ad un negozio di papiri molto belli e a prezzi buoni in rapporto con la qualita’.
Ultima tappa e’ il tempio di Luxor, appena lo vedo il mio primo commento e’ stato: cosa ci fa una moschea all’interno del tempio??!! La guida svela l’arcano, una volta in tempio era praticamente quasi tutto sommerso dalla sabbia e quindi nel nel XIV secolo vi fu eretta forse ignorando cosa c’era ‘sotto’ dato che gli scavi iniziarono solo verso la fine dell’Ottocento…..
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/moschea_interno_tempio_luxor.jpg[/IMG]
Il tempio di Luxor e’ molto piu’ piccolo rispetto a Karnak ma in prima linea sul Nilo, anche qui vi sono varie statue di Ramses e ad oggi ogni tanto viene usato come location per concerti o spettacoli affini.
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/entrata_tempio_luxor.jpg[/IMG]
Il sole sta tramontando sono quasi le cinque e con negli occhi ancora le immagini di tutte le bellezze viste nella giornata inizia il viaggio di ritorno al villaggio dove si arriva verso le dieci di sera. Anche in questa occasione il ristorante e’ rimasto aperto per una breve cena.
Il resto della settimana scorre veloce tra tanto sole ( temperatura di giorno sui 28/30 gradi e a volte senza vento ), serate a chiacchierare sotto un cielo limpido stellato e guardando il deserto che mi regala una sensazione di pace che tanto desideravo.
[IMG]http://www.ilgiramondo.net/galleria-foto/data/5012/vista_deserto_dall_habiba.jpg[/IMG]
L’ultimo giorno arriva presto, per casualita’ e’ il 14 febbraio e di sera il villaggio e’ illuminato da cuori rossi cosi’ come il ristorante offre una romantica cena a lume di candela con addobbi all’interno tutto in cuori rosa e rossi e una rosa rossa offerta alle donne e cocktail in omaggio per tutti gli ospiti…….romanticismo al massimo!
E’ la mia ultima cena, appena finito inizia il viaggio di ritorno verso l’aeroporto e poi in Italia che avverra’ senza ritardi.
Come ultima considerazione desidero ringraziare le belle e piacevoli persone che hanno allietato la mia vacanza e soprattutto ringrazio l’Egitto che ancora una volta mi ha regalato una delle emozioni piu’ belle della mia vita.

Ma’a as -salàma Egitto.

Pin It
Tags:

Ci sono 13 commenti su “Una settimana da sola all’Habiba

  1. Mi è piaciuto il tuo diario!:ok: Poi ci sono un sacco di belle foto!
    Anche io mi son trovata bene con Eden in Mar Rosso, specie quella volta al Tamra! La prossima volta magari faccio una capatina all’ Habiba!:)

  2. Grazie ragazze, anche per me e’ ancora un’emozione unica ripensare ai bei momenti passati durante questa vacanza :serenata:
    @Shewolf…..il Tamra rimarra’ sempre nel mio cuore, se decidi la prossima volta per l’Habiba e’ un’ottima scelta :wink:

  3. Ciao Adele!
    Bel diario e belle foto.
    Hai dato proprio un’idea precisa di come sia il villaggio. Molto utile per chi intendesse andarci.
    Si vede davvero che l’Egitto ti e’ entrato nelle vene….sarai mica stata una Faraona nella tua precedente vita? O addirittura…Cleopatra???
    Un bacio:bacio:

  4. Grazie :ok: Ho letto il tuo diario che ha raccontato la vaccanza a Marsa Alam in ditaglio con pochi frese ! dal tuo diario ho visto grande buoncure la cosa non strano all popolo italino ma anche degli occhi vedono la cosa bella :bacio: , spero di ritorno egitto :please.per vedere al roba mancata come le oasi e Abu sinbol ,:rose:
    Amr Gad giuda italiana :ciao:

  5. mannaggia me lo ero perso :x e dirmelo no eh :wink:
    Ade mi ha riportato con la mente in quel meraviglioso paese che e’ L’Egitto cosi straordinario sotto il punto artistico e paesaggistico
    come si fa’ a non amarlo .:serenata:
    ciao :bacio:

Lascia un Commento

Commenta con Facebook