Seychelles… another world!

Pagine: 1 2 3

Il nostro viaggio inizia a settembre 2008, quando… abbiamo fatto scalo alle Seychelles di ritorno da Mauritius… Tutti dicono che queste isole siano così belle, mentre dal finestrino del mio Eurofly vedo solo mare nero, vento ed acqua… che amarezza. Bisogna vederle per giudicare. Sei mesi dopo, quando ci hanno detto che le nostre vacanze sarebbero state a ferragosto (mese svuotaportafoglio!!!) avevamo tanti sogni: Giamaica, o ancora Maldive o ancora Mauritius. Il Kenya ci attrae e ci respinge, ancora non è la nostra ora. Ma alla fine, scartati i Caraibi per ovvio rischio uragani, eccoci a marzo ad organizzare… le Seychelles insieme ad una coppia di amici. Ok, è deciso, ma facciamoci un po’ di conti… In un paio di giorni riesco a mettere insieme un po’ di idee ed a capire che queste isole da 3000€ a notte non sono solo fatte di lussuosi Resort, ma anche di piccoli hotels e guesthouses adatte anche a noi comuni mortali. Galeotto è stato il che con le sue immagini ha iniziato a portare in noi un po’ di aria di vacanza… Su tale sito si trovano tutte le informazioni di cui i viaggiatori fai-da-te come noi hanno bisogno: abbiamo appunto preso tutti gli indirizzi delle guesthouses, indipendentemente dal prezzo segnalato, ed abbiamo mandato email a raffica per trovare una sistemazione di nostro gradimento nelle tre isole principali: Mahè, Praslin e La Digue. Nel frattempo (aspettatevi tempi lentissimi per le risposte) abbiamo deciso che il periodo del viaggio sarà dal 7 al 17 agosto, ed abbiamo iniziato a cercare anche una aereo che ci portasse in quell’angolo sperduto di mondo. VOLI AEREI Visti i prezzi assolutamente inavvicinabili di AirSeychelles, Emirates, Qatar ed Eurofly dalle città del Nord-Italia, grazie al consiglio di alcuni giramondini, abbiamo deciso di partire da Londra: il biglietto che da Venezia a Mahè mi costava 1300€, da Londra mi costava meno della metà. Detto, fatto, su abbiamo bloccato l’aereo con la compagnia per 583€ a testa (assicurazione inclusa), scelto i posti vicini ai finestrini (le uscite d’emergenza non sono prenotabili) ed abbinato una buona assicurazione Mondial Assistance (acquistabile con 22€ in più a testa) contro l’annullamento, le spese mediche e la perdita/danneggiamento del bagaglio. In seguito abbiamo studiato la miglior soluzione possibile per arrivare a Londra e riuscire a far coincidere il tutto, ma alla fine abbiamo preferito fare una sosta di una notte sia all’andata che al ritorno nella “piccola” capitale inglese. Il volo Venezia-Londra Gatwick l’abbiamo prenotato con EasyJet, da prenotare con molto anticipo, più si avvicina la data di partenza e più il prezzo sale) per 52€ a testa, mentre il Londra Heathrow-Venezia con FlyBMI per 50€… Questo perché Qatar parte per le Seychelles da Gatwick, mentre ritorna dalle Seychelles su Heathrow… bel casino! PERNOTTAMENTI Le notti a Gatwick ed Heathrow le abbiamo trascorse nei piacevoli Hotels Ibis per soli 20€ a notte a testa in solo pernottamento. Trattati i prezzi delle guesthouses, e vista la poca disponibilità già a marzo per agosto, riusciamo a trovare un ottimo prezzo medio di 25€ a notte a testa in tutte le sistemazioni scelte, sempre in self-catering (che consiglio vivamente) e sempre in solo pernottamento. Faremo quindi: _ due notti/tre giorni a Praslin presso la guesthouse HIDE AWAY HOLIDAY APARTMENTS ad Anse Possession (email: [EMAIL=hideaway.seychelles@gmail.com]hideaway.seychelles@gmail.com[/EMAIL]; sito Internet anche ) _ due notti/tre giorni a La Digue presso la guesthouse VILLA MON REVE ad Anse Reunion (email: [EMAIL=vmonreve@hotmail.com]vmonreve@hotmail.com[/EMAIL]) _ tre notti/quattro giorni a Mahè presso la guesthouse ANSE SOLEIL RESORT ad Anse Soleil (email: [EMAIL=soleil@seychelles.net]soleil@seychelles.net[/EMAIL]; sito Internet anche qui) Le proprietarie delle nostre guesthouses sono molto gentili già per email, e non preoccupatevi se non rispondono subito, poiché non hanno Internet veloce e spesso nemmeno il PC per cui rispondono attraverso la connessione del cellulare. NOLEGGIO AUTO Dall’Italia decidiamo anche di prenotare l’auto sia a Praslin che a Mahè, e direi che non abbiamo fatto scelta migliore. Per Praslin abbiamo scelto Aventure Car Hire (email: [EMAIL=resa@aventure-carhire.com]resa@aventure-carhire.com[/EMAIL]) che ci ha proposto l’auto per 30€ al giorno con una franchigia di 1200€ in caso di gravi danni. Per Mahè abbiamo optato invece per la rinomata Tropicar (email: [EMAIL=tropicar@seychelles.net]tropicar@seychelles.net[/EMAIL]), che ci fa sempre 30€ al giorno, ma senza nessuna franchigia. Ottimo direi! TRAGHETTI Non ci rimaneva che scegliere come muoverci in mare… non volevamo prendere il dispendioso aeroplanino dell’AirSeychelles, quindi abbiamo scelto di prendere i traghetti, che hanno corse a tutte le ore e tutti i giorni. Per la tratta MAHE’-PRASLIN abbiamo prenotato il Praslin Express (email: [EMAIL=praslinexpress@email.sc]praslinexpress@email.sc[/EMAIL]) per il costo di 30€ a testa a tratta. Per la tratta PRASLIN-LA DIGUE abbiamo prenotato il Cat Rose’s (email: [EMAIL=iif@seychelles.net]iif@seychelles.net[/EMAIL] e per gli orari guardare il loro sito Internet) per il costo di 20€ a/r oppure 12€ a testa a tratta. Per la tratta PRASLIN-LA DIGUE abbiamo prenotato il Cat Cocos (email: [EMAIL=reservation@catcocos.com]reservation@catcocos.com[/EMAIL] e per gli orari guardare il loro sito Internet) per il costo di 42€ a persona a tratta. Abbiamo usato il Cat Cocos perchè il Praslin Express non effettua la corsa il giovedì, proprio quando noi dovevamo ritornare a Mahè. Consiglio di prenotarli tutti, anche perchè non si paga nessun anticipo e in caso non usufruiste della cosa prenotata, la prenotazione decade. Finita l’organizzazione della nostra settimana in paradiso, non rimaneva solo che attendere il 7 agosto che… finalmente è arrivato, ed una schiera inaspettata di giramondini (, , , , , e ) ci augura buon viaggio! 07 AGOSTO 2009 Preso comodamente l’EasyJet delle 19.30 da Venezia, ci godiamo la Laguna dall’alto e in meno di due orette arriviamo a Londra Gatwick!

Prenotiamo un taxi che per 11GPB totali ci porta in 5 minuti all’Ibis London Gatwick. Ci fanno accomodare nella hall e ci danno le tessere magnetiche per le stanze, già pagate tramite carta di credito dall’Italia (20€ circa a testa). Le camere sono belle, piccoline, ma moderne e comodissime, soprattutto il bagno, che una doccia bellissima e… caldissima. Tv al plasma, bollitore, the, caffè…
Scendiamo e ceniamo con un orrendissimo “meetball sandwich” (avete capito bene: il panino con le polpette!) che ci è costato 6GPB l’uno, e dopo poco ritorniamo in camera dove ci addormentiamo subito, l’indomani abbiamo l’aereo per… le Seychelles!!! 08 AGOSTO 2009 Ho fatto un salto alto tre metri sul letto quando è squillato il telefono ed il receptionist mi ha detto che era ora di svegliarsi… giustamente avevamo chiesto la sveglia, ma… ho perso 10 anni della mia vita!!! In poco meno di mezz’ora siamo nella colorata hall dell’Ibis ed il taxi ci ritira per il Terminal North di Gatwick e ci fa pagare sempre 11GPB totali per la corsa. All’entrata dell’aeroporto un gentilissimo addetto Qatar ci mette un’etichetta al bagaglio a mano ed in pochi minuti siamo già senza valige… ottimo! A Gatwick facciamo colazione da Costa con cappuccino e brioches, ed un ottimo succo di arancia in bottiglietta 100% arancia! Tra un negozio e l’altro il tempo passa veloce, e ci ritroviamo subito in coda seduti sull’aereo ad aspettare che i 10 aerei prima di noi decollino. Quanto traffico a Gatwick! Appena dopo il decollo sono già contenta di volare con Qatar e non con Eurofly (della quale però non ho nulla di negativo da dire): ci portano una caramella e con la pinzetta di danno un asciugamanino a testa, bianco ed umido, profumato e… caldo caldo! Come nei ristoranti cinesi a fine pasto! Ci danno anche un menu, dove c’è l’aperitivo fisso, un piatto unico a scelta tra tre portate, un dessert e poi formaggio, pane e tavoletta di cioccolato… nel corso del volo passano anche con bibite, the o caffè… Noi abbiamo preso il pollo con i funghi ed il purè… beh, devo dire: veramente buono!
Tra una partita di Tetris ed una a “Il rutto di Pumbaa e Timon”, dopo 7 ore arriviamo a Doha, nel Qatar, che è notte, dove sostiamo per 5 orette buone… Tralasciando i bagni che sono al limite della decenza, la Qatar ci offre un pasto (che anche questo… è al limite della decenza!) nonostante la nostra pancia sia ancora piena dato che in aereo ci hanno dato da mangiare come maialini all’ingrasso!
Non dobbiamo ritirare le nostre valige che vanno direttamente alle Seychelles, e così in poco tempo siamo già sull’Airbus A330-200 che ci porta a destinazione. Dopo 4 ore arriviamo a Mahè che è ancora buio… la mia voglia di godermi il panorama dall’alto svanisce… scendiamo dall’aereo e c’è caldo… umido… afoso!
Guardo il cellulare e… ormai è il 9 agosto! 09 AGOSTO 2009 Entriamo in patria seychellese dopo una breve ma lentissima coda al controllo passaporti. Timbro a forma di Coco de Mer per dirci “benvenuti alle Seychelles”! State attenti che vi compilino giuste le date di entrata ed uscita sul passaporto… Siamo all’aperto e finalmente il sole ci saluta. Sono le 7 del mattino ed il primo traghetto è alle 09.30… il cielo non prospetta bene, nonostante ci sia il sole. Dopo esser andati in bagno, esserci tolti i pantaloni della tuta ed esserci lavati i denti, decidiamo di cambiare i nostri primi 50€ all’aeroporto… il cambio è 1€=18rs. Crediamo di poter contrattare tanto con il tassista, invece ha tutta l’aria di non essere abituato a contrattare, e quindi vedendo che tutti i tassisti hanno lo stesso prezzo, per 20€ totali bagagli inclusi partiamo per il porto di Victoria. In circa 15 minuti siamo a destinazione e… non c’è nessuno tranne la giramondina (Grazia) e la sua allegra famigliola con cui condividiamo la parte iniziale del nostro viaggio. Facciamo il biglietto del Praslin Express (30€ a testa a tratta) ed alle 09.30 salpiamo con destinazione Praslin.
Dopo un’ora e un quarto di sballottamenti dove solo 5 persone sul traghetto non hanno vomitato, vediamo finalmente terra… come un marinaio dopo una nottata di tempesta scendiamo pallidi pallidi ed anche io che non ero mai stata male, non sono riuscita a trattenermi ed ho vomitato proprio all’arrivo a Praslin (avevo anche il Travelgum in bocca!!!)…
Bianchi come stracci (ci avevano detto che c’era mare mosso, ma mai avremmo pensato così!) ci siamo promessi di prendere il piccolo aeroplanino al ritorno, ma… guardando il cielo nero nero non so se stavano meglio gli aeroplanini lassù o noi in mare quaggiù… Aspettiamo mezz’ora la nostra macchina sul piccolo ma trafficatissimo jetty di Praslin. Incontriamo un signore sulla 60ina, italiano, che ci dice che è alle Seychelles da una settimana e che piove… “ecco”, mi dico io, “la maledizione di Mauritius dell’anno scorso ci perseguita anche qui alle Seychelles!”… Infatti, tempo due minuti e viene giù il diluvio universale; nel frattempo arriva anche la nostra auto noleggiata con Aventure Car Hire (30€ al giorno): una bellissima Daihatsu Sirion bianca con cambio automatico. Non potevamo chiedere di meglio. Dopo una ventina di minuti con i tergi all’impazzata, siamo riusciti ad arrivare ad Anse Possession, agli Hide Away Holiday Apartment, dove con la sua famiglia (ed una nostra valigia!) era già arrivata grazie al taxi!
Ci accoglie Patricia, la proprietaria, alla quale portiamo la moka Bialetti da 6 come richiesto e l’olio d’oliva… ci chiede dove abbiamo lasciato il Parmigiano, ma le spiego con calma e gentilezza che… è da due giorni che sono in viaggio, al caldo, come sarebbe arrivato? “No problem, no problem” mi risponde… e ci mancherebbe! Patricia è proprio gentile! Paghiamo l’intera somma di 200€ (25€ a testa a notte, solo pernottamento) per 4 persone per 2 notti, e Patricia ci mostra il nostro appartamento… è quello più vicino alla reception, grande salone con 3 letti singoli (che noi faremo diventare matrimoniali), poltrone di pelle nera, cucina con bancone, fornelli, grande frigo con freezer e tutto l’occorrente che si può trovare in un appartamento; poi c’è una porta in cucina che dà sul retro dove c’è un filo per stendere le cose bagnate; il bagno è molto bello… lavabo a coppa trasparente, lavatrice, box doccia e wc… è molto spazioso. Ed infine la stanza matrimoniale, con due letti matrimoniali… uno tutto in legno e l’altro… sono due lettini aggiunti… io e Fabio domiremo in questi ultimi, dal momento che il letto matrimoniale ha un materasso talmente duro che nemmeno la mia valigia vuole starci sopra! C’è il condizionatore e la cassaforte inclusi nel prezzo.
Dopo aver sondato il terreno, decidiamo di muoverci per trovare qualcosa da mangiare per pranzo… e qui iniziano le comiche. Decidiamo per il Cafè Oganibar a Baie St. Anne che fa take-away, ma lo troviamo chiuso. Allora ci fermiamo nel market vicino dove acquistiamo le bananine e la Sim AirTel con una ricarica aggiuntiva di 50rs per un costo totale di 100rs, bananine incluse. Anche il secondo take-away, Coco Rouge, è chiuso, quindi… decidiamo di andare alla Gelateria da Luca, sulla Cote D’Or… E’ pieno per sederci, e diluvia, così decidiamo di prendere una pizza take-away… ottimo inizio per assaggiare la cucina locale eh…! Se la fanno pagare… 7€ per una prosciutto e funghi, accettabile, anche se la pasta era decisamente cruda. Nulla da dire su tale Luca, di una “gentilezza ed accoglienza indescrivibile” che ricorderemo per tutta la vacanza… Bah! Ci gustiamo il nostro “primo tipico piatto creolo” seduti nel patio del nostro appartamento e, depressi perché fuori ha ricominciato a piovere… decidiamo di fare un pisolino. Il pomeriggio lo dedichiamo ad Anse Possession, che si trova proprio davanti agli Hide Away Holiday Apartments… carina da morire, piccolina e… veramente locale, non turistica come la Cote D’Or che, non so come mai, aveva colori splendidi ma era piena zeppa di alghe!
Tra un bagnetto e l’altro, cala il sole, lento lento, e decidiamo di chiedere a Patricia se ci cucina qualcosa per la cena. E’ domenica e sulla Cote D’Or è decisamente tutto chiuso tanto che non sembra nemmeno una zona turistica. Alle 20 arriva la nostra splendida cena, composta da: due red snapper enormi, pollo con verdure per me che non mangio pesce, zucca con cipolla, riso basmati, salsa rossa con cipolla per condire il basmati ed il pesce, mango con cipolla tagliato fine fine fine.
Che cenetta squisita… al “modico” costo di 12,50€ a testa… Animiamo la serata con una partitella a Cranium, gioco in scatola parecchio ingombrante ma che ha trovato posto in valigia e poi… diretti a letto, sperando che il giorno dopo il tempo sia clemente! 10 AGOSTO 2009 Il sole splende. Nulla da fare… splende e noi dopo una breve colazione con biscotti e succo di frutta portati da casa ci dirigiamo verso Anse Lazio. Anche Grazia con marito e prole verranno con noi, ma loro andranno in bus… Appena vedo la strada composta da sali-scendi per arrivarci penso a loro… anche questo, me l’avevano detto, ma non credevo né fosse così lunga, né così… a sali-scendi! Santa Sirion… Parcheggiamo l’auto vicino al ristorante Bon Bon Plume e ci dirigiamo verso l’estrema sinistra… è presto e non c’è nessuno. L’acqua ha un azzurro che non si può nemmeno descrivere ed i massi fanno da padroni. Chissà quanti anni hanno… e che enormi che sono!
Posiamo le nostre borse e ci tuffiamo, insieme ai bimbi di Grazia… alla fine siamo un po’ bimbi anche noi! Vicino ai massi c’è una bella barriera e parecchi pesci… enormi ricci di mare fanno capolino tra la barriera e sono… splendidi pure loro!
La sabbia poi… è impalpabile e mi ricorda quella delle Maldive. La mattinata scorre sotto il sole… e verso le 11.30 ritorniamo all’auto per andare a cercare… cibo. Devo ammettere che a Praslin è difficile trovarlo. Ci dirigiamo verso La Golue, ci sediamo al tavolo, ma dopo aver visto che per le “plain chips” (patatine fritte) vogliono quasi 10€, fingiamo di ricevere una telefonata in cui simuliamo che Matteo (il figlio di Grazia) s’è fatto male e ce ne andiamo. A pancia vuota. Ci fermiamo quindi al Coco Rouge, un ristorante take-away sulla Cote D’Or… compriamo il pasto anche per la cena, poiché con sole 45rs abbiamo una vaschetta piena zeppa di riso con pollo o pesce… Arriviamo a casa e gustiamo il nostro pasto in veranda… buonino… o meglio: il buon cibo è un’altra cosa… ma vabbè, no problem! Per il pomeriggio Patricia ci aveva programmato la gita a Curieuse e St. Pierre, straconsigliata sul forum… avevamo accordato per 25€ a testa mezza giornata con bibite e snack, inclusa la tassa di sbarco. Invece il cielo fa le bizze e la gita è saltata, e così chiediamo di andare ad Anse Georgette, ma bisogna fare tutto il giro dell’isola, Patricia non vuole annunciarci al Lemuria e poi abbiamo un’auto sola in 8. Torniamo ad Anse Lazio. In 8. Su una Sirion. Bimbi nel bagagliaio… che comiche! E così la Sirion ci porta ad Anse Lazio, dove però stavolta andiamo sull’estrema destra…
Ottimo snorkelling anche qui, ed onde dove bimbi (e non bimbi) si divertono come matti! Attenzione alle onde ed alla sabbia nel costume… noi ce la siamo portati a casa dato che era impossibile farla uscire… e vabbè! Arriva il tramonto, ce lo godiamo tutto, e ceniamo mangiando il resto del pranzo in veranda.
La sera, sempre in 8 (abbiamo fatto la moltiplicazione dei pani e dei pesci!) giochiamo a Cranium come 8 amici che si conoscono da sempre…e l’indomani ci dispiace lasciare Grazia e la sua famiglia perchè ci siamo proprio divertiti! Salutiamo anche Patricia, che ci regala dopo una bellissima chiacchierata, due posacenere in bamboo alti 40cm autografati da lei e dal marito Lailam (è cinese o vietnamita, non ho capito bene!) ed il pane in cassetta per la colazione… una gran signora, simpaticissima! Verso le 23 crolliamo a letto!

Pagine: 1 2 3

Pin It

Ci sono 29 commenti su “Seychelles… another world!

  1. Aahhaha!
    Beh, una Lonely proprio no, però… ci sono da dire due cose:
    1_ la Lonely non la acquisto mai perchè i diari di viaggio sono sperro più ricchi e “veri”.
    2_ mi piacciono i diari di viaggio con scritto tutto dettagliato, a partire dai prezzi ed i costi delle varie cose… sarà perchè io voglio sempre capire quanto posso spendere in vacanza :oops:!!!

    Cmq, grazie mille Shewolf :rose:!!!

  2. …e brava Ilaria! Complimenti! Sei stata “iperdettagliata” nel tuo diario! Altro che guida!
    Comunque hai proprio ragione: i Diari di Viaggio dei vacanzieri sono molto più validi delle varie guide che si trovano in commercio:ok:

  3. Sono felice Ilaria che tu sia rimasta soddisfatta del viaggio che hai fatto alle Seychelles e che hai preparato minuziosamente su questo forum :ok:
    Leggendolo ho rivissuto anche io la magnifica esperienza fatta su queste splendide isole la scorsa estate.
    Un diario così ricco e dettagliato, oltre ad essere un tuo ricordo personale, rappresenta una miniera di spunti per tutti coloro che vorranno intraprendere la stessa avventura, e ha un valore ben più prezioso di mille “guide turistiche” :)

  4. Complimenti Ilaria per il diario di viaggio e le foto,meglio di una guida turistica,super dettagliato e utilissimo a ogni nuovo giramondino che partirà per queste splendide isole!!!E invece a me hai fatto rivivere tanti bei ricordi,soprattutto a La Digue e a Villa mon Reve…fra l’altro la tua stanza è stata anche la mia,piccola,ma accogliente e con il letto decorato con gli ibiscus!!!

  5. alle Seychelles sono andata grazie a te, ed il destino ha voluto che… ci capitasse la stessa stanza… in pratica… abbiamo dormito nell stesso letto

    Grazie Ila:oops: :rose: sono contenta nel mio piccolo di esserti stata di aiuto per la tua bellissima vacanza e averti parlato del Mon reve…e cosa più importante che ti ci sei trovata bene anche tu!!!Anche se la nostra stanza era piccolina,ci rimarrà sempre nel cuore come La Digue…:)

  6. complimenti!!!
    innanzitutto perchè hai programmato benissimo il viaggio
    perchè avete fatto delle fotografie magnifiche
    perchè hai dettagliatamentespiegato ogni cosa…

    che voglia di Seychelles!
    basta non leggo più ituoi diari, già per “colpa” tua mi è venuto un attacco di Mauritius…acuto….!!!!! :ok:

  7. @monica19781,
    come potevo non raccontare tutto nei dettagli? E’ questo che serve ad un viaggiatore, soprattutto fai-da-te, che vuole organizzarsi il viaggio… tutto in piccolo e dettagliato!

    Cmq, ottima Mauritius, buone le Seychelles! Da vedere entrambe!!!

    Buone vacanze e… buona scelta!

  8. ilafabio wrote:
    @monica19781,
    come potevo non raccontare tutto nei dettagli? E’ questo che serve ad un viaggiatore, soprattutto fai-da-te, che vuole organizzarsi il viaggio… tutto in piccolo e dettagliato!

    Cmq, ottima Mauritius, buone le Seychelles! Da vedere entrambe!!!

    Buone vacanze e… buona scelta!

    l’unica “sfortuna” è avere le ferie solo ad agosto!! :x

  9. Complimenti Ila!!! Hai fatto un viaggio meraviglioso!!!
    Ho stampato il tuo diario (50 pagine…) e me lo tengo a disposizione perchè spero un giorno o l’altro di vivere le Seychelles come avete fatto voi!!!
    Davvero bravissima:rose:!!!!

  10. Ma perchè le foto di chi va alle Seychelles sembrano sempre finte???!!! Che sogno!
    Bellissimo diario e ben documentato da tante belle immagini, bravissima.
    Conto su di te per tanti consigli visto che questo è il mio prossimo “progetto” :ok:

Lascia un commento

Commenta con Facebook