Agosto in Quebec

Questa vacanza ci rimarrà nel cuore per sempre…

Siamo arrivati a Montreal via Parigi, e dopo aver trascorso una notte in albergo nella città, un po’ stanchi per via del viaggio e del fuso, abbiamo affittato una macchina e siamo partiti per il Lac Saint-Jean. Abbiamo percorso circa 500 km attraversando un paesaggio da cartolina: è stato un alternarsi di laghetti, fiumi e boschi graziosissimi, percorrendo strade deserte, per arrivare a questo lago che è veramente grandissimo, al punto che non se ne vedono le altre sponde.
Dopo esserci rifocillati con una squisita tourtiére, un piatto tipico a base di carne mista, patate e spezie, abbiamo trascorso una notte nello splendido B&B in riva al lago che abbiamo prenotato dall’Italia attraverso il sito:
http://www.gitescanada.com

Dopo una abbondante colazione siamo partiti alla volta del Fiordo di Saguenay, con tappa a La Baie e Rivière-Éternité, davvero suggestivo e sorprendente.
Per maggiori informazioni vedete il sito:
http://www.fjordsaguenay.com

Dopo aver costeggiato il fiordo abbiamo raggiunto la foce del fiume San Lorenzo, e abbiamo raggiunto Tadoussac, la città forse più turistica della zona, ma dove bisogna trascorre almeno un paio di giorni per scoprire le balene e il centro di interpretazione (CIMM), che vale veramente la pena di visitare:
http://www.gremm.org

Seduti su uno scoglio abbiamo assistito allo spettacolo meraviglioso di una megattera che mangiava a poche decine di metri da noi, per non parlare della gita con il gommone che ci ha portato proprio al centro dell’estuario dove, dopo aver visto balenottere, delfini e foche nuotare intorno a noi, abbiamo visto da più punti di vista la grossa balena. E’ stato un momento veramente emozionante, la balena era veramente a pochissimi metri da noi.
Col cuore pieno di questi ricordi, ci siamo messi in viaggio per la Gaspesie, dopo aver percoso una zona paludosa popolata da migliaia di uccelli fino a Baie Comeau, dopo ci siamo imbarcati sul battello per Matane.

…ed ecco a noi lo spettacolo della Gaspesie! Sapevamo che sarebbe stata la parte più bella del nostro viaggio, ma non avremmo mai pensato che fosse così bella!
Guardate qui:
http://www.tourisme-gaspesie.com/fr/index.asp

Abbiamo pernottato a Sainte-Ann-des-Monts, e abbiamo passato la notte in un B&B caldo e accogliente, in una stanza con una splendida vista sulla falesia, e da cui abbiamo osservato affascianati il variare delle maree sotto di noi e abbiamo passeggiato tra le alghe e i resti di granchi lasciati dalla bassa marea.
Abbiamo quindi trascorso una giornata sui monti Chic-Choc, dove abbiamo fatto incontri con simpatiche alci per strada e lungo uno dei tanti sentieri che è possibile percorrere all’interno del parco. La vegetazione è meravigliosa, ci sono scorci di paesaggi favolosi, e varie sono le possibilità di gite in canoa. Che spettacolo arrivare al Lac Cascapedia!
http://www.sepaq.com/Fr/index.cfm#1

Felici e soddisfatti, nonostante la pioggia di inizio giornata, abbiamo raggiunto Gaspé dopo aver percorso un tratto di strada spettacolare, dove abbiamo pernottato in un B&B veramente originale, La Maison Rose. Era ormai quasi una settimana che siamo in Canada, quindi revamo circa a metà della nostra vacanza, ed eravamo davvero contenti di aver scelto questa meta, anche se in Italia non è molto popolare.
E’ quindi la volta del Parc Du Forillon, dove abbiamo avvistato volpi e altri orsetti lavatori, ma soprattutto durante una gita in gommone abbiamo avvistato un balenottera che ci era talmente vicina da poterne individuare i fanoni e poi, più al largo, abbiamo visto una balena ben più grossa col cucciolo…che emozione, erano così appresso il gommone che ne vedevamo le narici!
http://www.pc.gc.ca/pn-np/qc/forillon/index_f.asp

Eravamo veramente su di giri, eccitati, e raggiunta Percé e siamo rimasti estesiati dallo spettacolo del rocher Percè e dell’isola Bonaventure!
Ci siamo sistemati magnificamente al Gite du Cap Blanc, e ci siamo preparati a trascorrere una nuova giornata ricca di emozioni. Durante la gita in barca che ci ha portato da Percè all’isola, abbiam avvistato migliaia di sule marine che riempiono il cielo schiamazzanti sopra le foche che con la bassa marea prendono il sole sugli scogli a pochi metri da noi!
Quindi siamo sbarcati sull’isola e al seguito di una guida del parco abbiamo scoperto i segreti di questo angolo di paradiso, per arrivare proprio sopra alla colonia di questi bellissimi uccelli. Quindi al risalire della marea abbiamo raggiunto la Baie de Marigots e audaci ci siamo buttati nelle gelide acque dell’oceano per avvicinare ancora di più le foche che sguazzavano indifferenti davanti alla spiaggia.
Sapere che esistono ancora posti del genere ci fa rasserenare ancnora oggi.
Da Percè siamo partiti quindi alla volta della Baie des Chaleur, Carleton per la precisione, ma prima siamo sostati al bioparc, un posto davvero interessante:
http://www.bioparc.ca/

La Baie des Chaleur è veramente un altro posto degno di nota, con le sue lagune e gli aironi:
http://www.carletonsurmer.com/
A Carleton abbiamo passeggiato sulla spiaggia al tramonto raccogliendo conchiglie, ma soprattutto, consigliati dalla gentile signora che ci ha ospitati alla Gite «La Mer la Montagne», ci siamo saziati di pesce divino!

Quindi abbiamo raggiunto Sainte Flavie, dove vi segnalo la Gîte à la Roseraie, nuovamente sul fiume San Lorenzo, dove abbiamo passeggiato tra le simpatiche bottegucce di artisti del villaggio.
Siamo quindi ripartiti alla volta del Parc du Bic, dove ahimè ci ha sorpreso il mal tempo, ma dopo aver ammirato circa 40 foche prendere il sole sugli scogli! Che posto incredibile!
Abbiamo poi raggiunto St-Andre-de-Kamouraska, (Gite Beaux-Lieux) dove abbiamo passeggiato a lungo sul fiume non appena è uscito nuovamente il sole (accidenti alle zanzare!). Ci siamo quindi preparati a lasciare la Gaspesie e il fiume San Lorenzo, al mattino seguente non avevamo neanche tanta voglia di parlare per pensare piuttosto alle immagini che ne portiamo nel cuore.

Abbiamo raggiunto Quebec città, dove abbiamo alloggiato presso Gîte du Fleuve e dove abbiamo trascorso due splendide giornate alla scoperta dei segreti della città, il canyon di sante Anne e dell’Ile d’Orleans.
http://www.quebecregion.com/f/tours.asp

La nostra vacanza (14 giorni, 3000 km circa) si è richiusa a Montreal, che per la verità non ci ha per nulla entusiasmato, ma comunque affascinante.
http://www.tourisme-montreal.org

E’ stata una bellissima esperienza, soprattutto si è rivelata ottima l’idea di dormire in queste Gite (o B&B) dove l’accoglienza è sempre stata calorisissima, ci siamo sentiti davvero a nostro agio, siamo stati consigliati con passione, abbiamo avuto modo di conoscere altri aspetti del Canada e parlare di noi. E’ stata una vacanza intensa, ma siamo pronti a rifarla, magari in autunno o in inverno!!!

PS In questo sito trovate delle foto bellissime:
http://www.ccdmd.qc.ca/quebec/

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook