Meraviglioso Marocco – Istruzioni per l’uso

Ciao a tutti, dal 7 al 15 settembre 2010 mi sono recato in viaggio in Marocco. In soli sette giorni ho visitato nell’ordine: Fez, Merzouga-Erg Chebbi, Valle e Gole del Dadès, Valle delle Mille Kasbah, Ourzazate, Ait Benhaddou, Ait Tamdaght, i cinema Studios, Marrakech. Si tratta di un giro “antiorario”.
Inutile soffermarmi sulla bellezza del Marocco, sulla suggestione e varietà dei luoghi visitati e dall’accoglienza della gente; lo hanno già fatto altri *SPAM?*. In questo diario vorrei dare solo qualche info a quanti hanno intenzione di svolgere lo stesso itinerario da me effettuato.

Italia-Marocco:
Ho raggiunto Fez via Milano Orio al Serio con voli Ryanair in partenza da Trapani. Sono ripartito da Marrakesh via Madrid verso Trapani sempre con Ryanair.

Fez:
Visita alle Concerie: Il momento migliore per visitarle è la mattina molto presto per evitare la presenza dei turisti dei gruppi organizzati.
Stazione dei Gran Taxi (vicino stazione CTM): Ottima base di partenza verso il sud, quando sui Bus Ctm o Supratours (come è capitato a me) non c’è posto verso Rissani o Merzouga. Per raggiungere Merzouga ho effettuato il seguente itinerario tutto in Gran Taxi: Fez, Midelt, Er Rachidia, Erfoud, Merzouga. Ho utilizzato in tutto 4 corse in Taxi, tre delle quali collettivo. E’ certamente più veloce del bus e s’impiega meno delle 10 ore previste in pullman.

Hassi Labied – Merzouga – Erg Chebbi:
Ottimo il soggiorno alla Kasbah Mohayut: Accogliente, pulito, ospitale. Connessione wi fi gratuita nella lobby. Ottimi colazione e cena (provate la Kalia, lo stufato tipico di questa zone del Marocco). Serio il proprietario Mohamed Mohamezan (parla l’italiano) che mi ha aiutato anche nell’organizzare l’escursione tra le dune e i villaggi berberi. Per una notte, trattamento di mezza pensione, ho pagato 35 Euro. Avevo a disposizione un’enorme e confortevole camera matrimoniale. Splendida la terrazza sotto un cielo stellato magnifico.
Escursione Erg Chebbi: Ho effettuato l’escursione il mattino seguente a partire dalle ore 8.30 mediante un fuoristrada 4×4. Durata dell’escursione, con autista-guida, 7 ore, costo 100 euro. Ero l’unico passeggero a bordo. Il titolare della Kasbah Mohayut ha organizzato il tutto. Visitati i villaggi berberi, il deserto Noir, ovviamente le Dune, i villaggi fantasma, etc. Molto interessante. Nel prezzo era incluso anche il trasporto alla fermata dei Bus di Erfoud. Alle ore 15 parte il Bus (mezzo in pessime condizioni) in direzione Est verso Ourzazate.

Valle e Gole del Dadès:

Base a Boumalne du Dadès: Avrei voluto soggiornare alla Kasbah Tizzarouine, ma era inspiegabilmente chiusa. Hotel Chems, decisamente decadente e caro per lo standard. Soggiorno di una notte all’Hotel El-Manader. Economico e ottimo rapporto qualità prezzo. Receptionist molto cordiali.
Cena al Restaurant Bougafer: Cena di media qualità, servizio veloce e cordiale.
Escursioni Valle e Gole del Dadès: Senza una guida che conosca i luoghi è impossibile da visitare vista l’assenza di cartelli segnaletici. Io ho effettuato una bella escursione della durata di 5-6 ore girando in lungo e largo la valle, attraversando gli orti, visitando i villaggi, la grande Gola e quella più piccola. In tantissimi punti è stato necessario guadare il fiume restando in ammollo dall’addome in giù. Indossare abbigliamento e calzare scarpe adeguate per praticare vero e proprio trekking. Esperienza suggestiva e di grande fascino. Eravamo in tre: costo della guida a testa, 200 MAD. Il nome della guida, un ragazzo di appena 20 anni, che oltre a parlare bene inglese e francese, è un ottimo conoscitore della Valle è Mouha (mouha_saghro@hotmail.fr). Io l’ho conosciuto per caso perché si è avvicinato proponendosi, ma chiedete di lui nei pressi della moschea.
Bus verso est – Skoura: I bus in questa direzione partono alle 18 (ottimo il pullman di Trans Ghazala) e alle 19.

Skoura & Valle delle Mille Kasbah

Soggiorno nella Kasbah Ait Abou: E’ una sistemazione molto spartana. Il bagno è in camera ed è dotato di acqua calda. Non aspettatevi grandi comfort, ma andateci se volete trascorrere un soggiorno immersi nella splendida palmarie. Io ero circondato dalla natura e mi risvegliavo con il canto degli uccelli. Per 18 euro compresi colazione e cena. Ne vale la pena, anche se dista 6 chilometri dal centro di Skoura. Sarebbe opportuno avere un’autovettura, ma io mi sono arrangiato lo stesso senza. Il titolare vi organizzerà il transfert da e per la Kasbah. Al mio arrivo l’ho raggiunta con un ciclomotore, poi sono andato via con il minibus del villaggio.
Escursione nella Valle delle Mille Kasbah: Attenzione. Anche in questo caso se non si dispone di una guida è impossibile conoscere a fondo la Valle delle Mille Kasbah e la Palmarie. Visiterete anche la Kasbah Amerdihl. Io mi sono affidato al bravo Najib Ouchair (email: [email]najibplus@hotmail.com[/email]) costo 220 MAD per oltre 8 ore d’itinerario in lungo e in largo nella valle, tra i villaggi berberi, le Kasbah in rovina e nel palmeto. Ci siamo spostati a bordo del suo ciclomotore. Un modo comodo e piacevole per scoprire la Valle. Najib parla il francese e un po’ d’inglese. Altra guida del posto è Lahlou Mohammad (e-mail: [email]medlcr@yahoo.fr[/email]). Parla anche un po’ d’italiano.

Ourzazate e dintorni

Visita di Ait Benhaddou – Ait Tamdaght – Cinema Studios: Fate base ad Ourzazate per la visita in giornata di queste tre attrazioni, per le quali l’unico modo, per me, è stato quello di noleggiare un taxi per 5 ore. Il costo è stato di 200 MAD. Vi ricordo che viaggiavo da solo e non è stato facile, visto il periodo, trovare altri viaggiatori con cui condividere quest’itinerario. Il taxi lo potete noleggiare dalla stazione dei Bus a lunga percorrenza che si trova a circa 1,5 chilometri dal centro di Ourzazate.
Visita di Ait Tamdaght: La Kasbah è molto più interessante, a mio avviso, di Ait Benhaddou. L’immobile, purtroppo, è in completa rovina. Il portone d’ingresso principale è stato murato. Per visitare il luogo rivolgetevi alla famiglia che vive nella parte sinistra della Kasbah. Per 10 MAD vi daranno la possibilità di accedere ai cortili e alle terrazze. Tutto sa di decadenza. Pensate che la famiglia che vi risiede ha utilizzato i preziosi salotti (poltrone e divani) che arredavano le stanze della casa padronale, come arredamento per la parte esterna della Kasbah. Una delle figlie sostiene che, comprando i prodotti tipici, si concorre alla ristrutturazione della Kasbah: secondo me è impossibile che con i piccoli proventi della vendita di boccette d’acqua di rose e saponi si possa restaurare un immobile così grande e purtroppo devastato dall’incuria. Merita in ogni caso il viaggio.
Bus verso nord-est – Marrakech: Da Ourzazate ci sono parecchi bus che vanno verso Marrakesh. Non tutti offrono viaggi confortevoli. Quelli migliori, vuol dire con aria condizionata, della CTM o Supratours hanno corse rispettivamente alle 21 e alle 13. Se avete fretta di partire ci sono altri bus, ma il servizio è più lento e si svolge a bordo di mezzi non proprio puliti. Io sono partito con un bus delle ore 14.00. E’ arrivato a Marrakech alle 19.00!!! Costo 70 MAD.

Marrakech:
soggiorno al Riad Losra: Ottima la posizione vicino la stazione dei Bus a lunga percorrenza e alla fermata dei grand taxi da e per l’aeroporto (15-20 minuti). Il Riad si trova all’interno della Medina, nella parte nord orientale: è una zona per nulla turistica, niente negozi di souvenir, no turisti dei viaggi organizzati. Vedrete solo la gente del posto e tante botteghe dove i marocchini si recano per i loro acquisti. Il centro, con la splendida Piazza Djemma el Fna, è a 20 minuti a piedi ed il tragitto da e per il Riad è veramente piacevole. Buona la colazione che mi hanno servito anche alle 5 del mattino, prima di recarmi in aeroporto. Connessione internet wi fi gratuita. Possibilità di noleggiare la bicicletta a 50 MAD per tutto il giorno: un’ottima idea per visitare la Medina! Io l’ho fatto godendomi così la città da una prospettiva a due ruote.
Ville Nouvelle: Io l’ho raggiunta in bici. Tantissimi i posti anche economici dove pranzare. Confermo la validità dei ristorantini siti lungo la BV Mohammed Zerktouni.
Cena in Rue Bani Marine – Medina: La strada è ricca di ristorantini davvero economici.
Cena bancarelle Djemma el Fna: Ottime le bancarelle N° 25 e 31. Si mangia molto bene, sono molto frequentate dalla gente del posto, lo confermano le code per l’attesa.

E’ tutto. Buon viaggio in Marocco, Salvo.

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook