Zanzibar : il sogno diventa realtà

Ed ecccomi tornata fresca fresca (o meglio calda calda) da Zanzibar …
Partenza Lunedi 24/01 da Milano Malpensa… Mentre siamo in coda per farci consegnare i documenti di viaggio facciamo tre terribili scoperte: è cambiato il vettore aereo, partiremo in ritardo di 2 ore e come chicca finale faremo uno scalo tecnico a Cipro (in quanto il nuovo vettore è Cypro Airlines) …
Il viaggio in aereo va comunque bene.. gli spazi tra i sedili non sono cosi stretti e il cibo non è malvagio ….
Arrivo a Zanzibar alle 15:30 .. che emozione quando le porte si aprono e troviamo 30° ad aspettarci!!! Fantastico.
Dopo aver ritirato i bagagli (senza nessuna richiesta di mance e molto velocemente) andiamo nel banco del Tour operator per scoprire quale destinazione ci avessero preparato (avevamo acquistato il pacchetto Roulette) e li con mia grande gioia scopro che la nostra casa per questa settimana sarà il Chwaka!! Lo so le opinioni in internet sono molto contrastanti ma il mio desiderio era di capitare in una struttura piccola e il Chwaka sembrava l’ideale.
Montiamo nel pulmino e dopo circa 1 ora di strada (che consiglio vivamente di gustarsi ammirando tutto cio che scorrerà davanti ai Vostri occhi) arriviamo a destinazione.
All’arrivo troviamo ad attenderci tutto lo staff del hotel con il buon cocktail di benvenuto.
Ci distribuiscono velocemente le camere e ci danno appuntamento dopo 1 ora per il briefing.
La camera del Chwaka sono molto semplici ma sicuramente pulite! A disposizione troviamo un frigo e ovviamente l’aria condizionata!
Disfiamo le valigie, ci diamo una rinfrescata e andiamo alla riunione informativa.
Li scopriamo un po di informazioni utili:
– avremo a disposizione 2 soft drink a testa a pranzo e a cena
– alle 17:00 verrà servito il the con i pasticcini
– dalle 19:00 un succo con degli snack come aperitivo
– La navetta per la spiaggia del Paradise è alle 09:30 circa e il ritorno sulle 16:30
– La cassaforte non c’è in stanza ma è possibile lasciare in custodia i propri valori al responsabile della struttura che ha una cassaforte comune (vi verrà fornita una busta con il numero di stanza e un lucchetto in cui inserire le Vostre cose)
– Ci spiegano velocemente le varie escursioni possibili e mettono in guardia sui Beach Boy (ma io consiglio di farle con i loro)
Dopo la riunione facciamo conoscenza con qualche nuovo arrivato come noi e andiamo verso il ristorante.
Il cibo al Chwaka è buono, certo che volendo fare un analisi obbiettiva diciamo che è molto ripetitivo, non c’è molto pesce e se arrivi a cena tardi rischi di non trovare il dolce e la frutta (le uniche cose che non vengono rimpiazzate se finiscono) ma alla fine credo (o meglio spero) che una persona non vada in ferie a Zanzibar per il cibo!
La sera in hotel non c’è molto da fare, il ragazzo dell’animazione è da solo e i mezzi che a disposizione non sono molti (1 microfono, 1 cassa e 1 pc). Cmq tra le varie serate proposte e molto bella quella con gli acrobati e simpatica quella con i canti/balli masai ( ma che poi non sono veri Masai.. quelli li il leone non sanno neppure cos’è!!!)

La sera appena cominci a conoscere qualcuno passerà in tranquillità, tra una partita a carte e due chiacchere…
Certe sere cmq in spiaggia verso sinistra i Becah Boy organizzano serate con il falò e loro balli…. è sicuramente affascinante vedere come si divertono!
Una menzione speciale va fatta ad un ristorante di un zanzibarino che si fa chiamare Gucci. Il suo “ ristorante” è in spiaggia verso sinistra… la prenotazione va fatta alla mattina per la sera o il giorno prima perché compra il pesce fresco e nella giusta quantità.
Con 25 dollari o 20 euro si mangia : riso con salsa di cocco (eccezionale), calamari fritti, piovra alla griglia, 1 aragosta a testa, 1 gigantesca cicale di mare a testa e granchio! Per finire frutta e caffe… Ragazzi ne vale assolutamente la pena.. noi siamo andati piu volte!!!
La spiaggia del villaggio non è assolutamente balenabile è percio che l’hotel mette a disposizione Paradise Becah : si arriva con circa 30/40 minuti di barca… c’è chi si è lamentato ma secondo me è affascinate prendere la barca e affrontare l’attraversata! La spiaggia del Paradise è attrezzata con lettini e zone d’ombra con una zona riservata al ristorante. L’acqua è sempre calda e di colori magnifici.. certo si trovano parecchie alghe ma non preoccupatevi non sanno puzza… e secondo il mio modesto parere fanno parte di Zanzibar, della loro cultura… infatti le alghe vengono coltivate per poi essere vendute al mercato cinese /indiano … potrete notare spesso donne zanzibarine che raccolgono le alghe per poi portare nel villaggio a essiccare…
La spiaggia risente anch’essa delle maree ma un punto dove immergersi lo si trova sempre… e cmq le maree creano dei paesaggi ogni volta diversi e non potrete che rimanere incanti!
Spesso al ritorno dalla spiaggia del Paradise le maree non permettono alla barca di arrivare alla spiggia del villaggio e vi porteranno nella spiaggia del Villaggio dei pescatori. Li troverete un sacco di bimbi che vorranno penne per le scuola, troverete i beach boy che vorranno vedervi le escusioni e anche altri zanzibarini che vi cercheranno di vendere di tutto dalla frutta alle sigarette, dai portachiavi in ebano alle conchighie ( E’ VIETATO IMPORTARLE IN ITALIA!)
Da li prenderete un DALLA DALLA ( il loro bus tipico) riservato dall’hotel che in 5 minuti vi porterà a casa.
Escursioni : noi ci siamo affidati ai beach Boy. In quella zona sono tutti una cooperativa : Materazzi , Sindaco, Massa, Totti, Gerry Scotti …. Sono tutti affidabili e simpaticissimi.
Come escursioni noi abbiamo fatto:
– Stone Town + spaggie Kendwa e nungwi ( molte belle ma secondo me troppo affollate.. sembrava di essere a Rimini)
– Prison Island e Nakupenda: non voglio anticiparvi niente ma solo dirvi che dovete obbligatoriamente farla.
Altre escursioni possibili erano lo Spice Tour (mi sarebbe piaciuto ma nessuno voleva farlo) la foresta di Jazani (ma al Chwaka a tramonto vedi le scimmiotte) il Dolphin Tour(ma leggendo i vari commenti provavo troppa pena per sti delfini accerchiati dalle barche) e Safari Blue (anche questo secondo me meritava ma purtroppo con una settimana sola bisogna scegliere…)
E cosi una settimana passa velocemente e arriviamo al giorno della partenza: in aeroporto nessuna richiesta di mancia, l’aereo questa volta è puntuale e il vettore aereo è quello corretto. L’unico attimo di panico è quando siamo verso Firenze che il comandante ci avverte che a Milano c’è molta nebbia e rischiamo di atterrare a Torino…. Per fortuna invece siamo riusciti ad atterrare a Malpensa!
Ragazzi che dire? Zanzibar è un isola da sogno, dove ogni attimo va gustato al meglio con POLE POLE (calma calma) … io la consiglierei vivamente e consiglierei sicuramente il Chwaka tutti tranne a persone schizzinose (che controllano se i piatti sono sbeccati, che sbuffano se ogni tanto salta la luce, se innorriscono ad avere un piccolo geko in camera…)
Un ultimo consiglio per chi alloggerà al Chwaka: gli acquisti non fateli dai Masai che hanno dei prezzi esagerati e non trattano molto ma a Stone Town.
Per tutti quelli che andranno in Zanzibar: ricordatevi di trattare sempre per ogni acquisto (fino all’esaurimento), portate materiale scolastico per i bimbi, e SORRIDETE SIETE A ZANZIBAR!

Pin It
Tags:

Ci sono 8 commenti su “Zanzibar : il sogno diventa realtà

  1. brava !è con questo sporito che si va zanzibar!ci si immerge in un’altra realtà,e per quel che mi riguarda,mi ci sono a bituata all’istante!il difficile è tornare qui e riabituarsi ai nostri ritmi.la più grande comodità che si possa desiderare è una spiaggia bianca e un mare da sogno come quello di zanzibar!ciao ;-)

  2. è si si era rotto l’aereo.i miei amici erano sul volo che doveva ripartire da zanzibar il martedì….
    comunque hanno fatto 1/2 giornata in + di mare.poi trasferiti a mombasa.hanno passato la notte li….ripartiti in ritardo.scalo a cipro………..sono arrivati in italia 2 ore prima di noi che siamo partiti il mercoledì:shock:

    comunque bella Unguja è?!:ok:

  3. Grazie a tutti!

    Gli incovenienti fanno parte del viaggio e una persona non può farsi subito il sangue amaro per 3 ore di ritardo … stai partendo!!!!

    Allora quelli che tornavano quel martedi sono stati super fortunati!!!:cool:

    le foto le pubblicherò il prima possibile.

Lascia un commento

Commenta con Facebook