Kenya 2011 (malindi)

Finalmente il 24 gennaio si parte per una vacanza all’insegna del relax, destinazione kenya.

L’inizio di questa vacanza è abbastanza traumatico arrivati a Milano partenza alle 00.35 ci viene comunicato che l’aereo ha avuto un problema e invece di volare con meridiana ci fanno volare con una compagnia cipriota, ma il vero problema è che il viaggio dovrà fare 3 scali uno a cipro per fare rifornimento (quasi 2 ore di attesa dentro all’aereo) poi stessa cosa a Zanzibar ma non per rifornimento ma per far sbarcare i passeggeri che andavano li poi finalmente si parte per Mombasa!!!! totale ore di viaggio circa 12 (ma va bene è l’inizio e bisogna essere ottimisti, infatti il resto della vacanza procede bene).

Fatto la solita procedura, visto di ingresso ritiro bagagli ci dirigiamo al pulman che ci ha portato al nostro villaggio, il Lowford’s in sul mare ma in centro a Malindi, quasi divideva in due la città in 2 la parte destra quella più turistica e ricca la parte sinistra abitata dalla gente del posto piu bella e vera.

La vera vacanza inizia il 26 gennaio, incominciamo ad apprezzare il villaggio, molto curato il giardino, bella la sala dove si mangia, ottimo il cibo, tutto pulito, camere enormi, balconi altrettanto, tutto sempre in ordine. La spiaggia è molto caratteristica, con dune e cespugli, bella grande e abbastanza deserta, cosa chiedere di più, forse un bel mare, è stato sempre abbastanza mosso e non proprio cristallino, ma nulla di insopportabile. Tutta la prima giornata la passiamo tra mare, sole, mangiare, e riposarci… con gli immancabili colloqui con i beach boy per organizzare tutte le escursioni che ci interessavano.

Il 27 gennaio ci si sveglia presto per la ottima colazione e ci siamo organizzati la sera prima con altri ragazzi per andare in taxi alla alla bella spiaggia di watamu, infatti dopo circa 15/20 minuti di macchina arriviamo e il paesaggio è quello che ci si aspettava sabbia bianca, mare cristallino, palme e un bel sole che rallegra tutto :) Qui passiamo tutta la giornata tra mare, sole e bagni….

Il 28 è un’altra giornata tranquilla passata al in hotel, con gli ultimi accordi per il safari della mattina successiva e con qualche giro alla sera per la città ma poi tutti a letto perché la giornata sucessiva prevedeva la sveglia alle 4 con meta il parco nazionale, per vedere tanti animali…

Finalmente arriva anche il giorno 29 e si parte per una delle giornate più dure di tutta la vacanza, ma forse anche quella che ci ha riservato le emozioni più grandi… Come detto la partenza è alle 4, un po stravolti e molto assonati saliamo sulla jeep e si parte… Dopo circa 3 ore di viaggi in mezzo al nulla incominciamo a vedere i primi animali, elefanti, giraffe, scimmie, zebre, una gran bella emozioni, abbiamo girato per tutta la giornata in jeep tranne una breve sosta per mangiare e rigenerarsi… Sinceramente ero un po titubante sul safari ma mi sono ricreduto, non sarebbe stata la stessa vacanza senza questa bellissima esperienza.

Il giorno 30 gennaio lo passiamo meritatamente in hotel godendoci tutte le comodità e prendendo tanto sole, girando per bancarelle e cominciando a pensare a qualche regalo da portare in Italia. Come abitudine prima di un’altra escursione prima di andare a mangiare, ci fermiamo un po con i beach boy per chiedere le ultime informazioni su cosa prendere, a che ora trovarsi, per andare a fare il blu safari…

Il 31 gennaio, che è anche l’ultimo giorno di vacanza prima del viaggio di ritorno per l’Italia, presto per fare una pre-gita, una passeggiata con le bici all’alba con metà la foce del fiume che si trova a qualche km dal nostro hotel. Io e altri 2 ragazzi riceviamo 3 bici da dei beach boy e alle prime luci dell’alba partiamo per vedere questo fiume e per fare una cosa insolita ma bellissima, non è facile descrivere quello che abbiamo provato, in tre senza nessuno per km in completa libertà, con il sole che sorgeva e che quasi ci indicava la strada, una spiaggia intera e selvaggia a nostra disposizione…

Arrivati alla foce lo spettacolo davanti a noi è migliorato ancora, sembrava di essere entrati dentro ad un documentario, pescatori che con le loro reti pescavano il pesce, fenicotteri rosa che mangiavano, e tantissimi altri uccelli che giravano e si procuravano il cibo… purtroppo questo bel ‘sogno’ è durato poco, si doveva tornare indietro perchè alle 9.00 si partiva con il resto del gruppo per andare a fare il famoso safari blu…Arrivati in hotel felicissimi e contentissimi di ciò che abbiamo fatto, ma anche un po provati, ci siamo buttati in piscina per riprenderci, una colazione abbondante e via per la nuova avventura :). Per arrivare al parco naturale di Malindi, che distava poche decine di minuti, ci siamo fatti portare dai famosi tuc-tuc che non sono altro che i nostri ape con tre posti dietro per i passeggeri… Lo spettacolo che ci attende non è niente male, ancora una volta acqua cristallina e sole.

La giornata è articolata cosi, ci caricano su una barca che ci porta a fare snorkeling, i pesci ci sono ma il mare non è quello della Maldive ma la cosa è interessante ugualmente, poi ci portano all’isola che non c’è dove si mangia, si fanno foto ad un mare dai mille colori, e si prende il sole. Mangiamo pesce e frutta buonissima cotta in mezzo all’isola mentre la marea sale inesorabile e ricopre tutto.
Finito il pranzo ci si dirige su un’ altra bellissima spiaggia dove ci mettiamo a prendere ancora tanto sole e si va la spola con il mare per rinfrescarsi un po… Purtroppo anche l’ultima gita finisce ma la giornata ci riserva ancora una bella emozione avvistiamo una bellissima tartaruga marina che ci fa finire la vacanza con un sorriso in più…

Il risveglio del primo di febbraio è bello ma un po amaro, ci si deve preparare per il rientro in Italia, tutto ok questa volta il volo da Mombasa a Milano non ha ritardi ne cambi di rotta….

Pin It
Tags:

Ci sono 6 commenti su “Kenya 2011 (malindi)

  1. :serenata:…che bello ripensare un po al Kenya in questa fredda giornata….:???:…
    le tue foto sono strepitose….la mia preferita è quella con il pescatore…e anche quelle della spiaggia di malindi…bella, selvaggia….con le dune e soprattutto…deserta!!!
    complimenti !

Lascia un commento

Commenta con Facebook