Diario-Guida di Scozia 2004


SCOZIA 2004: costretti a pinte e salmone

Ciao a tutti,

come di consueto pubblichiamo l’ennesima “creatura”… un diario-guida per programmare la vostra vacanza in Scozia, scorrazzando in auto nei posti più impensabili, a meno che il tempo lo permetta!

ricordatevi:
“You get all four seasons there in hour”

Se volete consultare tutte le foto:
http://www.wearecoming.com/modules.php?name=Album&file=kat&kateg=VIAGGI_scotland&sort=1

se volete scaricare la versione integrale:
http://www.wearecoming.com/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=28

DIARIO DI VIAGGIO E GUIDA DI SCOZIA 2004

Scritto da Emiliano Marelli

Dedicato alla mia gattona “Pioggia”

PREFAZIONE
Con l’incalzare dei prezzi dopo l’atteso e osannato arrivo dell’€uro, poter permettersi una vacanza sta diventando sempre più un lusso.
Ma siamo italiani, lavoriamo sodo per 8 mesi per pagare le tasse e un periodo di riposo nella propria ambita meta ce lo meritiamo davvero!
Dove? Beh, questo dipende un po’ dalle aspettative e dalle abitudini!
Il vero relax di una vacanza è combinazione di tante variabili, un po’ come il tempo in Scozia.
Sognate la Scozia? Bene, ecco a Voi un racconto di viaggio che, come un camaleonte, si tramuta in guida per la vacanza in Scozia a 80 €uro al giorno, tutto compreso!
RINGRAZIAMENTI
A Laura che mi ha accompagnato “volentieri” in questa avventura, alla Hertz per averci consegnato una Focus al posto della Fiesta, ad Aurelio e Sara per averci fatto compagnia nella bella serata di Rosemarkie, a Leandro di http://www.xxx.xx per il dettagliatissimo diario guida che mi sono portato….
Un saluto a tutti quelli che non hanno potuto…prender parte a questa bella vacanza!
Un tributo alla mia pazienza ed al lavoro qui svolto.
10 giorni di vacanza e…
– 408 revisioni
– 2640 minuti di lavorazione
– 80 € al giorno
– 100 miglia al giorno
– 300 gr. di salmone al giorno
– 5 pagine di diario al giorno (con alcune foto illustrative)
– 1500 parole di diario al giorno
– 8000 caratteri di diario al giorno

INDICE

ORGANIZZAZIONE DEL VIAGGIO
TRASPORTI
ALLOGGIO
EQUIPAGGIAMENTO
PERCORSO

9 Agosto 2004 IL GATTO NERO
10 Agosto 2004 THE BLACK CAT CITY: GLASGOW
11 Agosto 2004 IL GIOCO DELL’OCA
12 Agosto 2004 NESSIE vs DOLPHINS 0-6
13 Agosto 2004 AURELIO E SARA: GUARDA CHI SI RIVEDE!
14 Agosto 2004 LA METROPOLI DI TENDE
15 Agosto 2004 BEAUTIFUL CITY CI ATTENDE
16 Agosto 2004 WONDERFUL EDIMBURGH
17 Agosto 2004 PIPER BOY COLLECTION
18 Agosto 2004 IL CIELO INDICA LA STRADA MAESTRA
19 Agosto 2004 CON FARE… PARTI CON RYANAIR E SEI A CASA

ORGANIZZAZIONE DEL VIAGGIO

TRASPORTI
La Scozia è raggiungibile in diversi modi:
· Treno, ma il viaggio richiede troppo tempo ed il costo è piuttosto alto
· Auto propria, con stress da traffico per un percorso di km
· Auto noleggiata, lo stesso della precedente, con il peso monetario del noleggio!
· Aereo
· Autostop… smaterializzazione…espulsione dal proprio Stato…

Abbiamo scelto l’aereo, mezzo comodo per basso tempo di percorrenza e tariffe competitive, soprattutto parlando di Compagnie low-cost.
A febbraio abbiamo prenotato con Ryanair la tratta Milano Bergamo (Orio al Serio) – Glasgow Prestwick a 86 € andata e ritorno, comprese le tasse aeroportuali!; per problemi vari, a Luglio abbiamo accorciato la vacanza da 15 a 10 giorni, arrivando a spendere così in totale 150€ a testa.
Questa tratta, come anche Stoccolma, sono state introdotte dal 2004.

Abbastanza curioso, nel catalogo GIFT a bordo, che i modellini deglia erei Ryanair possano costare quasi come un volo….

Attenzione al carico che portare a bordo (7kg) o in stiva (15kg)!
Al ritorno abbiamo assistito al pessimo “MISTAKE” della storia: per un sovraccarico di peso in stiva, l’indomita coppia di italiani davanti a noi a pagare l’equivalente di 11 kg in sterlina sonante; lascio a voi il calcolo…senz’altro più del costo del biglietto!
Un paio di consigli:
– all’andata il check-in in Italia non vi farà tante storie: bontà genuina italiana, casualità o tattica di BUSINESS? Attenzione! Che pagherete le conseguenze al ritorno, a suon di POUND!
– Pesate i bagagli in stiva a casa: che siano entro il limite previsto! Vi consiglio di sovraccaricare il bagaglio a mano, distribuendo gli oggetti in sacchetti asportabili: al check-in farete trovare un fantastico bagaglio a mano di 7kg!! …. E “nasconderete” il resto… sul carrello… in qualche angolo dell’aeroporto… ai passeggeri seguenti… fate voi!!

Come muoversi in Scozia?

Utilizzare le Ferrovie Scozzesi (http://www.scotrail.co.uk) non è il metodo più comodo e neanche il più conveniente: avete sempre il carico dei bagagli (ne so qualcosa dell’anno passato!), siete succubi anche degli altri mezzi pubblici, ci sono orari e rotte da rispettare ed il posto non è assicurato!

Noleggiare un’auto, invece, ha un prezzo contenuto e permette di raggiungere qualsiasi metà sia localizzata sulla cartina ed abbia un sentiero percorribile…
Con la Hertz, attraverso la partnership con Ryanair, offre buone tariffe: per un’auto classe B (una ford fiesta per intenderci) chiede 392 € per 15 gioni e 249 € per 10 giorni; nelle tariffe sono compresi chilometri illimitati, protezione furto, tasse e oneri vari ed una franchigia a 500 £ (750 € circa) in caso di danneggiamenti all’auto.
Ci sono poi una serie di optional: eliminazione della franchigia a 11 £ al giorno, possibilità di 2° guidatore a 8 £ al giorno, rifornimento del carburante a tariffa vantaggiosa (al posto di riportare l’auto col pieno… vi dirò poi un trucco…), protezione infortuni personali, supplementi per la consegna dell’auto in altre località diverse da quelle prefissate.
Prima della consegna delle chiavi vi verrà chiesto di verificare i danni dell’auto, confrontandoli con quelli conosciuti e identificati sul modulo giallo “pre-post rental damage report”; il vostro compito sarà di controllare bene l’auto e segnalare al posteggiatore eventuali danni aggiuntivi.

La benzina (unleaded) costa tra i 0,80 e 0,85 £ al gallone.
Rispetto all’Italia? Fate voi… trasformando sterline e galloni…

I distributori più convenienti sono Safeway, poi Esso, Q8 ed infine Shell.

TAXI
Lo sappiamo tutti che non sono il mezzo più conveniente, ma a volte è necessario preferire questa comodità. Ecco i prezzi medi se vi trovate un po’ in confusione con i mezzi locali:

ALLOGGIO
La Scozia offre diverse opportunità di pernottamento:
· Hotel, alla portata di chi ha un alto budget da spendere
· Campeggi, con possibilità di alloggiare nella vs tenda, nel vs caravan o di affittare quelli presenti nel campeggio
· Guest House e Bed&Breakfast (B&B)
· Ostelli

Per risparmiare abbiamo combattutto contro le interperie e dormito sempre in campeggio!
Il campeggio, mediamente per 2 persone, 1 tenda ed un’auto (quella noleggiata!) si aggira dalle 8£ alle 20£, a seconda del luogo principalmente e dalla categoria assegnata dallo Scottish Tourism Board; se non avete l’auto vi costa il 20-30% in meno.
Le altre strutture, a parte gli hotel ed alcune camere affittate, ragionano per prezzi a persona; i prezzi sono maggiori, anche di 30 £ in più a persona!
Gli hotel sono costosi, soprattutto quelli appartenenti alle grandi catene mondiali (Hilton, Sheraton, …)

EQUIPAGGIAMENTO
L’attrezzatura è diretta conseguenza dei trasporti e dell’alloggio: i primi impongono limiti di dimensioni e di peso del bagaglio, che, senza un mezzo di trasporto proprio, vi dovete scarrozzare a mò di proseguimento della vs spina dorsale! L’alloggio, invece, modifica la tipologia e la quantità del vs bagaglio.

Per alloggio
Avendo scelto di pernottare in tenda, è necessario possederne una!
La nostra è una Bertoni (http://www.bertoni.it) Giglio 3, impermeabile, con cuciture termosaldate, 3 posti, con veranda esterna che offre 2 m² di spazio esterno protetto.

Possedere una dozzina di picchetti resistenti (0,5 cm diametro a 2,5€ per 5 picchetti) garantisce l’ancoraggio perfetto della tenda, soprattutto nelle zone esposte al vento (isole, Scozia del nord e località marine); un fylo in nylon di 5 metri può servire ad un ancoraggio migliore, oppure a stendere i propri panni, insomma, è utile!

E’ consigliabile un telo impermeabile da porre sotto la base della tenda per diminuire isolarsi meglio dall’umidità (circa 10 €).

Al posto del materassino gonfiabile di buona qualità (dai 20 € in su), pesante ed ingombrante, ci siamo arrangiati con delle stuoie in gomma (4-6 €), ma non attutiscono granchè la durezza del terreno, seppur morbida erba scozzese…
Sarebbe consigliabile portare una sdraio-lettino, magari con struttura in alluminio…ma il prezzo sale!

Da non sottovalutare è la scelta del sacco a pelo: in Scozia l’escursione termica tra giorno e notte può essere notevole, quindi il freddo diventa un pericolo serio!
Noi abbiamo scelto un sacco a pelo al 90% in piumino e 10% in piuma a densità di 150 gr/m, 650 grammi di peso, con una temperatura limite a –5° (59€), in modo di rimanere tranquilli… se non ne possedete uno già con queste qualità portatevi delle coperte in pile, leggere e calde, o cambiatelo!

Se avete la possibilità di infilare in valigia un cuscino (il Tek ce ne ha creati 2 da 50cm per 30cm) vi garantirete sonni più comodi!

Per la luce notturna o d’emergenza abbiamo sfruttato una lampada multi funzione (neon, luce diretta, lampeggiante), dotata di ricaricabatterie per auto e con batterie ricaricabili (4 da 1,5 V formato C); per la verità, le pile ricaricabili costano un occhio della testa (8€ da 1700 mA, non suffici

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook