Minorca, l’isola dai paesaggi mozzafiato!

Dal momento che i vari diari di viaggio degli altri giramondini mi sono stati utilissimi per visitare quest’isola, ho deciso che anch’io devo contribuire !
Innanzitutto…Minorca è stato il mio viaggio post-laurea: avevo ancora l’adrenalina in corpo di quel fantastico giorno (avvenuto 7 giorni prima!) e volevo solo rilassarmi !
Minorca è un’isola fantastica, completamente immersa nella natura.
E’ infatti riserva della biosfera mondiale e perciò c’è soltanto un’unica grande strada in tutta l’isola e varie stradine secondarie.
Le abitazioni sono molto poche, i grandi alberghi sono solo nelle località più turistiche in riva al mare.
Per gli amanti della natura questo posto è il massimo!!!
Abbiamo prenotato il volo poco prima, a fine giugno, e pensavo costasse tantissimo, essendo alta stagione..e invece è costato in 2 andata e ritorno 300 euro !
L’albergo invece ho deciso di prenotarlo in centro all’isola, a 20 km da Ciutadella, perchè avevo intenzione con la macchina di girare ogni giorno posti diversi !
Infatti si è rivelato un punto strategico da cui partire per girare l’isola.
Si trovava a Es Mercadal, un graziosissimo paesino ai piedi del Monte Toro, davvero comodissimo !
Abbiamo speso anche qui 300 euro in due, le camere erano grandi, il bagno anche e c’era addirittura la piscina con l’idromassaggio e sauna!
Personalmente credo che prenotare un villaggio sia un po’ sprecato perchè non ci si starebbe mai e in più bisognerebbe sottostare agli orari di colazione, pranzo e cena, cosa assolutamente impossibile se si vuole vivere appieno l’isola! Noi stavamo anche fino alle 9 di sera nelle spiagge!!
19 luglio.
Partenza a mezzogiorno da Malpensa per Mahon.
Il volo è durato circa un’ora e mezza. Arrivati all’aeroporto abbiamo visto un po’ tristi che c’era brutto tempo.. non ci hanno nemmeno controllato i passaporti e abbiamo subito preso le valigie: prima dell’uscita c’è un box informazioni in cui una ragazza gentilissima ci ha fornito gratuitamente cartine e depliant !
Ci ha detto che pullman prendere per andare a Es Mercadal, così ci siamo saliti subito.
Il bus portava fino a Mahon e abbiamo speso 3,20 euro per arrivarci.
Abbiamo fatto un giro veloce della città, che non ci è sembrata nulla di che, e abbiamo preso un altro bus per Es Mercadal: dopo mezz’ora eravamo in albergo!
Era già abbastanza tardi e la macchina l’avremmo presa solo il pomeriggio dopo, così siamo stati a rilassarci un po’ in piscina, abbiamo fatto un giro a Es Mercadal, pieno di ristorantini e supermercati, molto tranquillo e delizioso!

Doccia, e la sera con il pullman siamo andati a Ciutadella: diciamo che è l’unico posto in cui la sera c’è vita!

Abbiamo mangiato in uno dei tanti ristorantini di pesce che ci sono al porto, prendendo una pizza come antipasto e due paelle! In totale abbiamo speso 35 euro in 2 bevendo acqua.
20 luglio.
La giornata è di nuovo un po’ nuvolosa. Decidiamo di prendere un bus per Fornells, nel nord dell’isola, 10 minuti da Es Mercadal (5,20 A/R): abbiamo fatto un giretto a Fornells, paesino di pescatori e abbiamo visto il mare con il sole che faceva capolino dalle nuvole..che spettacolo!!!

Siamo andati fino alla Torre e da lì abbiamo visto che iniziava un sentiero fino a Platja di Fornells: siamo temerari e decidiamo di incamminarci !
Nel frattempo era spuntato anche il sole, quindi il cammino si fa più arduo del previsto, ma a noi piace scoprire nuovi posti quindi “sopportiamo”!
Il sentiero è molto bello, si vede sempre il mare e abbiamo persino trovato dei cavalli selvatici!

Dopo 40 minuti arriviamo a Platja di Fornells, molto pulita, piena di casette super-lussuose! Mangiamo un panino che vi consiglio di farvi fare sempre nei supermercati, perchè si spendono 5 euro in 2 per due baguettes enormi pieni di affettati! Il mare è molto bello, ma rispetto a quello nelle calette che avremmo visto negli altri giorni non è paragonabile!
Torniamo in albergo prendendo un bus da lì e affittiamo la macchina da un autonoleggio consigliatoci dalla receptionist: una fiammante Opel Corsa nuovissima a 230 euro per 6 giorni!
Quindi partiamo subito alla volta di Cala Pregonda, suggerita dai Giramondini! Che dire, nella mia graduatoria si è poi rivelata la terza spiaggia più bella!!! Veramente meravigliosa!
Al Nord le spiagge sono più argillose, quindi la sabbia è rossastra, ma il paesaggio è veramente sorprendente!!!!!!
Si parcheggia in uno spiazzo e si fa un sentiero non molto lungo nè faticoso: prima si arriva a Platja di Binimel-là, carina, e poi…a Cala Pregonda!

Stiamo lì fino alle 20:30..la gente infatti era pochissima! E il sole in questo periodo tramonta alle 21:30!!
Poi torniamo in albergo, doccia veloce e cena a Ciutadella con insalatone e gelato (15 euro in due!).

21 luglio.
Questo è stato indubbiamente il giorno più bello, sia dal punto di vista meteorologico sia per le calette che abbiamo visto!
Verso le 8:30 ci dirigiamo verso Cala Galdana, punto di inizio per vedere le stupende Cala Macarella e Cala Macarelleta!
Cala Galdana è una bella spiaggia, in un bel paesino, ma è troppo turistica..anche se il mare merita davvero un tuffo!

Da qui prendiamo un sentiero tra gli alberi che ci conduce, dopo un bel po’ di scalini di legno, a Cala Macarella!! Che spettacolo! Una piscina naturale!!! Peccato solo per le alghe e per i troppi, troppissimi turisti!!! E siamo solo a luglio, non oso immaginare agosto!!!!

Stiamo lì e mangiamo la solita baguette con affettati presa al supermercato e ci godiamo il mare. Dopo un po’ decidiamo che è il momento di vedere Cala Macarelleta: la spiaggia in assoluto in pole position!!!! Dal sentiero c’è una vista mozzafiato su Cala Macarella e sul mare!

Cala Macarelleta dall’alto è…una piscina!!!! E’ un incanto, un posto meraviglioso, non so che altri aggettivi usare!

Siamo stati almeno 3 ore in questo paradiso terrestre e due gentilissimi signori italiani ci hanno regalato il loro ombrellone!
Abbiamo fatto mille altre foto sulla via del rientro e ci siamo di nuovo incamminati verso Cala Galdana.
Erano circa le 6:30 quando abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti verso Cala Mitjana. E’ stato fortissimo perchè decine e decine di macchine uscivano dal parcheggio mentre noi eravamo gli unici ad entrare!
E meno male perchè la spiaggia era quasi deserta!!

Siamo stati lì due orette e poi abbiamo deciso di andare a vedere il tramonto dal Monte Toro!!!
Che bellezza: è il monte più alto dell’isola e da lì si vedeva tutta Minorca!!!

La sera c’era addirittura una festa a Es Mercadal così ci siamo fermati lì per mangiare, in un posticino delizioso ed economico che faceva angolo sulla piazzetta!

22 luglio.
Oggi è la volta delle Platges di Son Saura. Dopo una lunga stradina sterrata tra le solite mucche, pecorelle e maiali da fare in macchina per raggiungere il parcheggio, raggiungiamo a piedi questa bellissima spiaggia!

Fortunatamente c’è poca gente quindi restiamo lì per un bel po’ finchè…ecco di nuovo i minacciosi nuvoloni!
Torniamo in macchina e ci appisoliamo aspettando che torni il bel tempo….
E infatti…dopo un’oretta ecco il sole e guidiamo fino al parcheggio di Cala en Turqueta (che di solito è sempre sempre pieno!) e tadaààà…LIBERO! Cala en Turqueta è la seconda spiaggia nella mia graduatoria! E’ molto selvaggia, il mare è cristallino e la sabbia è bianchissima!

Dopo un bel bagno e ore al sole ritorniamo a casa soddisfatti, doccia veloce e….Cova D’en Xoroi ! E’ una famosissima discoteca, che però è aperta anche durante il giorno, che si trova in una grotta naturale a strapiombo sul mare!!!!!! Noi ci siamo andati per l’ora del tramonto ed è stato bellissimo! L’ingresso dopo le 6 è di 12 euro a testa e il mohito è una cosa…eccezionale!!!!

Al ritorno, verso le 10…abbiamo trovato poco più sotto, sempre a Cala’n Porter, un ristorante carinissimo, il Big Al’s Ranch che stra-stra-consiglio!!!! Tutto stile western, con i camerieri vestiti da cowboys e si può mangiare quanto si vuole a 14,99 euro! Carne, pannocchie, patate…buonissimo!!!!!

23 luglio.
Oggi è la volta delle spiagge grosse: Platja de Sant Tomàs di prima mattina! Bella spiaggia, ma piena di italiani e con un sacco di alberghi enormi costruiti in riva al mare! Io non la consiglio di vedere: dopo essere stati abituati alle calette stona un po’ vedere questi spiaggioni!

Dopo un po’ sono rispuntati i nuvoloni e quindi, subito dopo pranzo siamo andati a vedere la spiaggia di Son Bou, la spiaggia più lunga di tutta Minorca, stile Miami: anche qui albergoni costruiti sul mare e quindi siamo stati poco, anche per via del cielo nuvoloso…

L’umore della giornata si è notevolmente sollevato vedendo una bellissima spiaggia del Nord, Cap de Cavalleria, che nonostante il brutto tempo, si è fatta apprezzare! La sabbia è argillosa, e il mare è molto ondoso, tant’è che era pieno di surfisti! Noi ci siamo un po’ rilassati in spiaggia tutti spalmati di argilla!!

La sera andiamo di nuovo a Ciutadella alla ricerca di qualche souvenir!

24 luglio.
Purtroppo il nostro penultimo giorno inizia nel peggiore dei modi: pioggia battente!!! Presi dallo sconforto abbiamo guidato fino a Cala’n Bosc aspettando che finisse almeno di piovere prima di scendere! La spiaggia è molto carina, sabbia bianca e mare azzurrissimo nonostante il cielo nero!

Siamo stati poco perchè ha iniziato di nuovo a piovere! Siamo allora andati al Nord, a Cala Morell e sulla strada abbiamo visto la Necropoli di Cala Morell: approfittando del cielo nuvoloso l’abbiamo visitata, tanto era gratuita. Sono delle tombe interamente scavate nelle rocce.


Poi abbiamo visto Cala Morell e la spiaggia dell’Algaiarens.

Abbiamo poi fatto un giro a Ciutadella di giorno e poco prima delle 21 le nuvole se ne sono andate! Abbiamo fatto un giro a Es Mercadal e mangiato in un posto bellissimo, in un mulino, che si chiama Moli d’es Recò!
Abbiamo speso 40 euro prendendo antipasti, la paella enorme e gelati!

25 luglio.
Purtroppo il nostro ultimo giorno (e fa bello!!)!!! L’aereo è alle 14 e siccome la macchina la possiamo restituire all’aeroporto ci godiamo l’intera mattinata andando nella parte est, non ancora visitata! Uscendo da Es Mercadal c’è una roccia caratteristica a forma di pellerossa, si chiama “Sa Penya de’s Indio”. Capitiamo a Es Castell, nel bel mezzo della Festa di Sant Jaume e assistiamo alla parata dei cavalli e delle maschere!!

Passiamo poi da St.Louis per dirigerci a Binibequer, il paese dei “puffi”. Sinceramente mi ha un po’ deluso: sono solo piccole casette bianche dalla forma particolare!


Da lì però abbiamo raggiunto una caletta che si è rivelata spettacolare!!! Non so bene come si chiami, lì c’era scritto Cala de Torret, ma non c’era sulla cartina!!!

A momenti perdevamo l’aereo tanto ci è piaciuta questa caletta!!!
Abbiamo a malincuore lasciato la caletta, fatto il pieno e lì a 10 minuti c’era l’aeroporto! Abbiamo calcolato tutto nei minimi dettagli in modo da non sprecare nemmeno un minuto prezioso!
Restituiamo la macchina e ci godiamo l’ultimo pasto di Minorca nell’aeroporto, provvisto di Burger King e terrazza all’aperto!
Ciao ciao Minorca e..arrivederci!!!!

Pin It
Tags:

Ci sono 6 commenti su “Minorca, l’isola dai paesaggi mozzafiato!

  1. Mi piace vedere come più o meno in tutti ques’isola susciti le stesse emozioni, è davvero troppo bella.Peccato che in estate ci sia davvero troppa gente, e nelle mezze stagioni il clima sia un po’ bizzarro.Roberto

  2. Grazie a tutti! Sì effettivamente pur essendo luglio e non agosto, c’era davvero molta gente: soprattutto a Cala Macarella e Macarelletta ho trovato il mondo..nelle altre basta andarci a orari furbi!!

  3. Minorca e le sue calette sono davvero di una bellezza disarmante… prima o poi ci tornerò Peccato davvero che siano spesso affollate (io ci son stata alla fine di giugno e c’era già ressa) e peccato anche per il maltempo che hai trovato… che però a quanto leggo non ti ha rovinbato la vacanza!

  4. Mi è molto piaciuto il tuo diario perchè hai toccato essenzialmente i punti turisticamente più attraenti dell’isola.
    Unica diversa valutazione è Cala Pregonda, la considero anche meno rispetto al 3° posto da te assegnato nella classifica, forse perchè raggiungerla sotto un cocente sole mi ha sfiancato non poco, forse perchè all’epoca non l’ho trovata pulita, forse perchè mi ricorda un forte “tocco” da medusa e conseguente incazz….
    Per chi desidera il mare ed il verde Minorca rappresenta una meta ideale, io vi ho già soggiornato due volte, ma non escludo un ulteriore soggiorno!

Lascia un commento

Commenta con Facebook