Menorca…el paraìso!

Menorca…el paraìso!
25 luglio/01 agosto 2011
E’ finalmente arrivata l’ora della partenza, voli e albergo prenotati mesi prima, quando l’inverno incalzava col suo grigiore e l’estate sembrava un lontano miraggio….ha inizio questa nuova, nuovissima avventura…
Si parte da MXP di prima mattina, il volo è in perfetto orario, anzi in leggero anticipo e con il nostro bagaglio a mano siamo subito di fronte al desk della Europcar, che con un supplemento giornaliero veramente ridicolo ci consegna una Nissan Qashqai invece di una Peugeot 107….direzione Ciutadella, il nostro campo base.
La strada principale taglia l’isola a metà, passando per Alaior, Es Mercadal e Ferreries raggiungiamo il nostro hotel, Cala Bona y Mar Blava, con facilità.
L’hotel è a un paio di km dal centro di Ciutadella, raggiungibilissimo a piedi con una piacevole passeggiata, la nostra camera è un po’ piccolina e non dà sulla splendida insenatura sulla quale è affacciato l’hotel, pazienza, la gentilezza dei proprietari e la bella terrazza in cui faremo colazione ripagano di tutto il resto.
Il meteo, all’arrivo, sembra ottimo ma………..ve lo racconto tra poco…….
Sistemati i bagagli, la prima visita la dedichiamo proprio a Ciutadella, molto molto carina, con i suoi vicoli, i suoi palazzi neoclassici e una zona pedonale con tanti negozietti…..tapas y cerveza a pranzo sono d’obbligo….
Rifocillati visitiamo la prima caletta proprio adiacente l’hotel, la sabbia bianca e il mare cristallino ci preannunciano che siamo in paradiso.
Con un itinerario di massima per sfruttare al meglio questa nostra settimana, scegliamo Cala Pregonda come secondo giorno di vacanza.
Dal parcheggio gratuito si seguono le indicazioni del Camì de Cavalls, dopo una decina di minuti si raggiunge la spiaggia di Binimel.la e dopo altri venti minuti si è di fronte a uno spettacolo della natura.
Pinnacoli e rocce che escono dall’acqua cristallina creano uno scenario surreale, la sabbia è color rosso bruno di una bellezza inimmaginabile…peccato che, subito dopo pranzo, nuvole nere e minacciose ci hanno costretto ad abbandonare questo paradiso……..a metà strada, sul sentiero, ci ha colti un monsone con pioggia torrenziale, riparati (si fa per dire) sotto il nostro inseparabile materassino, riusciamo ad arrivare all’auto bagnati fradici!
E ora che si fa?….si torna all’hotel :-(…. ma il meteo ha deciso di concederci tregua e riusciamo a visitare Cala Morell sotto un pallido sole.
Merenda con tapas y cerveza e tantissime foto alle rocce che sovrastano questa cala, con una varietà di colori mai vista e modellate nel tempo dal vento e dall’acqua!!!
Solo l’indomani, leggendo un giornale locale, ci siamo resi conto del pericolo scampato: 106 litri di pioggia in due ore e 40 bagnanti tratti in salvo dalla protezione civile proprio a Cala Pregonda!!!
Il tempo incerto nella terza giornata ci fà cambiare programmi….destinazione Binibequer Vell.
E’ un villaggio di pescatori ‘turistico’, carino se non si ha di meglio da fare ;-)….un panino al volo e ci dirigiamo verso Punta Prima e Cap de Favaritx.
Una punta rocciosa di ardesia si tuffa in un mare color turchese.
Siamo all’interno del Parco Naturale s’Albufera des Grau e il promontorio è il territorio geologicamente più antico delle Baleari…..avremo modo di tornarci per visitare un paio di spiagge nelle vicinanze.
Prima di rientrare a Ciutadella deviamo per Cala Galdana, bellissima cittadina, tanti bar e ristoranti, una bella spiaggia di mare calmo e trasparente e soprattutto una delle basi di partenza per raggiungere le famose spiagge di Macarella e Macarelleta.
All’Alaska ci beviamo la nostra prima sangria :-) e prendiamo il Camì de Cavalls per raggiungere Macarella al tramonto.
Una ‘gara’ con due spagnoli ci fa arrivare a Macarella in meno di venti minuti (di solito si impiega una buona mezz’ora), che fatica, ma quanto ridere!!!
La spiaggia è ancora pienissima di gente, sappiamo bene che per gustarci questo pezzetto di paradiso dovremo mettere la sveglia molto presto!
Decidiamo di fermarci a cena a Santa Galdana, il ristorante consigliatoci da un amico ha un’ottima cucina!
E’ il nostro quarto giorno, la sveglia suona alle 7…Macarella y Macarelleta ci stanno aspettando…..
Siamo i primi a parcheggiare l’auto nel piazzale dal quale parte un sentiero che in meno di 10 minuti ci porta in questo angolo di mondo.
Macarella è quasi deserta, solo un paio di nudisti e qualche campeggiatore….anche il bar è ancora chiuso. Proseguiamo per Macarelleta (altri 10 minuti di sentiero)……….e un altro paradiso si apre ai nostri occhi!
Confermo quanto ho letto da chi ci è già stato e confermo anche che dalle 9,30 diventa un vero e proprio formicaio :-)
Trascorriamo l’intera giornata tra queste due spiagge, ne vale proprio la pena!
Il 5° giorno abbiamo in programma di raggiungere le due cale nelle vicinanze di Cap de Favaritx, Cala Tortuga e Cala Presili.
Il Camì de Camomil.la inizia un paio di curve prima della fine della strada che porta al faro, lasciamo l’auto nel piazzale vicino e in un quarto d’ora circa, seguendo le indicazioni del Camì de Cavalls, siamo al bivio di Cala Presili, continuiamo e in un altro quarto d’ora arriviamo a Cala Tortuga.
Questa baia è ampia, tranquilla, le rocce di ardesia che caratterizzano questa zona contrastano con l’azzurro limpido del mare e la sabbia bianca ‘stile Maldive’, anche le alghe sulla battigia fanno parte integrante di questa bellissima spiaggia.
Subito dopo pranzo (bisogna portarsi dietro tutto perchè non c’è alcun tipo di ristoro) ci spostiamo a Cala Presili………..uno spettacolo!
La sabbia rosa, l’assenza di alghe e il mare calmo e trasparente rendono questa cala semplicemente fantastica!!!
Prima di rientrare a Ciutadella ci fermiamo a visitare Fornells, paesino carino all’interno di un ‘fiordo’ lunghissimo…….aquì se toma la mejor sangria de todo el mundo!!! :-)
La sesta giornata si preannuncia grigia e tempestosa, oltre che ‘fantozziana’….visto che non piove (per ora) decidiamo di cercare la finca (=tenuta agricola) in cui entrare per visitare ses Penyes de Capell de Ferro, formazioni rocciose con colori e sfumature incredibili.
Giriamo in lungo e in largo ma da qualsiasi parte è tutto recintato e privato, anche l’ufficio del turismo di Es Mercadal non ne conosce l’esistenza!…eppure su internet le foto di chi c’è stato ci sono!!! :-(
Pazienza, è sabato e a Mejiorn Gran c’è la festa di paese in cui sfilano fantini e cavalli di razza menorquina.
A suon di musica i cavalli si ergono sulle zampe posteriori e saltando percorrono lunghi percorsi ‘in impennata’, ma……………….….nel tragitto tra la finca perduta e Mejiorn ci coglie un altro temporale, la festa è ovviamente rimandata, che si fa?
Proseguiamo per Sant Tomas, almeno in auto non ci si bagna e si visita un altro pezzo di isola ;-)
…..e il meteo ci concede un’ulteriore tregua che ci consente di passeggiare sul lungomare di Sant Tomas, niente di che, palazzoni-hotel e una spiaggia enorme ricoperta di ombrelloni e sdraio…… via! Non ci piace!
Altro giro, altro posto….siamo a Cap d’Artux. Non fermatevi a bere o mangiare al bar del faro, è il posto più caro in assoluto di tutta Minorca! (e la sangria è pessima!)
Esce il sole!!!!….i costumi (e il fedele materassino) sono stati sapientemente riposti in auto malgrado il brutto tempo, e abbiamo fatto bene…..in quale spiaggia possiamo andare a pomeriggio inoltrato?
Scegliamo Platja Son Xoriguer , in zona ancora inesplorata, e malgrado sia affollata ci è piaciuta tantissimo (ed è anche dove ho fatto il miglior snorkeling!)
Morale della penultima giornata di vacanza:
– Un paio d’ore spese alla ricerca della finca per non trovare l’accesso per Capell de Ferro
– Al momento della festa dei cavalli si è abbattuto un temporale sulle nostre teste
– A Cap d’Artux ci hanno ‘avvelenato’ e ‘rapinato’ ai tavolini del bar del faro
….meno male che la sosta in spiaggia a fine giornata a risollevato la media di questo Fantozzi-Day!
L’ultimo giorno lo spendiamo a Platja Son Xoriguer, ieri ci è piaciuta talmente tanto che decidiamo di godercela per l’intera giornata e finalmente sotto un bel sole!!!
Fantastica! Scogli e sabbia corallina, mare trasparente e una miriade di pesci in un metro d’acqua!
Tra uno spuntino e un tuffo viene quasi sera……che bella giornata di relax!
La settimana è volata, è di nuovo lunedì ed è il giorno del rientro ……….la Me-1, attraversata molte volte, questa volta ci porterà dritti in aeroporto………………………

Consigli pratici:
– Volo AirOne MXP-Mahòn A/R € 50 (acquistato con largo anticipo) a persona
– Soggiorno Hotel Cala Bona y Mar Blava a Ciutadella € 385 b&b, una settimana per due persone (grazie Booking!)
– Nissan Qashqai-Europcar con Enoleggio per una settimana € 350 (prenotata decisamente troppo tardi, un mese prima avremmo risparmiato quasi 100 eurini!!!)
– Abbiamo cenato un paio di volte a Casa Manolo (Porto di Ciutadella), ottima paella, un paio di volte da Pepa (Porto di Ciutadella), ottimo gazpacho e pesce fresco, una volta da Delit (Cala Galdana), ottima carne alla brace e dolci, e una volta al Racò del Palau (zona pedonale Ciutadella), ottimo pesce fresco e non solo!
La spesa media per una cena per due persone con una bottiglia di vino è di ca. 65 €
– L’auto è fortemente consigliata, noi abbiamo percorso ca 800 km in una settimana, anche se c’è un buon sevizio bus che collega le zone principali.
Le spiagge e le cale più ‘gettonate’ vanno raggiunte prima delle 9 della mattina per godere le bellezze e la pace nella loro totalità (il parcheggio di Cala en Turqueta era già pieno prima delle 9,30!!!)
……la varietà di paesaggio e soprattutto delle spiagge non dà il tempo di annoiarsi, peccato non essere riusciti a vedere tutto in una sola settimana……….motivo per ritornarci! ;-)

Pin It
Tags:

Ci sono 13 commenti su “Menorca…el paraìso!

Lascia un commento

Commenta con Facebook