Argentina 2011 Parte I – Buenos Aires e Misiones

Dopo le ultime vacanze nell’Africa Equatoriale, io e mio marito abbiamo iniziato a pensare a quelle dell’anno successivo, per l’esigenza di prenotare i voli (la nostra principale voce di spesa) il prima possibile. Abbiamo discusso un po’ e abbiamo stabilito alcune caratteristiche del viaggio che avremmo voluto fare: – dopo l’ultima esperienza di più di 2 settimane in giro con l’autista a tappe fisse, volevamo essere totalmente indipendenti, noleggiare una macchina e…via!; – non volevamo fare per il terzo anno consecutivo la profilassi antimalarica; – dopo 2 anni in giro in mezzo a foreste e primati, volevamo vedere anche un po’ di civiltà. Dopo aver dato uno sguardo alla cartina, scartati i luoghi in cui eravamo già stati, quelli in cui era sconsigliato il fly and drive, e le zone del Canada e degli USA che non avevamo ancora visto, rimandate a data da destinarsi perché “troppo facili”, siamo rimasti con un pugno di destinazioni. Alcune le abbiamo scartate per motivi di budget (Australia ad esempio…e anche un po’ il Brasile), altre (Costa Rica e Panama) per questioni di…pioggia! Io sarei tornata per la terza volta nel mio amatissimo Messico (tanto non l’abbiamo ancora visto tutto) che ci avrebbe consentito di fare anche un po’ di mare, ma mio marito avrebbe preferito visitare un Paese totalmente nuovo e abbiamo scelto l’Argentina. Ho letto duemila racconti di viaggio e forum (ma in italiano c’e’ pochino, soprattutto sul Nordovest, ho ripiegato su siti in inglese e spagnolo), acquistato la lonely planet, delineato un itinerario che ci consentisse di rimanere nel nostro budget di 2500 euro a testa tutto compreso (a posteriori vi dico che è fattibile, ma d’inverno se pagate poco…prendete freddo!) e a gennaio (per agosto) abbiamo acquistato i voli: – Torino Madrid Buenos Aires all’andata; Cordoba Santiago del Cile Madrid Torino al ritorno. Spesa: 1.078 Euro, classe tariffaria più bassa esistente. In più abbiamo acquistato il volo interno Iguazu Salta (ora alcuni giorni la settimana è diretto e non via Buenos Aires; il volo è operato da Austral ma potete comprarlo sul sito Aerolieas Argentinas) a 152 Euro.
AVVERTENZA RIGUARDO AI PREZZI: L’ARGENTINA HA UNA INFLAZIONE DEL 20% ANNUO, PER CUI I PREZZI VALIDI AD AGOSTO 2011 (quelli che vi scrivo io) NON SARANNO GLI STESSI GIA’ A GENNAIO 2012. Mi sono poi dedicata a un’altra scelta importante, quella dell’auto a noleggio, che in Argentina non è assolutamente a buon mercato. Sul sito visitargentina ho contattato tutte le agenzie di autonoleggio di Salta e ho chiesto preventivi. La spesa era aumentata dal fatto che avevamo intenzione di andare in Cile, per cui è necessario chiedere all’autonoleggio un ulteriore permesso che in genere fanno pagare una cinquantina di dollari in più. Alla fine abbiamo scelto la Avis, che per il fatto che ci forniva la carta verde per il Cile senza sovrapprezzo risultava la più economica delle grandi compagnie internazionali e cmq fra le più economiche in assoluto. Spesa finale (compreso sconto titolari tarjeta aerolineas plus) 2071 pesos con tutte le assicurazioni base. In loco ridurremo la franchigia. Addebito al momento del noleggio (se aveste pagato al momento della prenotazione avreste avuto uno sconto ulteriore però non cumulabile con gli altri). Noi siamo titolari di carta fedeltà Aerolineas Argentinas (fatta apposta per avere lo sconto del noleggio) e abbiamo avuto il 20% di sconto sul prezzo pieno. A chi lo chiede posso inviare il mio foglio excel, con email dei noleggi e prezzi. Nel NordOvest ci sono molti posti di blocco, soprattutto nelle zone tra una provincia e l’altra: bisogna rallentare, eventualmente dire dove si sta andando, ma a noi non è mai stato chiesto altro. Poi ho prenotato i 2 tratti in autobus notturno. Abbiamo viaggiato in “cama suite” nei tratti Bs As Retiro – Puerto Iguazu con Via Bariloche a 80 euro a testa e da Salta a Cordaba con Balut per 336 pesos a testa. I biglietti degli autobus vengono messi in vendita circa un mese prima, a volte con più anticipo nei periodi di punta, (in realtà è più corretto dire “il primo giorno del mese precedente alla data di partenza”) su siti come plataforma10 o direttamente sui siti dell’impresa di trasporto (in questo caso spesso potrete avere uno sconto). Si può pagare con carta di credito e…rateizzare! Infine ho prenotato l’hotel a buenos aires, Monserrat aparthotel, 4 stelle, su booking.com 324 pesos a notte la doppia e a puerto iguazu (essendo nel weekend temevamo di non trovare posto), residencial noelia 150 pesos a notte, la doppia. Tutto in offerta, ovviamente! Il percorso in auto nelle Ande è stato pianificando grazie all’attendibilissimo sito ruta0, che fornisce i tempi di percorrenza con precisione, e grazie a Giena, guida turistica che scrive in un forum in inglese che vi posso indicare. Noi avevamo un navigatore sul cellulare Nokia, che però abbiamo usato solo poche volte, tanto le strade sono pochissime e ben segnalate. Non state a noleggiarlo se non lo potete scaricare gratuitamente sul cellulare! Finalmente partiamo! Arriviamo a Bs As con qualche ora di ritardo, verso le 10 del mattino. Prendiamo l’autobus Manuel tienda leon, l’unico che collega Ezeiza al centro, 55 pesos a testa, aggiungendo 5 pesos includiamo il servizio shuttle per l’albergo. In pratica, l’autobus ti porta presso gli uffici della compagnia (zona tra retiro e puerto madero) poi, con il sovrapprezzo scritto prima, gli utenti vengono smistati su varie auto a seconda dei loro hotel e portati a destinazione. Noi abbiamo aspettato dieci minuti prima di essere assegnati a un’auto. Col taxi contrattando forse non avremmo speso molto di più, e saremmo arrivati un po’ prima, ma volevamo risparmiare e cmq non possiamo lamentarci del servizio.

Pin It
Tags:

Ci sono 5 commenti su “Argentina 2011 Parte I – Buenos Aires e Misiones

  1. Ciao cara, ti scrivo qui perché non riesco a risponderti al mp perché pare che la tua casella di messaggi privati sia piena e che tu debba fare un po’ di spazio! Magari riprovo domani se nel frattempo leggi! Ciao, Ari

Lascia un commento

Commenta con Facebook