Thailandia.. profumi, colori, emozioni. II parte: il Sud

In ogni nostro viaggio/vacanza non mancano mai una decina di giorni al mare, lo adoriamo, il nostro fisico ce lo richiede!

Decidiamo quindi di passare una decina di giorni a Phuket. Da Chang Mai, prendiamo un comodissimo e puntuale volo della Airasia che ci porta al Sud.
Arrivati a destinazione prendiamo una specie di taxi collettivo al costo di 180THB a testa, in alternativa si puo’ prendere un taxi privato a 1500 THB. La nostra destinazione finale e’ Karon, dove avevamo prenotato solo le prime due notti presso la guest house “Casa Brazil”. Lungo la strada, capiamo subito che il sud della thailandia e’ un’altra cosa…. le strade sono super trafficate, motorini e macchine che spuntano da pertutto, passiamo da Patong, che per carita’ eravamo preparati, ma e’ peggio di come c’e’ l’aspettavamo… e’ una citta’ vera e propria con tanto di albergoni a casermoni… ed ancora costruiscono.. Finalmente, dopo circa un’ora arriviamo a Karon, che invece e’ un po’ piu’ tranquilla… La spiaggia ed il mare di questa localita’ non sono male, infatti il primo giorno lo passiamo qua ma i giorni successivi decidiamo di affittare un motorino (200 THB) per visitare le varie localita’.

Da Vedere :
Kata beach: la spiaggia e’ lunga e carina, tipo quella di Karon ma ci sono molti piu’ hotel, negozi e ristronanti. Kata noi invece e’ molto piu’
tranquilla e sopratutto non ha strade trafficate alle spalle. Comunque sia Karon che Kata trovo che siano un bel punto di partenza abbastanza strategico per visitare l’isola, non perdetevi la vista dall’alto di queste baie ed un aperitivo, al tramonto, al “After bech bar”, evitate la cena pero’, ci abbiamo messo due giorni per digerirla!!

Scendendo verso Sud si incontra Nui beach, piccola insenatura che si raggiunge attraveso un sentiero. Si prosegue e si incontra Nai Harn, la spiaggia e’ lunga e di sabbia dorata, il mare e’ limpido e calmo sulle tonalita’ del verde poiche’ e’ circondata da parecchia vegetazione. Guardando il mare a sinistra si intravedono due pale eoliche, in quella direzione troverete un’altra spiaggia molto carina (ma a dire la verita’ sporchina..). Sempre in questa zona la vista dall’alto di Cape Promthep e’ spettacolare!! Se siete amanti del pesce, vi consiglio, per il pranzo di recarvi a Rawai dagli “zingari del mare”, qui potrete acquistare del pesce, ed alle spalle delle bancherelle ci sono dei ristoranti che lo cucineranno per voi!

La zona di Nai Harn, l’ho preferita, in quanto piu’ tranquilla ed il mare e’ decisamente piu’ bello. Sono zone di campagna ma c’e’ tutto quello che puo’ servirvi.

Surin: capitolo a parte per la zona a nord di Patong.. la spiaggia e’ bellissima, di sabbia bianca e mare trasparente. Si respira un’aria piu’
mondana, lo si vede dai locali sulla spiaggia, decisamente piu’ alla moda rispetto al Sud… a rovinare l’atmosfera.. un sacco di moto d’acqua, quindi rumore e puzza di gas!!! che peccato.

Prima di arrivare a Surin vi potete fermare a Laeng Sim, si scende una gradinata e ci si trova davandi ad una tranquilla spiaggetta, con qualche ombrellone.

Piu’ a nord non ci siamo spinti perche’ con il motorino diventava impegnativo, sopratutto la sera quando si rientrava verso sud, passando da Patong era uno stress!!!

Tempio Chalong: decidiamo di visitare questo tempio, anche se dopo aver visitato il Nord della Thailandia si fa’ fatica a ritrovare qualcosa che ti dia l’idea di altrettanta autenticita’!!

Grande Budda: la maestosita’ dell’enorme statua bianca e’ grandiosa, la sua costruzione dura da 20 anni ed ancora non e’ ultimata! se volete potete comprare ad un prezzo ragionevole un pezzo di marmo bianco che verra’ utilizzato per ultimare l’opera, inutile dirto.. anche da qua su’ la vista e’ stupefacente!!

Isole Similan: se avete intenzione di farle in giornata, vi dico subito di lasciare perdere!! ci vogliono 2 ore e mezza di macchina piu’ 1 e mezza di Spead boot, per poi fermarsi li poche ore, in mezzo a tantissimi motoscafi!! da evitare! NOi, al costo di circa 170 a testa, abbiamo fatto due giorni ed una notte, decidendo di dormire in barca.. esperienza bellissima.. all’alba ci siamo buttati in mare ed abbiamo raggiunto a nuoto la spiaggia!! queste sono le vere Similan, anche se forse dopo aver visto le tende avrei preferito dormire li e magari fare anche un giorno in piu’!

Da Dormire :
La nostra scelta e’ caduta su Casa Brazil, un’accogliente e pulitissima guest house al centro di Karon in una stradina secondaria. Avevamo prenotato le prime due notti, non appena arrivati siamo rimasti affascinati dal posto e dai proprietari, di una gentilezza unica, cosi’ decidiamo di fermarci qui per il resto della vacanza al prezzo di 1080 THB in B/B. Ci ritornerei domani!

Da Mangiare :
Rispetto al nord della Thailandia, si spende di piu’ ma sempre poco rispetto ai canoni europei. In ristoranti locali, mangiando due portate a testa piu’ birra si spende dai 5 ai 7 euro a testa. Mangiavamo spesso, dopo averne provati diversi, al: Mama Noi di Karon, ambiente semplice, cucina ottima! una volta ho anche provati gli spaghetti al granchio… buonissimi ed al dente!! Se invece e’ il pesce la vostra passione andate da Kwang a Kata.. cucina sermpre Thai, pesce freschissimo ed il proprietario e’ simpaticissimo, ha fatto anche i menu in italiano. Se vi prende una voglia irrefrenabile di pizza, come spesso a me accade!! La Capannina fa per voi, la pizza e’ buona: 2 pizze, 2 birre e 2 dolci abbiamo speso 1000THB, si puo’ fare.

Da Massaggiare:
Anche qui abbiamo trovato il nostro centro massaggi di fiducia”Mook”, gentili, puliti e professionali. Ne troverete due lungo la strada che da Karon porta a Kata.

cambio Euro THB
Quando siamo andati noi oscillava da 41,30 a 41,80.

Considerazioni Finali :
Spesso immaginavo questi posti anche solo 15 anni fa.. il paradiso terrestre, stanno costruendo troppo e c’e’ troppo di tutto, ma perche’ non se ne rendono conto… Non so’ come faranno con l’immondizia perche’ si vede che sono al limite! forse, come sempre, quando si tocchera’ il fondo si trovera’ la soluzione!

Nonostante tutto amo questo paese e la sua gente che ti fa sentire un ospite desiderato e che con la loro calma e gentilezza ci aiutano a capire… che in fondo a volte basta poco per essere un po’ piu’ sereni!!

Per tutti gli approfondimenti sono a vostra disposizione!!

Pin It
Tags:

Ci sono 2 commenti su “Thailandia.. profumi, colori, emozioni. II parte: il Sud

Lascia un commento

Commenta con Facebook