Anversa Bruges e Bruxelles

Due belle città delle Fiandre e la capitale del Belgio in una settimana.

Partenza la domenica mattina dall’aeroporto di Bologna con un volo Ryanair destinazione Charleroi , 60 km a sud di Bruxelles .

Usciti dall’aeroporto prendiamo l’autobus navetta : Brussel city shuttle , che in meno di un ora ci porta alla Gare du Midì di Bruxelles , la stazione principale della capitale Belga da dove prendiamo il primo treno disponibile che ci porterà ad Anversa o Antwerpen in Fiammingo , l’unica lingua riconosciuta in questa parte del Belgio che anche se sulla carta è un paese bilingue in realtà Vallonia e Fiandre zone due regioni ben distinte , dove si parla Francese non si parla Fiammingo e viceversa con un unico collante nella città di Bruxelles . I collegamenti ferroviari sono frequenti ed economici , 8 euro Bruxelles – Anversa e dopo un ora di viaggio ci ritroviamo nella stazione di Antwerpen che con pieno merito e riconosciuta come una delle stazioni più belle d ‘ Europa , un edificio in stile Neoclassico ricco di decori che riporta alla mente le prime stazioni ferroviarie nate nell’Ottocento .

Raggiungiamo a piedi il nostro hotel camminando lungo la zona pedonale e la città ci piace molto , una tipica città del nord Europa dove in centro le auto hanno lasciato il posto a pedoni e bici .

Alloggiamo all ‘ Hotel Ibis , centrale con camere pulite e moderne e un ottima colazione , nelle vicinanze c’è un bel parco dove poter correre e concludiamo la giornata con una passeggiata fino alla grande piazza del mercato con ritorno in metro. Anversa ha uno dei più grandi porti d’ Europa e da sempre si commercia di tutto , famosa per i Diamanti è un vero e proprio crocevia di genti , dal quartiere Ebraico a quello Cinese razze e colture tra le più diverse si incontrano lungo la strada , da evitare o comunque fare molta attenzione nelle vicinanze della stazione dove si trovano parecchie persone che vivono ai margini della società tra droghe e alcool .

 

Giorno 2

Il clima del nord Europa concilia il sonno e fare una bella dormita al fresco il 5 Agosto è sempre piacevole , ottima colazione a buffet e usciamo verso le 10 per visitare la vicina casa di Rubens che scopriamo essere chiusa il Lunedì , la città si sveglia con molta calma e alle 11 c’è ancora poco movimento , ci aggiriamo per le stradine del centro piene di Birrerie Cioccolaterie e Ristoranti fino a raggiungere il fiume Schelda per poi rientrare nella grande piazza , Grote Markt , il cuore della città con il bellissimo Municipio ricoperto di grandi bandiere di tutto il mondo , al centro della piazza la grande fontana di Brabo e tutto intorno bellissime case in stile Fiammingo . Facciamo una pausa Birra in un bel locale , Het Elfde Gebot , un locale molto particolare pieno di statue di santi dove beviamo una De Konink e una Trippel Kameliet , in Belgio ci sono centinaia di marchi di Birra e ovviamente a seconda dei gusti ognuno troverà quelle che più piacciono . Dopo la Birra rientro in Hotel per riposino e corsa nel vicino Stradpark caratterizzato dai tanti Ebrei vestiti in maniera ortodossa . A sera cena in un ristorante Argentino con un classico Bife de Chorrizo .

 

Giorno 3

Dopo colazione raggiungiamo a piedi la stazione ferroviaria da dove prendiamo il treno che in un ora e trenta ci porta a Brugge / Bruges via Gand / Gent . Arrivati a Brugge ci incamminiamo verso il nostro Hotel Ibis che come quello di Anversa si rivela bello e anche in un ottima posizione nel centro storico . Brugge è Meravigliosa , una città Medioevale perfettamente conservata , noi cominciamo la nostra visita un po’ disturbati dalle tantissime persone che affollano la città , è un ora di punta e tanti gruppi di turisti si aggirano ovunque . Decidiamo di girare un po’ a zonzo risalendo la Mariestraat e la Streenstraat per dirigerci verso la piazza del Markt , tra assaggi di Cioccolata e foto arriviamo nella grande piazza affollatissima , tutto ci sembra magico e meraviglioso circondati da case esclusivamente costruite in pietra a vista dai vari colori e Pavè sulle strade . Entriamo nella birreria Gambrinus dove beviamo una Duval e una Jupilier e più allegri proseguiamo la visita verso l’altra piazza , il Burg , tra canali e scorci incantevoli .

Piccola pausa in camera per poi fare una bella corsa lungo uno dei canali principali che circondano la città tra verdi prati e colorati mulini a vento , un posto ideale per gli amanti del podismo .

Cena con un piatto tipico delle Fiandre , le Cozze che noi prendiamo al naturale con una Mirepoix di verdure .

 

Giorno 4

Colazione e passeggiata per le vie del centro aspettando che alle 10 apra il negozio per il noleggio delle bici , la giornata non è bellissima ma abbiamo solo questo giorno a disposizione per un escursione in bici e così ci dirigiamo verso Est e la cittadina di Damme percorrendo una bella ciclabile che costeggia un canale , panorama bellissimo e molto romantico tra filari di Alberi , Mucche, Pecore, Anatre , Cigni e Cicogne sedute sui loro grandi nidi, la cittadina di Damme è una piccola Brugge in miniatura che merita senz’altro una visita , purtroppo il tempo peggiora e ne approfittiamo per una sosta da Marie , una bella pasticceria molto accogliente . Ripartiti e incuranti del brutto tempo decidiamo di proseguire verso il vicino confine Olandese e la cittadina di Sluis che evidentemente è luogo di villeggiatura dato che con la bici non riusciamo a muoverci per via delle tante persone che la affollano .

Inizia a piovere per bene e ci prepariamo a percorrere i 20 km che ci separano da Brugge sotto l’acqua e controvento , riconsegnata la bici abbiamo bisogno di una bella sosta in camera per rigenerarsi e alle 17 siamo di nuovo nella piazza del Markt dove in uno dei palazzi che la circondano c’è l’Historium , una rappresentazione di Brugge nel medioevo romanzata tramite un bel videoracconto in varie sale allestite in stile medioevale con suoni e odori molto coinvolgenti , nel biglietto è compreso anche un bel museo e uno sconto per assaggi nella birreria storica della Duval con splendida visuale sul Markt . Cena con mezzo Pollo Patate e Birra Brugge Zot .

 

Giorno 5

Prima di lasciare questa città meravigliosa non potevamo rinunciare alla classica gita in barca tra i canali , il tour è molto carino e ci permette di scoprire nuovi scorci per una durata ci circa trenta minuti . Ultima passeggiata per le vie del centro e a malincuore dobbiamo recuperare i nostri bagagli e andare in stazione per prendere il treno che ci riporterà a Bruxelles che raggiungiamo dopo un ora di viaggio . Dalla Gare du Midi raggiungiamo a piedi il nostro Hotel Bedford , molto bello e in posizione ottima , un po di relax e poi si esce con prima tappa il vicinissimo Manneken Pis , il piccolo bimbo che fa la pipì simbolo della città . Come prima tappa abbiamo scelto di visitare le Centre Belge de la bande dessinè , il museo del Fumetto , che rende omaggio alla passione dei Belgi per i fumetti , il museo ci piace molto , tra i tanti personaggi nati in Belgio sicuramente i più famosi sono i Puffi e lo storico TinTin . Ceniamo in uno dei cento e più ristoranti che si trovano nelle viuzze vicino alla Grand Place , la classica trappola per turisti da sconsigliare assolutamente anche perchè si trovano facilmente Brasserie o anche catene di fast food nei dintorni frequentati da Belgi .

 

Giorno 6

Colazione nella norma ma nulla di più , piove e pioverà per tutto il giorno così che facciamo le cose con molta calma e in un momento di pausa usciamo diretti verso la Grand Place che vogliamo visitare per bene , incontriamo le guide del Brusselnew che organizzano giri gratis della città a piedi , si può scegliere tra Spagnolo e Inglese , la nostra guida James si rivela un ottimo accompagnatore che ci racconta la città con una sorprendente passione per un Inglese che si trova a Bruxelles solo per studio . Veniamo cosi introdotti alla Grand Place , l’Hotel de Ville , la Maison du Roi e tutti gli altri palazzi in stile Barocco Fiammingo , usciti dalla piazza passiamo davanti al Manneken Pis , la Borsa , il teatro dell’Opera , dopo una pausa in n Pub ripartiamo verso Notre Dame , le Palais Royale per poi finire la gita sotto una pioggia battente .

Decidiamo poi di visitare il museo delle belle arti , diviso in vari settori e periodi artistici il museo e soprattutto frequentato per il Museo Magritte che visitiamo con piacere . Usciti dal museo ci dirigiamo verso il quartiere del Parlamento Europeo , ci fermiamo a mangiare in un locale della catena biologica Exki , consigliatissimo , all’uscita visitiamo il Parlamentarium , il centro visitatori del parlamento , la visita è molto interessante con sale interattive che ripercorrono la storia Europea . All’uscita finalmente ha smesso di piovere e passeggiata serale nella Grand Place e dintorni .

 

Giorno 7

La gionata è bella e ci incamminiamo lungo la rue du Midì per arrivare alla fermata della Metrò Rogier e raggiungere il Nord della città e la zona dell’ Heysel dove c’è l’altro simbolo della città , l’Atomium , costruito per l’expò degli anni ’50 . Percorriamo il grande parco fino alla residenza reale e a due strani edifici , il padiglione Cinese e la torre Giapponese costruiti per un esposizione sull’Asia che non ha avuto molta fortuna . Dalla stazione Heysel torniamo alla fermata Schuman nei pressi del parlamento Europeo per visitare il parco del cinquantenario dominato dal grande arco di trionfo e il parco Leopold II forse il più bello . Dopo una pausa in Hotel usciamo per un ultima passeggiata in centro , ottima cena da Frittland di fronte alla borsa con Patate fritte tra le migliori della città Hamburger e Birra Jupiler ,fine serata con gli ultimi assaggi di Cioccolata prima di un lungo digiuno depurativo .

 

Giorno 8

A piedi fino alla Gare du Midì , Bus per Charleroi e volo per Bologna .

Pin It

Lascia un commento

Commenta con Facebook