Dhiggiri – Atollo di Felidhoo

Dhiggiri – Atollo di Felidhoo dal 27 marzo 2005 al 4 aprile 2005

Dhiggiri è un atollo maldiviano di dimensioni medio piccole circa 350lunghx100largh situato circa 40km a sud ovest di Male. Si tratta dell’unico resort insieme ad Alimatha (Bravoclub) nell’atollo di Felidhoo ed è venduto in esclusiva da francorosso in Italia. Con la “barca volante” ovvero un specie di grosso Boston whaler con 2 yamaha da 200cv si raggiunge in circa 1h10min se il mare non è troppo mosso, altrimenti con la barca veloce classica (catamarano) ci vuole un pochino di più 1h30-40min. Dipende da quanto si è fortunati, se vi aggregano ai grupponi che vanno ad alimatha allora avrete il barcone veloce altrimenti se è già piena vi chiameranno qs barca volante come è successo a noi all’andata. Con supplemento (150€) si può utilizzare l’idrovolante, se non lo avete mia fatto prendetelo perché è un’esperienza unica, ma non pensate di risparmiare tanto tempo perché in media le attese sono abb. Lunghe e capita spesso, come ai ragazzi che erano con noi sull’aereo, che chi lo prende arrivi dopo quelli in barca che di solito partono subito da un’imbarcadero contiguo all’aeroporto, mentre per lo scalo degli idrovolanti bisogna prendere un pulmino (5minuti dall’aeroporto).

Sull’isola ci sono 45 bungalow di cui 22 overwater che occupano tutto il lato est.

In realtà non sono i classici OW maldiviani poiché si accede direttamente dalla riva ad eccezione di quelli dal numero 1 al 4 cui si accede dalla passerella. I beach bungalow sono invece sparsi lungo il perimetro dell’isola sotto la folta vegetazione. Si tratta di edifici a forma circolare costruiti col corallo (quando ancora si poteva!) con il tetto in paglia.

Sono ben arredati con pavimento in legno. Anche l’ampia veranda e tutta di legno e da direttamente sulla spiaggia. Bagno standard non maldiviano con doccia.(solo 2 BB hanno il bagno maldiviano credo 45 e 47)Pulizia 2vlt al giorno come di solito avviene in molti atolli. Unica nota negativa che abbiamo riscontrato anche da altre persone il letto durissimo!!
Clientela 80% italiana il resto tedeschi,inglesi,svizzeri, soprattutto coppie, qualche famiglia ma pochi bambini che come comprensibile erano tutti diretti al vicino Bravo Club. Animazione e tutte le attività in italiano.

Spiaggia tutta l’isola è circondata da una spiaggia di buone dimensioni per le Maldive ad eccezione del lato est dove sono collocati gli overwater come detto. All’estremità opposta vi è una lingua di sabbia molto suggestiva che appare e scompare a seconda dei giochi delle maree.

Camminando su di essa durante la bassa marea si può giungere praticamente sino al reef,. Sempre sulla punta ovest e per una piccola parte sul lato sud sono stati collocati degli ombrelloni sotto cui si può oziare sulle comode sdraio “reclinabili” fornite in dotazione.

Altrimenti ci si può tranquillamente spaparanzare in altri punti a prendere il sole, tanto la folta vegetazione offre riparo dal sole quando necessario; pertanto gli ombrelloni non sono indispensabili.

Ristorante buono il pranzo che è quasi sempre a buffet dove si può trovare sempre sia carne che pesce arrosto o bollito. Più modesta la cena con servizio al tavolo. Menzione particolare per i dolci:ottimi sempre!
Cena Romantica: avvisando con un giorno di anticipo l’assistente francorosso è possibile richiedere la cosiddetta cena romantica. Il tavolo viene posizionato in fondo ai piccoli pontili (in realtà si tratta di muretti frangiflutti per diminuire l’erosione della spiaggia, tuttavia non rovinano il paesaggio come i muretti di corallo che si vedono in altre isole) che circondano l’isola e si può gustare una cena a base di aragosta.

Consiglio il seguente menu:carpaccio di tonno, tagliolini al sugo di aragosta (granchio in alternativa), aragosta bollita (o alla griglia). A ns avviso ne vale la pena sia per il cibo buono (non aspettatevi un gran vino ovviamente!) che per l’atmosfera davvero unica:: si cena sotto una stellato incredibile e con il rumore del mare che ti culla. Costo 40USD ovvero prezzo più che accettabile visto qto costerebbe in Italia una cena a base di aragosta!

Escursioni: snorkeling safari (costo 11usd), solitamente ne vengono previste due a settimana se si raggiunge il numero minimo (credo 6) tuttavia quando siamo stati noi è stata fatta una volta sola e siamo andati in una secca/pass vicino ad alimatha dove non siamo stati molto fortunati con gli incontri in quanto non abbiamo visto niente di particolare anche se il posto è bello.tuttavia siamo andati lì in quanto il mare era un po’ mosso, quando è calmo so che portano anche in altre secche nell’atollo che pare siano belle. Isola deserta con possibilità di stare tutta la notte (72USD)o una giornata intera (circa 40USD).Incluse nel pacchetto francorosso all inclusive la gita all’isola dei pescatori e aperitivo in dhoni al tramonto che consiste nel circumnavigare la vicina alimatha per poi tornare alla base gustando pizzette e sangrie durata 1h circa.

Animazione piano bar tutte le sere e ogni tanto qualche giochino classico, ma assolutamente non invadente nel pieno rispetto di quello che deve essere a mio avviso una vacanza alle Maldive.

House Reef il reef di dhiggiri è davvero a portata di pinna e se le correnti lo permettono è una delle poche isole della Maldive di cui si può fare tranquillamente il giro. Ci sono essenzialmente due pass da cui accedere: una dal pontile e da tutta la spiaggia davanti al centro nautico, la seconda dalla parte opposta dalla spiaggetta accanto all’overwater numero 22. Da segnalare che quando c’è l’alta marea massima (ovvero quando la luna è quasi piena) si riesce ad accedere anche da altri punti. Direi che la fauna intorno al reef di dhiggiri è piuttosto buona anche se come sempre alle Maldive il corallo è quello che è, dunque il “paesaggio” non è mlt suggestivo. La parte migliore con la fauna più ricca è senza ombra di dubbio la punta est quella davanti agli overwater per intenderci.In qs zona si incontrano spesso tartarughe e c’è una quantità maggiore di pesci di barriera dal pagliaccio al pesce lima passando ovviamente per tutti quelli più diffusi (pappagalli,balestra,carangidi, ecc…).
Per qualche foto di alcuni dei pescetti incontrati vi rimando al mio album

Devo però dire che incontri interessanti non sono mancati nemmeno sul lato più interno ovvero quello sud dove abbiamo avuto anche la fortuna di vedere due aquile di mare. Prestate però attenzione alle correnti che nei pressi della punta est diventano spesso mlt forti, addirittura delle volte sono talmente forti che non la si riesce a raggiungere (poi dipende da come tirano le correnti e dalla stagione). In ogni caso tentate di andare alla punta perché al di là della fortuna che si può avere nell’incontrare tartarughe o aquile è sicuramente la parte del reef più animata.
Se volete poi c’è lo snorkeling guidato due volte al giorno alle 11,30 e alle 16,30 però quando sono andato io chi lo faceva si limitava al mero accompagnamento senza aggiungere niente di più Tuttavia può essere utile soprattutto i primi giorni per capire come gira la corrente. Vi ricordo che è necessario indossare un salvagente che tuttavia si può tranquillamente tenere sgonfio e quindi non da fastidio più di tanto.

In conclusione dhiggri è a mio avviso un atollo classico per dimensioni e per le strutture presenti con un reef abbastanza ricco di vita. Lo consiglio quindi a chi cerca la pace delle Maldive una bella spiaggia in cui oziare e un reef per fare un buono snorkeling. Prezzo di livello medio.

Tags:

Lascia un commento