Fuerteventura: La terra selvaggia da scoprire

FUERTEVENTURA: LA TERRA SELVAGGIA DA SCOPRIRE

Ciao a tutti.
Visto che anche io sfrutto moltissimo questo sito per poter prendere spunto per i miei prossimi viaggi (adoro viaggiare) voglio lasciare anch’io il mio contributo.
Lo scorso anno avevamo deciso di andare in ferie una settimana io con il mio ragazzo e un’altra coppia di miei amici. Inizialmente avevamo pensato a Capo Verde, poi invece si è prospettata l’idea di Fuerteventura, una delle più grandi isole delle Canarie. Fino a quel momento, a dire la verità, non avevo mai sentito dire di Fuerteventura e diffidavo un po’ delle Canarie perchè tutti, riferendosi soprattutto a Tenerife, mi parlavano delle Canarie come isole non molto belle e con il mare freddissimo. Ma decidiamo di prenotare lo stesso. Così abbiamo prenotato volo da Fiumicino e albergo (pensione completa + bevande) Hotel Elba Sara, che si trova a Caleta de Fuste, che lo scorso anno era gestito dall’Alpitour.
All’attarreggio a Fuerteventura, circa alle 10 della notte, l’aereo fa non pochi sballottamenti causati soprattutto dal forte vento. Io temevo veramente che di notte con quel vento il nostro pilota non riuscisse a centrare la pista. Per fortuna va tutto bene.
Scendiamo dall’aereo, prendiamo le valigie e usciamo fuori e la prima cosa che si nota è…. il caldo secco ventilato e la temperatura ideale!!!
Ci portano all’albergo. Veramente un gran bell’albergo dotato di una bella piscina con idromassaggio e le camere grandissime tutte con balcone sulla piscina.
Il giorno seguente decidiamo di organizzarci. Andiamo dal nostro “tour operator” (Alpitour) e veniamo a conoscenza che loro per almeno 4 o 5 giorni non avevano neanche una macchina da noleggiarci (ci piace molto girare da noi e scoprire spiagge e posti nascosti). Non ci scoraggiamo. Ci facciamo una lunga camminata fino al Castillo de Fustes ed entriamo nel primo negozio che noleggia auto. Non era una di quelle compagnie internazionali che noleggiano auto ovunque ma un semplice noleggiatore locale. Con poco riusciamo ad affittare per tutto il periodo un piccolo fuoristrada decappottabile. E così hanno inizio le nostre avventure.
Fuerteventura è un’isola molto grande rispetto a quello che si può dedurre dalle cartine ma noi in una settimana siamo riusciti a girarla in lungo e in largo e a fare anche una scappatella a Lanzarote.
Iniziamo a descrivere i posti e le spiaggie che ho visto e che vale la pena visitare:

A SUD:

– Seguendo la strada che prota a MORRO DEL JABLE continuate per un bel po’ su una stradetta a sterro che porta al FARO DE JANDIA: qui trovere un paesaggio mozzafiato con le rocce che cadono a picco sul mare; siete nel punto più a sud dell’isola.
– Tornando indietro troverete una deviazione (sempre sulla strada a sterro) che porta verso la PLAYA DE COFETE: andateci. Ci sono veramente poche persone e la spiaggia e il mare sono bellissimi, vale veramente la pena di fare un bel bagno.
– Risalendo la costa orientale verso nord agli appassionati di animali, di piante grasse e di “passeggiate su dromedario” conviene fermarsi alla LAJITA. Qui potrete effettuare un breve giro di mezz’ora su un dromedario e visitare il fantastico zoo con animali esotici.
– Sempre salendo verso nord, è possibile ammirare e fare un bellissimo bagno nella fantastica spiaggia di SOTAVENTO. Il mare qui è veramente cristallino. In questa spiaggia troverete che ci sono molti wind surfisti, Fuerteventura è l’isola del vento e in questa isola si svolgono i campionati mondiali di wind surf.

CENTRO-NORD:

– Sicuramente fermatevi a fare una foto tra le dune che passano a destra e a sinistra della strada che da Puerto del Rosario porta a CORRALEJO. Sono veramente belle, sembra di essere nel mezzo al deserto. Poi fermate la macchina attraversate le dune e fatevi un bel bagno nella più bella spiaggia che io abbia mai visto.

– Fate una scappatella anche alla Playa de EL COTILLO. E’ molto bella. E per andarci attraversare la zona montuosa centrale. Potrete vedere dei centri come LA OLIVA o ANTIGUA. Sono molto belli e la vegetazione arida del luogo è molto suggestiva.

– PURTO DEL ROSARIO, a differenza di alcuni che dicono che sia molto animata, io a fine luglio l’ho trovata semi desertica. Ci sono veramente pochi divertimenti.

Se ce la fate, andate a CORRALEJO porto e prenotate un biglietto per Lanzarote (portatevi anche la macchina) e fate un salto al monte-vulcano TIMANFAYA (dove potrete vedere che il vulcano è sempre acceso e da lassù godere di un panorama lunare e dove potrete gustarvi un ottimo “pollo” cotto sul vulcano), a JAMEOS DEL AGUA e a nella parte sud ovest a EL GOLFO dove c’è una bella spiaggia di sabbia nera (dovuta alle eruttazioni vulcaniche).

Sinceramente tornerei anche domani a Fuerteventura perchè apparte il bellissimo mare (un po’ freddo, ma il bagno si fa bene lo stesso), le spiagge incantevoli e i paesaggi mozzafiato, ho trovato davvero la mia temperatura ideale.
Spero di avervi dato ottimi consigli per una visita completa dell’isola.

Buon viaggio a tutti
Martina

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Fuerteventura: La terra selvaggia da scoprire

  1. ciao!!! quest’estate dovrei andare anch’io a fuerte..l’agenzia mi ha proposto il villaggio Tindaya in Costa Calma della Veratour, e il villaggio El Cotillo Beach della Columbus club…tu cosa mi consigli??? vorrei andare dove c’è la spiaggia più bella e possibilmente senza rocce…
    grazie!

Lascia un commento

Commenta con Facebook