New York, un sogno!

Si può descrivere l’emozione e i colori di una settimana vissuta alla grande ???…penso di no, ma ho usato l’espressione giusta…”grande” !!!…sia nelle dimensioni che nelle “sensazioni”…

Tutto è all’ennesima potenza, sembra che non possa mai mancare nulla…che ci sia sempre tutto…e di più…e meglio !…già perché l’impressione che abbiamo avuto è che l’organizzazione della minima cosa sia sempre perfetta, sempre a portata di mano…non ci siamo mai sentiti “soli”.
Dal momento in cui scendi dall’aereo sembra che tutta la città sia lì ad aspettarti e ad accoglierti nel migliore dei modi…
Qualcuno ci aveva detto della frettolosità dei newyorkesi, della loro scarsa disponibilità nei confronti del turista, quasi fosse un intralcio alla frenetica vita quotidiana…NIENTE di tutto questo !!!…abbiamo trovato persone che senza chiedergli nulla si fermavano per sapere se tutto andava bene, se avevamo bisogno di indicazioni…solo fortunati ???..solo un caso ???

Eravamo in viaggio di nozze, mia moglie un po’ scettica sulla Grande Mela…attendeva trepidante l’arrivo della seconda settimana di viaggio…Caraibi ..Antigua, mare,sole…voglia di non fare nulla…dopo i mesi di ansia per i preparativi pre-matrimoniali….invece si è ricreduta subito…colpita dalla facilità del viverla, dai colori e soprattutto dalla sensazione continua di essere dentro un film, in un parco giochi immenso visto e rivisto nei telefilm, nei cinema e ora a portata di mano….
Siamo usciti dal JFK…l’aria un po’ umidiccia, il cielo un po’ coperto…ma l’emozione di salire sul taxi e nella foschia della pioggerellina vedere il profilo di Manhattan è stato quanto di meglio ci potesse essere…
Siamo stati rapiti…un salto in albergo a riposare e poi giù in strada a far passare il fuso orario più rapidamente…ad alzare subito lo sguardo sugli immensi grattacieli che magari non brillano per “storicità” ma senza dubbio affascinano..e ti fanno venire il torcicollo…

Vabbè, non mi dilungo…l’abbiamo vissuta “sulla strada”…grandi camminate, perché New York merita di essere vista a piedi…avremmo avuto tempo di riposare…
Le prime emozioni sono visive ma anche acustiche…la sirena della polizia, inconfondibile…!!!..da film !!!..peccato nessun inseguimento!…poi il poliziotto che esce dallo Starbuck Coffee col suo bibitone…che rimarrà bollente per circa 5 ore…(ma che contenitori usano ???…mi sono ustionato diverse volte)…la donna in carriera con l’auricolare del telefonino, la valigetta e il tailleur seduta in un centro estetico a farsi le unghie, il negozio solo ed esclusivamente di Popcorn, i tombini da cui esce il fumo…(ma perché da noi no ??!!!??), anche gli operai che lavorano nei cantieri dei palazzi affascinano col loro elmetto giallo…

..e poi gli itinerari classici…l’Empire di notte (che fila!) con le luci mozzafiato, il battello da Battery Park per la visita della Statua della Libertà e la vista dello Skyline di Manhattan, Wall Street e Ground Zero in un’atmosfera da profonda ferita di chi orgogliosamente non dimenticherà, lo shopping sulla 5^ (anche buoni prezzi, mi sembra che “ci tengano” meno di noi alla firma…forse è un’impressione) e da Macy’s il negozio più grande del mondo (dicono) in cui mi sono perso mia moglie per un’oretta, Chinatown, il Village (ci dovrò tornare per viverlo meglio), una visita con autobus scoperto della Gray Line ad Harlem, Time Square con le sue sfavillanti luci (anche la Polizia ha la sua insegna lampeggiante!…incredibile!)…Central Park in cui mi sono gustato il mio Haagen Dasz sdraiato sul prato..un sogno…

E poi dove ti giri una storia da raccontare, i rapper che alzano qualche dollaro con i loro spettacolini, una 50ina di ragazzini che provano lo spettacolo per il 4 luglio, l’usciere del grande albergo che ti vede incerto con la cartina in mano e corre da te ad indicarti la strada, il poliziotto che accontenta tutti ( e dico tutti) i turisti che vogliono scattare una foto con lui…
Insomma… New York è un film, un puzzle di immagini e suoni che vale la pena vivere, assaporare e respirare…
Un cenno meritano anche le Cascate del Niagara, uno spettacolo meraviglioso…oggi forse un po’ “oppresse” dai grandi alberghi e dal business che ruota intorno al posto (Hard Rock, Giochi, Negozi sfavillanti)…però senza dubbio meravigliose, anche meglio di quanto pensassi…

E’ stato splendido e glielo abbiamo promesso…”New York, arrivederci”.

Saluti
Stefano e Mapi

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook