Marsa Alam

Marsa Alam dalla A alla Z
By Patrizia e Scorpio
Periodo del soggiorno: 29 Luglio-5 Agosto 2003

A
Aeroporto di Marsa Alam : situato a circa 70 km dalla cittadina di Marsa Alam e a circa 60 da Quesir, è una struttura molto recente, adeguato al traffico attuale ma sottodimensionato se si considera che l’area è in forte espansione turistica. Servizio molto efficiente per quanto riguarda la consegna bagagli. Nota negativa: non c’è il Duty Free Shop.
Abu Dhabab: a metà strada tra Marsa e l’aeroporto c’è questa famosissima baia, attrezzata per i clienti del Karamana e del Ventaclub, nella quale sembra ci sia la possibilità di vedere il Dugongo e grosse tartarughe. A noi è capitato di vedere solo queste ultime ed un grosso trigone. Entrando in mare dall’estrema sinistra della spiaggia c’è un reef molto vivo, caratterizzato, oltre che dai soliti pesci di barriera e da un corallo molto bello, anche dalla presenza di pesci coccodrillo. Nota negativa: quando c’è vento ed il mare si ingrossa di conseguenza, la spiaggia diventa impraticabile in quanto la sabbia viene alzata dal vento e lo snorkelling diventa problematico.
Animazione: la direzione dell’albergo consente una animazione molto “soft” sia durante il giorno sia alla sera. I giochi proposti non erano comunque molto coinvolgenti.
B
Barriera corallina: La barriera è molto vicina, e si estende ai lati della baia che ospita le strutture dell’Iberotel Coraya e del BravoClub Soraya. Buona varietà di coralli, conservati in ottima condizione, è discreta varietà di pesce, anche se inferiore alle aspettative. Visibilità scarsa, non più di 10 metri, nel periodo del nostro soggiorno.
Bar: nella struttura dell’albergo ce ne erano 4+1 a bordo piscina. Prezzi delle consumazioni abbastanza contenute per una struttura alberghiera a 5 stelle. Nota negativa: alla sera il bar situato sulla spiaggia era quasi sempre chiuso.
C
Camere: spaziose, le nostre con vista mare, balcone, frigobar, cassetta di sicurezza, aria condizionata regolabile, armadio di ampie dimensioni.
Clima: temperature che variavano da 29 gradi alla sera ai 37 gradi alle 14.00. Tasso di umidità limitato, quasi assente in presenza di vento
D
Diving: ubicato a circa 400 metri dall’Iberotel, dispone di un pontile per le immersioni nell’house reef. Corsi Padi a costi in linea con quelli praticati in Italia. Il pagamento può essere corrisposto o cash o con carte di credito. Per pagamenti con carte di credito viene applicato un sovraprezzo del 5%. Il diving è gestito da una coppia di simpatici tedeschi. Gli istruttori sono italiani e tedeschi.
Dolphin house: è un reef nel mezzo del Mar Rosso, raggiungibile dal porto di Marsa Alam con un’ora e mezza di barca. Ha una forma a ferro di cavallo ed offre protezione ad una numerosa colonia di tursiopi. I delfini sono quasi sempre presenti nella laguna interna del reef e noi abbiamo provato la magnifica esperienza di praticare lo snorkelling in mezzo a branchi che ne contavano una cinquantina di individui. Questa escursione, secondo noi, è stato il momento più esaltante di tutta la vacanza.

E
Eurofly: il vettore utilizzato per il viaggio aereo. Abbiamo riscontrato puntualità e cortesia, di più non penso si potesse chiedere. Se si vogliono cercare aspetti negativi, questi vanno individuati nella qualità/quantità dei cibi ai pasti.
Escursioni: Luxor, il centro abitato di Quesir, mercato dei cammelli al confine con il Sudan, motorata nel deserto e Delphin house e Abu Dhabab sono offerte dai T.O. presenti all’Iberotel (Francorosso, Teorema, Turisanda e Metamondo). L’ escursione a Delphin house viene proposta anche da privati egiziani. Noi abbiamo fatto con loro 2 escursioni e ci siamo trovati benissimo. I prezzi: 40 €/cad per Dolphin house e 20 €/cad per Abu Dhabab.
F
Fauna Ittica: Corallo conservato, fortunatamente, in un ottimo stato. I pesci di barriera erano quasi tutti presenti, ma in quantità modesta. Questo lo abbiamo riscontrato sia lungo la barriera adiacente l’albergo, sia nei reefs esplorati nelle due escursioni che abbiamo effettuato.
G
Golden Beach: tratto di costa della lunghezza di circa 20 km tra il Karamana e Marsa Alam. Ora ci sono solo 5 resort funzionanti, ma ce ne sono altri 17 in costruzione. E’ prevedibile che tra qualche anno si verrà a creare un affollamento tipo “Sharm”. Chi vuole visitare Marsa Alam, è meglio che si affretti…
H
Hotel Coraya: Albergo molto bello, vale le cinque stelle che gli vengono attribuite. E’ formato da numerose palazzine a due piani con due stanze per piano E’ ubicato alla fine di una baia protetta dal mare ma non dal vento. L’albergo dista 5 km dall’aeroporto il che accorcia i tempi di arrivo e partenza. Richiesti pantaloni lunghi per gli uomini a cena, tollerati i bermuda.
I
Internet Point: disponibile in uno stanzino adiacente la reception. I costi di collegamento sono a tempo e le tariffe applicate sono modeste. Si deve segnalare che i tempi di collegamento sono molto lunghi.
L
Laguna Blu: viene così chiamata anche la spiaggia di Abu Dhabab
Lettini mare: sono disponibili in spiaggia in numero di 2 per ombrellone
M
Mosche: poche ma estremamente insistenti e fastidiose
Mance: non sono obbligatorie ma gradite. Specialmente al boy-room ed al cameriere che di solito ti serve al ristorante.
N
Negozi: nella struttura dell’albergo ci sono negozietti di artigianato locale. In uno di questi sono anche disponibili creme solari, rullini e macchine fotografiche subacquee usa e getta.
O
Ombrelloni: Sono disposti in triplice fila per l’intera lunghezza della spiaggia. Ogni ombrellone è equipaggiato con due lettini e, la maggior parte con una protezione antivento in vimimi.

P
Personale Egiziano: Estremamente cortesi, disponibili, sempre pronti a scherzare ed efficienti. Giudizio ottimo.
Piscine: all’interno del complesso ce ne sono tre, delle quali una per bambini. Lettini numerosi anche a bordo piscina.

Q
Queen Randa: questo è il nome dell’imbarcazione che abbiamo utilizzato per la nostra gita a Delphin House. Barca con doppio ponte di una quindicina di metri. Pranzo a bordo, la cucina non era della migliori ma quando si ha fame……Per il transfer dal punto di ormeggio al limite di Dolphin House si utilizza il tender della barca.
R
Ristoranti: nel complesso ci sono due ristoranti, uno a buffet, incluso nel trattamento di pensione completa, ed uno alla carta a pagamento. Cucina internazionale con buona varietà anche se , a nostro avviso, il cibo viene cucinato in modo un po’ “pesante”. Poca invece la scelta sulla frutta.
S
Spiaggia: lunga circa 700 metri con terreno pianeggiante,compatto, di sabbia desertica rossiccia. Gli ombrelloni fanno da recinto all’intero perimetro della spiaggia. Facile l’accesso al mare dalla parte dell’Iberotel mentre davanti al Villaggio Bravo Alpitour c’è la barriera e per accedere al mare si deve camminare per circa 100 metri.
Snorkelling: la baia offre la possibilità di fare snorkelling anche con mare mosso. La barriera è su entrambi i lati della baia. Si possono vedere numerose specie di pesce di barriera tipica del Mar Rosso anche se la quantità lascia a desiderare. Molto bello e ben conservato invece il corallo, anche se il genere umano, con la stupidità che lo contraddistingue, si sta impegnando per rovinarne quanto più possibile.Durante il nostro soggiorno la visibilità era scarsa, ma ci hanno detto che era una cosa eccezionale.
Sport: ci sono un campo di bocce, di calcetto ed uno di beach volley ed una palestra attrezzata. In piscina, 2 volte al giorno, vengono tenute lezioni di acqua gym. Ci sono inoltre due porte per pallanuoto.
T
Tiger Marine: una baracca gestita da egiziani che offre varie escursioni tra cui Dolphin house ed Abu Dhabab a prezzi inferiori rispetto a quelli praticati dai Tour Operator. Noi abbiamo utilizzato questa struttura per le nostre gite e ci siamo trovati bene.
Topless: E’ vietato, comunque tollerato…Durante il nostro soggiorno ne abbiamo riscontrati solo due casi.
Teorema Tour: è il Tour Operator che abbiamo utilizzato noi; senza infamia e senza lode, servizio in linea con la maggior parte degli operatori.
Teli mare: Inclusi nella sistemazione, fino ad esaurimento, e cambiati ogni volta che si desidera.
U
Ultravioletti: banale consigliare di proteggersi con creme ad alta protezione, il sole a Marsa Alam non è un opzione
V
Vento: anche se in alcuni periodo dell’anno deve essere molto forte, e lo testimoniano le protezioni situate vicino agli ombrelloni, durante il nostro soggiorno non ne abbiamo trovato molto e meno male che c’era……..
Z
Zanzare: non ce ne erano, anche perché tutte le sere il verde veniva disinfestato.

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook