Zanzibar…Jambo….Jambo..!!!

ZANZIBAR 31 Gennaio 2006

Dopo frenetici preparativi IO ( Massimo ) e Bruna ( la mia Lei ) siamo nuovamente riusciti ad organizzare le nostre vacanze invernali con i nostri Carissimi Amici , Carlo & Anna , a cui si sono aggiunti Alberto , il nostro parrucchiere di fiducia e Cristina la Principessa della Sigala ( la nostra amica Tabaccaia ).
Il 31/01/2006 si parte per Malpensa alle 17.00 , ci troviamo in Aeroporto molto prima del dovuto , circa alle 20.30 .
Alle 21.00 inizia il chek-in del nostro Tour Operator , la Maxitraveland , e per puro caso Carlo e’ il primo della fila , mai successo !!!!
Dopo aver ritirato i documenti ci avviamo alla consegna delle valigie , ci assegnano tutti i posti vicini .
Alle 21.30 ci troviamo con altri amici che arrivano da Varese che sono venuti a salutarci , cosi’ si mangia una pizza tutti assieme , aspettando l’ora dell’imbarco.
Dopo aver salutato gli amici di Varese ( Oscar & Elena ) , ci avviamo lentamente al controllo passaporti , ce’ gia’ una coda incredibile , sono le 22.45 , l’imbarco e per le 23.15 , Volo AirEurope.
Io e Bruna consegnamo i passaporti e passiamo il controllo , ma nel momento che tocca a Carlo e Anna , tutto si complica !!….Carlo scuote la testa e inizia a sudare , NON hanno le marche valide sul passaporto !!
Si fanno da parte , Carlo suda abbondantemente mentre Anna corre indietro a cercare due marche valide nell’edicola dell’ aeroporto .
Ma al suo arrivo e’ gia’ chiusa , fortunatamente trova una Bagarina che aspetta li in zona proprio gli sbadati come loro e gli vende le marche , anche se un po’ piu’ care.
Ultima chiamata per il volo Milano – Roma – Zanzibar delle 23.15….
Riescono ad imbarcarsi per ultimi !! Ma ci riescono e finalmente Carlo smette di sudare freddo , eravamo a -5°…..
Finalmente si parte , da Milano eravamo poco piu’ che una cinquantina , ma a Roma , dove atterriamo alle 00.30 l’aereo si riempie , e poi viaaaaa……7 ore di volo e atterriamo a Zanzibar !!
Atterriamo sull’Isola alle 11.00 ora locale , le nostre 09.00 , di Mercoledi’ 01/02/2006.
L’aereoporto e’ davvero piccolo e mal organizzato , abbiamo impiegato circa 1 oretta per recuperare le valigie , le scaricavano con una lentezza esasperante , facciamo la coda per il controllo passaporti e per pagare i 50 Dollari del visto di ingresso , e , data la stanchezza e il caldo decidiamo di dare un euro di mancia al poliziotto , cosi’ da evitare almeno l’ apertura del bagaglio e uscire subito all’ aria aperta , dove troviamo Cristina , l’Assistente della T.O. che ci aspetta , per indicarci su che pulmino salire.
Dopo circa un’ oretta si arriva al La Villa Beach , le strade sono davvero dissestate , ma la struttura e’ molto accogliente , tranquilla , pulita e confortevole , con una cucina Ottima!!…L’Ideale…!!!
Solo il vino rosso lascia a desiderare , il bianco e’ un po’ meglio (1/2 litro 7200 scellini , circa 7 dollari) .Ma siamo in Africa!!!
Il pomeriggio dopo aver sistemato i bagagli decidiamo di fare quattro passi sulla spiaggia ( Cristina si punge un piede con un riccio , bell’inizio!!…ma non finisce qui , nei giorni a seguire gli cadra’ il telefonino in mare e avra’ un piccolo incidente stradale durante una gita , senza danni fisici , meno male..!!!…Avra’ il Malocchio!!!!! ) e cosi’ iniziamo a fare la conoscenza dei Beach Boys , ed in particolare di RE LEONE , che poi ci accompagnera’ nelle nostre escursioni , e dei suoi assistenti Pasquale e Bruno Conti.
Sono ottime persone , bravi e parlano abbastanza bene l’italiano e hanno prezzi inferiori a quelli del T.O. di almeno il 30% , un bel risparmio sulle escursioni.
Il Giovedi’ , escursione a Stone Town e le piantagioni di Spezie
La serata la passiamo con i Masi del Villaggio , che ne controllano la sicurezza giorno e notte , e ci insegnano un loro passatempo , sembra un gioco della Dama , con delle conchiglie.
Il Venerdi’ relax totale , spiaggia , sole , mare , perche’ la sera ci aspetta la festa sul pontile del Bravo Club, che dista a circa 25 minuti a piedi , dal nostro villaggio.
Il Sabato si parte alle 8.30 per il Jeep Tour , visitiamo i villaggi costruiti con la paglia e il fango rosso , davvero poverissimi e sbucano bambini da ogni parte, sono tenerissimi.
Poi si arriva alla fabbrica dei chiodi , fabbrica per modo di dire , scaldano dei tondini di ferro su un braciere e poi in due con colpi alternati e con un martello formano i chiodi.
A seguire la zona dove lavorano il legno , porte , sedie , bauletti , ecc….poi si arriva a Nungwi beach per vedere le Tartarughe Giganti.
Quindi si va a fare pranzo sulla spiaggia , un locale modesto , ma in cui abbiamo mangiato dell’ ottimo pesce e infine il bagno e il tramonto sulla bellissima spiaggia dove si affaccia la Gemma dell’Est.
La Domenica relax totale , con una bella passeggiata fino al pontile.
Il lunedi’ , dopo una mattinata di mare decidiamo di andare a fare un giretto a Stone Towne e quindi a vedere il tramonto dall’ African House , forse il piu’ bel bar con terrazza sul mare della citta’.
Il Martedi’ , come anche il giorno precedente c’e’ molta umidita’ e vengo pizzicato da alcuni insetti , credo siano zanzare , ma non ne sono sicuro , ho delle piccole bolle.
Ma per sicurezza tutti noi abbiamo fatto la profilassi con il Malarone , che avevo gia’ utilizzato in Senegal alcuni anni fa’.
MERCOLEDI…..sono finite le nostre Vacanze…!!!!
Rieccoci in Aeroporto , peggio che all’ andata….
Prima fila per il peso della valigia e primi 8 Dollari di tasse , poi passiamo dietro il bancone , andiamo a recuperare le valigie e ….altra fila per caricarle su un nastro , per farle arrivare all’ aereo……e’ finita?……..NO….altra fila per vistare il passaporto e versare gli altri 25 Dollari , per uscire dal paese.
Finalmente sono finite le code e ci avviamo all’ imbarco , alle 13.00 si parte sempre con AirEurope , volo perfetto , si fa scalo a Roma alle 19.00 e si arriva a Malpensa alle 21.00.

Che dire………….Tutto davvero fantastico….dalla gente ….al mare……e’ un posto da visitare…….e che non si scordera’ piu’…..

Ciao da….. Massimo , Bruna , Carlo , Anna , Alberto e Cristina…….

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook