Maldive – Fun Island 2002

Era il 19 Febbraio, anno 2002, ore 11,30, incomincia la nostra avventura,prima vacanza con destinazione MALDIVE, esattamente Fun Island nell’atollo di Male Sud. Era la nostra prima volta alle Maldive,anche se devo essere sincero,ero un pochino agitato perché era la prima volta che salivo sopra ad un aeroplano, per giunta per un viaggio così lungo (10 ore di volo). Ritornando alla nostra vacanza, partenza in macchina con destinazione Milano-Malpensa, giunti in loco sbrigate le formalità per il posteggio dell’auto, raggiungiamo l’aereoporto con un pulmino dove li ad attenderci…
C’era mia cugina ELENA che sarebbe partita con noi, ora il gruppo era completo, ed era così composto :
Francesco (Rounders), Laura, Elena, Federico ed Io (Andrea).
Dopo il ritrovo ci avviamo per sbrigare il ceck in per l’imbarco e la partenza, come al solito la fortuna ci perseguita, in quanto si alza un bel NEBBIONE e di conseguenza il volo viene posticipato di un paio d’ore, così invece di partire alle ore 18,00 la partenza è stata spostata alle ore 20,00 circa… ahahah!!! scordavo che il nostro volo faceva scalo anche a Roma.
Finalmente lasciata anche Roma si parte definitivamente per la nostra vacanza, il sottoscritto, Francesco ed Elena hanno dormito per quasi tutto il viaggio, mentre Laura e Fede hanno fatto avanti ed indietro per tutto l’aereo. Giunti a destinazione alle ore 8,15 circa atterriamo all’aereoporto di Hulule, sbrigate le varie formalità doganali per l’ingresso nel paese, ci dirigiamo alla ricerca del nostro T.O., la quale ci da i nostri vaucher e ci accompagna al porto dove ci attendeva il motoscafo (oppure barca veloce), fino ad ora non vi ho detto dell’impressione che ho avuto nel momento appena atterrato, ci vorrebbe un mese e tante parole per descrivere le mie emozioni e i sentimenti che ho provato in quell’istante, ve le riassumerò in 2 parole, sono rimasto affascinato ed incantato dalla bellezza dei colori indescrivibili che si vedono, sia del cielo e sopra tutto del mare quel color azzurro intenso e unico, sig. sig. sig., tristezza, malinconia,mi ha già beccato il morbo appena arrivato… cioè… “M.d.M. (Mal di Maldive), un virus che non si nota subito ma col passare del tempo,vi assicuro lascia il suo segno,ed in me ha lasciato un gran bel segno,torniamo al racconto.
Saliti sulla barca veloce sistemate le valige si parte verso la nostra agognata meta Fun Island, dopo circa 50 minuti giungiamo sull’isola, la quale si estende per circa 600-700 metri sul lato orientale dell’atollo, mentre giungevamo alla meta stavo già sognando il nostro primo tuffo in quell’acqua stupenda.
Appena sbarcati ci viene offerto il cocktail di benvenuto e ci vengono spiegate alcune regole fondamentali, tipo apertura e chiusura del RISTORANTE, ed infine ci viene assegnata la camera, come giungiamo in camera ci cambiamo ed infilato il costume, via di corsa per il primo tuffo maldiviano, comunque le sensazioni sono indescrivibili, acqua con temperatura intorno ai 32° c. e di un colore azzurro unico.
Torniamo alla descrizione dell’isola.
Versante Nord si trova un’isola deserta la quale dista circa 300-400 metri e raggiungibile a piedi marea permettendo, nel senso che la si può raggiungere a piedi alla mattina intorno alle 10,30-11,00 una bella e lunga camminata con l’acqua che arriva all’altezza dello stomaco, sull’isola trovate una costruzione fatiscente con all’interno dei gabinetti per giunta la porta della casetta è chiusa con un lucchetto, per il resto solo palme e una spiaggia strepitosa di una tranquillità unica ed indescrivibile.
Sul versante Est è quello con la laguna migliore in assoluto di tutta l’isola, con acqua bassa e caldissima, la laguna è ampia ed è divertente prendere il sole con le sdraio nell’acqua sorseggiando una bella birra, mentre il reef è abbastanza distante dalla spiaggia.
Nel versante Ovest il reef è meno distante dalla spiaggia ed è abbastanza facile da raggiungere sia a nuoto sia a piedi percorrendo il lungo pontile, premetto attenzione al pontile che non capiti quello che è capitato a noi, cioè dopo aver deciso di fare snorcheling ci è venuta la brillante idea di ritornare a piedi lungo il pontile, ma è stato fatale, della serie ustione ai piedini, la volta dopo muniti ciabatte abbiamo evitato il problema, alla sera verso le ore 21,00 circa in cima al pontile si può assistere ad uno spettacolo unico nel suo genere, cioè arrivano a mangiare dalle 5-6 manta che vi assicuro sono splendide, di fatti noi una sera infilato il costume ci siamo buttati in acqua insieme a loro ed abbiamo fatto il bagno insieme ed è stata una delle cose più belle mai viste e fatte… provare per credere.
Mentre nel parte Sud c’è un piccolo canale che divide l’isola di Fun Island da Olhuveli che oltre tutto non è accessibile in quanto vi sono ormeggiati i Dhoni che vengono usati per le varie escursioni. Sempre in questa parte dell’isola c’è la parte fondamentale per noi sub il DIVING ben attrezzato e fornito di tutto, con istruttori fantastici di cui neanche un italiano comunque ci si intendeva bene in qualsiasi caso.
Poi nella parte centrale dell’isola vi si trova la Reception, il negozio di souvenir il ristorante ed i due bar di cui uno è aperto 24 ore su 24, le camere sistemate all’interno dell’isola ben mimetizzate alla vista esterna dell’atollo, le stanze sono piccole casette con veranda e tutti i confort aria condizionata, ventilatore, mini frigo, ed in ultimo il bagno che è chiuso e non alla maldiviana cioè doccia all’aperto, le stanze venivano pulite 3 volte al giorno teli mare puliti ogni giorno.
Reef l’isola è circondata da una bella barriera corallina che è accessibile più comodamente dalla parte ovest, lo si può raggiungere a nuoto oppure a piedi percorrendo il lungo pontile,devo dire che la prima volta che mi sono immerso dal pontile è stato meraviglioso, perché abbiamo visto solo tartarughe, pesci pietra, lion fish, aquile di mare, murene e per finire due squaletti pinna bianca, oltretutto ripresi dalla telecamera dell’istruttore che ci faceva da guida, ricordo stupendo (comprata cassetta).
Ristorante cosa per noi italiani FONDAMENTALE logicamente era a buffet diviso in due, nel senso dal lato sinistro si trovavano i primi piatti e dal lato destro i secondi con i contorni mentre nella parte destra accanto ai secondi piatti c’era il reparto frutta e dolci, questi ultimi fantastici, che qualcuno di mia conoscenza faceva le gare a chi ne mangiava di più. Vero Franci e Fede?
Diving impareggiabile Primo, Io e mio fratello abbiamo preso il brevetto qui a Fun Island quindi non posso che parlarne più che bene, ottimi istruttori e ottime immersioni, sopra tutto una delle ultime fatta a Bodu Khandoo quando siamo andati per vedere gli squali in questa famosa pass, ed a un certo punto ci siamo trovati in corrente, la quale era talmente forte da trascinarti via come fossi una bandiera al vento, comunque devo dire esperienza meravigliosa ed indimenticabile, sopra tutto il divertimento delle nostre immersioni era stare a vedere sia me che mio fratello durante i primi giorni di corso, perché non riuscivamo mai a scendere in maniera corretta e normale come gli altri sub, quindi erano numeri da circo incredibili per poter fare l’immersione, addirittura ci venivano a prendere gli istruttori perché non riuscivamo in nessuna maniera ad andare GIU’.
Per concludere sono stati i quindici giorni più divertenti ed entusiasmanti degli ultimi tempi, in quanto era la prima volta che andavo alle MALDIVE, purtroppo uno degli ultimi paradisi terrestri rimasti, ed i giorni di vacanza sono volanti in un tempo infinitesimale cioè finiti troppo presto, comunque torneremo ahahahaha se torneremo.

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook