Tulip Resort – Marsa Alam. Settimana dal 16 aprile 2006 al 24 aprile 2006

Siamo tornati da poco dalla nostra vacanza sul Mar Rosso a Marsa Alam e non essendoci su internet molti racconti sull’hotel TULIP RESORT vi facciamo partecipi della nostra esperienza.

Siamo partiti il 16 aprile 2006 (giorno di Pasqua) da Malpensa con 4 ore di ritardo perché il nostro aereo ha avuto un problema al motore principale. Prima hanno tentato di aggiustarlo (almeno così ci hanno detto), poi ci hanno dato un altro aereo che ha avuto un problema a una ruota: “incominciamo bene !” abbiamo pensato.
Durante le ore di attesa ci hanno dato la possibilità di fare uno spuntino (un panino e una bevanda).

Siamo arrivati all’aereoporto di Marsa Alam e subito dei giovani egiziani che parlavano bene l’italiano (noi pensavamo che fossero addetti dell’aereoporto, mentre erano delle guide utilizzate dai tours operator) ci hanno aiutato per i controllo documenti e ci hanno diviso su diversi pulman. La maggior parte delle persone che era sul nostro volo andava al Tulip
Ci è stata assegnata la camera 1612. Dopo il viaggio avremmo voluto farci una doccia, ma ci siamo accorti che non c’era acqua calda, il mattino dopo abbiamo segnalato il problema sia alla reception sia alla corrispondente italiana della Phone and go, di nome Sara. Durante la mattinata abbiamo avuto l’acqua calda, ma era di colore giallo, abbiamo quindi avvertito sia la nostra corrispondente che ci ha risposto che molto probabilmente c’erano dei lavori in corso sia la reception che ha mandato due persone della manutenzione che ci hanno consigliato di lasciare il rubinetto dell’acqua calda aperto per molto tempo. Sembra che la nostra camera sia usata raramente quindi l’acqua calda viene chiusa e quando si apre il rubinetto….
A parte i nostri problemi di acqua l’albergo è molto bello come struttura, ha una hall scenografica, come ci si aspetta da un albergo da 5 stelle, ma i lati negativi sono diversi.

CIBO_ La qualità è buona, ma il cuoco avrebbe bisogno di imparare qualche ricetta nuova. Dire che è poco varia è fargli un complimento. A pranzo e a cena CI SONO SEMPRE LE STESSE COSE: riso bollito, carne di manzo, pollo, verdure lessate, patate, pesce. C’è poi un angolo dove fanno la pasta e si può scegliere di averla al sugo o al ragù o con aggiunta di melanzane, zucchine, pomodoro fresco, cipolla, aglio. Per frutta arance, meloni e datteri , le banane solo 3 volte su 7 giorni.
Qualcuno si è un po’ lamentato con la corrispondente italiana, ma si è sentito dire che era cucina internazionale e che ci dovevamo adattare.

SPIAGGIA _ Il numero degli ombrelloni e dei lettini non è adeguato al numero degli ospiti. Stessa cosa avviene attorno alla piscina. Sotto Pasqua l’albergo era al completo e la mattina si assisteva a un accaparramento di posti. Qualcuno dava un euro ai ragazzi che cambiano gli asciugamani in piscina perché gli occupassero i posti di buon mattino il giorno dopo. Altri alzandosi tardi non trovavano più lettini disponibili ed erano costretti a coricarsi solo sull’asciugamano. Una signora non trovando posto sui lettini ha sistemato l’asciugamano in spiaggia sulla sabbia e dopo essersi allontanata l’ho ha ritrovato sporco di grasso, quando è andata per cambiarlo si è sentita rispondere prima dai ragazzi addetti al cambio asciugamani e poi dalla corrispondente italiana della Phone and go che doveva togliere le macchie o pagarlo!!! Roba da matti.

ACCESSO AL MARE_ come nella maggior parte degli alberghi di Marsa Alam non è possibile fare il bagno davanti all’albergo né con la bassa né con l’alta marea. Desideriamo inoltre chiarire che l’albergo non possiede alcun pontile. Sara, la corrispondente italiana, ci ha detto che è stato dato da poco il permesso all’albergo di costruirlo, ma fino alla fine di aprile 2006 non c’era il minimo segno di un inizio di una tale opera che sarà senz’altro difficile e lunga, visto che davanti all’albergo la barriera è molto lontana. Esiste però un pontile costruito davanti a un albergo ancora in costruzione. Per fare il bagno bisogna quindi fare una bella passeggiata sulla spiaggia verso questo albergo in costruzione, poi ancora percorrere il suo pontile che è molto lungo: è insomma una bella camminata. State attenti alla scaletta per l’accesso in mare che è a pioli e un po’scivolosa. La barriera qui è bellissima, ma il mare è profondo. Noi abbiamo visto uno squalo, un aquila di mare, una tartaruga e tanti pesci colorati.
Una curiosità: ci siamo chiesti perché un hotel ancora in costruzione ha già il suo pontile ed il Tulip no ? Una guida ci ha spiegato che costa meno il permesso di costruire un pontile quando ancora non c’è l’albergo. Probabilmente quando quest’hotel sarà terminato il Tulip sarà costretto a costruirsi il suo pontile.

SPIAGGIA DI ABU DABAB_ è una bella spiaggia con accesso diretto dal mare. La barriera è ai lati ed è facilmente accessibile anche dai bambini. Peccato che la parte più bella e più riparata dal vento (sulla sinistra guardando il mare) non sia in concessione al Tulip, ma all’hotel Kaharamana, i lettini e i ripari per il vento nella parte di spiaggia riservata al Tulip sono piuttosto brutti così come il gabinetto e la doccia. Anche la pulizia della spiaggia lascia al quanto a desiderare. Tutt’altra cosa il tratto di spiaggia riservato al Kaharamana dove c’è pure un bar e un centro diving.
Presto in questa spiaggia le cose cambieranno perché è in via di ultimazione un grande hotel che si affaccia proprio su questa spiaggia.
Potete andarci con un pulmino che parte ad orari stabiliti il mattino (andata 9.00, 9.30, 10.00- ritorno 13.00, 13.30, 14.00) il pomeriggio (andata 14.30, 15.00, 15.30- ritorno 17.00, 17.30, 18.00).
Dal momento che il pulmino contiene circa 24 persone bisogna prenotarsi alla reception per tempo e si dovrebbe tornare all’orario prestabilito;ad es. chi parte con il pulmino delle 9.30 dovrebbe tornare con quello delle 13.30, mentre c’è sempre qualche “furbo” che non rispetta gli orari, si imbuca nella corsa precedente e magari ti tocca rimanere in piedi.

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook