Messico – Playa Maroma 2002

Se ne era parlato già alle Maldive, sulla spiaggia con altri ospiti del Ventaclub Rannalhi. Il nuovo villaggio della Ventaglio in Messico, a vederlo dalle anteprime delle foto pubblicate sui cataloghi Ventaglio, sembrava essere molto carino. Al momento di decidere per il nuovo viaggio spezza-inverno, la scelta cade subito su Playa Maroma se non altro per la curiosità di vedere quello che viene descritto come il villaggio più bello di quelli proposti dalla Ventaglio.
A febbraio finalmente si parte: solita trafila, ritrovo all’area gruppi per ritirare i biglietti aerei, check-in (questa volta niente saletta Vip, Air Europe non offre questi servigi) e poi l’attesa per l’imbarco. La traversata oceanica fila via tranquilla, il servizio in business class è ottimo ed anche il personale di bordo è sempre attento e cortese. Arriviamo a Cancun ed espletate le formalità burocratiche (tra cui il controllo dei bagagli), troviamo ad accoglierci i ragazzi della Ventaglio che ci indirizzano verso i bus che ci porteranno al villaggio. Il trasferimento dall’aeroporto di Cancun al villaggio dura poco più di mezz’ora. Playa Maroma si trova sulla strada che da Cancun va a Playa del Carmen e poi a Tulum, per accedervi da tale via si deve imboccare una strada sterrata circondata dalla fitta vegetazione. Scesi dall’autobus constatiamo che effettivamente il villaggio è immerso nella natura incontaminata e rigogliosa. Le camere sono situate in palazzine a due piani nel classico stile messicano dipinte con bei colori sgargianti. Ogni gruppo di palazzine ha la sua piazzetta con tanto di fontana. Lungo i vialetti sono nascosti diffusori acustici che diffondono a tutte le ore musica new-age che fa da sottofondo all’atmosfera del villaggio. Le camere sono molto spaziose arredate in maniera semplice ma molto carina dove due letti queen-size fanno bella mostra di se. Il bagno è costituito da un antibagno, dove in un piano in muratura trovano posto due lavabi sormontati da un enorme specchio incastonato nel muro, e dal bagno vero e proprio. Il cibo servito nei ristoranti è di ottima qualità e abbastanza vario, inoltre dobbiamo porre attenzione ai dolci se non vogliamo tornare a casa con un bel po’ di chili di troppo! L’animazione non tradisce le attese: coinvolgente ma non invadente, con i ragazzi molto simpatici e sempre disponibili a regalare allegria. La spiaggia è attrezzata con ombrelloni in paglia (secondo noi pochini in relazione al numero delle persone che il villaggio può ospitare) e lettini, inoltre vengono forniti i teli mare. Altri lettini si trovano nelle vicinanze della piscina.
Al nostro arrivo in camera, notiamo subito che manca il lettino per il bambino che avevamo richiesto all’atto della prenotazione. Una telefonata in reception e dopo pochi minuti arrivano due addetti con il lettino e una cameriera che provvede a sistemarlo. Il disguido, quindi, viene risolto molto celermente.
Le giornate trascorrono tranquille. Restiamo quasi sempre nella zona piscina visto che in spiaggia il vento sempre presente nella settimana del nostro soggiorno è un po’ fastidioso e non permette al bimbo di giocare (la sabbia alzata dal vento gli finiva puntualmente negli occhi…).
Unica variante che ci concediamo è la visita a Chichen Itza. Affittiamo una macchina e dopo colazione ci avventuriamo nello Yucatan. Arriviamo a Chichen Itza dopo più di due ore di viaggio e dopo qualche patema per la poca benzina nel serbatoio e la scarsità di distributori. La visita si rivela molto affascinante. La vista dell’enorme piramide a gradoni è uno spettacolo che lascia senza fiato, come lascia senza fiato lo spettacolare panorama che si gode dalla sommità della piramide stessa. Tutto il sito archeologico di Chichen Itza è uno spettacolo molto affascinante: il campo per le partite con la palla (non ci ricordiamo il nome esatto del gioco) dove i perdenti venivano sacrificati, l’osservatorio, il cenote sacro e comunque tutte le costruzioni che sono rimaste a testimonianza dell’antica cultura Maya. Il ritorno verso Playa Maroma avviene sotto la pioggia che comincia, per nostra fortuna, mentre ci apprestiamo ad andar via da Chichen Itza.
La nostra settimana di vacanza è volata via in un soffio e ci siamo ritrovati nuovamente a bordo dell’aereo che stavolta ci riporta a casa. Anche il volo di ritorno fila liscio come quello di andata.
Arrivati a casa il pensiero è subito al prossimo viaggio!!!

Chi volesse vedere qualche foto di questo viaggio può andare sul nostro sito http://www.iviaggiatori.it

Franco & Francesca

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook