Una settimana da Dio

Una Settimana da Dio

Abbiamo navigato per mesi sul sito “********” , consultato cataloghi,valutati pro e contro di ogni resort (compresa la parte eonomica!!),e sognato di star sdraiati sulle ondine a godere della vista di un paradiso terrestre!
Fortunatamente Dhiggiri rientrava fra i pacchetti vacanze di una promozione alla quale abbiamo aderito.. e così sabato 26 novembre ci hanno detto :”LUNEDì 28 PARTITE “.
Due soli giorni di preparativi……e via con valigie alla mano.Il Malpensa-Malè (via Colombo) con la Livingstone (Lauda Air) è stato abbastanza comodo, considerando che si tratta comunque di stare per 10 ore seduti.Eravamo un pò tesi per la durata della tratta …ma il gioco valeva la candela,
e tutto sommato il tempo è stato ingannato con la cena e 2 film!
All’arrivo abbiamo trovato *****, assistente Francorosso, ad attendere noi ed altre 5 coppie più uno splendido bambino di 3 anni , Filippo.Siamo tutti…via alla barca veloce…e dritti dritti al pontile della nostra isoletta.
La tratta è breve e sarebbe dovuta durare 1 ora e mezza, ma ad un quarto d’ora dall’arrivo (era andato tutto troppo bene fino a quel momento…nessun ritardo!)il maldivian-pilota per fare “lo sborone” saltando qua e là fra le onde, spacca uno dei 2 motori e arriviamo a destinazione con 45 minuti di ritardo..ma almeno abbiamo beccato i delfini!
L’emozione nel vedere quel piccolo gioiellino di palme immersa nell’oceano è indescrivibile..
Al pontile troviamo ad attenderci la ****** (direttrice del resort) e i ragazzi dell’animazione..e finalmente..con 5 ore di fuso e dopo 16 ore fra voli (partendo dalla Sicilia abbiamo dovuto prendere anche un Catania-Milano)barca veloce e varie attese abbiamo messo piede sulla soffice sabbia maldiviana!
Ci viene offerta subito una salviettina rinfrescante e seduti al bar , mentre **** ci fornisce alcune delle informazioni essenziali, beviamo un aperitivo di benvenuto. Dopodichè passiamo dalla reception a ritirare le chiavi della stanza, il telecomando dell’aria condizionata e i teli mare ( che si possono cambiare quando si vuole!), l’appuntamento è alle 19.30 per il breefing d’informazione (che verrà rimandato al giorno successivo per il notevole ritardo degli altri ospiti che hanno preso il volo precedente al nostro arrivato a Dhiggiri solo in nottata).
Il nostro bungalow è il numero 44, quasi di fronte la lingua di sabbia.
E’ immerso nella vegetazione…e come tutti..ad un passo dalla laguna.
Tutti i beach-bungalow sono rotondi, fatti di corallo e legno, con i caratteristici tetti rivestiti in foglie di palma secche.Il pavimento è in legno e all’esterno ,dal lato vista mare, c’è un piccolo patio con 2 sdraio, 1 improvvisato stendi biancheria in legno, e la vaschetta di acqua dolce per liberarsi i piedi dalla sabbia..(usata anche dai 2 merli, o dalle papere indigene per farsi il bagnetto!).All’interno molto essenziale,e soprattutto molto pulito(la pulizia viene fatta 2 volte al giorno, mentre il cambio delle asciugamani solo la mattina).C’è un letto a baldacchino, (..ma per trovarlo ornato di fiori abbiamo penato 4 giorni..), un tavolo, un mobile con specchio, un armadio, il mobiletto bar e il bagno comodissimo e spazioso,anche se non è quello all’aperto!
Gli over water non mi sono sembrati un granchè..per la posizione.Ma comunque sono preferenze..!!
La pulizia generale dell’isola è grandiosa!Ci sono sempre dei ragazzi maldiviani con rastrello e paletta a raccogliere fuori foglie secche, lasciando così ogni tratta di sabbia sempre pulitissima.
A proposito..la sabbia la fa da padrona sull’isola.La trovi ovunque..al bar, al ristorante e in tutte le stradine che portano ai bungalow , ovviamente.Insomma abbandoni le scarpe all’arrivo e , purtroppo , ti tocca rimetterle alla partenza…e proprio quello è il momento più difficile.Abbandonare la simbiosi uomo-natura per lasciare il posto a uomo-scarpe…(a proposito, essendo la sabbia corallina e quindi non finissimissima, non scotta mai!)
Le giornate sono trascorse all’insegna del relax, del sole, dello snorkelling, e del cibo…Una quantità industriale di antipasti, 3 primi , secondo di pesce (3 tipi:arrosto, bollito e al forno) e carne, insalatine varie, salsine (assaggiate quella piccante…è buonissima!), frutta di tutti i tipi e dolci buonissimi.Anche la colazione offriva tante possibilità, dal dolce al salato.
Insomma una vera delizia per il palato.
Nonostante la cucina sia prettamente italiana,si trova spesso qualche pietanza tipica: verdure in pastella, spaghetti di soia, focaccine.
I posti a tavola vengono assegnati il primo giorno, e a meno di una richiesta specifica, restano uguali per tutto il soggiorno.Noi siamo stati davvero fortunati a trovare dei compagni , oltre che di tavolo, anche di viaggio,con i quali ci siamo divertiti.
Il clima non è stato dei più benevoli durante la nostra permanenza.Abbiamo beccato la tempesta solo per 1 giorno e mezzo, ma non abbiamo conosciuto un giorno senza vento.La temperatura però sempre sui 30 gradi.Necessaria una protezione altissima e possibilmente resistente all’acqua.Il mio ragazzo, facendo snorkelling per gran parte del giorno, mi è spuntato in stanza col la schiena fosforescente..ho dovuto spalmargli la FOILLE!!!! :-) (eventualmente consiglio una magliettina..).
Nonostante non l’avessi mai fatto prima, anche io mi sono lasciata andare alla perlustrazione della barriera corallina.
Maschere e pinne vengono fornite gratuitamente dal DIVING per tutta la settimana.Così già dal primo giorno , scoperta la pass più facile ci siamo avventurati da soli.Il mondo laggiù è qualcosa di indescrivibile.Pesci di tutte le dimensioni, forme e colori, (pesci pagliaccio, carangidi , murene, pesci palla).Solo il corallo mi ha un pò lasciato delusa.Di un colore spento, purtroppo a causa del ninho di qualche anno fa.
Il mio ragazzo è riuscito a vedere anche una tartaruga, (nell’unico momento in cui io non c’ero!!), ma non abbiamo beccato mai uno squaletto…
Le escursioni guidate di snorkelling (safari) vengono fatte tutti i giorni, accompagnati da **** (una ragazza Tedesca con un italiano formidabile).Per chi vuole c’è anche la possibilità di prendere i brevetti di sub, e quindi la possibilità di fare delle immersioni.
Le serate trascorrono al bar,e grazie ai ragazzi dell’animazione (*********)(fortunatamente presenti ma non invadentì (tranne GRAAAAANDEEEEEE!)), non ci si annoia mai.LA prima sera c’è la proiezione di alcune foto e video fatti dal personale del diving, e la spiegazione di tutto ciò che si può fare durante la settimana.POi si alternano la serata maldiviana in pareo , con cena piccante e ballo del boru beru a ritmo di bonghi suonato dai ragazzi maldiviani come augurio di bel tempo, il karaoke, giochi di squadra, il casinò ,etc…
L’all inclusive lascia libero sfogo alla gola…cocktail vari al bar, anche analcolici per me che sono astemia, bibite, vino e birra non limitati durante i pasti.
Le scursioni organizzate sono diverse.Quelle incluse nel pacchetto Francorosso, quindi gratuite sono
-la visita alla vicina isola dei pescatori, abitata da maldiviani, dove prendi realmente contatto con quella che è la vita delle persone del luogo.Se si vogliono acquistare dei souvenir è il posto giusto…si risparmia tantissimo rispetto al negozietto del resort
-un giro in Doni (la tradizionale barca maldiviana) al tramonto, con aperitivo a bordo, passando dall’isola vicina Alimathà.
(a proposito…se volete fare una vacanza rilassante, romantica, antistress, silenziosa….non andateci!)

Le altre a pagamento:
-escursione all’isola deserta
-snorkelling safari
-cena romantica a base d’aragosta
-pesca al bolentino
-pesca alla traina

Dhiggiri è l’isola adtta per le coppie, o per piccoli nuclei familiari con al massimo un bimbo .
Se cercate il divertimento da CLUB Vacanze cambiate destinazione..ma non assaporerete mai le vere Maldive.Dhiggiri ha lasciato intatta l’atmosfera maldiviana.Ed essendo un isoletta piccola (max 90 persone) gusti ogni attimo come se l’isola fosse solo tua, in pace con il mondo.
Per una settimana abbandoni la tecnologia d’ogni tipo , perfino l’orologio.
I ragazzi maldiviani che lavorano al resort sono gentilissimi e disponibili…, però non ti lasciano vincere le partite di pallavolo!!!!
Sull’isola c’è un piccolo centro massaggi, che non mi sono lasciata sfuggire: 45 minuti di completo relax..massaggio ayurvedico totale..Un toccasana.esci come nuova!
Per quanto riguarda le telefonate, noi abbiamo tranquillamente usato i nostri cellulari (omnitel e tre)per mandare e ricevere messaggi e anche MMS.Le telefonate a volte si riuscivano a fare altre no, ma comunque sono carissime.
Noi siamo stati solo una settimana e non credete a chi dice che 2 settimane ci si stufa.Siamo ripartiti con il rammarico di non aver potuto fare tutto ( pesca alla traina,pesca al bolentino).
Ultime informazioni.Cosa mettere in valigia:
parei, costumi, t-shirt,protezione solare altissima. Inoltre libri e cioccolata da regalare ai ragazzi dell’animazione che ne sentono la mancanza e qualche regalino per i bimbi dell’isola dei pescatori che quando vedono arrivare i turisti si raccolgono al molo…., magari delle penne, o caramelle, o dei fermaglietti per le bimbe, solo piccoli pensierini che certamnete gli strapperanno un sorriso che porterete con voi in Italia.
Insomma le Maldive sono veramente un paradiso terrestre e Dhiggiri è una sua ottima espressione.
Buon Viaggio a tutti

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook