Viaggio in Perù – Agosto 2004

Siamo partiti in 3 (io, Laura e Nicoletta) , ma dopo una settimana si sono uniti al gruppo altri due ragazzi (Angelo e Giovanna).
Il viaggio è stato molto bello ed interessante, ma un po’ comico per le sfortune che ci sono capitate.

1 Agosto
Partenza da Bologna ore 6:20, dopo 2 ore siamo arrivati ad Amsterdam.
Imbarco ad Amsterdam sul volo per Lima ore 10:30, ma a causa di un problema idraulico dell’aereo, la partenza viene posticipata dalle 11 alle 13, per il tempo necessario alla riparazione.
L’aereo fa scalo a Bonarie (isola caraibica delle Antille Olandese situata davanti al Venezuela).
Ripartiamo alee 23 dopo esserci sgranchiti le gambe per un oretta.
Arrivo a Lima dopo 4 ore e 30 minuti di volo.
Alla sera dormiamo a casa di Gaby, la nostra amica peruviana.

2 Agosto
Alle 6:30 prendiamo un taxi che ci porta alla stazione degli autobus.
Ore 7:30 Partenza per Paracas, arrivo dopo 4 ore di viaggio sulla strada panamericana in mezzo al deserto arriviamo nostro carinissimo Hotel e Ristorante El Chorito (tel 545045)
Le due camere sono molto carine e pulite, le docce sono calde ed il bagno è in camera.
Il Ristorante ha piatti squisiti, abbiamo mangiato “Arroz con Mariscos”, un piatto simile alla paella spagnola, pieno di frutti di mare, la porzione era abbondante e molto gustosa.
Al pomeriggio abbiamo fatto l’escursione alla riserva di Paracas, si tratta di un luogo protetto dove ci sono spettacolari scogliere e zone dove è possibile ammirare l’oceano e gli uccelli presenti.
Abbiamo fatto l’escursione con un ragazzo che a bordo della sua auto ci ha portato in giro per circa 3 ore tra le strade ed i sentieri nel deserto della riserva.
Al rientro a Paracas , abbiamo deciso di andare in taxi a Pisco.
Pisco è molto animata con molti locali e negozi, abbiamo anche approfittato per cambiare un po’ di dollari in soles.
Siamo poi rientrati in Hotel dove io e Laura abbiamo cenato mangiando un ottimo pollo alla griglia e poi siamo andati a dormire.

3 Agosto
Alle 8 siamo partiti per l’escursione alle isole Ballestas in motoscafo.
L’escursione dura circa 2 ore ( 1 ora di viaggio A/R e 1 ora di giro per le isole).
Durante l’escursione si ammira il candelabro (disegno sulla rococcia del deserto visibile dal mare) e moltissime specie di uccelli , tra i quali il cormorano Guanay che è il maggiore produttore al mondo di guano; il guano viene utilizzato come fertilizzante. Carinissimo sono i piccoli pinguini Humblod e molto simpatici i leoni marini.
Al rientro dall’escursione siamo andati in taxi a Pisco e poi abbiamo preso l’autobus della linea Saki per Ica.
A Ica abbiamo visitato il Museo Regional, che contiene reperti delle civiltà che hanno vissuto nella zona come i Paracas, i Nasca e i Wari.
Il museo inoltre contiene diversi crani allungati, come da tradizione della cultura locale.
Siamo poi andati in moto taxi all’oasi di Huacacina.
L’oasi nel deserto di Huacacina è molto suggestiva, ci sono dune bellissime dove è possibile scendere con gli snowboard, noleggiati sul posto, come se si fosse sulla neve.
Siamo tornati a vistare Ica e poi alle 17 avremmo dovuto partire con l’autobus per Nasca, ma la compagnia di autobus da noi scelta, si è rivelata piuttosto scadende ed inaffidabile.
Abbiamo caricato i bagagli sul tetto del bus, poi siamo saliti, ma dopo aver atteso 10 minuti ci è stato detto di scendere perché il pulman non sarebbe più partito.
Una volta scesi e scaricati i bagagli è arrivato l’autista così abbiamo ricaricato i bagagli sul tetto e siamo risaliti, noi eravamo gli unici turisti, mentre mentre il resto dei passeggeri erano tutti peruviani.
Al momento della partenza, la compagnia aveva addirittura aumentato il prezzo del biglietto rispetto al mattino, per questo motivo alcune persone per protesta sono scese dall’autobus e fatto ritardare ulteriormente la partenza.
Alle 21 siamo arrivati a Nasca all’Hotel Alegria prenotaci da Gaby.
Abbiamo posato i bagagli e cenato molto bene al ristorante “la Taberna”.

4 Agosto
Sveglia alle 7:30, avevamo il volo sulle linee di Nasca alle 8, ma a causa delle cattive condizioni atmosferiche, l’escursione è stata spostata alle 9:15, abbiamo deciso di fare colazione prima del volo, anche se normalmente è sconsigliato.
Ci siamo trasferiti in aeroporto e abbiamo atteso le 10:30 per partire con il volo.
Il nostro pilota Gino, a bordo dell’aereo a 4 posti, in mezzora ci ha mostrato i 13 disegni di Nasca visibili solamente dall’alto.
L’esperienza è stata molto emozionante ed intesa, il volo tranquillo, però le virate a destra e sinistra per consentirci di ammirare da entrambi i lati i disegni, hanno provocato un po’ di scombussolamento ai nostri stomaci ed è stato necessario un po’ di tempo per riprenderci. Laura è stata male.
Nel pomeriggio abbiamo visitato le rovine di Paradones e l’acquedotto (niente di speciale).
In serata, in attesa del autobus per notturno per Arequipa abbiamo visitato il museo Antonimi.
La visita è stata carina, peccato che a metà sia saltata la luce,.
Abbiamo visitato il museo anche perché consigliati da Felipe, un bambino lustrascarpe di Nasca, a cui abbiamo dato della frutta e del pane da mangiare, che sono per averci accompagnato al museo avrebbe ricevuto una mancia.
Dopo la cena in un locale all’aperto, che freddo!, ci siamo diretti alla stazione degli autobus della compagnia Ormeno.
Alle 11:40 siamo partiti per Arequipa.

5 Agosto
Durante il viaggio notturno (mai più!) in un pullman molto confortevole e a due piani, alle 4 del mattino il bus ha urtato i vetri del piano superiore della fiancata destra contro una roccia del monte.
Si sono rotti il vetro laterale davanti e 3 vetri posteriori .
Nicoletta era proprio vicina ad uno dei vetri che si sono rotti, ma a parte un grosso spavento e qualche pezzo di vetro, che per fortuna non tagliava la pelle non si è fatta male.
Io e Laura ci siamo molto spaventati nel sentire la botta, ma non abbiamo avuto problemi con i vetri perché eravamo sull’altro lato.
Il problema grossissimo è stato che abbiamo proseguito il viaggio verso Arequipa dalle 4 del mattino, con i vetri retto dell’autobus, solo le tendine parasole ci potevano riparare dal freddo e sul bus non c’erano coperte aggiuntive. Dopo pochi minuti abbiamo dovuto alzarci dal nostro posto a causa del freddo; Laura ha trascorso 4 ore sedute sulle scale che portano al piano terra, mentre io sono andato su un seggiolino davanti vicino al primo vetro rotto, dove entrava meno aria.
Dopo circa 4 ore, verso le 8 della mattina il pullman ha bucato una gomma, così siamo scesi ed abbiamo atteso 40 minuti che l’autista cambiasse la gomma.
Verso le 9:30 siamo arrivati ad Arequipa e ci siamo trasferiti all’Hostal Solar.
Dopo una super doccia io e Nicoletta abbiamo approfittato per vedere la bella città di Arequipa, mentre Laura si è riposata in Hotel.
Nel pomeriggio, mentre Laura continuava a riposarsi, io e Nico abbiamo visitato il Monastero di Santa Catalina (molto carino) e la cattedrale (imponente).
Arequipa è la seconda città del Perù per numero di abitanti, dopo Lima è molto carina, perché piena di negozi, locali ristoranti e con molta gente per le strade, forse un difetto è il c’è troppo traffico e lo smog.

6 Agosto
Alle 8:30 siamo partiti per l’escursione al Canyon del Colca .
Per raggiungere la città di Chivay (3700), dove c’è il nostro hotel è necessario superare un passo a circa 5000 metri, il tragitto dura circa 4 ore ed è di 160 Km di cui 50 non asfaltati.
Durante il viaggio si ammirano numerosi vulcani, tra i quali spiccano il Misti, il Chachani ed il Picchu Picchu che circondano la città di Arequipa e che rendono spettacolare il paesaggio.
Durante il viaggio si possono osservare alla riserva naturale alcuni Lama, Alpacha e vigogne.
Successivamente attraversando il passo del Patapampa a 4800 metri abbiamo visto la neve.
Arrivati a Chivay abbiamo pranzato in un ristorante turistico e poi ci hanno accompagnati al nostro Hotel “Pozo del Cielo” (in sostituzione di quello previsto Casa Andina).
Verso le 3 del pomeriggio io e Nico siamo andati a fare una camminata di circa 1 ora e mezzo a Coporaque (bellissimo paesaggio), mentre Laura è rimasta in Hotel a riposarsi.
Dopo la camminata siamo andati alle sorgenti calde di La calera, dove abbiamo fatto il bagno sotto il cielo stellato.
Poi ci hanno riaccompagnato in Hotel.
Nico è andata a cena in centro con alcuni altri del gruppo, mentre io e Laura abbiamo cenato nel ristorante dell’Hotel vicino al camino per riscaldarci dagli zero gradi esterni.
Prima di andare a letto la gentilissima signora dell’Hotel ci ha dato 3 borse dell’acqua calde, due sono andate a Laura, mentre una l’ho usata ed apprezzata io.

7 Agosto
Alle 6:20, ci siamo diretti al canyon del Colca per vedere i condor volare.
Siamo arrivati alle 8:15 e verso le 9 hanno iniziato a volare 6 condor.
E’ stato bellissimo! I condor hanno volato vicino ai punti di osservazione e per circa mezz’ora hanno fatto dei voli bellissimi. Sembrava uno spettacolo organizzato.
Al termine siamo rientrati a Chivay per il pranzo in un ristorante turistico e dopo pranzo siamo partiti per Arequipa dove siamo arrivati alle 17.
Siamo tornati all’Hostal Solar nella stessa camera del 5 Agosto.
Alla sera non faceva freddo e siamo usciti tutti e 3 a fare un giro per Arequipa e abbiamo cenato in un ottimo ristorante “El Turco”.

8 Agosto
Alle 11 siamo partiti per Cuzco e dopo 40 minuti siamo atterrati e abbiamo incontrato Angelo e Giovanna.
Ad attenderci c’era un pulmino inviato da Gaby che ci ha portato ad Ollantaytambo.
Abbiamo incontrato Gaby, che ci ha mostrato il suo bellissimo Hotel e poi abbiamo fatto una passeggiata per il paese.

9 Agosto
Alle 10 è arrivato Manuel il nostro autista che ci ha accompagnato per le escursioni nella valle sacra.
Abbiamo visto Chinchero: paese con una chiesa coloniale e con delle bellissime terrazze Inca, poi Moray caratterizzato da enormi dalle terrazze con la forma di anfiteatro.
Infine abbiamo visto Salinas una salina Inca ancora utilizzata.
Abbiamo fatto una passeggiata di circa un ora dalle saline fino al fiume Urubamba.
Alla sera noi 5 e Gaby abbiamo cenato in un Hotel ad Ollantaytambo
Ale 22 siamo andati a dormire all’Hotel Munay Tika.

10 Agosto
Alle 9 abbiamo fatto l’escursione alla Fortezza di Ollantaytambo: molto bella ci sono delle ebnormi scalinate e terrazzamenti, i resti di alcune case e dei monoliti di granito molto grandi.
Alle 11 siamo partiti con il minibus di Manuel per visitare Pisac.
Prima abbiamo visto la città coloniale caratterizzata da un bel mercato e da diversi forni di argilla che sfornavano in continuazione impanadas, torte e pane.
Dopo siamo andati alla città inca Inca che si trova a 6 km e 400 metri più in alto.
Abbiamo visitato i terrazzamenti e la fortezzafacendo una passeggiata di un ora.
Alla sera abbiamo cenato, molto bene, nell’Hotel di Gaby.
Dopo siamo andati in un Pub ad Urubamba, dove abbiamo ascoltato delle buona musica e bevuto il Pisco sour.
A mezzanotte siamo ritornati in taxi a Ollantaytambo e pernottato all’Hotel Munay Tica.

11 Agosto
Alle 9 siamo partiti con il pulmino di Manuel in direzione Cusco, purtroppo Nico aveva la febbre ed è rimasta a letto in Hotel.
Arrivati a Cusco siamo andati prima all’hotel Ruinas (molto bello) a portare i nostri bagagli e poi all’agenzia per ritirare i biglietti aerei per Lima di Giovanna ed Angelo.
Infine siamo andati alla stazione dei treni per ritirare e pagare i biglietti del treno per Macchu Pucchu (per me e Laura) e per Puno per tutti noi.
Abbiamo dovuto attendere più di due ore, perché davanti a noi c’erano circa 50 numeri (tutta la mattinata è stata persa).
Al pomeriggio abbiamo visitato la fortezza di Saqsaywaman e q’enqo, molto bella la fortezza caratterizzata da muri a zig-zag.
Poi siamo andati in centro a Cuzco ed abbiamo visitato la bella Cattedrale .
Alla sera io e Laura abbiamo cenato in un postaccio di nome “piazzeta”.

12 Agosto
Sveglia alle 8 e colazione in Hotel
Al mattino abbiamo visitato la città: La compania, il museo di Santa Catalina e la chiesa di Santo Domingo costruita su una antica costruzione Inca chiamata Coricianqua o Tempio del Sole.
Cuzco è una bellissima città, la plaza de Armas è spettacolare sia di giorno che di notte.
Di notte oltre ai monumenti illuminati ci sono tutte le luci delle colline circostanti che rendono meraviglioso il paesaggio.

13 Agosto
Abbiamo fatto colazione in hotel e ci siamo trasferiti di albergo, perché il Ruinas era al completo.
Il nuovo hotel Los Apos Mirador è molto carino anch’esso.
Siamo tornati a visitare i Musei rimanenti e abbiamo girato questa bella città, approfittando per fare acquisti nei vari mercatini artigianali.

14 Agosto
Sveglia alle 4:50. ore 5:15 partenza in taxi per la stazione di San Pedro per prendere il treno per Machu Picchu.
Ore 6:00 il treno è partito ed è arrivato alle 9:45 ad Aguas Calientes.
Abbiamo portato le nostre cose all’Hotel Hatichay Tower (molto bello) e poi abbiamo acquistato i biglietti per il bus per Machu Picchu (9$ per persona andata e ritorno!), il biglietto per entrare nel sito più famoso del Perù costa 20 $ a persona.
Il panorama però compensa fino all’ultimo tutti i soldi spesi.
La vista dall’ingresso della capanna del custode della roccia funeraria è spettacolare.
Purtroppo non abbiamo trovato le guide, così ho visitato da solo la cittadella.
Macchu Picchu possiede un fascino che non è possibile spiegare.
Dopo la visita ci siamo distesi su una terrazza in erba a prendere il sole e verso le 3 e mezza abbiamo ripreso l’autobus per tornare in albergo.
La camera dell’hotel sembrava una suite, tanto era grande, aveva una terrazza, il bagno con la vasca idromassaggio ed il bidet.
Verso le 4 e mezza sono andato a vedere le terme di Aguas Caliente.
Una gran tristezza: spogliatoio in lamiera, una piccola vasca di acqua calda con poche mattonelle e molto trasandate.
Dopo circa 10 minuti, mi sono rivestito e sono ritornato in Hotel a farmi un mitico idromassaggio.
Poi siamo usciti a cena e abbiamo fatto un giretto per il piccolo paese e verso le 9:30 siamo andati a letto.

15 Agosto
Alle 8 abbiamo fatto colazione e alle 9 siamo partiti per Machu Picchu, quando siamo saliti c’era molta meno gente rispetto al giorno prima, perché i turisti provenienti da Cusco arrivano verso le 10:30.
Abbiamo incontrato prima Nicoletta e poi Giovanna ed Angelo.
Siamo poi rimasti a schiccherare su una terrazza sull’erba a prendere il sole fino alle 13.
Poi con il bus siamo tornati ad Aguas Calientes.
Alle 15:05 è partito il treno per Cusco.
Siamo arrivati a Cusco alle 7 di sera dopo 4 ore di viaggio, all’arrivo un bus ci ha portato all’Hotel Zanoni (niente di particolare).
Siamo andati a cena da Chez Maggie e poi siamo andati a letto.

16 Agosto
Alle 7:15 abbiamo preso un taxi per andare in stazione a prendere il treno che partiva alle 8 per portarci a Puno; tempo di viaggio previsto 10 ore.
Il treno è molto bello, sembra l’Orient Express: è composto da comode poltrone e da tavolini.
Il servizio ed il cibo sono eccellenti.
Per far trascorrere il tempo insieme ad Angelo e Giovnan abbiamo acquistato un mazzo di carte ed abbiamo giocato a scala 40 e Pinacola durante il viaggio.
Alle 18:30 siamo arrivati a Puno ad attenderci c’era un pulmino che ci ha portato in Hotel.
L’Hotel Taypikala si trova a Cucito a 18 km da Puno per arrivarci abbiamo impiegato circa 30 minuti. La camera è carina, il bagno però è piccolissimo.

17 Agosto
Alle 7 sette siamo partiti per Puno con un pulmino e verso le 8 siamo partiti per l’escursione alle isole galleggianti degli Uros.
Le isole galleggianti si trovano a circa 20 minuti da Puno e sono splendide.
Abbiamo visto prima l’isola Tortora, che prende il nome dalla pianta con cui queste isole sono costruite, camminando e sprofondando leggermente sul pavimento di tortora si ha una strana sensazione.
Sull’isola ci sono diverse capanne, sempre di tortora che sono le case di questi abitanti.
Poi abbiamo visitato brevemente una seconda isola chiamata tribuna, sulla quale è presente la scuola.
Poi ci siamo diretti all’isola di Taquile, la durata del viaggio prevista è di circa 2 ore e 30 minuti.
Arrivati ad un approdo secondario abbiamo camminato per salire fino alla piazza principale del paese, ammirando un bellissimo panorama dove il cielo si confonde con il mare.
Poi a pranzo abbiamo perso un po’ di tempo, non riuscendo a vedere le rovine.
Dopo pranzo siamo scesi velocemente da una ripida e lunga scalinata per raggiungere il porto principale e prendere la barca per tornare a Puno.
Durante il ritorno si è spento il motore della barca e ha iniziato a fumare, ma dopo circa 5 minuti di panico è ripartito e siamo riusciti ad arrivare a Puno e poi in taxi all’Hotel.

18 Agosto
Colazione alle 8, poi sono andato visitare il tempio fallico vicino all’Hotel.
Alle 10 io, Laura, Nico e Giovanna siamo andati in Taxi a Puno a fare spese.
Durante la giornata il tempo è cambiato diverse volte, prima il sole, poi nuvole, poi pioggia, infine addirittura un po’ di grandine, ci siamo riparati in un bar ed abbiamo pranzato.
Alle 2 del pomeriggio siamo andati all’agenzia Kontiki Tour e siamo partiti per l’escursione a Sillustani.
Sillustani è abbastanza carina, consiste in alcune torri funebri Inca e pre-inca, mentre molto bello è il panorama sulla laguna Umayo.
Al ritorno abbiamo visitato una casa del posto, per vedere il loro modo di vita.
Durante la sosta si è rotto il motore del pullman ed abbiamo dovuto attendere 1 ore perché arrivasse il bus sostitutivo.

19 Agosto
Sveglia alle 5 e partenza alle 5:30 per l’aeroporto di Juliaca.
Alle 7 siamo arrivati all’aeroporto e abbiamo scoperto che il nostro volo era stato spostato dalle 8:55 alle 11:30.
Alle 11:30 siamo partiti per fare scalo ad Arequipa e alle 14 siamo arrivati a Lima.
Angelo e Giovanna sono corsi a Nasca, mentre noi abbiamo recuperato i bagagli e siamo andati in taxi all’Hotel Seniorial.
Verso le 16 io e Laura siamo andati a visitare il museo dell’oro e delle armi.
Molto belli gli oggetti in oro esposti, ma incredibile la quantità e la varietà delle armi presenti nel museo.
Siamo andati a cena in un ristorante a Miraflores e poi dopo una passeggiata siamo andati a letto.
L’Hotel è molto carino.

20 Agosto

Ci siamo svegliati alle 8 e abbiamo fatto colazione in hotel.
Poi siamo andati a visitare il centro di Lima: Plaza de Armas e la cattedrale.
Poi abbiamo passeggiato per una via pedonale fino a raggiungere un parco, da li abbiamo preso un taxi, che ci ha riportato a Miraflores.
Dopo un pranzo veloce da Burger King abbiamo fatto un giro nella zona dei mercatini e dopo alcuni acquisti siamo tornati in hotel.
Alle 16 abbiamo preso un taxi per l’aeroporto e alle 17 ci siamo messi in coda per il check-in.
Purtroppo verso le 19:30 ci hanno informato che il nostro volo aveva un guasto al motore e che la riparazione avrebbe richiesto circa 2 ore.
Alle 23 non eravamo ancora partiti!
Verso le 23:30 ci hanno informato che il volo era stato cancellato a causa del problema al motore e che dovevamo metterci in coda per ritirare il foglio relativo all’immigrazione, che avevamo riconsegnato al momento del controllo passaporti.
Alle 24 le prime 30 persone avevano ritirato il foglio, mentre noi eravamo in piedi ad attendere il nostro turno.

21 Agosto

Alle 00:30 dopo mezzora di coda ci hanno detto di sederci, perché ci avrebbero chiamato per nome loro dal microfono. Dopo 10 minuti hanno iniziato a chiamare a voce, perché il microfono si era guastato (pure quello!).
La zona era piccola e stretta e le persone più lontane non sentivano i nomi chiamati! Un gran casino.
Inoltre parallelamente alle chiamate, c’erano alcuni rappresentati di KLM che giravano con alcuni fogli relativi all’immigrazione, per fortuna ho trovato i nostri 3 fogli, così abbiamo potuto far annullare l’uscita dal paese sui fogli e sul passaporto.
Verso le 2 ci hanno portato in pullman all’Hotel Sheraton ( 5 stelle ) situato nel centro di Lima.
Abbiamo cenato in hotel e siamo andati a dormire.
Verso le 10 ci siamo svegliati e siamo andati a fare colazione.
Nessuna notizia da KLM, ma dalla reception dell’hotel ci hanno informato che almeno fino alle 15 non avremmo ricevuto informazioni sulla partenza dell’aereo.
Abbiamo telefonato a Giovanna e Angelo e siamo andati in giro con loro a visitare Plaza de Armas.
Rientrati in Hotel abbiamo pranzato e abbiamo continuato l’attesa di notizie da KLM.
Fino alle 18:30 nessuna nuova, poi dall’hotel attraverso un comunicato ci hanno informato che dalle 19 alle 21 avremmo potuto cenare al ristorante..
Verso le 20:15 sono arrivate due rappresentanti di KLM e hanno indetto una riunione per le 21:30-
Dopo cena siamo andati alla riunione dove ci hanno detto che non era possibile riparare l’aereo e che nel giro di 3 ore ne sarebbe partito uno dall’Olanda e che probabilmente il giorno dopo saremmo partiti verso le 13.
Inoltre ci hanno detto che ci avrebbero consegnato i bagagli verso le 23.
A mi parere non si può incolpare KLM per il guasto sull’aereo. Era capitato anche all’andata di ritardare la partenza a causa di un problema dell’aereo, ma il fatto fino alle 20:15 KLM non ci abbia informato sugli sviluppi della situazione è molto grave, in quanto quasi tutti immaginavamo di partire ne pomeriggio, quando in realtà probabilmente non c’era la reale possibilità .
Alle 23:30 sono andato a letto e i bagagli non erano ancora arrivati in hotel.

22 Agosto
Alle 7:30 mi sono svegliato e ho controllato se c’erano delle novità.
Le novità sono 2 mattinata libera, ma è necessario essere presenti in hotel a mezzogiorno e possibilità di ritirare le valigie dalle 7 del mattino.
Al rientro in Hotel c’era un cartello di KLM che indicava la partenza verso l’aeroporto alle 17.
Verso le 16:30 sono partiti i primi pullman in direzione Aeroporto e verso le 17:30 anche noi siamo giunti a destinazione.
Contrariamente a quello che ci avevano detto le persone di KLM, non è arrivato nessun aereo aggiuntivo, dall’Olanda per noi, ma noi ci imbarcheremo sul volo del 22 Agosto, mentre i passeggeri del 22 non partiranno.
Quindi in pratica è avvenuto uno scambio noi passeggeri del volo del 20 Agosto ci imbarcheremo sul volo del 22, mentre probabilmente i passeggeri del 22 Agosto prenderanno il nostro posto all’Hotel Sheraton!
Non mi era chiaro se avessimo dovuto fare il check-in con i nostri bagagli, visto che erano stati portati in aeroporto con un pullman a parte.
La risposta è stato il caos più totale: tutti i bagagli sono stati portati nel corridoio vicino i banchi del check-in e ciascuno doveva cercare e recuperare i propri bagagli.
Il tutto senza alcun controllo, i bagagli potevano essere presi da qualunque persona di qualunque volo! Per fortuna siamo riusciti a recuperare tutti i nostri bagagli.
Davanti ai banchi della KLM, c’erano due file: 1 relativa alle persone del 22 Agosto, che mentre erano in attesa di fare il check-in gli veniva comunicato che il loro volo era stato soppresso, mentre la seconda fila era delle persone del 20 Agosto.
Si è visto subito che il check- in sarebbe durato diverse ore, perché quasi tutti i passeggeri non si sarebbero fermati ad Amsterdam, ma avevano le coincidenze con gli altri aeroporti e le coincidenze venivano riservate al momento.
Nonostante queste problematiche, KLM non ha anticipato le operazioni di imbarco e quindi il volo non è partito fino a quando tutte le persone non avevano terminato il check-in.
Alle 23 circa siamo partiti in direzione Bonarie e verso le 2:30 di notte siamo arrivati.
Questa volta non siamo potuti scendere, ma siamo rimasti sul’aereo, mentre facevano le pulizie ed il rifornimento di carburante.
Alle 4 circa l’aereo è ripartito per Amsterdam.

23 Agosto
Siamo in attesa di arrivare ad Amsterdam alle 20 circa ora Italiana, la coincidenza per Bologna è alle 20:20.
L’aereo è arrivato ad Amsterdam verso le 20:10, ma dovendo superare il controllo passaporti, e raggiungere il terminal , non siamo riusciti ad arrivare in tempo per la partenza del volo, che è partito puntualissimo. (l’unico volo KLM, tra quelli che dovevamo prendere che non ha avuto alcun ritardo).
Abbiamo fatto la coda al transfert, per i biglietti per il giorno dopo e per l’hotel dove trascorrere la notte.
Alle 23 siamo arrivati in hotel, abbiamo cenato e siamo andati a letto, non ci hanno consegnato i bagagli, per imbarcarli direttamente il giorno dopo.

24 Agosto
Sveglia ore 6.30 colazione in Hotel e Pulmino per Aeroporto alle 8.
Alle 11:30 l’aereo arriva a Bologna, ma non è finita perché mancano 3 dei nostri 6 bagagli 1 di Laura e 2 di Nicoletta.
Klm ci aveva detto che non ci venivano consegnati, per imbarcarli direttamente il giorno dopo, invece non sono stati imbarcati!

25 Agosto
Sono arrivati i bagagli a Bologna e li ho ritirati alle 18:30.

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Viaggio in Perù – Agosto 2004

  1. Eheheh ho ripercorso il mio viaggio in Perù (anche io nell’agosto 2004) nel tuo bel diario, anche se non abbiamo avuto le vostre disavventure.
    Però ricordo ancora il check in a Lima e i bagagli stivati nel corridio, un caos indescrivibile e ore di attesa.
    A noi però han perso i bagagli all’arrivo e non in partenza (purtroppo)
    Grazie per il flash back e complimenti per il diario

    g

Lascia un commento

Commenta con Facebook