Viaggio alle Isole Tremiti

Isole tremiti

Il viaggio è cominciato alle 8.00 con la partenza da Ortona del nostro aliscafo, via Vasto per le isole tremiti. Alle 10 siamo sbarcati sull’ isola di San Nicola quindi dopo abbiamo dovuto prendere un’altra barca e pagare altre € 2,50 per farci portare sull’ isola di San Domino. Il tempo era incerto il sole coperto da una foschia di nuvole e il vento che tirava forte non spazzava il cielo e non faceva presagire niente di buono.

Al porto naturalmente regna il casino il viavai la confusione uomini della capitaneria della guardia di finanza pescatori lavoratori delle compagnie di navigazione affittacamere affittagommoni e barche faccendieri traghettatori e orde di turisti chi con valigia chi per una visita mordi e fuggi si accalcano tra la banchina i banchetti i gazebo e le biglietterie.

Ma il mare è di un blu oceano bellissimo l’acqua fresca o fredda molto limpida ti fa sentire che stai facendo il bagno in un oasi protetta, i pesci anche quelli di dimensioni mangibili ti nuotano vicino senza paura e con una maschera è divertentissimo nuotarci vicino.

La cala più vicina al centro e quindi la più affollata è chiamata Cala Matana è una parete rocciosa liscia molto ripida, quindi non il massimo della comodità necessita di scarpette da scoglio anche perché i ricci sono numerosi in mare e si deve camminare sugli scogli per andare a fare il bagno.
Da una parte la baia è protetta dai gommoni selvaggi da una fila di boe dall’altra è più esposta al vento e alle correnti ma per questo l’acqua potrebbe avere un colore di blu più intenso

Cala delle rondinelle e dei Benedettini sono spiagge simili fatte da pareti rocciose più o meno lisce dove bisogna scegliere bene il posto dove stendere l’asciugamano meglio se con un materassino (quello da palestra va benissimo) molto esposte al vento.

Si arriva alla Cala delle roselle dopo un 10 minuti di sentiero ed è una baia molto carina esposta al sole fino alle 19 il vento ci soffia quanto basta per non far sentir troppo caldo e la discesa a mare è comoda sia per tuffarsi che per scendere gradatamente.

I souvenir tipici sono quelli che potete trovare ovunque articoli di legno di porcellana e tutte i ricordi turistici quindi meglio puntare sugli articoli gastronomici portar via un barattolo di capperi è d’obbligo mangiare il dolce tipico da gusto un bel po’,

i posti che ho frequentato nei miei tre giorni gremitesi sono:
il bar in piazzetta “era ora” gestito da persone indaffarate ma gentili sia per una colazione con dolci fatti da loro o confezionati o un aperitivo verso sera, sedie e tavoli in paglia, divanetti e musica leggera li distinguono dagli altri bar che usano ancora tavoli e sedie di plastica scomode.

“La formicola” da evitare a pranzo perché l’unica signora che fa da cameriera tuttofare non può servire tutti i tavoli da sola quindi l’attesa è lunga, ho visto facce sconsolate dalla fame e tavolate in silenzio affamate, io sono andato via dopo essermi seduto e guardato in giro ho capito l’andazzo.. meglio la sera con la discoteca poco frequentata magari meglio per una bevuta prima di andare all’altra discoteca dell’isola “diomede” che è sicuramente più affollata e movimentata ma il giorno dopo il mal di testa è d’obbligo perché la qualità degli alcolici mi sa che non è il massimo.

Per cena consiglio con tutto il cuore il ristorante “Il Faro” ottimo veramente dal servizio veloce e preciso alla locazione sia all’aperto che al chiuso alla qualità del pesce e del modo di cucinarlo veramente buono a prezzi normali che si è ben felici di pagare dopo esser stati così bene.

Il consiglio più spassionato è di evitare l’hotel la tramontana è tanto carino le camere e l’arredo dei bagni una bellissima doccia larga un metro con mosaici colorati come piastrelle ma il servizio non si improvvisa e per 200 euro al giorno si deve pretendere di più. Un giorno non mi hanno cambiato per niente le asciugamani del bagno e quando il giorno dopo sono andato a reclamare il cambio non ancora avvenuto mi ha risposto di non insistere con le paranoie.. sanno che non ci tornerai a breve quindi la cortesia non è proprio di casa. Il ristorante dell’albergo è carissimo un pranzo con un antipasto di bruschette e un primo costa come un matrimonio e una volta finito di mangiare non si rimane del tutto soddisfatti.

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Viaggio alle Isole Tremiti

  1. Noi invece abbiamo fatto una escursione partendo da Termoli, TOUR DELLE ISOLE TREMITI che abbiamo prenotato in hotel.
    E’stata una bellissima giornata e abbiamo effettuato anche il giro delle grotte in barca. La guida èstata simpaticissima…..
    Ringraziamo tutto lo staff di visitaisoletremiti.it….
    A settembre ci torniamo….

Lascia un commento

Commenta con Facebook