Cronache veneziane: tre giramondine in laguna!

Le tre giramondine in questione sono: Federica S., Paoletta29 e Da64…rispettivamente Federica (io), Paola e Daniela. La giornata mia e di Paola è iniziata…di notte:shock:, quella di Daniela all’alba, fatto è che alle 9 del mattino ci troviamo finalmente tutte e tre sul ponte di Calatrava, il ponte più nuovo di Venezia che prende il nome dall’architetto che lo ha progettato. Siamo pronte a partire per la nostra passeggiata tra le calli e lungo i canali.
La nostra principale preoccupazione, prima di arrivare, era il tempo atmosferico, in quanto erano previste pioggia e acqua alta:???:! Invece ci siamo rese conto subito che era decisamente meglio di quanto ci aspettassimo: in mattinata coperto senza pioggia, anzi, con qualche sprazzo di sole qua e là, mentre pranzavamo ha piovuto ma noi eravamo al coperto:-P, dopo pranzo la pioggia ci ha accompagnate per un breve periodo, poi ha smesso di piovere ed ha fatto nuovamente capolino qualche raggio di sole.


Camminando molto…e chiacchierando di più:oops:, come si conviene a 3 amiche che si trovano insieme, abbiamo ammirato questa città così particolare da varie angolazioni: i vicoletti strettissimi che si aprono sulle caratteristiche piazzette…i canaletti attraversati da ponticini così piccoli e graziosi che sembrano usciti da un libro di fiabe…



il Canal Grande, che qualcuno ha definito “la strada più bella del mondo”, attraversato dal maestoso e famosissimo Ponte di Rialto…


…fino ad arrivare al fulcro di Venezia: piazza San Marco che…sorpresa!!! Era allagata!!!

Ma non troppo…saranno stati al massimo 20 cm. di acqua e neanche su tutta la piazza. Quanto è bastato, comunque, per permetterci di vedere anche questo fenomeno… aspetto tipico di questa città, l’acqua alta…c’erano comunque anche le passerelle, ed erano affollatissime, con tanto di vigile a dirigere il traffico causato dall’elevato flusso di turisti (specie, questa, presente in questa città 365 giorni l’anno, che non rischia l’estinzione e non va mai in letargo:D…)



A lato del Palazzo Ducale, dove si apre la laguna, abbiamo avuto modo di vedere il formarsi di piccole onde, con tanto di risacca…

…e mentre ero intenta ad osservare e fotografare il tutto, mi è giunto prima un saluto e poi un galante complimento da parte di uno dei tanti gondolieri che affollano la zona:oops:.
Arrivate al Ponte dei Sospiri…il sospiro lo abbiamo fatto noi:???:…per la sorpresa di averlo trovato…incartato!!!

Nel frattempo gli stomachini hanno cominciato a brontolare…era ora di trovare un posticino dove mangiare qualcosa. Gira che ti rigira ci siamo trovate in una calle che a Daniela ricordava qualcosa*-)…massììì:yeah:! Qui c’era un posto dove anni fà facevano una mozzarella in carrozza strepitosa:ok:! Chissà se c’è ancora quel locale:o? C’è, c’è:)!!! Ed è anche “cresciuto”: al pian terreno è tavola calda e take away, al primo piano ristorante con servizio al tavolo. Ci siamo accomodate al primo piano e ci siamo gustate una mozzarella in carrozza davvero buona. Riprendiamo la nostra passeggiata, facciamo un pò di shopping, guardiamo vetrine…a proposito…una vetrina ci ha particolarmente colpite…

Poi Carlo è entrato nella nostra passeggiata. Chi è Carlo? E’ un ragazzo al quale abbiamo chiesto di scattarci una foto

Si è dimostrato molto socievole e si è gentilmente offerto di accompagnarci in quel poco che restava della nostra giornata veneziana.

Lui non è veneziano, ma conosce molto bene questa città, così ci ha fatto un pò da Cicerone e ci ha mostrato alcuni angoli insoliti di Venezia, ultimo dei quali il ghetto ebraico.

Siamo infine giunte davanti alla stazione ferroviaria dove abbiamo salutato Carlo e dove le nostre strade si sono divise: io e Paola abbiamo salutato Daniela che prendeva il treno, e noi siamo salite sul bus che ci portava a Treviso. Da lì il volo per Roma con l’ultima sorpresa di una piacevole giornata: sul nostro aereo c’era lo stesso assistente di volo simpatico, giovane e carino che avevo già incontrato sul volo di ritorno da Parigi…ma com’è piccolo il mondo:D!!! Per finire vorrei ringraziare Paola per aver avuto l’idea di questa gita a Venezia e per avermi chiesto di andarci insieme. E un grazie a Daniela che si è organizzata le sue cose per tempo per poterci raggiungere e passare una giornata insieme. E’ stato davvero piacevole. Paola, Dani…quando vogliamo bissare…presente:ok::yeah:!!!

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook