Val d’Orcia e Via del Chianti

In compagnia di una coppia di amici, buongustai come noi, abbiamo deciso di trascorrere qualche giorno nella bellissima Toscana… precisamente nella Toscana della campagna pittoresca e sconfinata, delle vigne, dei borghi medievali.

Venerdì 1 maggio 2009
Al mattino presto siamo partiti dal Nord Italia per raggiungere finalmente la tanto desiderata meta e dopo poche ore di autostrada abbiamo raggiunto Montepulciano…uno splendido borgo, incastonato sulla collina, da dove si può godere di un panorama spettacolare della campagna circostante; a Montepulciano abbiamo potuto ammirare i pittoreschi vicoli della città medievale, il Teatro Poliziano ed una volta saliti in Piazza Grande ci siamo trovati di fronte al centro monumentale della città e precisamente il Palazzo Comunale (molto simile al Palazzo Vecchio di Firenze), il Duomo e vari palazzi di stili diversi.
Terminata la visita del Duomo ci siamo diretti verso le cantine sotterranee di Palazzo Ricci (poco distante dalla Piazza Grande), e dopo aver disceso molte rampe di scale ci siamo trovati in un ambiente surreale, con una luce fioca proveniente da vecchissimi lampadari, con pareti di roccia viva e circondati da botti enormi piene del buon vino Nobile (la raccomandazione fatta ai visitatori di questo posto è il silenzio assoluto, per evitare di disturbare il riposo del buon vino all’interno delle botti). Dopo pranzo ci siamo incamminati verso la parte bassa del paese ed abbiamo potuto ammirare uno splendido paesaggio, dalle varie terrazze panoramiche, con in lontananza il Lago Trasimeno.
Nel pomeriggio abbiamo raggiunto Pienza (la città di Papa Pio II), attraversando gli splendidi scenari offerti dalla Val d’Orcia, ed abbiamo potuto ammirare la Cattedrale dell’Assunta ed i numerosi palazzi del centro storico; la via principale del paese è piena di botteghe che offrono i prodotti tipici della zona, primo fra tutti il rinomato pecorino in vari gradi di stagionatura. Inoltre in questo periodo le vie della cittadina sono ricoperte di fiori ed allestimenti di giardini, per la tradizionale Festa dei Fiori;
Una particolarità che ci ha colpito all’interno della Cattedrale dell’Assunta, soggetta da molti anni a forti lavori di fortificazione delle fondamenta, è l’abbassamento della parte dell’altare di circa 20 cm rispetto al resto della struttura e passando dietro all’altare si avverte una sensazione di capogiro a causa di questo “scivolamento” della chiesa; infatti in un punto di una delle navate laterali è visibile il punto di rottura e sono visibili delle profonde crepe, costantemente sondate e tenute sotto controllo.
Prima di raggiungere l’albergo a Chianciano Terme, abbiamo deviato per un altro splendido e minuscolo borgo, Bagno Vignoni, (per strada abbiamo ammirato la splendida villa dove hanno girato alcune scene esterne del film “Il Gladiatre”) dove abbiamo potuto ammirare l’antica piazza costituita da un’enorme vasca termale dove sgorga dal sottosuolo un’acqua costantemente a 50°C, utilizzata oggi per le cure termali nel vicino e lussuoso albergo.

Sabato 2 maggio 2009
Dopo la prima colazione ci siamo diretti all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, che svetta tra una selva di cipressi, pini ed olivi che formano un parco meraviglioso; all’interno dell’Abbazia abbiamo potuto ammirare i chiostri ricoperti da numerosi affreschi della vita di San Benedetto, l’antica biblioteca che ospita migliaia di volumi antichi ed opere in legno intarsiato (tra cui uno splendido leggio ed un maestoso coro).
Dopo questa visita abbiamo nuovamente attraversato bellissimi paesaggi di campagna con le sue dolci colline (sembra davvero di essere in un altro mondo!!) ed abbiamo così raggiunto l’Abbazia di Sant’Antimo, dell’epoca romanica; l’Abbazia sembra incastonata in un’atmosfera fatata e qui abbiamo potuto assistere alla celebrazione della preghiera, da parte dei frati, in canto gregoriano… molto suggestivo!
Dopo aver pranzato in una caratteristica osteria locale, abbiamo raggiunto Montalcino, patria del Brunello… non ci siamo fatti mancare una visita alla Fortezza, con relativa passeggiata sopra le mura, ed ovviamente la degustazione di un ottimo Brunello del 2003!

Domenica 3 maggio 2009

Dopo aver caricato i bagagli, abbiamo salutato Chianciano Terme e la Val d’Orcia e ci siamo diretti verso la Via del Chianti, fermandoci a Castellina in Chianti (altro piccolo borgo costruito su una rocca) ed a Radda, dove abbiamo visitato il Castello d’Albola con le sue cantine (di proprietà della Famiglia Zonin); dopo aver degustato degli ottimi prodotti tipici locali, abbiamo raggiunto il piccolo borgo di Volpaia (costituito da due edifici principali del XIV sec, due chiese, una locanda e stradine tipiche medievali).
Nel pomeriggio abbiamo raggiunto Panzano (paese reso famoso anche dalla presenza del macellaio poeta che ha celebrato il funerale della bistecca fiorentina con l’osso durante l’epidemia del morbo della mucca pazza nel 2000-2001), la cui cinta muraria è quasi totalmente integra, ed abbiamo visitato il cassero all’interno delle mura; prima di lasciare la Valle del Chianti abbiamo fatto tappa anche a Greve, il cui centro è rappresentato da una caratteristica piazza asimmetrica, circondata da portici con vaste terrazze.
Verso sera abbiamo intrapreso a malincuore la strada di casa, con la mente piena di splendide immagini-cartoline offerte da questa zona della Toscana …dolci colline dai colori smaglianti, filari di vigne ordinate, scorci tipici dei borghi medievali…

Fortunatamente durante questo week end il tempo è stato clemente con noi, a parte qualche nuvoletta di passaggio…. ed anche questo fattore ci ha permesso di ammirare questi splendidi luoghi in tutto il loro splendore!!

Un itinerario così può essere considerato un vero toccasana per lo spirito, per la mente e per il palato…

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook