WeekEnd umbro tra sport e spiritualità.

Sono Toscano, ma ormai sento l’Umbria come mia seconda dimora, appena posso cerca di raggiungere Assisi, ed in genere ce la faccio per un paio di volte all’anno.
Questa volta ho sfruttato l’occasione di venire in Umbria ,anche per seguire la mia squadra del cuore, il Pisa, che era impegnato nella trasferta di Foligno.


30/10/2010 Sabato .
Partenza di primo mattino, viaggio tranquillo e sosta, come faccio sempre , a Borghetto di Tuoro sul lago Trasimeno. Dopo una passeggiata lungo lago, abbiamo pranzato alla Tana del Pescatore, una piccola locanda familiare che frequento da anni con non più di 4 tavoli dove però si mangia divinamente. Verso le 15,30 siamo arrivati a Foligno all’Oasi San Francesco, sul colle dei Cappuccini. E’ questa una casa religiosa di accoglienza, sulla collina a ridosso di Foligno, gestita dai padri Cappuccini e suore polacche. Dalla terrazza si gode un panorama mozzafiato sulla città di Foligno. Il luogo è bello ,tranquillo e molto comodo per i vari spostamenti, il prezzo più che onesto.
Abbiamo trascorso il resto del pomeriggio ad Assisi dalla parte della Basilica di San Francesco, e finalmente sono riuscito a visitare la bella chiesa di San Pietro. Terminiamo la giornata in una pizzeria di Rivotorto


Lasciata l’auto presso la porta dei cappuccini, ci facciamo una bella camminata passando dal Duomo ed arriviamo alla basilica di Santa Chiara. C’è molta gente ed un po’ di fila per scendere nella cripta della Santa. Proseguiamo poi per la piazza del municipio ed il tempio di Minerva. Il tempo di pranzare con un bel panico con porchetta ed un bicchiere di Sagrantino in una bella enoteca del centro e via veloci verso Foligno per assistere alla parita.

. Nel tardo pomeriggio giro nel centro storico di Foligno, percorrendo Corso Cavour si raggiunge Il fulcro e centro geografico della città che è la Piazza della Repubblica, sulla quale si affacciano i monumenti più importanti. Il Duomo di S. Feliciano l Palazzo dei Canonici,, Di fronte si erge il maestoso Palazzo Comunale, Accanto a esso, il Palazzo Orfini, del XV sec. e il Palazzo del Podestà, del XIII secolo.
Chiude la piazza il poderoso Palazzo Trinci, grandiosa dimora gentilizia dei signori di Foligno,

Termina così anche questa giornata.

01/11/2010

Giorno del rientro ,di prima mattina lasciamo l’Oasi San Francesco e proseguiamo verso Spoleto, che in tanti viaggi in Umbria mai avevo visitato. Spoleto è veramnete una bellissima cittadina. Conviene lasciare l’auto a Spoleto bassa e raggiungere il centro storico con le comode scale mobili.


Da visitare a Spoleto La basilica di San Salvatore, la più antica chiesa di Spoleto, è un interessante monumento paleocristiano le cui origini si fanno risalire fino al IV – V secolo.

La chiesa di San Pietro

Per visitare la chiesa di Sant’Eufemia, la cui zona absidale, ornata da archetti pensili e lesene, guarda la scalinata che porta a piazza Duomo, è necessario attraversare il cortile del palazzo arcivescovile.


Il Duomo di Spoleto, il maggiore monumento cittadino eretto in forme romaniche nel XII secolo,

Lungo 236 metri ed alto circa 90, il Ponte delle Torri di Spoleto è una mastodontica opera a dieci arcate che fa da raccordo tra il Colle Sant’Elia e Monteluco.

Ultima tappa del nostro weekend è Santa Maria degli Angeli ,per una breve visita alla Basilica ed alla Porziuncola.
Dopo il pranzo si prende la strada di casa, e dopo una lunga fila sull’autosole in serata rientriamo a Pisa.

http://viaggievita.blogspot.com/

Pin It
Tags:

Lascia un commento

Commenta con Facebook