Capodanno a Monaco di Baviera… in due e mezzo!

PREMESSA Dovevamo andare a Monaco nel nostro viaggio prenatalizio, ma per capodanno non sapevamo che fare ed allora… abbiamo saltato il consueto capodanno al Lago per passarlo a Monaco di Baviera. Perchè Monaco? Perchè c’ero già stata e mi aveva entusiasmata alla grande… poi la birra, per la quale Fabio va matto, ed il buon cibo, ci hanno fatto scegliere questa città bavarese! ITINERARIO Abbiamo solo 3 giorni pieni e 2 mezze giornate… che fare? Ecco il nostro planning, stilato con cura prima di partire: 31 dicembre 2010 – visita di [LIST=1] [*]KarlsPlatz e MarienPlatz [*]Capodanno in MarienPlatz [/LIST] 1 gennaio 2011 – visita di: [LIST=1] [*]Castello di Nymphenburg [*]Englischer Garten [*]MarienPlatz [/LIST] 2 gennaio 2011 – visita di: [LIST=1] [*]Deutsches Museum [*]Olympiapark [*]BMW Welt [*]Allianz Arena [/LIST] 3 gennaio 2011 – visita di: [LIST=1] [*]Castello di Neuschwanstein [*]Castello di Hohenschwangau [/LIST] 4 gennaio 2011 – visita di: [LIST=1] [*]Viktualienmarkt [/LIST] TRENO Eravamo felicissimi quando avevamo trovato un volo per Monaco da Verona a/r a 99€ ad adulto… ottimo, lo stiamo per prenotare quando ci viene in mente… Charlie dove lo mettono? Chiamiamo Lufthansa, che ci diche che non solo Charlie andrebbe sbattuto in stiva come un bagaglio, ma per di più costerebbe 10€ al kg in andata ed altrettanti in ritorno. Dovete sapere che… sì, è un bassotto, ma è “massiccio” (!!!), e con i suoi 8kg di peso (+ gabbia) ci sarebbe costato 200€ a/r solo lui! Cii infuriamo come matti e ci chiediamo come mai un cane costi il doppio di un adulto, ma nonostante questo… dobbiamo trovare un’altra soluzione e pensiamo al treno. Il treno tedesco. Ad inizio novembre prenotiamo per 95€ a/r a testa un Verona-Monaco senza cambi con DB-OBB Bahn (le ferrovie tedesche) che ci assicurano che non solo Charlie è gratuito ma per di più non è obbligatorio farlo stare in gabbia per 5 ore. La cosa scomoda delle ferrovie tedesche è che non mandano il biglietto via email ma bisogna pagare per forza il corriere o andare a Milano a ritirare i biglietti. Non solo… abbiamo chiesto un preventivo via email ma non ci hanno risposto, allora abbiamo chiamato: per telefono abbiamo speso 570€ (per 6 adulti) mentre poi il preventivo arrivato per mail era di 530€; alla nostra arrabbiatura per telefono ci hanno risposto che… era stato sbagliato il preventivo per mail (ovviamente). Vabbè. A metà dicembre ci rechiamo in un’agenzia di Verona dove vendono i treni tedeschi e prenotiamo i posti a sedere… ci avevano detto essere obbligatorio, ma una volta sul treno scopriamo non esserlo. Altri 30€ di prenotazione (se l’avessi fatto per telefono avrei dovuto pagare un’altra volta il corriere). All’andata i posti erano inesistenti. Al ritorno avevamo un bello scompartimento da 6, che tirando ed unendo i sedili diventa un mega letto matrimoniale che ci ha permesso comodissimi pisolini… senza scarpe. TRASPORTI IN CITTA’ Dovevamo partire in 6 ma alla fine ci siamo ritrovati in 4 (più Charlie!). Per tal motivo per muoverci in città abbiamo acquistato il Partner Tageskarte (22€ fino a 5 adulti per 3 giorni) che permette l’uso illimitato dei mezzi di trasporto (metro, tram, bus). Per andare a vedere i castelli bavaresi abbiamo fatto il Bayern Ticket che con 31€ (non 29€ come c’è scritto nel sito) ha permesso a tutti e 4 di prendere il treno Monaco/Fussen/Monaco a/r. Entrambi i biglietti li abbiamo fatti alla stazione Hauptbahnhof di Monaco presso la biglietteria DB Bahn; non spaventatevi se prendete il numero e davanti avete 30 persone, siamo in Tedeschia, ed in 10 minuti verrete serviti. HOTEL Abbiamo prenotato dall’Italia su Venere.com e Booking.com le stanze presso il Regent Munich Hotel 4* nella zona della stazione Hauptbahnhof di Monaco. Secondo noi è la posizione migliore perchè in 10 minuti a piedi si è in MarienPlatz, per fare colazione e per pranzare alla stazione c’è di tutto a prezzi economicissimi, quindi è un ottimo punto. Noi, che portavamo spesso Charlie in stanza a mangiare, pranzavamo tutti i giorni alla stazione per poi andare a riprenderlo. Per 4 notti all’Hotel Regent abbiamo pagato 270€ senza colazione (sennò 7,50€ a testa a notte in più) con prenotazione rimborsabile. Abbiamo pagato con carta di credito direttamente in hotel, metodo comodissimo. Avevamo una bella stanzona nuova al 7° ed ultimo piano. Hotel bello, grande ed abbastanza pulito, anche se l’ultimo giorno in camera c’era una quantità di polvere inumana (ed avevamo segnalato che ne siamo allergici) data dal riscaldamento e dal legno per terra. La vicinanza alla stazione (che non è una zona brutta e pericolosa) non porta alcun rumore. VIAGGIARE CON IL CANE Per espatriare Charlie abbiamo dovuto fargli il passaporto valido per tutta l’Unione Europea. Perchè il passaporto venga rilasciato (nel nostro caso dall’anagrafe canina di Verona presso il canile comunale) è obbligatorio che il veterinario gli faccia l’antirabica. Il costo del passaporto (è un libretto blu) è di 10€ ed il costo dell’antirabica (che può variare da veterinario a veterinario) è di 37€. Il passaporto è obbligatorio per il cane. Portatelo sempre in giro con voi, è il suo documento in caso di richiesta da parte della polizia. Consigliamo di verificare sempre che la sulla prenotazione dell’hotel ci sia scritto che si accettano animali, e mandare una mail di conferma anche all’hotel: ci ha fatto stare un po’ più tranquilli sentirci dire direttamente da loro che i cani sono ben accetti (se il padrone è educato, anche il cane lo è). Sui mezzi pubblici il cane è gratuito. Non c’è l’obbligo della museruola a patto che non sia pericoloso o di grossa taglia. In Germania si prendono multe salatissime se si lasciano gli escrementi per strada. Noi siamo abituati a tirarli su con il sacchettino anche nel giardino di casa, ma nel caso voi non siate abituati, portatevi dietro una piccola scorta di sacchetti. Per il viaggio in treno non abbiamo pagato nulla e sulle ferrovie tedesche non è obbligatorio il trasportino. Per igiene abbiamo steso la una coperta sui sedili e Charlie si è appisolato più che volentieri, magari anche sentendo l’odore di casa. Sentite il vostro veterinario se è il caso di dargli dei tranquillanti durante il viaggio. Nel nostro caso non ne abbiamo avuto bisogno, nonostante fossimo preparati al peggio. Nei ristoranti tutti i cani sono accettati. Da Schneider ho letto sul menù che bisognava tenere il cane sotto il tavolo, ma noi ce l’avevamo seduto sulla sedia sopra la sua coperta e nessuno c’ha detto niente: questo più che altro perchè per terra piangeva mentre sulla sedia dormiva (sicuramente disturbava meno).

DIARIO
31 DICEMBRE 2010: Alle 9.05 abbiamo preso il treno a Verona Porta Nuova in direzione Monaco di Baviera… avevamo prenotato uno scompartimento da 6 chiuso (in modo da lasciare Charlie libero) ma nel vagone 258 non esiste la zona degli scompartimenti chiusi ed allora ci siamo piazzati in uno vuoto ma che era prenotato da Worgl (a 4 fermate da Monaco) in poi. Abbiamo unito tutti e 6 i sedili ed abbiamo formato un enorme materassone dove abbiamo dormito.
Pipì per Charlie ad Innsbruck, ed alle 14.30, con un po’ di ritardo, sbarchiamo in Tedeschia. Usciti dalla stazione dalla parte Nordseite abbiamo percorso 200mt verso sinistra sulla Arnulfstrasse ed eccoci in hotel. Check-in veloce, abbiamo messo giù le valige e fatto subito un giretto a MarienPlatz, cuore di Monaco.
Carinissima ed illuminata con un bell’albero di Natale gigante, abbiamo fatto uno spuntino da Schneider Weisses, con una porzione di wurstel, due breze (il pane tipico tedesco), una birra ed una limonata per 13€ totali.
http://i804.photobucket.com/albums/yy321/Ila_Fabio/monaco/IMG_0099-1.jpg[/IMG]“]
Successivamente siamo tornati all’hotel, dove abbiamo fatto un pisolino e dato da mangiare a Charlie. Alle 21, non avendo prenotato nulla per il cenone, abbiamo chiesto alla reception che ci ha consigliato l'Agustiner Keller. Non c’erano menu imposti (alla famosa HB costava 99€ a testa) ed abbiamo speso 40€ in due bevendo una birra da litro e una limonata e mangiando uno stinco con patate fritte ed insalata di crauti ed un piatto con 5 tipi di wurstel con patate arrosto ed uno strudel con salsa alla vaniglia e mele.
Abbiamo avuto la fortuna di trovare posto in un tavolo all’entrata insieme a tre ragazzi di Vicenza simpaticissimi. Finita la cena (con un totale di 120€ in 7 persone), siamo passati da Charlie dove, fatti i suoi bisogni, è rimasto in camera ascoltando in solitudine Mara Venier su RaiUno. I cani sono tremendamente spaventati dai fuochi d’artificio o dai botti, ed è per questo che ce lo portiamo sempre dietro a capodanno, per non lasciarlo solo per giorni a casa. A maggior ragione stavolta: attenzione al Capodanno a Monaco… non essendo organizzato e gestito da gente che sa usare i fuochi artificial ed essendo tutto gestito in modo autonomo, sembra d’essere in guerra, con tanto di petardi in mezzo alle gambe… ognuno fa quel che vuole ed a mezzanotte e mezza siamo scappati in camera!!!
1 GENNAIO 2011: Nessuno ha voglia di svegliarsi…
Sveglia verso le 11, abbiamo preparato Charlie con il suo cappottino blu, e fatto colazione alla stazione: 3 krapfen con una marmellata divina a soli 1,49€ totali e due cappuccini da Starbucks a 9€… un po’ troppo, infatti il giorno dopo cambieremo solfa. Alla stazione abbiamo fatto il Partner Tageskarte ed abbiamo preso il tram 17 (fermata Schloss Nymphenburg) per visitare il Castello di Nymphenburg, bellissimo con la neve: Charlie si è divertito un mondo, scavava con il naso!
Pranzo veloce da Burger King alla stazione, dove con 12€ a coppia abbiamo preso due menù completi. Poi abbiamo fatto l’errore di andare in camera e fare un pisolino fino alle 16… arrivati all'Englischer Garten (linea U3 arancione, fermata OdenosPlatz o Chinesischer Turm) c’era buio e non abbiamo visto nulla!!!!!! Nei dintorni qualche chiesa e qualche vetrina decisamente interessante…
Ci siamo diretti a piedi verso l'HB (che non è in MarienPlatz come dicono tutti!!!), la più antica e grande birreria di Monaco, ma c’era un casino colossale, non ci tornerei nemmeno a morir!!!
Dopo un’ora che cerchiamo un tavolo ed abbiamo girato come matti per la birreria (con tanto di spettacolo doi un italiano ubriaco che vomita tra la gente), finalmente ci sediamo per uno spuntino: due breze ed una birra da mezzo litro per 5,45€. Tornati in hotel per parcheggiare Charlie, ci siamo docciati e verso le 21 ci siamo mossi in direzione MarienPlatz. Cena ottima da Donisl (questo direttamente in MarienPlatz, sulla sinistra), abbiamo speso 22€ in due per due piatti enormi: stinco con gnocchi di patata per Fabio e cotoletta alla crema di funghi con gnocchi di pane per me, con una birra da mezzo litro ed una limonata! E’ stata la nostra cena migliore!
Nanna presto! 2 GENNAIO 2011: Oggi dedichiamo la mattinata al Deutsches Museum. Alle 10.00 chiamiamo il tipo che ci rifà la stanza (non potevamo lasciare dentro Charlie da solo con lui!) e partiamo in 4 senza cane (che ha apprezzato il pisolino al caldo!). Siamo partiti con la metro U1 verde (o U2 bordeaux) verso la fermata Fraunhoferstrasse, che dista circa 800mt dall’entrata del museo. Alternativa è la fermata del tram 18 Deutsches Museum.
Abbiamo fatto una coda che in Italia verrebbe smaltita in 5 ore in nemmeno mezz’ora ed abbiamo pagato 3€ a testa l’entrata (prezzo studenti) al posto di 8,50€, e siamo stati fino alle 14.00… bellissimo museo, non vi impressionate se fuori c’è una coda pazzesca!!!
Alcune sale erano chiuse, la mia preferita rimane quella dell’aeronautica!
Poi siamo andati a prenotare alla Paulaner per il buffet del giorno dopo e subito a casa da Charlie! Vado a prendere il pranzo sempre da Burger King (12€ a coppia per 2 menù) in stazione e lo porto in camera, dove Charlie mi riempie di feste come se non ci vedessimo da giorni! Finito di pranzare, siamo partiti con la U3 arancione per l'Olympiapark e scesi alla fermata Olympiazentrum ed abbiamo visto (da fuori, con Charlie non si può entrare) la BMW Welt (gratuita l’entrata). Abbiamo passeggiato nel parco olimpico per circa un’ora, dove un fiume di gente correva a vedere la la FIS Audi Ski World Cup.
Volevamo salire sulla torre olimpica (4,50€ a testa) con 300mt di altezza, ma non si potevano portare i cani. Fa freddo, e tutto intorno ci ricorda che siamo sotto zero…
Successivamente siamo andati a vedere l'Allianz Arena (linea U6 blu fino alla fermata Frottmaning), che inizialmente era colorato di bianco, poi è diventato tutto rosso!!!
Nel percorso innevato lungo l’esplanade abbiamo mollato Charlie libero nella neve… qualche corsa con Fabio e via verso l’hotel! La sera abbiamo cenato da Schneider Weisse con 37€ in due: un litro di birra, una limonata, un piatto di wurstel con insalata di patate, un piatto di wurstel vari (+ supplemento grande fame, con doppia porzione di tutto per Fabio) e due breze!
Pieni come uova… siamo crollati a letto! 3 GENNAIO 2011: Oggi dedichiamo l’intera giornata ai castelli bavaresi… Tentiamo in ogni modo di far capire a Charlie che deve mettere la tuta da neve e che andiamo al freddo, ma… è proprio un tedesco, non la vuole e per ripicca non cammina: si deprime e non si muove…
Per i biglietti del treno il giorno prima ci siamo recati al solito banco DB Bahn per il treno per Fussen ed abbiamo acquistato un Bayern Ticket da 31€ a/r per 5 persone; partenza alle 09.51 ed in due ore (con cambio treno a Buchloe) eravamo a destinazione…
Fuori dalla stazione ci sono i bus rossi che portano gratuitamente (per chi ha il Bayern Ticket) alla base dei castelli. Appena arrivati, pranziamo in un ristorantino piccolo ma carinissimo, all'Allgauer Stuberl (ultimo sulla curva sulla destra) con zuppa e wurstel bianchi con mostarda per 17€ a coppia. Charlie mangia le sue crocchette bagnate con l’acqua dove hanno bollito i nostri wurstel e si lecca i baffi…
Poi via verso il castello di Neuschwanstein: ma per arrivarci ci sono 40 minuti di salita (nella neve) o la carrozza con i cavalli (10€ a testa a/r)… ma la coda andava dai 40 minuti all’ora e mezza, per cui… ci siamo limitati a vedere il castello solo dal basso!!! Abbiamo provato a stare un po’ in coda, ma per terra c’era neve e fango (immaginate Charlie, che tremava tutto sporco!) e noi iniziavamo ad avere freddo.
Vabbè, bello lo stesso! Tanto anche il famoso ponte di Maria (panoramic view) era chiuso! C’è da dire che quando nevica i bus non vanno fino su al castello, quindi l’unica soluzione è la carrozza. O i propri piedi. Anche avessimo preso la carrozza… chi mi dice che per scendere dal castello non c’è altrettanta coda? Abbiamo invece visitato il vicino castello di Hohenschwangau, raggiungibile assolutamente a piedi… veramente carino ma ovviamente non regge il paragone con il fratello disneyano!
Alle 14.40 ci dirigiamo verso l’Info Point per prendere il bus che ci riporta in stazione a Fussen, ma scopriamo che è passato cinque minuti prima e che quello dopo è dopo 50 minuti! “Felici” della bella notizia ed infreddoliti (Charlie tremava!), bivacchiamo all’interno dell’Info Point ed approfittiamo del tempo che abbiamo per pulire tutto Charlie, svestirlo dalla sua tuta bagnata ed infangata (dovete capire che è basso e quando cammina tanto “gratta per terra” con il petto) ed avvolgerlo nella sua coperta. C’è uno sgabello vicino al termosifone, e così si appisola al caldo. Per informazione: il bus passa ad ogni ora, al minuto 35, in coincidenza con la partenza dei treni. Alle 16.00 prendiamo il treno e via per Monaco, dove siamo arrivati alle 18. Charlie ha sempre ghirato nella sua coperta… è un principe! Arriviamo a casa e gli facciamo il bagno… il brodo nero che è uscito dalle sue zampe è indescrivibile!
Alle 20.30 ci troviamo per la cena da Paulaner dove ogni lunedì sera, con 12,90€ (bevande escluse), fanno il buffet bavarese. Arrivando alle 21 però tutto era freddo dato che il buffet era dalle 18 alle 22 per cui consiglio di andare presto. Cibo cmq buono a parte i dolci: uno schifo pazzesco!!! Conto totale con birra e limonata: 37,70€ a coppia (solo il litro di birra costava 8€). Torniamo in hotel, dove facciamo le valige dato che il giorno dopo si torna a casa. 4 GENNAIO 2011: Decido di svegliarmi verso le 08.00 e partire in solitaria a fare qualche acquisto dato che… ci sono già i saldi a Monaco!!! Mi vesto, scendo ma non prendo la metro, arrivo a piedi… ma cavoli, per strada non c’è nessuno… saranno tutti al lavoro… ! Nemmeno nella zona pedonale c’è nessuno… ma come mai? I negozi sono tutti chiusi, siamo… io e MarienPlatz! In questa città i negozi aprono quasi tutti alle 10-11 del mattino… ed io cosa faccio ora? Mi sono alzata presto apposta! Allora torno in stanza dai miei ometti… ma sbaglio a prendere la metro, e me ne accorgo dopo due fermate, quando leggo nomi che non conosco… mah! Scendo e prendo la metro giusta… ma come si fa a perdersi? Avevo pure chiesto… vabbè! Arrivo in hotel e Fabio ha l’occhio sveglio… mi chiede dove sono stata, ma gli rispondo che… ho fatto veramente un buco nell’acqua! Mettiamo via le ultime cose ed alla fine alle 12.00 facciamo un velocissimo check-out. Non ci fanno nemmeno pagare la bottiglietta da 0,20L di Coca-Cola del minibar che nel listino costava ben 3€!!! Fabio rimane nella hall con Charlie, ed io e gli altri decidiamo di andare all’Hard Rock Cafè ed al Viktualienmarkt, veramente particolare e caratteristico!
Ultime compere: una calamita a 3€, una maglietta dell’HB ad 11€, un pacco di biscotti a 2€, 10 breze a 4€ ed un boccale di ceramica a 5€… ed alle 15.31 prendiamo il treno per Verona, dopo uno spuntino al Burger King (13€ per due menù completi)! Verso le 19.00 in treno ceniamo presso il vagone ristorante… ultimi due wurstel per me e zuppa di gulash per Fabio… una bottiglietta d’acqua da 0,33L ed un conto di 10€ da pagare… …e siamo nella nostra Verona tutti e tre… felicissimi d’aver viaggiato due e… mezzo!
(Charlie ed i suoi “incontri tedeschi”)

Pin It

Ci sono 25 commenti su “Capodanno a Monaco di Baviera… in due e mezzo!

  1. Ila questo racconto è una bomba! :) sarà per la simpatia di Charlie? e poi volevo dirti che impaginato con le foto in questo modo (alcune grandi e alcune piccole, e centrali) è ancora più piacevole da leggere..

  2. la74 wrote:

    PS: ma quanto bene vuoi al tuo Charlie???

    Guarda, è brutto da dire, ma è veramente come un figlio… sarà che io e Fabio l’abbiamo voluto (ed ahimè comprato) e gli vogliamo un bene dell’anima, ma lui si comporta veramente come un umano, gli manca solo la parola.
    In questa vacanza in particolare (era la sua prima volta all’estero) ho veramente capito che lo si può portare ovunque e che se il padrone è educato, anche il cane lo è (noi gli pulivamo le zampe ogni volta che entrava in camera, ogni volta che saliva sui treni, insomma, sarà paranoia, ma ci danno la possibilità di portare il cane, ci fa piacere che rimanga tutto come se fossimo a casa nostra).

    Per il resto… grazie mille a tutti per i complimenti! Sicuramente non sarà l’ultima vacanza in giro con lui.

  3. Che dire sei sempre strepitosa nei tuoi diari di viaggio !!sono sempre ricchi di notizie fin nei minimi particolari:ok:

    complimenti anche per aver saputo organizzare la vacanza con Charlie dovrebbe servire d’esempio per molte persone…

  4. Che bello questo diario:rose::rose:!!!!!!! E’ meraviglioso come siete riusciti a fare tutto anche con Charlie!!! Una curiosità: non me ne intendo molto di cani, dal momento che ho solo un gatto:oops:, ma mi chiedevo come avete fatto per fargli fare i bisognini quando eravate in treno *-)…voglio dire, il treno in ogni fermata non sta tanto!

  5. Hermione85 wrote:

    mi chiedevo come avete fatto per fargli fare i bisognini quando eravate in treno *-)…voglio dire, il treno in ogni fermata non sta tanto!

    Sì, infatti è quello che temevamo di più… ma ha fatto la pipì ad Innsbruck e poi essendo abituato a mangiare a pranzo (no colazione) la mattina dell’andata gli abbiamo dato da mangiare a Monaco, per cui la cacca non poteva scappargli, era “vuoto”, mentre al ritorno ha cenato a Verona e prima di parti da Monaco… si è “svuotato”!!!
    E’ come i neonati: cibo= cacca!!! No cibo, no cacca!

  6. Woooow….ecco il vostro viaggio di capodanno!

    Bellissimo il racconto, molto divertente e molto scorrevole da leggere.
    Avete proprio fatto il pieno di birra e wurstel. Ottimo brindisi…

    E Charlie, che dire? stu-pen-do.
    Un vero ‘giramondino’!!!

    Bravissimi.

  7. Leggo adesso il diario….davvero complimenti per tutto…per il viaggio con il vostro amico simpaticissimo, per il bel viaggio e per la strutturazione del racconto con foto di varie dimensioni….è veramente bello!!!vorrei tanto imparare anche io a sistemare le foto così bene…:ok:.

Lascia un commento

Commenta con Facebook