Londra…al femminile

Salve a tutti!E’ la prima volta che pubblico un diario e perdonatemi per eventuali mancanze!!!

Dopo avere prenotato con abbastanza anticipo i voli in offerta della Ryan da Bg (perfettamente combinati come orari con mia sorella che parte da Pisa, p.10am rit.19 pm) partiamo per il terzo anno alla volta di Londra solo donne! Sempre in maggio/giugno, confermiamo anche stavolta la fortuna meteo, mai una goccia d’acqua!!!! Londra è una città fantastica (se non piove, se non ti porti dietro i consorti) shopping frenetico e musical sono ormai un must per le nostre gite a Londra.

Per questo la base è l’hotel St.Giles (tube Tottenham Court a pochi passi) centralissimo, economico e con bella panoramica dal 12 piano!
Essendo già state a Londra tutte quante precedentemente, decidiamo di comune accordo di evitare i soliti giri turistici, ma di cercare di vedere zone meno note (possibilmente con qualche negozio!!)

Arrivate in 45 min alla Liverpool station con un nuovissimo Stansted express con tanto di wi-fi gratuito a bordo, poche fermate di metro e siamo all’hotel per il check in. Sbrigato il tutto partiamo per il ns. tour a piedi senza una meta precisa: nella vicinissima Charlotte street che già conoscevamo, prendiamo un buon espresso da Caffè Nero e prenotiamo per la cena da Zizzi dove avevamo già sperimentato una egregia pizza Rustica al tagliere. E’ una bella zona questa, fatta di bei ristoranti di varie cucine, abbordabili, e frequentati soprattutto da Londinesi. Tagliamo Oxford St. con il suo perenne caos, e ci dirigiamo a Seven Dials con le sue adorabili (sette appunto) viuzze costellate di bei negozietti e locali. Già che siamo lì andiamo a fare una puntatina al Covent Garden dove c’è la solita moltitudine di gente magari oggi più rilassata perchè è domenica. Dopo avere assistito all’esibizione del grande gruppo di archi che interpreta i classici in modo un pò diverso (credo che siano una istituzione del Covent, li avevamo già visti due anni fà), prendiamo lo Strand fino a Trafalgar Sq. sempre piena di gente. Da lì su per Charing Cross Rd. fino al ns. hotel con molta calma……
C’è il sole ma tira un vento piuttosto fastidioso quindi a cena non è possibile stare fuori. Peccato! Dopo cena, sempre a piedi, andiamo a Soho dove ci mescoliamo alla briosa atmosfera di questo fantastico quartiere che dovrebbe, essere per gay! C’è gente di tutti i tipi che si diverte in maniera veramente tranquilla senza nessun tipo di eccesso! Ci piace perchè si respira la libertà di essere come ognuno vuole senza dare fastidio alla libertà altrui!! Proviamo due o tre locali che ci piacciono molto.

Lunedì 23
C’è ancora il vento, sole, ma freschino. La giornata ci accoglie con l’avvertimento di uno dei ns. mariti (li per lì pensavamo ad uno scherzo da invidioso) che è di nuovo esploso un vulcano in Islanda e una volta appurata da un altro marito (preoccupati che non torniamo?) che la notizia è vera mi preoccupo un pò perchè lo scorso anno ho sperimentato direttamente il caos dei cieli per colpa dell’altro vulcano!!! Poichè le mie compagne non sono per niente preoccupate partiamo per l’ East End e precisamente Brick Lane tanto pubblicizzata sui siti di viaggio. A parte la precisa identità etnica (la zona si chiama Banglatown) non mi pare tutto questo granchè: negozietti, ristorantini (indiani o giu di lì), negozietti vintage (noi si preferisce il nuovo!! e la cucina occidentale), di sera magari e meglio. Lo scopriremo casomai un’altra volta!!!
By bus arriviamo nella City giusto nella pausa pranzo: miriadi di Yuppies (si chiamano ancora così?) che pranzano ovunque all’aperto per un po’ di sole. A noi ci sembra strano e mangiamo, dentro, in un tipico pub, bene e con meno di 10 pounds. Soddisfatte della scelta ci incamminiamo verso la vicina Finsbury Circus che senza il mega cantiere che c’è deve essere una bellissima piazza a pianta ovale!!! ma siccome c’è il cantiere…via di lì! Tube fino a Sloane Sq. in pieno Chelsea dove percorriamo King’s Cross Rd. Bellissima via con stupendi negozi (abbordabilissimi) e caffè. Compriamo qualcosina giusto per spendere, e con il bus ritorniamo verso Charing Cross. Qui merita veramente di vedere (fino in fondo) Bywater street. Meglio di notting Hill!
Per la sera abbiamo prenotato i biglietti (sempre da TCKTS) per The Mousetrap per accontentare mia sorella che desiderava tanto vederla. E’ una piece “gialla” tratta da un racconto di Agata Chirstie in scena ininterrottamente da sessant’anni. Per chi sa poco l’inglese come me è necessario leggere la trama prima su wikipedia anche se si scopre chi è l’assassino!!! comunque bella esperienza, diversa dai musicals visti negli scorsi anni. Cena e fine serata a Soho (ormai siamo di casa!!)

Martedì 24
Le notizie BBc mattutine sulla nube sono pessime (prevista chiusura spazio aereo a londra per il giorno dopo!!). Anche in italia c’è parecchia agitazione all’ipotesi di non rientro delle mogli. Vabbè comunque vada godiamocela! Oggi c’è Obama che viene a trovare la Regina e quindi decidiamo di non perdere questa occasione più unica che rara. La cosa incredibile è che non si percepisce minimamente lo stato di allerta per la visita, anzi è tutto così normale che ci viene il dubbio che Obama sia tornato a casa per via della nube. Ma appena su The Mall si intuisce che Obama c’è per davvero! Bellissimo l’addobbo del viale alberato con le Union Jack e le bandiere USA. Man mano che ci avviciniamo a Buckingham Palace si nota l’agitazione: Elicotteri che svolazzano, polizia in ogni dove, gente, scolaresche, turisti, furgoni delle TV, cecchini sui palazzi. Tentiamo di reperire notizie sull’orario di arrivo e sulla dinamica di arrivo, ma la police ha la consegna di segretezza “Sorry, I don’t know”. Sta arrivando sempre più gente e sembra di essere al Royal Wedding!!! E’ incredibile come tutto questo sia tenuto sotto controllo dalla polizia con il traffico incessante su The Mall. Ma all’improvviso come nei film la polizia in moto con una perfetta manovra blocca il traffico e chi passa? Carlo e Camilla che salutano il popolo appostato ormai da un oretta! Dopo una mezzora la scena si ripete ma dal lato sbagliato (per il nostro appostamento) ecco che che con uno stuolo di furgoni, Suv neri davanti e dietro, elicottero sopra, arrivano due limousine imbandierate che contengono Obama e Michelle e, dalle voci del popolo, William e Kate. Si vede solo la macchina che entra nel cortile e niente più. Deluse anche se abbiamo visto molto bene Carlo e Camilla, andiamo davanti al palazzo dove assistiamo in primissima fila all’entrata in grande spolvero della banda delle Royal Guards con il reparto di cornamuse in divisa con il Kilt delle occasioni speciali. Bellissimo!!!!!
Tutte soddisfatte per avere partecipato a questo evento, andiamo a pranzo nei pressi di Victoria in un altro tipico pub con tipico cibo tipica birra. Niente male anche stavolta.
Nuovo attraversamento della città by bus fino a Regent park, con attraversamento di Mayfair e Marylebone. L’obiettivo è di vedere il canale che passa a nord del parco. Molto bella la zona intorno al parco, estrema tranquillità ovunque, case molto belle. Decidiamo di prendere il bus, visto che siamo in zona, per farmi finalmente vedere gli Studios di Abbey Rd, con relativo passaggio pedonale. Ovviamente troviamo parecchie persone con il ns. stesso intento, che solo per farsi una foto, bloccano continuamente il traffico. Diciamo solo che in Italia non sarebbe fattibile…. ripreso il bus arriviamo a Maida Vale ancora lungo il canale. Scopriamo che c’è un punto del canale che si chiama little Venice. Attraversiamo il quartiere che è bellissimo, pace, giardini perfetti, ville enormi, il canale molto pittoresco ma più che Venezia somiglia ad Amsterdam. Comunque bellissima zona con il canale che da un tocco di glamour a tutta la zona.
Tornate in centro ci prepariamo per andare a vedere Thriller Live in un teatro a Soho, per far felice la nostra compagna fan accanita di Michael Jackson. Il musical (se così lo possiamo chiamare) è un tribute show dove solo l’ultima parte dove ballano Smooth Criminal come nel video, è bella, per il resto ho visto di meglio.
Cena e fine serata a Soho come sempre!!!!

Mercoledi 25
BBC e mariti sono felici di annunciare che la nube non è un problema per i cieli di Londra. Giro mattutino in Oxford st. (da Oxford Circus verso Marble Arch ci sono i negozi/catene migliori), Regent St., tappa da Abercrombie, e decidiamo di andare su Whitehall davanti a Downing St. ad aspettare Obama a pranzo da Cameron. Stesse scene del giorno prima qui con l’aggiunta di qualche pacifista intenzionato a contestare Mr. Presindent. Abbiamo visto come la polizia, li ha gentilmente dissuasi. Veramente gentilmente. Stavolta vediamo Obama in limousine più da vicino e ce ne vanteremo nei giorni seguenti!!!! Attraversiamo la zona dei ministeri con gli imponeneti palazzi e andiamo a mangiare una gustosissima paella dentro il Covent per soli 4 pounds. Non sapendo più dove andare suggerisco di attraversare il fiume al Jubilee Bridge per vedere Westmister e il London Eye. Una volta di là, dopo le foto di rito, andiamo lungo la Queen’s Walk dove apprezziamo le innumerevoli attrezzature e strutture su questa passeggiata veramente bella. Arriviamo infine a Gabriel’s Wharf che vale veramente la passeggiata fino lì. Mangiamo degli ottimi gamberoni al guazzetto per merenda conditi dalla solita ottima birra. Non c’è tempo per la Tate Modern, e con il bus ritorniamo al Covent Garden per gli ultimi acquisti. Ovviamente facciamo tardi e rischiamo di perdere l’aereo e, dopo essere state graziate dalla nube, sarebbe stato vergognoso!!!!!
Spero di essere stata utile a chi volesse vedere Londra dopo avere già fatto i classici tour! Scusate la lunghezza ma non ci posso fare niente! Per fortuna che erano solo 4 giorni…..

Pin It
Tags:

Ci sono 4 commenti su “Londra…al femminile

Lascia un commento

Commenta con Facebook