Vienna – Alla ricerca della principessa Sissi

Andare a conoscere le origini della principessa Sissi è sempre stato uno dei grandi sogni di mia nonna, per cui in occasione del 50° anniversario di matrimonio dei miei nonni, quest’anno abbiamo deciso di portarli un week end a Vienna… :rose:
Siccome eravamo 6 persone abbiamo deciso di affittare un appartamento. Trovato sul sito Homelidays.com abbiamo speso 200€ per due notti con consumi ed uso della cucina inclusi (praticamente 33,4€ a testa). L’appartamento si trova in prossimità del Prater, grande parco con tanto di ruota panoramica, giostre e ristoranti. A 5 minuti a piedi dalla fermata della Metro U1 a tre fermate dal centro storico di Vienna.
Appena arrivati in aereoporto abbiamo acquistato la Vienna Card che con 18,50€ permette di utilizzare illimitatamente i mezzi pubblici, avere degli sconti sui musei e sul CAT (City Airport Train) che dall’aeroporto porta in città e viceversa.

01 Ottobre 2011
Dopo aver lasciato i bagagli andiamo subito in centro a vedere il Duomo di Santo Stefano, veramente molto carino con il tetto maiolicato con lo stemma della città, dopodichè arriviamo nei pressi dell’orologio dell’Anker, e dopo aver pranzato facciamo un bel giretto della città fino ad arrivare al palazzo imperiale degli Hofburg nonché la residenza ufficiale di Elisabetta di Baviera (la nostra Sissi).
Qui abbiamo acquistato il Sissi Ticket che con 21,50€ permette di visitare il Castello di Shonbrunn (residenza estiva), Appartamenti imperiali (Hofburg) con Museo di Sissi e dell’Argenteria, Museo del Mobile (quest’ultimo non lo abbiamo visitato ma abbiamo risparmiato comunque).

Finito di visitare il museo di Sissi, siamo usciti direttamente nella Heldenplatz, la piazza dove Hitler annunciò l’annessione dell’Austria al Terzo Reich. Annessi alla piazza troviamo i Volksgarten, veramenti dei bellissimi giardini curati con fiori colorati e fontane.
La sera quando siamo tornati a casa eravamo veramente tutti distrutti, chi aveva sonno, chi mal di testa, chi mal di gambe. La cosa che mi ha stupito di più è che nonostante la giornata faticosa, tutti quanti dopo le meraviglie viste durante il giorno abbiamo avuto la forza di uscire e andare a farci un giro al Prater dove abbiamo fatto qualche giro sulle giostre.

2 Ottobre 2011
Oggi giornata meno impegnativa, torniamo in zona centro e lasciandoci alle spalle il Duomo passiamo a vedere la Colonna della Peste e la Peterskirche. La chiesa è piccolina ma stupenda, ci ha emozionato ancora di più del Duomo, quando siamo entrati c’era addirittura il coro accompagnato dall’organo durante una messa… Meraviglioso!
Ora ci spostiamo verso lo Stadtpark dove approfittiamo per fare un pranzo al sacco. All’interno del parco c’è la statua dedicata a Johann Strauss.
Finalmente è arrivato il momento di spostarci verso il Castello di Shoenbrunn, residenza estiva della Principessa Sissi. Facciamo il tour del palazzo con l’audioguida, il lusso è infinito, le stanze sono maestose, imponenti, il giardino che accerchia il palazzo è veramente enorme, tanto che abbiamo preso il trenino che con 6€ a testa ha fatto il giro in un’ora (con qualche piccola sosta). All’interno del giardino, tanto per farvi un’idea, addirittura c’è lo zoo più vecchio del mondo… Diciamo che per visitare bene tutta la residenza forse non basterebbe neanche una giornata intera.

3 Ottobre 2011
Oggi siamo andati a vedere il padiglione della metro di Karlsplatz creato da Otto Wagner, dopodichè nelle vicinanze siamo entrati nella Karlskirche (dedicata a San Carlo Borromeo) dove grazie ai lavori di ristrutturazione che stavano effettuando siamo riusciti a salire fino in cima con un ascensore che hanno installato appositamente e dove abbiamo potuto ammirare da vicino i bellissimi affreschi, quasi riuscivamo a toccarli. Anche questa chiesa sicuramente merita di essere visitata.
Facciamo il giro largo apposta per vedere il monumento ai caduti sovietici (Sowjet Ehrenmal), il palazzo dell’Opera dove fanno il concerto di Capodanno, il Nashmarkt (mercato più famoso di Vienna dove si può mangiare cucina austriaca, indiana, vietnamita ed italiana) ed il palazzo della Secessione.
Subito dopo pranzo ci spostiamo un po’ in periferia apposta per vedere la Hundertwasserhaus. In sostanza è un complesso di case popolari rivisto da questo stravagante architetto (appunto Hundertwasser) che ha giocato con dei colori molto accesi, fatto crescere degli alberi sui tetti, mettere una pavimentazione irregolare, le finestre una diversa dall’altra… insomma troppo bello e particolare per non andarci! :photo:
Torniamo indietro in zona centro apposta per vedere il Municipio (è talmento bello e curato che da fuori sembra una chiesa), il teatro degli Hofburg ed il Parlamento.

E si conclude così la nostra avventura alla ricerca di Sissi, che dire… Vienna è una città magica, sicuramente ci rimarrà nel cuore, consigliata a tutti! :ciao:

Pin It
Tags:

Ci sono 4 commenti su “Vienna – Alla ricerca della principessa Sissi

Lascia un commento

Commenta con Facebook