Alto Adige in famiglia

Ciao a tutti!
Ecco il mio primo resoconto di viaggio qui sul forum; spero vi possa essere utile! :sorridente:
I partecipanti di questo viaggio siamo stati io; mia mamma e la nostra cagnolina Clotilde!

MARTEDI’ 17 LUGLIO:
Siamo partite in auto da Como martedì mattina e in circa 4 ore abbiamo raggiunto la nostra deliziosa Pension Weinberg http://www.pensionweinberg.com/ ubicata in un paesino immerso nei meleti sopra Bressanone: davvero un paradiso per chi ama la natura e il riposo! :serenata:
La pensione era a conduzione famigliare; molto carina; pulita e a colazione c’erano tutti prodotti tipici preparati dalla proprietaria (torta di mele; ovetto fresco alla coque; qualche affettato; marmellata fatta in casa).
Visto che sono già le 14 decidiamo di dedicare la giornata alla visita di Vipiteno e Bressanone.
Vipiteno è un delizioso paesino altoatesino davvero piccino ma molto caratteristico! facciamo un giro per le vie del centro; ammiriamo il mercatino nella piazza maggiore e facciamo merenda con strudel e cappuccino in una graziosa pasticceria!

Facciamo tutto con calma, senza fretta, e dopo un paio d’ore decidiamo di spostarci a Bressanone che è più grande rispetto a Vipiteno. In tutte e due le cittadine non abbiamo mai avuto problema di parcheggio per fortuna! Facciamo una piacevole passeggiata per le vie del centro; ammiriamo il magnifico Duomo; la via dei portici; piazza della Parrocchia e facciamo un salto alla catena di negozi dove lavoro io! :ok: Qui ci facciamo consigliare dalle gentilissime commesse un posticino tipico ed economico dove cenare che si rivela una delusione :mad: siamo andate a cena al Grappolo D’Oro dove abbiamo mangiato male, poco e speso tantissimo! Lo sconsiglio vivamente! :x

MERCOLEDI’ 18 LUGLIO:
Questa mattina ci svegliamo presto; il sole splende già alto nel cielo azzurro e decidiamo quindi di trascorrere l’intera giornata all’aria aperta :wink:
Dopo colazione ci dirigiamo verso il Lago di Dobbiaco; lasciamo l’auto nello spazioso e libero parcheggio e facciamo il giro del lago veramente suggestivo: i colori dell’acqua passano dall’azzurro al verde e c’è un silenzio davvero apprezzato! ogni tanto incontriamo qualche pescatore che ci saluta in tedesco e qualche famiglia che passeggia ammirando lo splendido paesaggio.

Riprendiamo l’auto verso un altro lago: il Lago di Landro più “selvaggio” e meno turistico rispetto a quello di Dobbiaco e per questo mi è piaciuto ancora di più! Dal lago si gode una magnifica vista sulle Dolomiti e seguiamo un sentiero non ben segnalato e che a tratti è attraversato da un torrente che si getta alla fine nel lago (non ci siamo perse solo grazie a una famiglia di tedeschi che conosceva il sentiro) si arriva nella spiaggetta di sassolini quasi in mezzo al lago; un vero paradiso!

Cotte a puntino dal sole riprendiamo di nuovo l’auto e questa volta la nostra meta sono le famosissime 3 Cime di Lavaredo che si raggiungono in auto attraverso una strada panoramica lunga 7km che parte da Misurina e che, purtroppo, è a pagamento e costa ben 22€!!!!!!!! :x La strada è bellissima, si sale, si sale e si sale sempre di più fino ad arrivare al Rifugio Auronzo a quota 2500 metri! Siamo sotto le 3 Cime di Lavaredo, il panorama è bellissimo, sembra di stare sul tetto del mondo, siamo felicissime e “festeggiamo” questo bel momento con dei favolosi panini allo speck presi lì al rifugio e mangiati fuori sulla panchina ammirando il panorama!
Dopo questo rustico banchetto ci incamminiamo sul sentiero proprio sotto le 3 cime! Il sentiero è davvero impressionante, quasi a strapiombo della montagna ed è molto emozionante; riusciamo anche a vedere 3 intrepidi (o pazzi?!?) scalatori che si arrampicano sulla cima piccola (alta “solo” 2860m!) e alcuni maestosi uccelli (non sò se aquile o forse falchi).

Nel tardo pomeriggio riprendiamo l’auto e scendiamo, stanche ma soddisfatte, al Lago di Braies. Arriviamo al lago verso le 18 quando tutti i turisti se ne stavano oramai andando e riusciamo a goderci il lago praticamente da sole! L’acqua del lago fa dei giochi di luce davvero magici passando dal verde bottiglia al turchese intenso! C’è una bellissima passeggiata che circonda il lago ma siamo talmente stanche che ne facciamo solo metà!

Torniamo alla Pensione e ceniamo lì! Il menù è semplice ma delizioso: minestrone fatto in casa con verdure dell’orto; tacchino alla salvia con contorno di patate arrosto e insalata dell’orto e per dessert l’immancabile torta di mele! tutto per 12€ a testa!!!
Alle 10 crolliamo e siamo già a letto! e’ stata una giornata faticosa ma davvero bella!

GIOVEDI’ 19 LUGLIO:
Di nuovo sveglia presto e colazione abbondante poi partiamo verso il Castello di Tures. Ciò che rende questo castello unico, oltre alle dimensioni ed alla ricchezza dei suoi arredi, è la cornice paesaggistica in cui è immerso e la sensazione di percepire tutta l’atmosfera della vita e delle vicende passate per le stanze del maniero. Consiglio vivamente la visita guidata; peccato non si potessero fare foto all’interno! :realsad:

Dalla piccola cittadina di Campo Tures seguiamo le indicazioni per le Cascate di Riva; parcheggiamo l’auto (3€ tutto il giorno) all’inizio del sentiero che porta alle 3 cascate e ci incamminiamo per questo magico sentiero che attraversa il bosco e costeggia il fiume! La camminata è quasi tutta in salita ma ne vale davvero la pena! Ci fermiamo dopo la 3°a cascata a mangiare i nostri panini allo speck presi in un bar in centro al paese in una delle tante panchine di legno presenti lungo il sentiero.
Le cascate sono una più bella dell’altra; scatto mille fotografie e restiamo ad ammirare la potenza della natura per lunghi momenti!

Oramai è pomeriggio inoltrato e decidiamo di andare a vedere il Lago di Anterselva; arriviamo al lago verso le 17e30 e stanno di nuovo scappando tutti i turisti perchè sembra arrivare una vera tempesta! Noi però non ci arrendiamo e facciamo il giro del lago (non tutto perchè è grandissimo); nel silenzio più totale ammiriamo i giochi di luce che si creano sull’acqua grazie al sole che si alterna alle nuvole.

Per cena decidiamo di andare a Brunico, carinissima cittadina che possiede anche un bel castello!
Mangiamo nella stube davanti alla chiesa principale un buonissimo antipasto di salumi e poi un piatto di salsiccia, patate arrosto e crauti e un’ottima birra!
Anche questa giornata si è conclusa nel migliore dei modi!

VENERDI’ 20 LUGLIO:
Ultimo giorno di vacanza, sigh sigh… oggi lo dedichiamo alla visita delle Cascate di Stanghe che si sono rivelate una vera sorpresa!
Si tratta di un’affascinante gola nei pressi di Vipiteno, a Racines; un vero spettacolo che mostra la potenza di Madre Natura!
Sono state senza dubbio il percorso più bello ed emozionante di tutta la vacanza!
La passeggiata è abbastanza impegnativa soprattutto nell’ultimo tratto ma merita davvero!
Io credo, anzi ne sono sicura, di non aver mai fatto un percorso naturale così bello! Quando la gola si ristringe, ci si deve aggrappare ai cespugli e agli alberi mentre nel fondovalle scroscia, in tutta la sua potenza, il fiume. Improvvisamente, dopo aver aggirato una sporgenza rocciosa, si apre uno scenario che nemmeno i più esperti escursionisti si sono mai sognati di vedere: lo sguardo cade in una profondissima gola, in cui una cascata di 15 metri si tuffa in profondità.
Le foto purtroppo, per quanto belle possano essere, non rendono proprio l’idea di questo impressionante percorso!

Sono passate le 13 quando finiamo il percorso e decidiamo di pranzare in una tipica stube lì a Racines con speck e uova al tegamino e contorno di patatine fritte! Con la pancia piena e il sorriso sulle labbra concludiamo la nostra breve vacanza immersa nella natura dell’Alto Adige! Sono stati 4 giorni magnifici che consiglio a tutti soprattutto agli amanti della natura e delle belle passeggiate! :wink:

Pin It
Tags:

Ci sono 11 commenti su “Alto Adige in famiglia

  1. Che nostalgia! I luoghi dove trascorrevo le vacanze estive da bambina :serenata::serenata::serenata:
    Complimenti, avete fatto un giro bellissimo. Quasi quasi me lo stampo e alla prima occasione lo copio :-)
    E complimenti anche alla piccola Clotlde. Quanti cagnolini giramondini :yeah:

Lascia un commento

Commenta con Facebook