Stoccarda e la Cannstatter Volksfest

Dopo tanti viaggi in giro per la Germania, decidiamo con largo anticipo di fare una visita a Stoccarda e alla sua CANNSTATTER VOLKSFEST… Festa che può ricordare abbastanza l’Oktoberfest di Monaco di Baviera, ma che in passato è nata per tutt’altro scopo; nata come festa agricola nel 1817, per festeggiare la fine della carestia del raccolto, ai giorni nostri è una festa della birra con scopi ben più commerciali, ma con un sapore molto più casalingo rispetto alla festa di Monaco. Prenotiamo a marzo 2012 tramite edreams, e scegliamo come hotel il HOTEL GARNI KEINATH STUTTGART, situato in Spielberger Strasse 24-26 nel quartiere Zuffenhausen a Stoccarda; come presentato dal sito è un 2 stelle senza molti fronzoli, stanze con bagni privati e parcheggio gratuito nel proprio cortile, costo di 156 € a stanza per 2 notti.

VENERDI’ 28 SETTEMBRE

Partiamo da Casale Monferrato all’una di notte circa, il percorso migliore per noi è attraversare tutta la Svizzera, via Como, a confine occorre acquistare il bollino per l’autostrada dal costo di 40 franchi o 35 €, e ha validità fino al 31 gennaio 2013. Purtroppo il viaggio non è stato bellissimo, per la maggior parte del tragitto svizzero il limite di velocità è fissato a 80 km/h causa cantieri stradali, e all’altezza di Zug ci fanno uscire per circa 20 km in strada statale! Alle ore 9 circa siamo già nel parcheggio dell’Hotel, dove possiamo fare subito il check in, ma la stanza ci verrà data solamente alle 14. Prendiamo subito la metropolitana che dista solamente 400 metri dal nostro hotel (U15 fermata KICHTALLSTRASSE), acquistiamo con 10.50 €, un abbonamento giornaliero valido fino a 5 persone e direzione centro per fare colazione; scegliamo una panetteria/bar direttamente sulla via centrale, la KONIGSTRASSE dove ci preparano un’ottima cioccolata calda (dato che fuori la temperatura toccava i 10 gradi) e mangiamo delle brioche talmente pesanti da farti sentire sazio anche a pranzo e cena, ma squisite! Intanto fuori tutti i negozi erano ormai aperti e pieni di persone, decidiamo così di farci un giro nel corso dello shopping lungo circa 2 km, a circa metà di esso è presente la SCHLOSSPLATZ con il castello nuovo e il suo grande parco; detto sinceramente il centro cittadino non ci è piaciuto moltissimo, forse un po’ troppo moderno, distante anni luce dalle altre città tedesche, purtroppo c’è anche da dire che durante la seconda guerra mondiale Stoccarda era stata distrutta per l’85%, quindi rimane ben poco di quelle che erano un tempo le bellezze storiche cittadine! Per pranzo un po’ spaesati e presi dalla fame improvvisa scegliamo un ristorante giapponese in centro dove abbiamo mangiato a buffet con 8.90 € a testa, la sorpresa è arrivata quando ci hanno fatto pagare un bicchiere d’acqua naturale 3.50 €, ma dico io ma siamo impazziti ?!?!?! =) Riprendiamo la metro in direzione hotel per posare i bagagli in stanza, doccia e poi di corsa alla CANNSTATTER VOLKSFEST… Alle ore 15 il primo cittadino di Stoccarda impianta come da rito il rubinetto dentro la prima botte da 200 litri di birra dando così inizio alla festa. Raggiungere la festa è molto semplice linea metro U11 fermata CANNSTATTER WASEN, il treno arriva direttamente a fianco dell’entrata della festa! Appena entrati nella piazza, notiamo che l’affluenza, almeno a quest’ora della giornata non è altissima, ne approfittiamo subito per entrare in uno stand, scegliamo lo SCHWABEN WELT, tendone della birreria Schwaben Brau, con circa 5000 posti a sedere; quello che ci colpisce di più è che qui a contrario dell’Oktoberfest di Monaco di Baviera, ti servono birra anche se non sei seduto, così non facciamo in tempo ad arrivare a metà tendone che già avevamo in mano un MASS (in Germania è il boccale da birra da 1L) di birra! Il tempo passa, lo stand si riempie completamente, l’orchestra inizia a suonare e tutti al suo interno iniziano a cantare canzoni popolari (lo ammetto, alcune le conoscevo e ho cantato anche io), l’ora di cena arriva e decidiamo di fermarci a gustare weiss wurst (salsiccia di pollo speziata), wiener (cotoletta impanata) e brezel di 30 cm di diametro… Ottima cena tedesca direi!!! Attorno alle 22 risaliamo in metro e ci dirigiamo verso l’albergo, troppo stanchi per stare ancora alla festa.

SABATO 29 SETTEMBRE

Sveglia di buon’ora, sono le 8, dopo un lungo sonno ristoratore, ci prepariamo per vivere la nostra unica giornata piena del week end lungo; direzione centro, facciamo tappa per colazione in un’ottima pasticceria, dove nuovamente siamo gli unici 4 che mangiano dolce! =) Anche questa mattina bere una cioccolata calda è molto piacevole, la temperatura fuori è bassa, decisamente molto più fredda che in Italia, aspettiamo che aprano i negozi (e che si scaldi un pochino) e dedichiamo la mattinata allo shopping, ci spostiamo per pranzo nel piccolo quartiere turco per mangiare kebab, e qui optiamo per una bottega dove al suo interno c’è un cono di carne kebab da 200 kg, decisamente invitante, 2.50 € un panino veramente esagerato e 1.50 € per una Coca Cola. Con lo stomaco pieno decidiamo di andare a comprare alcune bottiglie di birra da portare in Italia come ricordo di viaggio, entrati in un GETRANKE MARKT (negozi dedicati solo ed esclusivamente alle bevande) ed acquistiamo una cassa intera di birra con le specialità casalinghe; dovete sapere che in Germania ogni volta che acquistate una bottiglia di vetro (acqua, birra ecc ecc) vi verrà messa sopra una cauzione di 8 cent, mentre se acquistate una bevanda dentro alla bottiglia di plastica pet, la cauzione sarà di 25 cent, tale cifra vi verrà restituita mettendo le bottiglie vuote all’interno di apposite macchine per la restituzione dei vuoti all’interno dei supermercati. Torniamo in hotel a lasciare la cassa di birra, troppo pesante da portare a spasso e scegliamo di dedicare il resto del pomeriggio a degustare alcune birre in un birrificio artigianale nel centro città; la scelta cade su CALWER-ECK-BRAU, situato al primo piano di un vecchio edificio nel centro della città, l’ambiente ci appare subito caldo ed ospitale, accolti dai sorridenti camerieri, ci accomodiamo in un tavolo con vista direttamente sulla via sottostante, qui stranamente vengono servite solamente birre in bicchiere da 0,2 cl, che a spiegazione del cameriere è la misura che si avvicina di più ad un bicchiere da degustazione, è strano sentire parlare di degustazione di birra da un tedesco!!! Il primo giro assaggiamo un’ottima birra scura (DUNKEL BIER), il secondo una birra di frumento (WEISS BIER) e il terzo con una MEISTER BIER, birra bionda speciale, con ricetta segreta del mastro birraio, decidiamo di accompagnare quest’ultimo giro di birre con favoloso piatto a base di patate al forno e salse cucinate alla vecchia maniera tedesca! Cena da PIZZA HUT e nuovamente alla festa! Questa sera la gente è veramente tanta, la confusione è altissima, camminiamo a rilento. Ci dirigiamo verso la ruota panoramica, altissima, 154 metri nella sua parte maggiore, il bello e brutto allo stesso tempo è che le cabine sono totalmente aperte, e mediante un volante al centro si possono roteare le stesse, in cima il panorama è bellissimo, si può vedere tutta la festa dall’alto, sicuramente bellissimo anche di giorno, dà la possibilità di ammirare Stoccarda dall’alto! Scesi, una bevuta allo stand STUTTGARTER HOFBRAU ci fa concludere in allegria la serata.

DOMENICA 30 SETTEMBRE

Ultima mezza giornata in quel di Stoccarda, ci svegliamo con il progetto di andare a visitare la torre del trasmettitore televisivo (il primo nato in Germania), che si trova su una collina alle spalle della città, in questo è possibile salire quasi fino in cima per poter godere del panorama cittadino e poco prima di pranzo di assistere alla festa della sfilata di vari gruppi folkloristici in abiti medioevali… Così dopo aver effettuato il check out in hotel, usciamo eeeee… cavolo, per strada c’è una nebbia fittissima, con visibilità molto ma molto ridotta, mi sento quasi a casa! =) Così non presi dallo sconforto diciamo, magari in centro non c’è nebbia… Ma una volta giunti a destinazione la storia purtroppo non cambia! Altra grandiosa colazione, questa volta la scelta è caduta in una pasticceria self service, dove ti prepari te il caffè e ti prendi con le palettine il mangiare. Riprendiamo nuovamente la metro e andiamo per l’ultima volta alla festa. Ci dedichiamo a richiesta delle ragazze a un paio di giri al luna park (per 20 minuti siamo ritornati adolescenti), e alle 11.30 inizia a passare la sfilata, veramente bella, a differenza di quella di Monaco di Baviera che è dedicata quasi tutta ai carri da birra e affini, questa ha un sapore ben più campagnolo, dedicata all’agricoltura e al medioevo, con la parte finale dedicata ad auto e moto d’epoca! Arrivata ormai l’ora di pranzo ci accomodiamo ancora una volta all’interno di uno stand, questa volta scegliamo il DINKEL ACKER festzelt, all’interno come “tradizione” gli animi sono già alle stelle, la gente canta e beve allo stesso ritmo, birra, stinco di maiale e brezel sono il nostro pasto. Curioso poco prima di uscire, entra dentro lo stand un piccolo calesse trainato da 2 cavalli, con sopra i 2 proprietari della birreria che passavano a salutare i presenti!!! Usciti finiamo il pranzo con ottima frutta ricoperta di cioccolata, un classico delle feste tedesche, qualche foto ai carri con le botti delle birrerie e l’acquisto di alcuni souvenir ci porta alle ore 16 e alla fine di questa piccola ma bellissima vacanza.

Pin It
Tags:

Ci sono 4 commenti su “Stoccarda e la Cannstatter Volksfest

Lascia un commento

Commenta con Facebook