Bello… Bravo… Marsa Alam!

i i ragazzi erano gentili, si fermavano comunque a chiedere come andava ecc. Avendo poi la nostra stanza proprio sopra l’help desk animazione, la mattina che ho passato in camera con i postumi della congestione ho sentito il programma delle attività sportive, di ballo di gruppo, di gioco e ogni pomeriggio ci davano la sveglia dal riposino annunciando l’inizio delle attività: erano carinissimi perché non partiva la classica musica a manetta ma in maniera molto soft il capovillaggio dava il buongiorno a tutti, parlando a bassa voce nel microfono e piano piano aumentava il volume (il tutto in una decina di minuti, in modo da capire di essere al mondo!), invitava i bambini al miniclub e faceva la carrellata di attività e appuntamenti (stessa cosa al mattino ma noi ci alzavamo prima!).
La sera poi c’erano spettacoli diversi: classico cabaret, musical, recital, serata egiziana, serata ospiti…
La mia bimba è stata molto contenta del miniclub: c’erano tre ragazze che seguivano attentamente i bambini, facendoli giocare in piscina (soprattutto i primi giorni dopo il bagno in piscina mettevano ai bambini la crema protettiva che avevano lì loro), qualche piccola attività sportiva e, come lo chiamava mia figlia, nel “giardino segreto”: già, nascosto dietro il complesso delle stanze, vicino ai campi da calcetto e tiro con l’arco, c’è un piccolo spazio giochi con altalena, scivolo ecc e una piccola casetta (in muratura) attrezzata con giochi in scatola, colori ecc, così una parte della giornata la passano all’ombra a fare attività ludiche, truccabimbi ecc. Tutte le sere fanno una mezz’ora di baby dance e l’ultima sera hanno organizzato uno spettacolino di cabaret.
Come da suggerimenti giramondini, alla partenza abbiamo lasciato creme solari (visto che anch’io ho usufruito di quella comune al miniclub), alcune medicine fortunatamente non usate e soprattutto shampoo e bagnoschiuma: le ragazze si sono stese x ringraziarci! quelli che trovano lì (oltre al prezzo) sono di qualità scadente… se si aggiunge all’acqua che esce dalla doccia (da noi siamo abituati troppo bene!!! Lì è un tantino “viscida” e marroncina!!!)…
Arriviamo verso la fine della nostra bellissima vacanza e… tappa forzata all’acquisto dei regalini! Considerato che siamo spersi in mezzo al deserto l’unica alternativa è andare ai negozietti del villaggio. Ce ne sono 4: un gioielliere (manco entrata!), uno che vende vestiti (a mio giudizio troppo cari e lui troppo antipatico: in Egitto è “legge” contrattare ma lui… “costa 10, scontato 8”, fa tutto lui e stop!!!), una specie di cartoleria (peccato che le cartoline rappresentassero l’egitto del nilo e niente il mar rosso) e uno, decisamente più socievole e propenso alla vendita, naturalmente con i ritmi egiziani (due ore per comprare quattro cavolate!!!) che ha nel negozio oggettini vari (the, incensi, scatolette, piattini, vasi, collane ecc… e narghilè). A proposito di narghilè… attenzione… mi ha fatto una confezione dicendomi che potevo portarla come bagaglio a mano: NON fatelo a meno che non lo sigilliate completamente prima del duty free: io, stupidamente, mi sono fidata e arrivata al secondo controllo, ho messo la borsa sotto il tunnel e mi hanno bloccato dicendo che non potevo portare sull’aereo la “shisha” (narghilè): giustissimo perché se si svita a parte di vetro resta un bellissimo tubino di metallo che… potrebbe anche divenire un’arma impropria… requisito il passaporto di mio marito, il poliziotto lo fa accompagnare da un altro per “sigillare” la custodia del narghilé: non faccio in tempo a rimettere il resto delle cose nella borsa che arriva mio marito chiedendomi 10 euro… già… tariffa richiesta per non vedere che passavamo con il narghilè! Dati i 10 euro=reso pezzo di narghilè e soprattutto il passaporto! Risultato: siamo saliti sull’aereo con il narghilè più aperto di prima (visto che mi aveva svitato la parte sotto di vetro!!!) e… subito dopo il passaggio del controllo, esattamente in fianco, nel duty free, cosa vendono? Dei bellissimi narghilè esattamente confezionati (o meglio NON sigillati) come il mio!!! no comment!!! :x

Siamo stati molto contenti della vacanza, è andato tutto bene, l’organizzazione Bravo buona, volo ottimo, posto bellissimo: credo che le informazioni del giramondo siano state molto preziose. Abbiamo infatti scelto questa baia seguendo i vostri consigli e non abbiamo avuto brutte sorprese, come tanti altri che si sono ritrovati a non poter fare il bagno nella propria spiaggia ecc.
Al rientro poi, dopo aver faticosamente “scremato” le più di mille foto fatte, abbiamo provato a stampare il nostro primo fotoalbum: già stampavamo le foto via internet, ma abbiamo voluto provare a stampare direttamente l’album. Veramente carino, con tanto di scritte, fondini ecc.
Allora grazie mille e spero che questo mio racconto possa essere utile a qualcuno!

Pin It
Tags:

Ci sono 1 commenti su “Bello… Bravo… Marsa Alam!

Lascia un commento

Commenta con Facebook