Porto alla vostra attenzione questo documento tratto dal sito della camera di commercio di Milano, che ha istiuito un vero e proprio punto d'incontro da cui tentare di risolvere le controversie tra il turista (non necessariamente milanese) e i Tour Operators.

Leggete qua:

VACANZE ROVINATE?
LA CONCILIAZIONE VIAGGIA ANCHE ON LINE!

Il turista ritorna a casa insoddisfatto dopo una vacanza? Gli operatori turistici e le agenzie di viaggio si trovano in disaccordo tra loro sull’offerta fatta ai clienti? Sono le classiche situazioni in cui è possibile rivolgersi al Servizio di Conciliazione o a RisolviOnLine, due dei servizi di giustizia alternativa della Camera Arbitrale della Camera di commercio di Milano

Milano, 25 agosto 2006. Prenotazione di un pacchetto turistico: moltissime le proposte e le occasioni. Ma a causa di una serie di imprevisti la tanto sospirata settimana di relax può diventare un soggiorno problematico.
Dopo avere sporto reclamo (entro 10 giorni) ed avere raccolto ogni informazione sui propri diritti e doveri di turista (ci si può rivolgere ad una delle numerose associazioni di consumatori presenti sul territorio), è possibile tentare di risolvere la controversia utilizzando due servizi della Camera Arbitrale di Milano, azienda speciale della Camera di commercio di Milano: il Servizio di Conciliazione e RisolviOnLine. La novità è che ora esiste anche la possibilità di risolvere gli eventuali problemi via internet.
Il Servizio di Conciliazione, attivo a Milano dal 1996, ha dal marzo scorso una sede anche a Monza.
Per informazioni:
- SERVIZIO DI CONCILIAZIONE:
• Sede di MILANO: Via Meravigli, 9/b - 20123 Milano, tel. 02/8055588, fax 02/8515.4577, e-mail: servizio.conciliazione@mi.camcom.it, sito internet: www.conciliazione.com
• Sede di MONZA: Piazza Cambiaghi, 9 – 20052 Monza, tel. 039/2807453, fax 039 2807454, e-mail: conciliazione.monza@mi.camcom.it

- RISOLVIONLINE, Via Meravigli, 9/b - 20123 Milano, tel. 02/85154522 fax 02/8515.4384, e-mail: risolvionline@mi.camcom.it.

IL SERVIZIO DI CONCILIAZIONE
E’ sufficiente collegarsi al sito www.conciliazione.com e seguire le indicazioni contenute.
Già da alcuni anni il servizio è utilizzato, da turisti, milanesi e non, e da tour operator e agenzie di viaggio. Anzi, al Servizio di Conciliazione segnalano una particolare tendenza: aumentano le controversie e le conciliazioni tra due operatori turistici, cioè tra il tour operator e la singola agenzia di viaggio. Come dire: prima viene chiuso, si spera nel miglior modo possibile, il malinteso con il cliente e poi tour operator e agenzia di viaggio ‘se la giocano’ tra loro con una conciliazione.
Certamente però i disguidi maggiori continuano a riguardare i disservizi lamentati dai turisti: ritardi durante il viaggio aereo, smarrimento dei bagagli, standard del villaggio turistico inferiori a quanto preventivato (manca la ‘vista mare’ promessa, le stanze sono grandi la metà di quanto indicato etc., pulizia, igiene o cibo carenti).
Quando consumatori, agenti di viaggio e tour operator non riescono a trovare una soluzione direttamente tra loro, è possibile trovare un accordo grazie ad un tentativo di conciliazione: Il Servizio ha gestito negli anni di attività 290 richieste di intervento nella sola materia del turismo. Ne sono state risolte positivamente circa il 40% (102 casi): la mancata conciliazione negli altri casi è dovuta quasi sempre ad un rifiuto della controparte chiamata in causa a partecipare al tentativo. Se una parte si rifiuta di partecipare all’incontro, la conciliazione termina subito. Ma quando entrambe le parti decidono di incontrarsi, la conciliazione si chiude quasi sempre (90% dei casi) in modo positivo.
La ragione di questa tendenza positiva è nella consapevolezza dei vantaggi di una conciliazione: risolvere una lite in poco tempo (media di 35 giorni), quasi sempre con una riunione soltanto, a costi contenuti e predeterminati (le tariffe sono fisse e determinate in base al valore della lite).


Come funziona il servizio di conciliazione?
Una parte deposita la domanda di conciliazione illustrando per sommi capi quanto è avvenuto. I funzionari del Servizio di Conciliazione contatteranno l’altra parte per verificare la sua disponibilità a partecipare al tentativo. In caso di accettazione, si concorda una data in cui organizzare l’incontro (presso lo stesso Servizio di Conciliazione) davanti ad un conciliatore, il quale cercherà di aiutare a raggiungere un accordo che chiuda definitivamente e in modo soddisfacente la vicenda.
L’obiettivo è, innanzitutto, quello di consentire alle parti di comunicare tra loro e spiegarsi. In tal modo è più facile raggiungere un accordo e trovare così una via d’uscita soddisfacente per tutti. E le soluzioni possono anche essere molto originali, come nel caso dei turisti che, insieme ad una lettera di scuse, hanno ricevuto un set di valigeria del valore pari al disservizio lamentato. Insomma spazio alla creatività pur di recuperare, in modo positivo, un rapporto che si era deteriorato e magari rinnovarlo. Alla fine ciò che conta non è solo quanto si è ottenuto ma come lo si è ottenuto e cioè non litigando ma collaborando per trovare una soluzione…
Quali liti è possibile conciliare?
Non vi sono limiti né di valore economico (non c’è un minimo o un massimo) né di tipo territoriale (il turista bolognese che ha acquistato un viaggio da un tour operator di Torino può tentare la conciliazione al Servizio di conciliazione di Milano). Pertanto ogni qualvolta si verifichi un problema o un disagio e gli operatori turistici e i consumatori manifestino la volontà di risolverlo senza rivolgersi ai tribunali può essere sperimentato lo strumento della conciliazione.
Servizi di conciliazione nel resto d’Italia
E’ bene ricordare che il Servizio di conciliazione è attivo, con le stesse modalità qui descritte, presso tutte le Camera di commercio lombarde e in molte altre Camere di commercio italiane.
Quanto costa?
Depositare la domanda è gratuito se nella controversia è coinvolto un consumatore. La partecipazione all’incontro ha un costo, molto contenuto, collegato al valore della lite. Alcuni esempi: fino a 1000 euro di valore della controversia, ciascuna parte pagherà 40 euro per partecipare all’incontro, mentre da 1000 a 5000 euro, la partecipazione costerà 100 euro. Per vedere in dettaglio le tariffe del Servizio di Conciliazione, ci si può connettere a www.conciliazione.com

RISOLVIONLINE: PER COMPORRE LE CONTROVERSIE DIRETTAMENTE DAL PROPRIO PC
E’ oggi possibile ricorrere alla tecnologia per trovare un accordo. RISOLVIONLINE è il servizio di composizione delle controversie che consente di svolgere una “conciliazione online”. Pur con qualche differenza legata al fatto di dialogare solo attraverso Internet (con chat e con e-mail), si tratta, sostanzialmente, di svolgere un incontro (virtuale) insieme alla propria controparte e ad un conciliatore. Quest’ultimo tenterà di far raggiungere un accordo ai due litiganti. Per ogni informazione relativa a costi (in ogni caso molto contenuti) e modalità di attivazione del servizio è possibile visitare il sito www.Risolvionline.it.
Inoltre vi segnalo alcuni links utili per avere assistenza legale e su come procedere nell'inoltrare un esposto verso Tour Operator , se responsabili di una "vacanza rovinata"

http://www.telefonoblu.org/

http://www.sosvacanze.it/

http://www.federconsumatori.it/Temi/Turismo.htm

http://www.aduc.it/dyn/sosonline/mod...p?Scheda=40182

http://www.altroconsumo.it/map/src/60321.htm

Questo topic e' stato aperto per cercare di dare alla nostra utenza , maggiori informazioni sul comportamento corretto da adottare nel caso di presunte inadempienze. Pensiamo che le associazioni di consumatori e le camere di commercio, come in questo caso, siano i migliori referenti da cui attingere informazioni esatte per eventuali esposti.

Per questo motivo vi preghiamo di limitare al massimo la discussioni sul forum, che non e' adatto al trattamento di tali argomenti.

Se dovessero pervenirci altri links a riguardo saremo lieti di pubblicarli.

Grazie.