Turkmenistan

Il Turkmenistan è uno stato dell'Asia centrale confinante con l'Afghanistan, l'Iran, il Kazakhstan e l'Uzbekistan. Si affaccia sul Mar Caspio. Fino al 1991 fece parte dell'Unione Sovietica. È ricco di giacimenti di gas.

Il paesaggio del Turkmenistan è spettacolare e ben più vario di quanto non ci si aspetterebbe da un paese dove il deserto del Karakum occupa quasi il 90% dell'intero territorio. A est ci sono i canyon e le lussureggianti montagne della Riserva Naturale di Kugitang, mentre a sud la catena del Kopet Dag svetta in direzione del Caspio. Il territorio a ridosso del Mar Caspio è particolarmente insolito: i canyon a nord di Turkmenbashi, le montagne multicolori e il paesaggio lunare di molte zone lo rendono uno degli angoli più malinconicamente belli del paese.


Turkmenbashi Palace a Ashgabat

Natura

La specie più famosa tra le tante interessanti che popolano il Turkmenistan è l'akhal-teke, uno splendido cavallo dalle sfumature dorate considerata l'antenato dei moderni purosangue. I dromedari sono diffusi ovunque ed è possibile vederli vagabondare in tutta la loro solenne pacatezza tra i villaggi e le città. Molti degli abitanti più sgradevoli del Karakum sono davvero entusiasmanti da vedere dal vivo - in particolare la lucertola zemzen, l'ormai raro «coccodrillo del deserto» o varano grigio. È facile anche avvistare volpi del deserto, gufi e il comunissimo scoiattolo del deserto.

Tarantole e vedove nere sono entrambe specie indigene in Turkmenistan, sebbene si incontrino difficilmente. La stagione dei serpenti è limitata ai mesi di aprile e maggio. Nel deserto è possibile imbattersi in cobra, vipere e scorpioni. Un detto folcloristico turkmeno sostiene che una volta che un serpente ti ha guardato negli occhi, sei destinato a morire di lì a poco se non sarai tu il primo a ucciderlo.

Fonte: Turkmenistan - Wikipedia